L’empire de la perfection

L’empire de la perfection

di

Selezionato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, L’empire de la perfection di Julien Faraut è uno straordinario, avvincente, ipnotico e stratificato film/saggio sul cinema e sul tennis. Sul cinema sportivo; sul gesto tecnico e atletico; su un microcosmo fatto di terra rossa. E su un campione probabilmente irripetibile: John McEnroe. Faraut smonta e rimonta idee e intuizioni di Jean-Luc Godard, Serge Daney e Gil de Kermadec per ricomporre tassello dopo tassello il mosaico McEnroe. Fino all’ultimo pezzo, quello mancante.

You cannot be serious

Scene da un film didattico in bianco e nero sul tennis. La voce narrante spiega che i giocatori presumevano erroneamente che le loro dimostrazioni corrispondessero ai movimenti effettivi fatti in una partita. Questa osservazione e l’affermazione di Jean-Luc Godard secondo cui “il cinema può mentire, lo sport no”, presa da un’intervista alla rivista sportiva L’Équipe, costituiscono il punto di partenza per uno studio sul corpo e sul movimento, sul tennis e sul cinema… [sinossi]
Le ralenti […] révéle un vérité que le temps réel a éclipsé.
– Charles Tesson

La pantomima in bianco e nero divertente e in origine involontaria che apre L’empire de la perfection (John McEnroe: In the Realm of Perfection), poi rovesciata dal colore, dai gesti e dalle gesta di McEnroe e dall’esaltante crescendo musicale, ci svela limiti e illusioni dello sport e del cinema, architettando fin dai primi fotogrammi un lungo percorso speculare e stratificato fatto di citazioni, analisi, decostruzioni e ricostruzioni, fertili paralleli e continue mise en abyme. E così, bazinianamente, non possiamo che porci la prima domanda: che cos’è L’empire de la perfection?
Un saggio teorico. Un documentario. Un biopic. Un film sportivo. Si muovono lungo diverse direttrici Julien Faraut e il suo film, figlio e debitore dell’esperienza godardiana, delle riflessioni di Serge Daney, del certosino lavoro di Gil de Kermadec. E del talento di John McEnroe, di quella classe cristallina che i ralenti tramutano in estasi.
Alla fine, sciolto dalle citazioni illustri, cadenzato da Mozart o dai Ramones, L’empire de la perfection è un film sportivo che racconta e si racconta: nel ripercorrere l’anno d’oro di McEnroe, omaggiando sia il campione sia l’uomo, Faraut rende parallelamente onore al mastodontico lavoro di Gil de Kermadec, tennista e cineasta che ha consacrato la sua attività allo studio del gioco del tennis, e ci mostra il dietro le quinte, il making of della preziosissima pellicola didattica Roland Garros 1985 avec John McEnroe. Un film di focalizzazioni che si inseguono e si sovrappongono: i gesti tecnici di McEnroe e la loro messa in scena, scomposizione, analisi, ricostruzione in (una primitiva ma efficace) computer grafica. Film nel film, metacinema, metasport, un caleidoscopio di mirabilie.

Le seul film qui ait été bien tourné sur le sport, c’est malheureux à dire,
c’est un film nazi de Leni Riefenstahl sur les Jeux de Berlin de 1936.
Dans tous les autres, on n’a jamais vu de sportifs.
On y voit seulement des hommes ou des femmes courir.
– Jean-Luc Godard

È tranchant il giudizio di JLG. In buona parte, ha ragione. Il rapporto tra cinema e sport è indubbiamente fertile, ma non semplice. Non è semplice la narrazione dei grandi eventi (si vedano i film olimpici), ma è soprattutto complicata la messa in scena dello sport, del gesto atletico e tecnico.
Prendiamo due estremi. La celeberrima rovesciata di Pelé o l’altrettanto memorabile bicicletta di Ardiles in Fuga per la vittoria e le performance da beacher di C. Thomas Howell ne I re della spiaggia. La perfezione dei gesti di due campioni e l’impresentabile mancanza di tecnica, fisico e atletismo di Howell. La lista dei secondi casi è lunga, anche se spesso mitigata da un apprezzabile contorno narrativo che favorisce la sospensione dell’incredulità – come sarebbe altrimenti possibile credere nella vittoria di Ralph Macchio/Daniel in Karate Kid – Per vincere domani?
Tra le molteplici suggestioni de L’empire de la perfection, prendiamo in prestito le considerazione di Serge Daney sul tempo, evocato come punto di contatto tra cinema e sport: «il cinema è tempo», «il cinema è spazio», «il cinema è gesto». Anche lo sport. Critico cinematografico che si è prestato alle cronache tennistiche, Daney traccia imprescindibili similitudini. Gesto, spazio e tempo nel rapporto cinema/sport determinano la riproducibilità della singola disciplina sul grande schermo: è soprattutto il tempo (la durata del gesto atletico/tecnico) a determinare il grado di difficoltà della messa in scena, creando un muro probabilmente invalicabile per le discipline sportive estremamente tecniche, fatte di centesimi di secondo, di precisione millimetrica, di contatti che spesso necessitano del ralenti per essere studiati, sezionati, compresi. Il tennis e la pallavolo, ad esempio, non sono sport facilmente riproducibili sullo schermo – riavvolgiamo il nastro: non erano facilmente riproducibili, ora c’è la computer grafica e tutto può cambiare, come ci insegna il triplo axel di Tonya.
In questo senso, L’empire de la perfection è un film sportivo perfetto, interpretato da un campione/attore che non può essere sostituito, imitato o riprodotto, perché nessuno potrà mai riprodurne i movimenti, l’estrema sintesi tra armonia estetica e ferina efficacia. John McEnroe è l’orso di Kleist (Il teatro delle marionette), mentre i suoi imitatori non potrebbero che essere spadaccini destinati al fallimento.
McEnroe è anche un maître du temps, colui che può dilatare a piacimento uno scambio, un game, una pausa. Attraverso i ralenti o i siparietti polemici con arbitro o spettatori (o il terreno di gioco), L’empire de la perfection delinea un ritratto alquanto sfaccettato dell’atleta, immergendosi nel suo microcosmo di terra rossa, nelle tattiche anche psicologiche, nella gestione del tempo, nella preparazione dei colpi, nei gesti e nelle pose, nelle rotazioni. Nella sistematica alternanza delle rotazioni. Una sequenza è illuminante: assistiamo ammirati a un susseguirsi di palle corte, alla resa degli avversari, al tempo del gioco che si ferma al secondo inevitabile rimbalzo. In realtà, quando la racchetta di McEnroe tocca la palla, il tempo è già finito. Poi basta un solo drop shot di rovescio per comprendere pienamente il concetto di imprevedibilità. Di perfezione. McEnroe è l’orso. McEnroe è il maître du temps.

Aveva questo desiderio feroce di vincere.
– Kay McEnroe, The Telegraph, 7 luglio 1981.

L’empire de la perfection apre continue parentesi, ma non si perde mai. È anche un biopic, indubbiamente sui generis. A Faraut bastano poche pennellate: le parole di Kay McEnroe, la ritrosia del giovane McEnroe fuori dal campo, l’aneddoto di Tom Hulce e Amadeus di Forman. Ancora una volta, cinema e sport. Ancora una volta, il tempo. John McEnroe in campo era uno straordinario attore, artista, inventore. In continua lotta con tutto e tutti, anche se stesso. Lotta e tensione. Tensione creativa.
Ancora Bazin, per una vittoria o sconfitta ogni pomeriggio. La perfezione inseguita e raggiunta da McEnroe è sacrificio, devozione, estenuante ripetizione. È una famiglia alle spalle che sostiene e pretende; è la solitudine dentro e fuori dal campo; è l’amore e l’astio degli spettatori – ma che ne sapete voi di un rimbalzo fasullo? È il rumore di una macchina da presa che mina la concentrazione. Il microcosmo di terra rossa, di erba o di cemento richiede e pretende la totale astrazione. Altro che Borg McEnroe.

Le cinéma ment, pas le sport
– Jean-Luc Godard

L’empire de la perfection cerca di non mentire, distilla le parole, lascia spazio soprattutto alle immagini. Alla verità. Alla verità osservata col microscopio. Ancora il ralenti, la dilatazione del tempo e del gesto. La mise-en-scène della meraviglia. Nel gioco delle specularità, la voce narrante di Mathieu Amalric era l’unica possibile. Lui che è un Tom Hulce perennemente in modalità Amadeus; lui che è un McEnroe senza racchetta.
La verità dello sport è anche quella che ci racconta L’empire de la perfection nella sua ultima parte. Roland Garros 1984. John McEnroe vs Ivan Lendl, l’imperfetto perfezionista ceco. Finirà al quinto set, con un gesto apparentemente perfetto. Fuori di un soffio. Fuori nella sua ripetizione, fuori da qualsiasi angolazione, fuori anche nei ralenti. La perfezione è anche nella sconfitta. Que viva McEnroe!
Selezionato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, L’empire de la perfection è straordinario, avvincente, ipnotico, stratificato. Ha iniziato il suo tour festivaliero alla Berlinale, poi Cinéma du réel e tutto quel che segue. Come un ATP Tour. Da vedere e rivedere. Da sezionare come i suoi stessi oggetti/soggetti di studio, perdendosi tra infiniti rivoli, inseguendo altri punti di vista, altre suggestioni. McEnroe e la sua racchetta, con quella impossibile tensione delle corde. La posizione del piedi al servizio, le rotazioni della seconda palla, i colpi senza peso. Una fionda con la precisione di un cecchino. E poi nuovamente JLG, Daney, Kermadec. Ma anche Boltanski e le animazioni abbozzate del film didattico Quelques regles du tennis (1978). Nuovamente il cinema. Le livre d’image. Le cinéma ment, pas le sport. Game, set, match.

Info
Il trailer originale de L’empire de la perfection.
La scheda de L’empire de la perfection sul sito di Pesaro 2018.
La scheda de L’empire de la perfection sul sito della Berlinale.
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-01.jpg
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-02.jpg
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-03.jpg
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-04.jpg
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-05.jpg
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-06.jpg
  • john-mcenroe-lempire-de-la-perfection-2018-Julien-Faraut-07.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Pesaro 2018Pesaro 2018

    Con la proiezione in piazza dell'intramontabile Hollywood Party di Blake Edwards, si inaugura la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, giunta alla 54a edizione. Alle protagoniste femminili del nostro cinema è dedicato l'evento speciale We Want Cinema.
  • Festival

    Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 – Presentazione

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2018 spegne le cinquantaquattro candeline tra futuro e passato, festeggiando il 1968 e cercando di preconizzare il cinema che verrà. Da Nostra signora dei turchi agli esordienti di oggi, autori di domani.
  • Trieste 2018

    Over the Limit RecensioneOver the Limit

    di Dai Mondiali di Stoccarda 2015 fino all'oro olimpico di Rio, Over the Limit segue l'ormai ex ginnasta russa Margarita Mamun tracciando attraverso la ginnastica ritmica una parabola dell'uomo alla ricerca di motivazioni. Al 29mo Trieste Film Festival nel concorso documentari.
  • Torino 2017

    Kiss & Cry RecensioneKiss & Cry

    di , In concorso a Torino, il film di Mahieu e Pinell riesce a calarsi nella complicata dimensione di un gruppo di ragazzine divise tra aspirazioni sportive e turbamenti dell'adolescenza. Piglio documentaristico e adesione emotiva sorprendente.
  • Roma 2017

    Tonya RecensioneTonya

    di Presentato alla Festa del Cinema di Roma, il biopic sportivo di Gillespie è il vulcanico ritratto di una fantastica perdente, di un diamante grezzo che ha dovuto fare i conti – sempre – con un ambiente ostile. Memorabili performance di Margot Robbie e Allison Janney.
  • Roma 2017

    A Prayer Before Dawn

    di Coriaceo e corroborante esempio di film atletico su un atleta, A Prayer Before Dawn di Jean-Stéphane Sauvaire fa impallidire qualsiasi action hollywoodiano contemporaneo. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Roma 2017

    Borg McEnroe

    di Biopic europeo con l’approccio e l’afflato spettacolare di molto cinema hollywoodiano, Borg McEnroe mette in scena una delle più note rivalità sportive della storia, restando tuttavia a un livello superficiale sul piano della ricostruzione biografica.
  • In sala

    La battaglia dei sessi

    di , Escursione della coppia Jonathan Dayton/Valerie Faris nel genere sportivo, La battaglia dei sessi funziona laddove si concentra sul privato dei due contendenti, ma fallisce quando allarga lo sguardo sul sessismo nell’America degli anni '70.
  • Locarno 2017

    Nazidanie RecensioneNazidanie

    di , Partendo e sempre tornando alla testata sferrata da Zidane a Marco Materazzi, Nazidanie eleva il calcio e i suoi simboli a epica metafora del destino. Fuori concorso a Locarno70.
  • Cannes 2017

    Blow-Up

    di Capolavoro pop-art di Michelangelo Antonioni, Blow-Up è stato presentato in versione restaurata nella sezione Cannes Classics, a cinquant'anni dalla sua vittoria alla Croisette.
  • Far East 2017

    Run-Off

    di Presentato al Far East, Run-Off è il classico film sportivo che ripercorre le gesta di una vera squadra, in questo caso la nazionale femminile di hockey. Retorica, melodramma, ma anche un buon numero di gag e un ritmo sostenuto.
  • Venezia 2016

    The-BleederThe Bleeder

    di Fuori concorso a Venezia 2016, The Bleeder è un biopic sportivo che punta al grande pubblico e non si nega niente: voce narrante, playlist di hit degli anni Settanta, la classica fotografia sgranata che si sposa con lo stile e i cromatismi dell'epoca...
  • In sala

    Race – Il colore della vittoria

    di Muscolare, spettacolare nella resa dei trionfi dell’atleta Jesse Owens, Race - Il colore della vittoria si rivela debole sia come puro biopic, che come descrizione di una vicenda umana e sportiva che assumerà un forte valore simbolico.
  • In Sala

    CreedCreed – Nato per combattere

    di Nelle due ore e poco più di Creed c'è Stallone, c'è Rocky. Poi ci sono dei riflessi più o meno pallidi, tracce di una saga troppo lunga, di un primo capitolo inimitabile, di un'opera d'esordio che sembra già lontanissima. Creed è e resta uno spin-off, un titolo minore che ha bisogno di aggrapparsi a Stallone, allo “stallone italiano”, per restare a galla.
  • Torino 2014

    The Jericho Mile

    di Due anni prima dell’esordio cinematografico con Strade violente, Mann realizza una pellicola sportivo-carceraria di rara potenza emotiva, capace di lasciarsi alle spalle i limiti produttivi, narrativi ed estetici del piccolo schermo.
  • Venezia 2014

    Terre battue

    di L'opera prima del francese Stéphane Demoustier, Terre battue, lucido e al tempo stesso appassionato ritratto di una crisi personale e sociale. In concorso alla Settimana della Critica 2014.
  • Archivio

    Foxcatcher RecensioneFoxcatcher – Una storia americana

    di Bennett Miller riprogramma i codici dello sport movie con Foxcatcher, un film potente, personalissimo e deflagrante, in concorso a Cannes 2014.
  • Cannes 2014

    Red Army

    di Gabe Polsky porta alla ribalta la storia della nazionale sovietica di hockey su ghiaccio a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, considerata universalmente la squadra più forte di ogni tempo. Tra le séances spéciales di Cannes 2014.
  • Berlinale 2014

    The Second Game

    di In The Second Game Corneliu Porumboiu rivede insieme al padre, all’epoca arbitro di serie A, il sentito derby Steaua-Dinamo del 1988, con il padre del regista in campo con la giacchetta nera. Nella sezione Forum alla Berlinale 2014.
  • Archivio

    L'arte di vincere Moneyball RecensioneL’arte di vincere – Moneyball

    di Uno sport movie magistrale che dosa sapientemente sana retorica agonistica, riuscitissimi siparietti comici, drammi personali, economia e statistica, orgoglio e paure.
  • Documentario

    Bobby-Fischer-Against-the-WorldBobby Fischer Against the World

    di Considerato il più grande scacchista di tutti i tempi, Bobby Fischer incarna come pochi la contiguità di genio e follia. La sua storia sembra quella di un fumetto della Marvel: il campionato del mondo a 29 anni, la depressione, la fuga, la paranoia e l’ossessione di una rivincita contro Boris Spassky...
  • DVD

    rocky-joe-2Rocky Joe 2 – Box 1

    di Il cofanetto Rocky Joe 2 – Box 1 contiene i primi ventitré episodi della serie divisi in cinque dischi, da Il ritorno di Rocky Joe fino a La belva di ghiaccio...
  • DVD

    Zidane, un ritratto del XXI secolo

    di , 23 Aprile 2005 allo stadio Santiago Bernabeu di Madrid: Zidane gioca, vive, si dispera, urla, impreca, esulta, ride, mentre viene seguito in contemporanea da diciassette macchina da presa.
  • AltreVisioni

    Forever The Moment

    di Mi-sook è una validissima giocatrice di pallamano, ma la sua carriera sembra destinata a finire. Ma quando si presenta la possibilità di partecipare alle Olimpiadi, Mi-sook raggiunge le sue vecchie compagne…
  • Pesaro 2018

    ★ Star Recensione★ – Star

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, ★ è il primo lungometraggio del filmmaker austriaco Johann Lurf, un lavoro di found-footage con i cieli stellati della storia del cinema.
  • Pesaro 2018

    Los años azules RecensioneLos años azules

    di Presentato in concorso alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro 2018, Los años azules è un racconto di vita di alcuni ragazzi che vivono in una sorta di comune, un palazzo fatiscente che è un crocevia delle precarie vite di giovani tra i venti e i trent'anni.
  • Pesaro 2018

    Beware! The Dona Ferentes RecensioneBeware! The Dona Ferentes

    di Visto in concorso all'ultima Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, opera del filmmaker Daniele Pezzi, Beware! The Dona Ferentes segue il musicista sperimentale Dona Ferentes realizzando una riflessione su come musica e rumore possano essere tradotte in un equivalente di immagini filmiche.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento