L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat

L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat

di ,

Il leggendario “primo film della storia del cinema”, durante la visione del quale alcuni spettatori sarebbero fuggiti dalla sala. L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat dei fratelli Lumière.

L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat (L’Arrivée d’un train à La Ciotat, 1895) è un’opera su cui grava un numero non indifferente di leggende cinefile. Ne volete sentire un paio: secondo alcuni il roboante – per quanto muto – ingresso in stazione della locomotiva rappresenterebbe la prima immagine filmata della storia, si tratterebbe del primo film mai proiettato e gli spettatori sarebbero fuggiti dalla sala nel vedersi piombare addosso, dal telone bianco, il treno.

Partiamo proprio da quest’ultimo aneddoto, il più difficile da smentire: non dubitiamo infatti che lo shock nel trovarsi catapultati in un universo a loro ignoto possa aver provocato nei destinatari di quest’opera reazioni a dir poco estreme. Ciononostante non vi sono conferme attendibili di quanto successo il 6 gennaio del 1896, per cui preferiamo soprassedere. Anche perché sugli altri due punti c’è ben poco di che dibattere: le prime immagini girate con una cinepresa risalgono addirittura al 1888, quando Louis Le Prince impressionò i pochi istanti – a noi sono pervenuti due secondi – di cui è composto Roundhay Garden Scene, e la prima proiezione pubblica riguarda sì un film dei Lumière, ma si tratta di L’uscita dalle fabbriche Lumière (proiettato per la prima volta il 22 marzo del 1895 durante un incontro della Societé d’Encouragement pour l’Industrie Nationale a Parigi). Non che queste precisazioni storiche riescano a scalfire il fascino di questo caposaldo della settima arte, capace di racchiudere in una sola inquadratura di pochi secondi il senso stesso del cinema: quello spazio vuoto a sinistra, sul quale si apre L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat e che di fatto sbilancia il punto di vista dello spettatore, viene riempito con forza deflagrante dall’irrompere del treno, quasi potessimo avvertirne la forza in maniera palpabile.
L’avrete già visto centinaia di volte, ma ci sembrava giusto riproporvelo. Buona visione.

Info
La pagina wikipedia dedicata a L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat.
L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat su Imdb.

Articoli correlati

  • Pordenone 2014

    Early Japanese Cinema a Pordenone: i gendaigeki

    Seconda parte del programma delle Giornate di Pordenone dedicato alle opere della collezione dell’Università Waseda, questa volta dedicata ai film di ambientazione contemporanea, i gendaigeki.
  • Pordenone 2014

    Early Japanese Cinema a Pordenone: i jidaigeki

    Il programma dedicato alle origini del cinema giapponese in cartellone alla 33esima edzione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Corti

    Louis Le PrinceRoundhay Garden Scene e Leeds Bridge – I corti di Louis Le Prince

    di Il cinema degli albori, anni prima dei fratelli Lumière, dell'arrivo del treno e degli spettatori parigini in fuga dalla sala. L'immagine in movimento secondo Louis Le Prince.
  • Animazione

    Feline Follies RecensioneFeline Follies

    di Corto di indubbio valore storico, Feline Follies possiede la magica aura dell'animazione pionieristica, con le sue amabili ingenuità e le gag surreali...
  • Animazione

    In principio erano gli anime

    Queste brevi storie di buffi animaletti, creature leggendarie e monaci, influenzate dalla scuola americana ed europea e realizzate spesso con mezzi limitatissimi e senza strutture produttive, sono l'humus da cui sboccerà l'industria degli anime.
  • Libri

    Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli

    Pubblicato da Artdigiland, Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli, è un prezioso libro-intervista a un grande autore della fotografia, capace di passare da Dario Argento ad Antonioni, a Maurice Pialat, Nanni Moretti, Franco Brusati e molti altri.

1 Commento

  1. Trackback: 40 anni di Star Wars – I quaderni di Anna D'Alberto

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento