As the Gods Will

As the Gods Will

di

As the Gods Will, il nuovo film di Takashi Miike tratto da un manga di successo, è l’ennesimo grido di anarchica libertà del regista giapponese. Al Festival di Roma 2014.

Padre nostro che sei nei cubi

Shun Takahata è un liceale annoiato dalla monotonia della sua vita. Un giorno, una bambola Daruma (figurine votive tradizionali giapponesi che rappresentano Bodhidharma, il primo patriarca dello zen) appare in classe annunciando l’inizio di un gioco sul filo tra la vita e la morte. Dopo la bambola Daruma, tocca a un gatto della fortuna (maneki neko), a una bambola Kokeshi, a un orso polare e a una matrioska. Uno dopo l’altro, gli studenti devono superare le prove che queste strane manifestazioni di oggetti propongono. Se non le superano, muoiono. Ma è davvero un gioco? Se sì, a cosa serve? E chi sono i “figli di Dio”? Cosa attende ancora Shun e i suoi compagni di classe sopravvissuti a questi giochi? [sinossi]

“Dio, restituiscimi la mia noia”… L’invocazione rivolta da Shun Takahata alla divinità una volta che il ragazzo è piombato nell’incubo labirintico di giochi mortali a cui è sottoposto insieme all’intero microcosmo adolescenziale giapponese – e mondiale – potrebbe essere letta come una preghiera mossa dal giovane talento Sota Fukushi allo stesso Takashi Miike. Proveniente da operazioni cinematografiche di successo, ma dall’impegno attoriale perfettamente gestibile (la serie Kamen Rider, per esempio), Fukushi si ritrova in As the Gods Will a confrontarsi con uno dei pochi registi in grado di districarsi senza particolare affanno tra i meandri dell’industria, mantenendo una propria attitudine anarcoide, incontrollabile, dirompente. Miike, cinquantaquattro anni e più di novanta film all’attivo, tra lungometraggi per il cinema e la televisione, non è un regista classificabile, ed è per questo con ogni probabilità che corre ancora il rischio paradossale di rimanere incompreso, guardato con sospetto da chi ricerca un cinema puramente autoriale, e allo stesso tempo spesso troppo sofisticato per essere amato da chi vorrebbe maneggiare il genere duro e puro.

Nell’interregno pressoché inesplorato tra queste due direzioni quasi mai convergenti nella storia del cinema, si situa anche As the Gods Will (titolo internazionale che sostituisce l’originale Kamisama no iutoori), il nuovo parto creativo di Miike tratto, come spesso capita al cineasta nipponico, da un manga di successo, opera di Akeji Fujimura (disegni) e Muneyuki Kaneshiro (testi) edita dalla Kodansha. Senza bisogno di alcun orpello, As the Gods Will entra immediatamente in media res, presentando lo sterminio dei compagni di classe di Shun da parte di una bambola Daruma, che “gioca” con i ragazzi a una versione a dir poco esplosiva di “Un, due, tre… Stella!”; da quel momento in poi Miike non fa altro che presentare, una dopo l’altra, le prove a cui verranno sottoposti i sopravvissuti, in perenne bilico tra la vita e la morte. Uno schema fin troppo semplice, ma che permette a Miike di ragionare in maniera efficace sull’omicidio come ludus, gioco mortale ma spassoso, trappola dalla quale fuggire ma che ammalia, seduce, corrompe.
A prima vista As the Gods Will può apparire solo come il divertissement di un regista di culto che altrove in passato ha rintracciato coordinate espressive più estreme e convincenti, e non c’è dubbio che in un eventuale gioco classificatorio all’interno della carriera di Miike la storia della lotta tra gli adolescenti giapponesi e un dio (o chi per lui) che vuole sterminarli per dare vita a un “nuovo mondo” non concorrerebbe per la top-ten; ma si tratta in ogni caso di un discorso accessorio, e persino pericoloso nella lettura dell’opera magmatica e multiforme di Miike.

Al di là di ogni speculazione e analisi dettagliata del film, dominato da due macro-sequenze iniziali destinate a essere annoverate tra i migliori istanti di cinema del 2014 (il già citato gioco con il Daruma che fa saltare in aria le teste degli studenti e il successivo scontro con un gigantesco Maneki-neko, da combattere a colpi di grattatine sulla schiena e canestri), ma non sempre in grado di mantenere quel livello di eccellenza, As the Gods Will è un vero e proprio trattato di libertà creativa, atto cinematografico insubordinato anche all’interno di un sistema produttivo mainstream.
Nessun regista mondiale, in questo frangente storico, può permettersi un’anarchia visiva – e in parte anche concettuale – così beffarda, slabbrata, urlata ed evidente senza incorrere nei marchingegni obsoleti dell’industria. Miike, con il perenne ghigno che nel film viene attribuito al losco Takeru (interpretato da Ryunosuke Kamiki, già protagonista nove anni fa per Miike di The Great Yokai War), mette in scena la distruzione come se fosse la normale destinazione di ogni cosa umana, e non si frena di fronte a nulla.
E l’apparizione finale di Lily Franky, evocata da una delle matrioske, apre il fianco a un probabile sequel ancor più deflagrante e dissacrante. Non resta che aspettare.

Info
La scheda di As the Gods Will sul sito del Festival di Roma.
  • as-the-gods-will-08.jpg
  • as-the-gods-will-07.jpg
  • as-the-gods-will-06.jpg
  • as-the-gods-will-05.jpg
  • as-the-gods-will-04.jpg
  • as-the-gods-will-03.jpg
  • as-the-gods-will-02.jpg
  • as-the-gods-will-01.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2013

    the-mole-songThe Mole Song – Undercover Agent Reiji

    di Takashi Miike firma uno sfrenato viaggio nella cultura pop, tra yakuza-eiga e demenzialità. In concorso al Festival di Roma.
  • Cannes 2013

    shield-of-straw-2013-cov932Shield of Straw

    di Takashi Miike firma una delle sue opere più incomprese, action che si trasforma in crudo resoconto politico del Giappone contemporaneo.
  • AltreVisioni

    lesson-of-the-evil-takashi-miike-2012-cov932Lesson of the Evil

    di L'eversivo potere cinematografico di Takashi Miike, qui al servizio di una storia di genocidi, adolescenti e retaggi occidentali. Al Festival di Roma 2012.
  • AltreVisioni

    for-love-s-sake-takashi-miikeFor Love’s Sake

    di Tra romanticismo e azione, furibonda violenza e intenso melodramma, For Love's Sake è l'ennesima conferma del raffinato eclettismo di Takashi Miike. Presentato a Cannes 2012.
  • Blu-ray

    13-assassini-in-blu-ray-takashi-miike-cov93213 Assassini

    di In blu-ray lo splendido jidai-geki di Takashi Miike, presentato nel 2010 in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • AltreVisioni

    hara-kiri-death-of-a-samurai-2011-cov932Hara-kiri: Death of a Samurai

    di Takashi Miike firma il remake del capolavoro di Masaki Kobayashi, tragica riflessione sull'iniquità della società feudale giapponese. In concorso a Cannes 2011.
  • Cult

    the-happiness-of-the-katakurisThe Happiness of the Katakuris

    di Oggetto di culto difficile da maneggiare, il film di Takashi Miike è un folle pastiche ultra-pop in cui tutto viene frullato in maniera indiscriminata, dall'animazione al disaster movie, dall'horror al musical.
  • Festival

    Roma 2014: recensioni, interviste, notizie... | Quinlan.itRoma 2014

    Il Festival del Film di Roma 2014, dal 16 al 25 ottobre, giunto alla nona edizione, l’ultima (forse) diretta da Marco Müller. Si torna all’idea di Festa, in attesa di capire cosa proporrà il futuro…
  • Festival

    rotterdam-2015-cov932Rotterdam 2015

    La quarantaquattresima edizione del Festival di Rotterdam, primo grande appuntamento europeo dell'anno con il Cinema. Un caleidoscopio di visioni provenienti da ogni angolo del globo. Tutte le nostre recensioni.
  • Rotterdam 2015

    over-your-dead-body-recensioneOver Your Dead Body

    di Presentato a Rotterdam l’ultimo lavoro di Takashi Miike che, a modo suo, si rifà alla più famosa storia di fantasmi giapponesi, Tōkaidō Yotsuya kaidan.
  • Cannes 2015

    yakuza-apocalypse-takashi-miike-cov932Yakuza Apocalypse

    di Takashi Miike firma un folle pastiche avant-pop e demenziale, che mescola gli yakuza eiga all'horror, ai kaiju eiga, ai film di arti marziali. Con un ranocchio gigante da antologia. Alla Quinzaine des réalisateurs.
  • Torino 2015

    tag-2015-sion-sono-cov932Tag

    di Il percorso autoriale di Sion Sono, anno dopo anno, sembra somigliare sempre più a quello di Takashi Miike. E Tag è un film perfettamente “miikiano”, folle, convulso, a tratti confusionario per eccessiva affabulazione. Ma diverso da tutto.
  • Streaming

    shinjuku-triad-society-1995-takashi-miike-cov932Shinjuku Triad Society

    di In streaming sul nostro sito grazie all'accordo con VVVVID.it, il primo capitolo della cosiddetta "Black Society Trilogy", che rese noto il nome di Takashi Miike anche in occidente.
  • Cannes 2016

    terra-formars-2016-takashi-miike-cov932Terra Formars

    di Al Marché ci si è imbattuti anche nell'ultimo film di Takashi Miike, Terra Formars, adattamento poco brillante di un manga e di un anime già di loro dimenticabili.
  • Locarno 2016

    destruction-babies-2016-Tetsuya-Mariko-recensioneDestruction Babies

    di Presentato al Festival del Film Locarno nella sezione Cineasti del presente, Destruction Babies di Tetsuya Mariko è una storia di desolazione esistenziale, di vuoto assoluto delle nuove generazioni nipponiche che si esprime in una sequela interminabile di risse tra gang rivali.
  • Rotterdam 2017

    The-Mole-Song-Hong-Kong-Capriccio-2016-takashi-miike-recensioneThe Mole Song – Hong Kong Capriccio

    di Presentato all’International Film Festival Rotterdam il secondo capitolo della saga di Takashi Miike basata sul personaggio dell’agente talpa, infiltrato nelle organizzazioni criminali: The Mole Song – Hong Kong Capriccio.
  • Cannes 2017

    blade-of-the-immortal-2017-takashi-miike-cov932-932x460(1)Blade of the Immortal

    di Takashi Miike torna sulla Croisette fuori concorso con Blade of the Immortal, un jidaigeki screziato di horror tratto da un manga di Hiroaki Samura. Un divertissement che mostra il lato più ludico del regista giapponese, che allo stesso tempo torna a ragionare da vicino su tematiche a lui particolarmente care come il concetto di corpo e la coazione a ripetere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento