earthearthearth

earthearthearth

di

Presentato in concorso alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, earthearthearth è un trip visivo su pellicola 35mm che conferma il genio del suo autore, il giapponese, di base in Canada, Daïchi Saïto, e la sua importanza nel cinema sperimentale contemporaneo.

Atacama e oltre l’infinito

Il girato raccolto in due settimane di riprese nel deserto di Atacama, sulle Ande, è trattato dal regista con agenti fotochimici, sovrimpressioni e inversioni cromatiche. Saïto ha utilizzato una Bolex 16mm con carica a molla, la cinepresa prediletta dai cineasti sperimentali. Altrettanto sperimentale è l’improvvisazione sonora che sostiene le immagini realizzata dal sassofonista Jason Sharp, registrata tramite una dozzina di microfoni. [sinossi]

Durante la 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro è stato possibile apprezzare earthearthearth, presentato in concorso, già in anteprima a Rotterdam. Opera che conferma l’importanza che riveste nel panorama del cinema sperimentale mondiale, il filmmaker Daïchi Saïto, giapponese che risiede da molto tempo a Montreal. Nei suoi lavori possiamo trovare eco delle sperimentazioni di tanto cinema underground del passato, a partire dalla concezione della pellicola come tela cromatica ideale, anche per la possibilità di usare la fase di emulsione e sviluppo, intervenendo con reagenti, sovrapponendo, invertendo, moltiplicando così le possibilità espressive di questo mezzo da molti ritenuto obsoleto. L’immagine ripresa dalla Bolex 16mm con carica a molla, l’occhio del regista, poi espanso in 35mm da proiettare, può andare ben oltre la sua raffigurazione naturalistica oggettiva, ma dare luogo a un’infinita potenzialità di immagini nascoste o latenti che Daïchi Saïto cerca di cogliere ed esprimere.

Dopo aver lavorato con geometrie verticali, generate dai tronchi degli alberi, in Trees of Syntax, Leaves of Axis, con earthearthearth Daïchi Saïto passa a una sintassi di immagini orizzontale. Nella prima parte del film predominano le vedute di rilievi, sempre tendenzialmente piatti, non acuti di paesaggi montuosi, ripresi nel deserto cileno di Atacama. Linee che attraversano lo schermo, contornate da bordi luminosi di paesaggi all’alba o al tramonto, inizio o fine. Come suggerisce il titolo stesso del film, queste fenditure aumentano, si moltiplicano, sia con sovrapposizioni quasi coincidenti, che triplicandosi sullo schermo. Come degli squarci rovesciati sulle tele di fontana, come dei sipari, sempre rovesciati, o battiti di occhi, che si aprono e chiudono, e si moltiplicano con progressioni ritmiche, come una danza.

Il film procede con immagini del cerchio solare che sembrano l’iride di un occhio, ora aperto, oppure il fungo sprigionato da una bomba atomica, che si espande rapidamente. I territori del deserto, già di per sé estremi, si colorano come ammantati in un’aurora boreale, come paesaggi di Giove, Marte o Saturno. La “earth” ripetuta del titolo è sempre in minuscolo, riferita alla sua concezione di elemento cosmico, non necessariamente appartenente al pianeta “Terra”. Gli orizzonti sono ora più corrugati, con i profili montuosi della cordigliera, i colori si fanno sempre più accesi, come anche in Trees of Syntax, Leaves of Axis seguendo la stessa progressione. La terra sembra ardere e compaiono anche turbolenti superfici d’acqua e il film si conclude come con una nebbia che ribolle. Oltre a tanto storico cinema underground, non possiamo non trovare un equivalente con il famoso viaggio “Giove e oltre l’infinito” compiuto dall’astronauta David Bowman di 2001: Odissea nello spazio, con il paesaggio sonoro delle improvvisazioni del sassofonista Jason Sharp, sodale collaboratore di Daïchi Saïto, al posto della partitura sonora di Ligeti. Un trip mesmerico dell’occhio che appare, in earthearthearth, nell’immagine del cerchio solare di cui sopra, corrispettiva delle pupille virate in modo variopinto dell’astronauta. Un occhio che però non rientra in un campo controcampo, rimanendo entro un campo in cui l’ideale controcampo è rappresentato dalla pellicola stessa, risposta materica alla terra, agli elementi, alla materia stessa.

Info
earthearthearth sul sito del Pesaro Film Festival.

  • earthearthearth-2021-daichi-saito-01.jpg
  • earthearthearth-2021-daichi-saito-03.jpg
  • earthearthearth-2021-daichi-saito-02.jpg

Articoli correlati

  • Pesaro 2021

    Un bananero no es casualidad recensioneUn bananero no es casualidad

    di Film vincitore della 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Un bananero no es casualidad è un cortometraggio dell'artista argentina Luiza Gonçalves, un'opera apparentemente nonsense che porta a riflettere sulle monoculture come sfruttamento dei paesi sudamericani.
  • Pesaro 2021

    Mille cipressi

    di Presentato in concorso alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Mille cipressi è l'ultima opera di Luca Ferri, un percorso dentro il complesso della Tomba Brion progettata da Carlo Scarpa, una corrispondenza d'amorosi sensi tra cinema e architettura, tra vita e morte.
  • Pesaro 2021

    edna recensioneEdna

    di Presentato in concorso alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Edna di Eryk Rocha è il flusso di coscienza di una donna simbolo del martirio della nazione brasiliana, che ha vissuto il processo di dominio latifondista, la deforestazione, la guerriglia contro la dittatura militare.
  • Festival

    Pesaro 2021 – Presentazione

    Presentato il programma della 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, che si svolgerà nella città marchigiana dal 19 al 26 giugno. 16 film in concorso, la retrospettiva su Liliana Cavani e I predatori dell'arca perduta in apertura, rappresentano i punti forti di questa edizione.
  • Pesaro 2021

    One Thousand and One Attempts to Be an Ocean recensioneOne Thousand and One Attempts to Be an Ocean

    di Presentato in Concorso alla 57ma Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, il cortometraggio di Wang Yuyan è un attentato multilivello, visivo-sonoro-sensoriale-concettuale-tematico, alle certezze dello spettatore contemporaneo.
  • Pesaro 2021

    What Do We See When Look at the Sky? recensioneWhat Do We See When We Look at the Sky?

    di Presentata in Concorso alla 57ma Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, e precedentemente alla Berlinale 2021, What Do We See When We Look at the Sky? è l’opera seconda del georgiano Alexandre Koberidze e un vero e proprio atto di fede per le immagini.
  • Pesaro 2021

    No existen treinta y seis maneras de mostrar cómo un hombre se sube a un caballo

    di Presentata in Concorso alla 57ma edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, No existen treinta y seis maneras de mostrar cómo un hombre se sube a un caballo è un'opera “speculativa” del critico, docente e cineasta argentino Nicolás Zukerfeld.
  • Pesaro 2021

    the red filter is withdrawn recensioneThe Red Filter is Withdrawn

    di Sulle orme di Hollis Frampton e René Magritte, la giovane artista sudcoreana Kim Minjung con The Red Filter is Withdrawn riflette sullo statuto delle immagini, sulla loro potenziale verità e, allo stesso tempo, sul perpetuo stato di guerra del suo Paese, in un’opera piccola ma di grande spessore.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento