Pesaro 2020 – Presentazione

Pesaro 2020 – Presentazione

Si torna al cinema, in sala e in piazza, con la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, storica manifestazione giunta alla sua 56a edizione, in corso dal 22 al 29 agosto. Slittato di due mesi rispetto all’abituale collocazione a giugno, il festival diretto da Pedro Armocida è uno dei primi a svolgersi in presenza, dal vivo e dal vero su schermi autentici, ovviamente con tutte le dovute cautele. E la manifestazione segna una ripresa della città che è stata particolarmente colpita dalla pandemia.

Il nucleo della Mostra è il Concorso Pesaro Nuovo Cinema – Premio Lino Miccichè che prevede la presentazione di diciotto opere, senza classificazioni in base alla durata, nella storica sede del Teatro Sperimentale. Tra queste da segnalare A metamorfose dos Pássaros, patchwork visivo di ricordi famigliari della giovane artista portoghese Catarina Vasconcelos, Um Animal Amarelo del brasiliano Felipe Bragança, ancora un viaggio nelle proprie radici, che passa per vecchi e nuovi colonialismi; Lúa vermella, un’elegia magica delle coste galiziane di Lois Patiño, mentre un’altra immersione acquatica metafisica è quella di Cenote della giapponese Kaori Oda che ci porta nei crateri d’acqua sacri ai Maya. Il n’y aura plus de nuit di Eleonore Weber propone invece le immagini dei target di velivoli militari di stanza in Iraq o Afghanistan, come riflessione etica e sullo sguardo, e Kill It and Leave This Town del polacco Mariusz Wilczynski è un film d’animazione crudo e minimalista in cui l’autore affronta i traumi della sua infanzia. Ritorna Erik Negro con il corto HI_8 [transfert on file]. Altri corti presentati saranno Non si sazia l’occhio di Francesco Dongiovanni, Thick Air di Stefano Miraglia, Guardarla negli occhi di Manuel Billi, Smarginature di Gabriele Di Munzio, Aggregate States of Matters di Rosa Barba. A presiedere la giuria del concorso la storica musa fassbinderiana Ingrid Caven.

Nella tradizione pesarese di omaggiare con una rassegna monografica un grande del cinema italiano è la personale, con alcuni titoli selezionati, su Giuliano Montaldo realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale. Il Cinema in Piazza vedrà invece la proiezione di un cult assoluto come The Blues Brothers, presentato in restauro 4K a quarant’anni dalla sua realizzazione. Nella Piazza del Popolo ancora un’opera d’animazione, The Nose or Conspiracy of Mavericks del russo Andrey Khrzhanovsky, e poi Il caso Braibanti di Carmen Giardina e Massimiliano Palmese che rievoca uno degli episodi più incresciosi del dopoguerra; Rosa pietra stella di Marcello Sannino, storia di sopravvivenza di una donna forte nel napoletano, L’industriale, l’ultimo film di Giuliano Montaldo e Death of Nintendo di un autore di punta del nuovo cinema filippino quale Raya Martin.

Anche Pesaro, località balneare, si avvale di un cinema in spiaggia che sarà dedicato ai due capisaldi del cinema italiano, Federico Fellini e Alberto Sordi, a cent’anni dalla nascita di entrambi. Omaggiato anche Corso Salani, a dieci anni dalla sua prematura scomparsa, con la proiezione de Gli occhi stanchi. Il cinema d’animazione torna ancora con la sesta edizione di Animatori italiani oggi, rassegna curata da Pierpaolo Loffreda con le opere d’animazione italiane più recenti. Corti in mostra è una selezione di una ventina di corti d’animazione italiani, tanto di artisti emergenti quanto di autori affermati. Presente inoltre una personale sull’animatore Donato Sansone.

Info
Il sito ufficiale della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro.

Articoli correlati

  • Festival

    pesaro 2019Pesaro 2019

    Dal 15 al 22 giugno Pesaro 2019, cinquantacinquesima edizione del festival marchigiano: dall'omaggio a Lee Anne Schmitt al cinema di genere italiano, passando per Alberto Grifi, Satellite e ovviamente il concorso internazionale.
  • Notizie

    pesaro 2019 presentazionePesaro 2019 – Presentazione

    Pesaro 2019 segna la cinquantacinquesima edizione del festival marchigiano. Tra passato e presente, tra la difesa della pellicola e le opere selezionate in concorso, con uno sguardo retrospettivo al genere e un omaggio ad Alberto Grifi.
  • Festival

    Pesaro 2018Pesaro 2018

    Con la proiezione in piazza dell'intramontabile Hollywood Party di Blake Edwards, si inaugura la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, giunta alla 54a edizione. Alle protagoniste femminili del nostro cinema è dedicato l'evento speciale We Want Cinema.
  • Festival

    Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 – Presentazione

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 spegne le cinquantaquattro candeline tra futuro e passato, festeggiando il 1968 e cercando di preconizzare il cinema che verrà. Da Nostra signora dei turchi agli esordienti di oggi, autori di domani.
  • Pesaro 2017

    Tra danze eterne e primi spari. Pesaro 2017.

    La terza Pesaro sotto l'egida di Pedro Armocida continua a muoversi nella direzione di un "nuovo" che sia miracolosa sintesi del passato e del presente, e sappia osservare l'orizzonte con sguardo autentico. In un tempo unico, che vive 7 giorni l'anno sulla riviera adriatica.
  • Pesaro 2016

    Uscire dall’eremo: “vecchio” e “nuovo” a Pesaro

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2016 conferma le impressione ricevute lo scorso anno, dopo la prima edizione diretta da Pedro Armocida. Il tentativo di far dialogare tra loro universi distinti del fare e del pensare il cinema è forse l'unico modo per far sopravvivere uno dei festival storici del panorama nazionale.
  • Festival

    Pesaro 2016 – Presentazione

    Dal 2 al 9 luglio Pesaro torna a ospitare le derive più diverse del cinema, confermando l'impressione data lo scorso anno dalla prima edizione diretta da Pedro Armocida; tra classici del passato e schegge di futuro.
  • Festival

    Pesaro-2016Pesaro 2016

    Dal 2 al 9 luglio la Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro torna a ospitare le derive più diverse del cinema, confermando l'impressione data lo scorso anno dalla prima edizione diretta da Pedro Armocida; tra classici del passato e schegge di futuro.
  • Pesaro 2015

    A Pesaro, tra maree e lunghezze d’onda

    Pesaro 2015 si è dimostrata una mostra di moli, maree, lunghezze d'onda, squali. Ha utilizzato come zattere per navigare tavole rotonde, preferendole a tappeti rossi, divi più o meno supposti, desertificazioni del pensiero. Per uno sguardo dialettico sul cinema.
  • Festival

    Pesaro 2015

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2015, la prima diretta da Pedro Armocida, dimostra la volontà di volersi confrontare con il contemporaneo (e il possibile futuro) partendo da ciò che è già stato; tra Pasolini e “lunghezze d'onda” di vario tipo, gli esordienti italiani degli ultimi cinque anni e un panorama internazionale proposto alla piazza.
  • Pesaro 2020

    Il n’y aura plus de nuit recensioneIl n’y aura plus de nuit

    di Presentato in concorso alla alla 56a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro Il n’y aura plus de nuit di Éléonore Weber è un film costruito con le immagini degli obiettivi degli elicotteri militari francesi che dall'alto eliminano i sospetti guerriglieri in Afghanistan o Iraq.
  • Pesaro 2020

    cenote recensioneCenote

    di Presentato in concorso alla alla 56a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro Cenote è un lavoro della filmmaker giapponese Kaori Oda che ci porta in immersione nei cenote messicani, luoghi gravidi di storia, tradizioni e significati trascendentali.
  • Pesaro 2020

    Rosa Pietra Stella

    di Rosa Pietra Stella è il ritratto di una donna che lotta per la sua vita in un contesto difficile, quello di Portici nella città metropolitana di Napoli. Esordio al lungometraggio per Marcello Sannino che riesce a evitare tutti, o quasi, i cliché in cui sarebbe facile cadere.
  • Pesaro 2020

    see you in my dreams recensioneSee You in My Dreams

    di Presentato in concorso alla 56a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, dopo l'anteprima al Fid Marseille, See You in My Dreams è un lavoro sperimentale del filmmaker giapponese Shun Ikezoe che coglie gli ultimi istanti della vita di sua nonna.
  • Pesaro 2020

    um animal amarelo recensioneUm Animal Amarelo

    di Presentato alla 56a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, Um Animal Amarelo è un film del filmmaker brasiliano Felipe Bragança che realizza una sorta di epopea famigliare, in chiave surrealista o di realismo magico, che attraversa il Brasile nelle fasi storiche più dolorose di dittature, colonialismo e schiavismo.
  • Pesaro 2020

    O que não se vê recensioneO que não se vê

    di Presentato in anteprima mondiale in concorso alla 56a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, O que não se vê del regista portoghese Paulo Abreu è un cortometraggio che mette insieme alcuni filmati di sopralluoghi alle Azzorre per un film mai realizzato.
  • Pesaro 2020

    The Nose or Conspiracy of Mavericks recensioneThe Nose or Conspiracy of Mavericks

    di Passato a Rotterdam 2020 prima dell’apocalisse Covid-19, The Nose or Conspiracy of Mavericks del veterano russo dell’animazione Andrej Khrzhanovskiy ha aperto il Cinema in Piazza (del Popolo, felice coincidenza per un’opera che ha nel popolo il suo nume tutelare) della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento