Astro Boy – Box 1

Astro Boy – Box 1

di

Grazie alla Dolmen possiamo riavvicinarci alle atmosfere splendidamente ingenue e profondamente umaniste delle opere di Tezuka. Astro Boy è ancor oggi assai gradevole ed è soprattutto il peculiare character design, marchio di fabbrica di Tezuka, a rappresentare un vero e proprio plus valore: la marcata caratterizzazione dei personaggi si sposa perfettamente con gli apprezzabili intenti didascalici della serie, capace di affrontare tematiche complesse.

Il ritorno di Tetsuwan Atom

Col passare del tempo gli appassionati di cinema d’animazione potranno, almeno in parte, essere “risarciti” dei tanti anni passati a cercare, con certosina pazienza e pochi risultati, una lunga serie di titoli che venivano colpevolmente trascurati o ignorati dalla distribuzione cinematografica e home video. A penare non poco sono stati, indubbiamente, tutti coloro che sono cresciuti nell’epoca d’oro degli anni Settanta (e primi anni Ottanta), indimenticabile periodo in cui i canali televisivi erano invasi dalle serie animate nipponiche: assaporare certi titoli e poi dover aspettare decenni non è certamente piacevole. Nelle ultime stagioni fortunatamente sono aumentati considerevolmente i titoli sugli scaffali delle videoteche e il recupero di alcune serie di culto non è più una chimera.

In molti, non solo i fan più attenti, ricorderanno sicuramente Astro Boy (1980-81), remake a colori della leggendaria serie Tetsuwan Atom di Osamu Tezuka, che nel 1963 diede il via all’animazione giapponese moderna, creando dal nulla un’industria oramai all’avanguardia (e pressoché irraggiungibile, con buona pace del resto del mondo). Osamu Tezuka, per i più disattenti, è considerato il più importante mangaka (ovvero, autore di fumetti) del Sol Levante, tanto da essere ricordato come Dio dei manga (Manga no Kamisama): oltre ad aver disegnato un numero infinito di tavole e albi (Buddha, Dororo, La storia dei tre Adolf, La fenice, MW, Kirihito), Tezuka è stato tra i protagonisti dell’animazione televisiva seriale (Kimba il leone bianco, La principessa Zaffiro, I bon bon magici di Lilly), dedicandosi anche alla realizzazione di lungometraggi dall’altalenante valore (Unico, Bremen 4, Bandar Book, Fumoon, Saiyuki) e, soprattutto, a cortometraggi e mediometraggi dal notevole spessore autoriale – tra i tanti, citiamo quantomeno Story of a Street Corner (1962), affidato alla regia di Eiichi Yamamoto, Mermaid (1964) e Legend of the Forest (1987).

Facile intuire, quindi, la rilevanza dell’uscita del primo box (saranno tre) di Astro Boy: grazie alla Dolmen, da sempre attenta al recupero dell’animazione giapponese di qualità (Anna dai capelli rossi, Heidi…), possiamo riavvicinarci alle atmosfere splendidamente ingenue e profondamente umaniste delle opere di Tezuka. Astro Boy, pur non rappresentando la vetta artistica del maestro giapponese, è ancor oggi assai gradevole ed è soprattutto il peculiare character design d’antan, marchio di fabbrica di Tezuka, a rappresentare un vero e proprio plus valore: la marcata caratterizzazione dei personaggi, tra l’altro rintracciabili in molte opere dell’autore (pratica comune nel Sol Levante: si pensi, anche se con dinamiche diverse, ad Hayao Miyazaki e Leji Matsumoto), si sposa perfettamente con gli apprezzabili intenti didascalici della serie, capace di affrontare tematiche complesse. Astro Boy, quasi una sorta di introduzione per i più piccini ad Isaac Asimov, andrebbe visto insieme a Metropolis (2001) di Rintaro, tratto dall’omonimo fumetto di Tezuka, e al misconosciuto Marine Express – L’espresso sottomarino, special televisivo in cui tutti i personaggi del Dio dei manga si ritrovano per una gustosa avventura.

Il primo box contiene quindici episodi:
Disco 1: La nascita di AstroBoy, Atlas, Il circo dei robot, SOS compagni di classe in pericolo, Il ritorno di Atlas.
Disco 2: Robotlandia, Frankenstein, Il gatto rosso, Il castello di cristalli, La corsa intorno all’equatore.
Disco 3: Il robot presidente, Il grande Damdam, Il robot invisibile, Una sorella tutta pepe, Robie e Robetta.
Oltre alla traccia in italiano, si può apprezzare la serie nella versione originale giapponese sottotitolata (DD 1.0). Extra di ordinanza con le sigle originali (iniziale e finale) e la galleria fotografica.
Info
Il canale TezukaAnime con Astro Boy e altri titoli.
Il primo bob di Astro Boy su ibs.it.
  • Astro-Boy-1980-1981-Noboru-Ishiguro-dvd-01.jpg
  • Astro-Boy-1980-1981-Noboru-Ishiguro-dvd-02.jpg
  • Astro-Boy-1980-1981-Noboru-Ishiguro-dvd-03.jpg
  • Astro-Boy-1980-1981-Noboru-Ishiguro-dvd-04.jpg
  • Astro-Boy-1980-1981-Noboru-Ishiguro-dvd-05.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Galaxy Express 999 – Memorial Box 1

    di , , L'umanità ha dilagato nello spazio, incontrando specie aliene su mondi strani e meravigliosi. Ma sulla Terra la situazione è senza speranza...
  • Serie

    Paranoia Agent

    di La giovane Sagi Tsukiko, divenuta popolare grazie al pupazzo Maromi, viene aggredita da un misterioso ragazzino, armato di mazza da baseball e con un paio di rollerblade ai piedi...
  • Streaming

    FLCL – Furi Kuri

    di , , , In streaming gratuito grazie alla piattaforma VVVVID, la miniserie d'animazione FLCL - Furi Kuri, un delirio sia narrativo che visivo. Un mix di rock, pop, punk, anime, manga, fantascienza, turbamenti giovanili...
  • Animazione

    Kyashan

    di , , Kyashan, creatura televisiva partorita dalla mente di Tatsuo Yoshida, venne alla luce per la Tatsunoko nel 1973. Quaranta anni più tardi è ancora un passaggio indispensabile per affrontare il mondo degli anime seriali.
  • Animazione

    Astro-BoyAstro Boy

    di Nel futuristico mondo di Metro City, una splendente metropoli che si trova nel cielo, il brillante scienziato dott. Tenma decide di creare Astro Boy, affinché prenda il posto del figlio tragicamente scomparso...
  • DVD

    rocky-joe-2Rocky Joe 2 – Box 1

    di Il cofanetto Rocky Joe 2 – Box 1 contiene i primi ventitré episodi della serie divisi in cinque dischi, da Il ritorno di Rocky Joe fino a La belva di ghiaccio...
  • Animazione

    In principio erano gli anime

    Queste brevi storie di buffi animaletti, creature leggendarie e monaci, influenzate dalla scuola americana ed europea e realizzate spesso con mezzi limitatissimi e senza strutture produttive, sono l'humus da cui sboccerà l'industria degli anime.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento