Pesaro 2021 – Presentazione

Pesaro 2021 – Presentazione

Presentato il programma della 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, che si svolgerà nella città marchigiana dal 19 al 26 giugno. 16 film in concorso, la retrospettiva su Liliana Cavani e I predatori dell’arca perduta in apertura, rappresentano i punti forti di questa edizione.

La 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro si svolgerà dal 19 al 26 giugno, in presenza negli abituali spazi della città marchigiana, con la direzione artistica di Pedro Armocida (il comitato di selezione è composto anche da Paola Cassano, Cecilia Ermini, Anthony Ettorre e Raffaele Meale). Pesaro è del resto uno dei pochi festival, anche per la sua collocazione estiva, a essersi immunizzato durante la pandemia senza dover ricorrere a edizioni in streaming. Il festival si aprirà nientemeno che con I predatori dell’arca perduta, di cui ricorrono ormai ben quarant’anni dall’uscita. A presentarne la proiezione, nella cornice della piazza del Popolo, sarà Gabriele Mainetti. La chiusura è invece affidata a The Most Beautiful Boy in the World di Kristina Lindström e Kristian Petri, documentario dedicato a Björn Andrésen, ovvero l’efebico Tadzio di Morte a Venezia, film che invece compie cinquant’anni.

Come sempre il punto forte del festival è rappresentato dal Concorso Pesaro Nuovo Cinema – Premio Lino Miccichè, che vede la partecipazione di 16 titoli, senza alcun vincolo di durata o formato, opere di ricerca come nella migliore tradizione pesarese. Julien Faraut, il vincitore dell’edizione 2018 con John McEnroe: In the Realm of Perfection, porta un ulteriore documentario di ambientazione sportiva, The Witches of the Orient, sulla squadra di pallavolo femminile giapponese medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo 64, simbolo di una rinascita dinamica del paese del sol levante, che tanto strascico ha avuto nella cultura popolare, in manga e anime. In concorso anche uno dei film più apprezzati nell’ultima Berlinale, l’incantevole What Do We See When We Look at the Sky? del georgiano Alexandre Koberidze. Di Eryk Rocha, il figlio di Glauber, è Edna, incentrato sull’eroica figura di una donna che si batte contro la deforestazione dell’Amazzonia. Tre sono i filmmaker italiani nella competizione: Luca Ferri con Mille cipressi, incentrato sulla Tomba Brion, capolavoro architettonico di Carlo Scarpa; The Nightwalk di Adriano Valerio, su un uomo confinato a Shanghai durante la pandemia; Manifestarsi di Gianmarco Donaggio, sui manifesti affissi a Milano.

La retrospettiva monografica dedicata, come ogni anno, a un maestro del cinema italiano, vedrà protagonista Liliana Cavani, di cui saranno proiettati i film per il cinema, tutti in 35mm ad eccezione dei restauri quali quello di Al di là del bene e del male, realizzato da Csc-Cineteca Nazionale e Istituto Luce Cinecittà con la supervisione della regista stessa, che parteciperà anche alla tavola rotonda a lei dedicata. Ancora in pellicola le proiezioni del Cinema in spiaggia, che quest’anno omaggia un’altra grande donna del cinema italiano, Giulietta Masina, di cui ricorre il centenario della nascita. Si rivedranno i capolavori fatti con Fellini e non solo. Tra i classici del cinema anche i film del cuore di Paolo Mereghetti, Midnight in Paris, e di Piera Detassis, La messa è finita. Entrambi proiettati in piazza del Popolo.

L’esperienza della pandemia ha costretto buona parte dei festival a convertirsi in formato in streaming. La Mostra di Pesaro, pur non essendo stata colpita in tal senso, organizza percorsi di riflessione sulla fruizione del cinema online con Open Access Cinema, a cura di Gianmarco Torri, dove sei curatori internazionali (Karianne Fiorini, Tommaso Isabella, Federico Rossin, Dwight Swanson, Gina Telaroli, Wu Wenguang) condurranno altrettanti webinar con programmi fatti di contenuti audiovisivi su internet. A complemento del progetto anche un ebook di riflessioni teoriche. Al cinema d’animazione è dedicata la sezione Corti in mostra – Animatori italiani oggi, curata da Pierpaolo Loffreda, che propone una ventina di corti di autori italiani, spaziando dagli affermati Simone Massi e Gianluigi Toccafondo agli studenti della Scuola del Libro di Urbino. Due focus sono riservati a Magda Guidi e a Michele Bernardi (anche autore del manifesto dell’edizione 2021).

Proiezioni speciali di Lumina, già in anteprima a Rotterdam, di Samuele Sestieri, giovane filmmaker tra i registi de I racconti dell’orso, film che ebbe uno strepitoso successo festivaliero, e di Sei ancora tu, opera di ibridazione tra le arti, nata dalla collaborazione del coreografo Francesco Marilungo con l’artista visiva e videomaker Chiara Caterina. In collaborazione con la Fondazione Prada il progetto Finite Rants, a cura di Luigi Alberto Cippini e Niccolò Gravina, che coinvolge, con saggi visuali, autori quali Alexander Kluge, Bertrand Bonello, Brady Corbet, Caroline Poggi e Jonathan Vinel, Eduardo Williams, il fotografo Satoshi Fujiwara, l’economista Christian Marazzi, lo scrittore e critico Shumon Basar, la fotografa Alessia Gunawan e la giovane artista francese REMEMBER. La Mostra omaggia poi il Collettivo Cinema Militante di Milano, 50 anni dopo, con la proiezione di tre titoli, parte del materiale sopravvissuto del gruppo che è stato recuperato da Ranuccio Sodi e digitalizzato da Cineteca Nazionale – Archivio Nazionale Cinema Impresa di Ivrea. Si tratta di Maggioranza silenziosa (1972), sui tafferugli avvenuti davanti al Castello Sforzesco di Milano l’11 marzo 1972 (visti anche nel bellocchiano Sbatti il mostro in prima pagina); Bologna 77 (1977), documentazione militante in super 8 del “Convegno contro la repressione”; e Pagherete caro pagherete tutto (1975), sorta di “instant movie” sui momenti peggiori nella storia dei movimenti extra-parlamentari milanesi. Doveroso omaggio anche a Cecilia Mangini con la proiezione di Quando vedrete il mio caro amore di Alessandro Scippa.

Tra le novità di quest’anno una sezione dedicata a un pubblico infantile, il Pesaro Film Festival Circus, curato da Giulietta Fara, con opere d’animazione quali Away di Gints Zilbalodis e Il viaggio del Principe di Jean-François Laguionie e Xavier Picard, quest’ultimo proiettato in Piazza del Popolo. E poi uno spazio sui videoclip, Vedomusica – Videoclip Italia, curato da Luca Pacilio, con venti video musicali italiani dell’ultimo anno e un focus dedicato a UOLLI, tra i più importanti registi di videoclip in Italia. Torna infine lo spaziobianco, una nuova sala dedicata al mondo dell’arte e della fotografia che quest’anno ospiterà l’installazione e le proiezioni dei lavori di Morgan Menegazzo e Mariachiara Pernisa, in un progetto originale curato da Mauro Santini.

Info
Il sito ufficiale di Pesaro 2021.

Articoli correlati

  • Festival

    Pesaro 2020 – Presentazione

    Si torna al cinema, in sala e in piazza, con la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, storica manifestazione giunta alla sua 56a edizione, in corso dal 22 al 29 agosto. Slittato di due mesi rispetto all'abituale collocazione, il festival è uno dei primi a svolgersi in presenza.
  • Notizie

    pesaro 2019 presentazionePesaro 2019 – Presentazione

    Pesaro 2019 segna la cinquantacinquesima edizione del festival marchigiano. Tra passato e presente, tra la difesa della pellicola e le opere selezionate in concorso, con uno sguardo retrospettivo al genere e un omaggio ad Alberto Grifi.
  • Festival

    Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 – Presentazione

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 spegne le cinquantaquattro candeline tra futuro e passato, festeggiando il 1968 e cercando di preconizzare il cinema che verrà. Da Nostra signora dei turchi agli esordienti di oggi, autori di domani.
  • Festival

    Pesaro 2016 – Presentazione

    Dal 2 al 9 luglio Pesaro torna a ospitare le derive più diverse del cinema, confermando l'impressione data lo scorso anno dalla prima edizione diretta da Pedro Armocida; tra classici del passato e schegge di futuro.
  • Pesaro 2021

    edna recensioneEdna

    di Presentato in concorso alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Edna di Eryk Rocha è il flusso di coscienza di una donna simbolo del martirio della nazione brasiliana, che ha vissuto il processo di dominio latifondista, la deforestazione, la guerriglia contro la dittatura militare.
  • Pesaro 2021

    Mille cipressi

    di Presentato in concorso alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Mille cipressi è l'ultima opera di Luca Ferri, un percorso dentro il complesso della Tomba Brion progettata da Carlo Scarpa, una corrispondenza d'amorosi sensi tra cinema e architettura, tra vita e morte.
  • Pesaro 2021

    Un bananero no es casualidad recensioneUn bananero no es casualidad

    di Film vincitore della 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Un bananero no es casualidad è un cortometraggio dell'artista argentina Luiza Gonçalves, un'opera apparentemente nonsense che porta a riflettere sulle monoculture come sfruttamento dei paesi sudamericani.
  • Pesaro 2021

    earthearthearth recensioneearthearthearth

    di Presentato in concorso alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, earthearthearth è un trip visivo su pellicola 35mm che conferma il genio del suo autore, il giapponese, di base in Canada, Daïchi Saïto, e la sua importanza nel cinema sperimentale contemporaneo.
  • Pesaro 2021

    Les sorcières de l'OrientLes sorcières de l’Orient

    di Nuovo prezioso tassello della poetica cinefilo-sportiva di Julien Faraut, Les sorcières de l'Orient ci riporta alla pallavolo degli anni Sessanta, alle imprese sul campo e negli anime delle fantastiche atlete giapponesi, a una dimensione sportiva fatta di abnormi passioni e sacrifici.
  • Pesaro 2021

    One Thousand and One Attempts to Be an Ocean recensioneOne Thousand and One Attempts to Be an Ocean

    di Presentato in Concorso alla 57ma Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, il cortometraggio di Wang Yuyan è un attentato multilivello, visivo-sonoro-sensoriale-concettuale-tematico, alle certezze dello spettatore contemporaneo.
  • Pesaro 2021

    What Do We See When Look at the Sky? recensioneWhat Do We See When We Look at the Sky?

    di Presentata in Concorso alla 57ma Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, e precedentemente alla Berlinale 2021, What Do We See When We Look at the Sky? è l’opera seconda del georgiano Alexandre Koberidze e un vero e proprio atto di fede per le immagini.
  • Pesaro 2021

    No existen treinta y seis maneras de mostrar cómo un hombre se sube a un caballo

    di Presentata in Concorso alla 57ma edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, No existen treinta y seis maneras de mostrar cómo un hombre se sube a un caballo è un'opera “speculativa” del critico, docente e cineasta argentino Nicolás Zukerfeld.
  • Pesaro 2021

    the red filter is withdrawn recensioneThe Red Filter is Withdrawn

    di Sulle orme di Hollis Frampton e René Magritte, la giovane artista sudcoreana Kim Minjung con The Red Filter is Withdrawn riflette sullo statuto delle immagini, sulla loro potenziale verità e, allo stesso tempo, sul perpetuo stato di guerra del suo Paese, in un’opera piccola ma di grande spessore.
  • In sala

    il ragazzo più bello del mondo recensioneIl ragazzo più bello del mondo

    di , Rievocazione appassionante e frammentaria di un fenomeno pop anni Settanta, Il ragazzo più bello del mondo di Kristina Lindström e Kristian Petri è dedicato alla figura di Björn Andrésen, scelto ancora quindicenne da Luchino Visconti per interpretare il manniano Tadzio di Morte a Venezia.
  • Interviste

    Intervista a Björn Andrésen

    Björn Andrésen, passato alla storia come il Tadzio del capolavoro di Luchino Visconti, è ora oggetto del documentario Il ragazzo più bello del mondo di Kristina Lindström e Kristian Petri, presentato in anteprima italiana alla 57a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, e ora passato in sala.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento