Il buio si avvicina

Il buio si avvicina

di

Il buio si avvicina è l’opera seconda di Kathryn Bigelow, un dolente e sensuale punto d’incontro tra l’immaginario western e l’horror vampiresco. A oltre trent’anni dalla sua realizzazione, uno dei più squarcianti film statunitensi del periodo.

La luce del sole

Caleb è un giovane campagnolo, e quando incontra Mae scatta il colpo di fulmine. Anche se la ragazza sembra ricambiare le effusioni di Caleb, non può resistere dal morderlo sul collo: è infatti una vampira. Caleb viene dunque rapito dal clan di vampiri di cui fa parte Mae… [sinossi]

Il buio si avvicina, ma è il buio caldissimo dell’Arizona, dell’Oklahoma, della California. Le notti calde, sudate, che sembrano già anticipare la luce, che può salvare o distruggere allo stesso tempo. Arizona, Oklahoma, California, Stati Uniti del sud e del western, dove il dio più rispettato e conosciuto risponde al nome di John Wayne. Stati del bestiame e dei cowboy, del mito di un’America in grado di nascere in mezzo alla polvere, tra qualche sparatoria di troppo e una legge del più forte che è dura a morire. Sono duri, durissimi a morire anche i vampiri, come si sa. Sono forti, sono assetati di sangue, sono privi di scrupoli. E la notte è lunga da passare, se si viene braccati. A distanza di oltre trent’anni dalla sua realizzazione appare quasi incredibile che il primo film “in solitaria” di Kathryn Bigelow dopo l’esordio The Loveless in condivisione con Monty Montgomery si sia rivelato un insuccesso commerciale. Il film uscì in quasi trecento schermi all’inizio dell’ottobre del 1987, e nel complesso non riuscì a raggiungere neanche i 5 milioni di dollari di budget stanziati per la sua realizzazione, fermandosi appena sopra i 3 milioni di incasso. Una vera e propria débâcle, cui si aggiunge lo smacco legato al fatto che appena un paio di mesi prima Ragazzi perduti di Joel Schumacher aveva fatto sfracelli al botteghino, incassando oltre trenta milioni di dollari a fronte di una spesa non di molto superiore a quella approntata per Il buio si avvicina. Anche Schumacher metteva in scena una rilettura del mito del vampiro, ma lo faceva strizzando l’occhio al teen-movie, giocando con l’immaginario infantile e adolescenziale, firmando una commedia in piena regola, affidandosi a un gruppo di attori affermati, sia tra gli adulti – Dianne Wiest era fresca di premio Oscar, vinto per Hannah e le sue sorelle di Woody Allen – che soprattutto tra i giovanissimi, tra i quali il pubblico pubescente poteva riconoscere Jason Patric (visto l’anno prima ne I guerrieri del sole di Alan Johnson), Kiefer Sutherland (Il ragazzo della baia di Daniel Petrie, A distanza ravvicinata di James Foley, Stand by me – Ricordo di un’estate di Rob Reiner), Jami Gertz (Mississippi Adventure di Walter Hill, Un compleanno da ricordare di John Hughes) e “i due Corey”, vale a dire Haim (Unico indizio la luna piena di Dan Attias, Lucas di David Seltzer) e Feldman, vera e propria superstar in miniatura con la sua partecipazione a Gremlins, I Goonies e il già citato Stand by me.

Bigelow si muove a distanze siderali da tutto ciò, al punto che se non fossero presenti in sceneggiatura un paio di riferimenti iconici evidenti come il morso sul collo per succhiare il sangue e la disintegrazione al contatto con la luce del sole si faticherebbe ad apparentare Il buio si avvicina all’horror vampiresco. In effetti fin dalle primissime sequenze è evidente come l’immaginario dell’allora trentaseienne cineasta si muova in direzione del western. La linea dell’orizzonte non è solo il punto infinito in cui si perde lo sguardo, piatto e polveroso piano desertico nel quale non cresce nulla, ma è il simbolo stesso degli States cinematografici, la nascita della nazione attraverso la mitizzazione dell’immaginario. Quell’immaginario non viene stravolto, ma contagiato, esattamente nella stessa maniera con cui il morso di un vampiro può tramutare completamente la vita di un essere umano. Memore dell’esperienza di The Loveless Bigelow aggiunge a questo connubio trans-genere anche quel road movie che tanta parte avrà nel corso della sua carriera, di lì in avanti. Il violento e ispido clan di vampiri capitanato da Jesse Hooker e Diamondback (Lance Henriksen e Jenette Goldstein, già al lavoro insieme l’anno prima nel clamoroso Aliens – Scontro finale di James Cameron, che a partire dal 1989 per un paio d’anni sarà marito di Bigelow…) possiede già in nuce le caratteristiche che esploderanno nei surfer rapinatori di Point Break, e dopotutto l’analisi della regista dimostra di avere un centro d’interesse ben chiaro.
Che si tratti di vampiri è del tutto secondario, in fin dei conti, e non è casuale che in una prima fase della scrittura l’elemento orrorifico fosse del tutto assente dalla trama del racconto. Quello che interessa a Bigelow è la possibilità di esplorare il concetto di microcosmo, di comunità al di fuori del contesto sociale costretta in maniera naturale e inevitabile a dare vita a una propria costituzione, fatta di regole e di punti di passaggio obbligati. In tal senso il lungo rituale di iniziazione di Caleb, che è poi il fulcro pulsante del film, è un elemento centrale: l’accettazione da parte del gruppo è l’unico obiettivo. L’eventuale non accettazione prevede la morte.

Questo aspetto scatena il secondo punto nevralgico del film, e dell’intera poetica bigelowiana. Anche ne Il buio si avvicina, come sarà in Blue Steel – Bersaglio mortale, Point Break, Strange Days, Il mistero dell’acqua, The Hurt Locker e Zero Dark Thirty, il protagonista – il bovaro Caleb, vampirizzato “per amore” dalla bella Mae – è mosso da un lato dal dualismo tra fascinazione e ripulsa nei confronti del mondo sovrannaturale in cui è stato trascinato, ma dall’altro soprattutto dall’ossessione. Anche l’amore, o forse soprattutto l’amore, per Bigelow è una scaturigine della dipendenza, della necessità di dipendere da qualcosa. Gli unici esseri veramente liberi sono i vampiri. Liberi di scorrazzare con il loro camper, come una comune hippie degli anni Sessanta. Ma ancor più liberi di uccidere, di essere ferali, di non doversi conformare alle regole della società. Se si avverte un fremito di disperazione nella carneficina finale è perché Bigelow rifugge, come farà in seguito, dalla costruzione di geografie esatte nelle quali collocare buoni e cattivi. Esiste l’azione, e la reazione ad essa. Ed esiste in primo luogo la spinta a sopravvivere, a resistere, a non farsi squarciare dal sole all’orizzonte. È il movimento in eterno avanzare che fu degli uomini e delle donne che andavano verso l’ovest, e fu dei motociclisti ribelli-senza-causa del dopoguerra. Nel cuore dell’edonismo reaganiano Bigelow riporta alla mente quelle derive, quelle dispersioni nel paesaggio, rifuggendo dalla metropoli e operando a sua volta una scelta estetica e politica. Se è vero che il buio si avvicina una pallida speranza la si può mantenere, e lo testimonia quel finale in cui l’epos melodrammatico esplode – nel vero senso della parola – in tutta la sua possanza. La triplice corsa disperata verso la morte e/o la salvezza (il giovane vampiro Homer che si lascia uccidere dal sole nel cercar di raggiungere l’adorata Sarah, sorellina di Caleb; Jesse e Diamondback che mano nella mano guidano la macchina sotto i raggi ultravioletti; e ovviamente l’amore umano di Caleb e Mae) che di fatto chiude il film è la dimostrazione di uno sguardo autoriale forte, compiuto, dolorosissimo ma in grado di costruire un action che non viene mai meno al proprio compito spettacolare.

Info
Il trailer de Il buio si avvicina.
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-01.jpg
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-02.jpg
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-03.jpg
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-04.jpg
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-05.jpg
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-06.jpg
  • il-buio-si-avvicina-1987-near-dark-kathryn-bigelow-recensione-07.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    Alla 39ª eclisse recensioneAlla 39ª eclisse

    di Non è passato e non passerà mai alla storia del cinema Alla 39ª eclisse, seconda regia per l'allora trentottenne Mike Newell. Eppure nelle pieghe di questo horror dai contorni egizi si può ritrovare la scintilla di un approccio al genere oramai andato perduto.
  • Buone feste!

    Gremlins RecensioneGremlins

    di Parte dai gremlins di Roald Dahl per arrivare a Steven Spielberg il film più celebrato di Joe Dante; un horror buffonesco e sadico, che si incunea nel corpo (in)sano di Hollywood.
  • Roma 2017

    Detroit

    di Detroit cala il cinema di Kathryn Bigelow negli scontri urbani che nel 1967 videro protagonisti la polizia e la popolazione afrodiscendente ghettizzata. Un'immersione nell'America mai pacificata, al Festival di Roma e nelle sale a partire dal 23 novembre.
  • Archivio

    Zero Dark Thirty RecensioneZero Dark Thirty

    di Inevitabilmente ambigua, e sin troppo attenta a non prendere posizione su nulla, le nona regia della Bigelow è un'opera importante più per quel che porta sullo schermo che per il modo in cui lo fa.
  • Archivio

    The Hurt Locker RecensioneThe Hurt Locker

    di Con The Hurt Locker Kathryn Bigelow mira a ricordarci che la guerra è droga, e chi entra nel suo vortice non avrà mai la possibilità di uscirne indenne.
  • Buone feste!

    Brisby e il segreto di NIMH

    di L'esordio al lungometraggio di Don Bluth, già al lavoro negli anni precedenti per la Disney. Una fiaba ecologista ricca di fascino, tra i migliori esempi di animazione statunitense degli anni Ottanta.
  • Buone feste!

    le avventure di pinocchio recensioneLe avventure di Pinocchio

    di In attesa di scoprire cosa sarà in grado di fare Matteo Garrone con il testo di Collodi, Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini resta la messa in scena più folgorante (con Disney) del burattino che vuole diventare uomo. Con Nino Manfredi e la colonna sonora di Fiorenzo Carpi.
  • Buone feste!

    high school recensioneHigh School

    di High School è il secondo lungometraggio diretto da Frederick Wiseman, all'epoca trentottenne. Messo a punto il proprio stile di osservazione, il regista statunitense riesce a tenere insieme il particolare e l'universale, allargando lo sguardo all'America di quegli anni.
  • Buone feste!

    topolino e i fantasmi recensioneTopolino e i fantasmi

    di Topolino e i fantasmi (Lonesome Ghosts) raggiunse le sale statunitensi grazie alla RKO la vigilia di Natale del 1937, e compie dunque 81 anni. Un'età veneranda per un gioiello purissimo, tra i capolavori dei cortometraggi della serie dedicata a Mickey Mouse.
  • Buone feste!

    una poltrona per due recensioneUna poltrona per due

    di Diventato nel corso dei decenni un vero e proprio classico natalizio, Una poltrona per due mostra il volto più sardonico e dissacrante di John Landis. La messa in scena del capitalismo più bieco e crudele, e al tempo stesso il racconto della sua essenza effimera, e priva di reale consistenza.
  • Buone feste!

    bambole e sangue recensioneBambole e sangue

    di Con Bambole e sangue si inaugura la carriera sul grande schermo del newyorchese Paul Bartel, uno dei numi tutelari del cinema indipendente statunitense. Tra le trame di un racconto malsano e inquietante si rintracciano già i germi di una nazione impaurita e bigotta.
  • Buone feste!

    fiore di cactus recensioneFiore di cactus

    di Scritto in punta di penna, come d'abitudine, da I.A.L. Diamond, a Fiore di cactus si può imputare al massimo l'assenza in cabina di regia di Billy Wilder. Ma Gene Saks firma una commedia straripante, spassosa, attualizzazione nevrotica della screwball comedy.
  • Buone feste!

    l'uomo meraviglia recensioneL’uomo meraviglia

    di L'uomo meraviglia è Danny Kaye, al secondo grande successo commerciale della sua carriera e scatenato nella parte dei gemelli omozigoti Edwin e Buzzy. Buzzy, ucciso dai gangster, appare al fratello nelle vesti di fantasma per chiedergli di vendicarlo...
  • Buone feste!

    wend kuuni - il dono di dio recensioneWend Kuuni – Il dono di Dio

    di Wend Kuuni - Il dono di Dio è l'esordio alla regia del burkinabé Gaston Kaboré. Un'opera potentissima, che rivoluziona il cinema post-coloniale. La Settima Arte si fonde alla proposta politica di Thomas Sankara, rigettando il pensiero occidentale.
  • Buone feste!

    ritorno al futuro recensioneRitorno al futuro

    di Il capolavoro per eccellenza di Robert Zemeckis, uno dei film più iconici e rappresentativi della Hollywood degli anni Ottanta, con il mito di Michael J. Fox destinato a imprimersi con forza nella memoria collettiva. Insomma, Ritorno al futuro.
  • Buone feste!

    scorpio rising recensioneScorpio Rising

    di Scorpio Rising è il sogno irrealizzabile del biker, il volo pindarico nella notte nera come la pece o come il giubbotto di pelle ma bombardata dalle armonie e dai vocalizzi pop. Mai la cultura statunitense era stata così idolatrata e scarnificata nello stesso momento.
  • Buone feste!

    suburbia recensioneSuburbia

    di Tratto da una pièce di Eric Bogosian, Suburbia è il quinto lungometraggio da regista di Richard Linklater. Uno sguardo disilluso e partecipe sui destini della cosiddetta "generazione X", mandata al macello all'estero come in patria.
  • Buone feste!

    la ragazza terribile recensioneLa ragazza terribile

    di Oramai quasi dimenticato, almeno in Italia, La ragazza terribile di Michael Verhoeven rappresentò un piccolo caso cinematografico nel 1990, con la sua versione romanzata della vita della saggista tedesca Anna Rosmus. Da riscoprire.
  • Buone feste!

    the call of cthulhu recensioneThe Call of Cthulhu

    di All'interno del ciclo dedicato alla divinità aliena da H.P. Lovecraft non esiste titolo più suggestivo e spaventoso di The Call of Cthulhu (La chiamata di Cthulhu in italiano). Nel 2005 qualcuno sperimentò un folle mediometraggio muto e in bianco e nero dedicato al racconto...
  • Buone feste!

    Fucking Åmål recensioneFucking Åmål

    di Fucking Åmål è l'esordio alla regia di Lukas Moodysson oltre che, a distanza di venti anni dalla sua realizzazione, il film più potente della carriera del regista e poeta svedese. Un teen-movie liberissimo e vitale, che sfascia le convenzioni sociali.
  • Buone feste!

    un dollaro d'onore recensioneUn dollaro d’onore

    di Tra i western più acclamati, omaggiati e plagiati di ogni tempo, Un dollaro d'onore può essere letto come una risposta polemica a Mezzogiorno di fuoco. Al di là di questo Howard Hawks firma uno dei suoi capolavori.
  • Buone Feste!

    Un mondo a parte RecensioneUn mondo a parte

    di Quando esordisce alla regia con Un mondo a parte il britannico Chris Menges è un apprezzato e pluripremiato direttore della fotografia. Per l'opera prima decide di mettere in scena in forma romanzata la vita di Ruth First.
  • Buone feste!

    il bi e il ba recensioneIl Bi e il Ba

    di Probabilmente nulla, nella storia del cinema italiano, si avvicina al livello di nonsense espulso dal corpo de Il Bi e il Ba. Merito del protagonista Nino Frassica, ma anche della regia ordinatissima e anarchica di Maurizio Nichetti.
  • Buone feste!

    chicken and duck talk recensioneChicken and Duck Talk

    di Nel 2018 Chicken and Duck Talk, una delle commedie di maggior successo critico e commerciale di Hong Kong, ha festeggiato trent'anni. Un gioiello che si mostra ancora in splendida forma, grazie agli oliatissimi meccanismi comici e alla maestria di Michael Hui.
  • Buone feste!

    school on fire recensioneSchool on Fire

    di A trent'anni dalla sua realizzazione School on Fire segna il punto di non ritorno della poetica di Ringo Lam, con la sua messa alla berlina dell'intero sistema sociale della città-stato, partendo dall'istruzione per arrivare alla polizia e, ovviamente, alla mafia locale.
  • Buone feste!

    eros + massacre recensioneEros + Massacre

    di Eros + Massacre è il primo dei tre capitoli che Yoshishige Yoshida ha dedicato alla storia del Giappone contemporaneo, ed è con ogni probabilità il più celebre. Un film anarchico come e più del suo protagonista, Sakae Ōsugi.
  • Buone feste!

    la casa recensioneLa casa

    di Evil Dead, conosciuto in Italia come La casa, non è solo uno degli horror più significativi della sua epoca, ma rappresenta anche il sogno di ogni cineasta indipendente alle prime armi, quello di creare con nulla il proprio immaginario.
  • Buone feste!

    rancho notorious recensioneRancho Notorious

    di Rancho Notorious è il terzo e ultimo western della carriera di Fritz Lang dopo Il vendicatore di Jess il bandito e Fred il ribelle. Un'opera astratta, quasi completamente girata in interni e dominata dai temi cari al regista tedesco.
  • Buone feste!

    grosso guaio a chinatown recensioneGrosso guaio a Chinatown

    di Il 2019 sarà il nono anno consecutivo senza film diretti da John Carpenter al cinema. Per sopperire a questo vuoto si può tornare ad altre epoche, più floride. Ma occorre sempre ricordare come anche un cult del calibro di Grosso guaio a Chinatown si dimostrò un clamoroso flop commerciale.
  • Buone feste!

    izo recensioneIzo

    di Izo è l'opera più estrema della sterminata filmografia di Takashi Miike, e con ogni probabilità rappresenta il suo apice poetico e artistico. Attraverso una vera e propria carneficina il regista giapponese ragiona sulla storia del Giappone, sull'umanità e sul cinema come reiterazione di sé.
  • Buone feste!

    colpo vincente recensioneColpo vincente

    di Il colpo vincente è quello con cui la microscopica squadra di basket del liceo di Hickory, in Indiana, vince il campionato statale sotto la guida del "redento" allenatore interpretato da Gene Hackman. Un classico del film sportivo, ma anche un'interessante lettura della società rurale.
  • Buone feste!

    la terra recensioneLa terra

    di La terra è la danza onirica e sognante di un popolo che si riappropria del senso comune, del valore della collettività e della condivisione. Nel 1930, nel pieno del primo piano quinquennale dell'Urss staliniano, Aleksandr Dovženko firma un poemetto lirico in difesa della terra.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento