Patrolman Baoyin

Patrolman Baoyin

di

Presentato nella sezione Made in Shanxi del 2° Pingyao International Film Festival, Patrolman Baoyin è un film di genere poliziesco distillato nelle lande della Mongolia, dove tutto è imperniato alla lentezza, alla piccolezza e alla tranquillità.

I segreti di Wendur

Due donne, Zhuola e Lihong, arrivano in una piccola e quieta cittadina della Mongolia Interna. Con l’aiuto di un poliziotto di grande cuore chiamato Baoyin, Zhuola trova suo padre con cui aveva perso i contatti da molti anni, e trova anche un marito. Lihong che proviene dal sud della Cina non riesce ad accettare a una vita dedicata all’allevamento del bestiame. Ma grazie all’aiuto di Baoyin, gradualmente si adatta e riesce ad apprezzare quel mondo. Proprio quando le cose sembrano volgere al meglio, avviene però un omicidio. [sinossi]

Un paesaggio affascinante, un villaggio dalle abitazioni e dai templi colorati, adiacente al deserto percorso da cammelli errabondi, il tutto reso da una fotografia – curata dal giapponese Katsumi Yanagijima – che non si vergogna di avvicinarsi all’estetica del documentario etnografico patinato alla National Geographic. Il film Patrolman Baoyin è stato presentato nella sezione Made in Shanxi del Pingyao International Film Festival, dedicata alle opere che hanno a che vedere con la provincia cinese del Shanxi, dove si svolge la manifestazione, in questo caso perché il regista Yang Jin, alla sua opera seconda, proviene da quei luoghi, precisamente dalla contea di Pinglu. Ma il film ci porta in tutt’altro luogo, nel villaggio di Wendur nel Deserto dei Gobi, nella Mongolia Interna, centro di una fiorente attività mineraria un tempo, e ora importante per le sue acque sorgive pure però in via di esaurimento.

Baoyin è un poliziotto tuttofare, da portalettere ad addetto alle pompe funebri, un personaggio ispirato a una persona reale, tutore della legge in una piccola sperduta comunità dove deve anche svolgere un ruolo didattico, aiutare nell’inserimento di persone a seguito della politica delle ricollocazioni portata avanti dalle autorità, richiamata all’inizio del film. Così anche quando il padre sta cucinando lo stomaco di un lupo, ucciso perché stava divorando troppe pecore, Baoyin lo rimbrotta, ma alla fine chiude un occhio, prevale il buonsenso, richiamando alle leggi sull’ambiente per le quali il lupo rientra nella fauna protetta. Patrolman Baoyin si gioca anche sul bilinguismo con il cinese, parlato dagli esterni, e il linguaggio autoctono. Baoyin rimane single, devoto alla sua missione, nonostante si vociferi di passate o presenti fidanzate. Baoyin è il tutore di una comunità pacifica, dove tutto sembra governato dalla tranquillità e dai buoni sentimenti, si offre il tè agli stranieri, si ammira l’albero che sta crescendo. L’impegno del protagonista ottiene anche il riconoscimento di un’intervista alla tv di stato, dove si definisce orgoglioso di essere nato in quei luoghi.

In Patrolman Baoyin i personaggi vedono film avventurosi alla televisione, quei wuxia esagerati, trash dalle acrobazie impossibili. Sembra di contrasto a quella vita tranquilla, eppure anche quella piccola comunità verrà sconvolta da un omicidio facendo prendere al film una piega drammaturgica diversa, almeno apparentemente. Il senso dell’operazione di Patrolman Baoyin è proprio quello di innestare una narrativa di genere all’interno di un’opera ai limiti dell’etnografico. E gli stessi topoi del genere appaiono come distillati, rallentati all’interno di quel contesto di lentezza (e di elogio della lentezza). Eppure gli stereotipi ci sono tutti, il ritrovamento del cadavere, la detection, la raccolta degli indizi che portano al colpevole, l’inseguimento a suo modo spettacolare, l’arrivo delle macchine della polizia. Fino ad arrivare a un finale alla Norman Bates dove il colpevole ammette i suoi reati e spiega le motivazioni che lo hanno portato a compierli e porta gli inquirenti sui luoghi del delitto. Baoyin diventa la declinazione locale di Mr. Nice Guy o dello sceriffo Truman di Twin Peaks, senza bisogno dell’aiuto del tenente Cooper. Un compito che, ancora una volta, saprà portare a termine alla perfezione.

Info
La scheda di Patrolman Baoyin sul sito del Pingyao International Film Festival.
  • Patrolman-Baoyin-2018-Yang-Jin-002.jpg
  • Patrolman-Baoyin-2018-Yang-Jin-003.jpg
  • Patrolman-Baoyin-2018-Yang-Jin-004.jpg
  • Patrolman-Baoyin-2018-Yang-Jin-005.jpg

Articoli correlati

  • Locarno 2018

    An Elephant Sitting Still RecensioneAn Elephant Sitting Still

    di Opera prima e tragicamente ultima del regista cinese Hu Bo, morto suicida dopo aver terminato il montaggio, An Elephant Sitting Still si segnala come uno degli esordi più dolorosi e potenti del cinema del Ventunesimo Secolo.
  • Cannes 2018

    I figli del Fiume Giallo RecensioneI figli del Fiume Giallo

    di Con I figli del Fiume Giallo, in concorso a Cannes, Jia Zhangke prosegue il discorso sulle trasformazioni violente della Cina contemporanea e arriva a descrivere un mondo in cui la realtà, mutata repentinamente, non esiste più ed è rimasta solo la sua immagine, da guardare ammutoliti.
  • Biografilm 2017

    La principessa e l’aquila

    di Presentato al Biografilm, La principessa e l'aquila è una storia di emancipazione femminile e di rapporto uomo-natura nella lontana Mongolia.
  • Torino 2015

    A-Simple-GoodbyeA Simple Goodbye

    di In concorso al Torino Film Festival 2015, A Simple Goodbye è l'opera seconda della regista cinese Degena Yun. Famiglia, tradizione e modernità, vita urbana e vita rurale e un omaggio al padre Saifu, regista a sua volta. Un compitino ben svolto ma nulla di più.
  • FEFF 2014

    To Live and Die in Ordos

    di La dimostrazione che in Cina ancora esiste il cinema di regime: un poliziotto si barcamena nella Mongolia Interna tra eroismi inusitati e repressioni di rivolte in nome di leggi non meglio identificate. Al FEFF 2014
  • Animazione

    Tibetan Dog

    di Il primo film prodotto dallo studio MadHouse in Cina racconta le relazioni sociali dell'uomo e quelle animali. Dopo la morte della madre, il piccolo Tenzin lascia la città di Xi'an dove viveva per raggiungere il padre...
  • AltreVisioni

    Floating Lives

    di Di Floating Lives vanno sottolineate le ambizioni artistiche e produttive, segnale incoraggiante per una cinematografia e una generazione di cineasti in crescita. Presentato al Far East 2011.
  • Pingyao 2018

    when love blossoms recensioneWhen Love Blossoms

    di Presentato nella sezione Hidden Dragon del 2° Pingyao International Film Festival, When Love Blossoms è l'opera prima di Tian Ye, una storia d'amore nella Cina odierna, dove enorme è il divario sociale tra ricchi e poveri e quello urbanistico tra grattacieli ed edilizia residenziale e quartieri popolari.
  • Festival

    Pingyao 2018Pingyao 2018

    Tra le lanterne rosse che addobbano l'antica città cinese di Pingyao, con i suoi 3000 anni di storia, la seconda edizione del Pingyao International Film Festival, manifestazione creata dal cineasta Jia Zhangke con la direzione artistica di Marco Müller.
  • Pingyao 2018

    Red Flowers and Green Leaves RecensioneRed Flowers and Green Leaves

    di , Presentato nella sezione Galas del 2° Pingyao International Film Festival, dove ha vinto il People's Choice Award, Red Flowers and Green Leaves, diretto da Hu Weijie e dalla regista della Quinta generazione Liu Miaomiao, appartenente all’etnia Hui, è un ritratto di personaggi di quella stessa popolazione, che vive ancora seguendo i ritmi della natura.
  • Pingyao 2018

    Intervista a Katsumi YanagijimaIntervista a Katsumi Yanagijima

    Storico dop giapponese, noto per il sodalizio con Takeshi Kitano e per film come Battle Royale di Fukasaku o Qualcuno da amare di Kiarostami. Abbiamo incontrato Katsumi Yanagijima a Pingyao, dove ha presentato Patrolman Baoyin, film indipendente cinese di cui ha firmato la fotografia.
  • Berlinale 2019

    Öndög RecensioneÖndög

    di In concorso alla Berlinale 2019, Öndög riporta in zona Orso e nella prediletta Mongolia Wang Quan'an, cineasta tra i più fortunati della sesta generazione, affabulatore degli spazi aperti, portatore sano di ritmi narrativi dilatati ma mai vuoti o compiaciuti.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento