Hotel Transylvania

Hotel Transylvania

di

La mise-en-scène di Tartakovsky, ammirevole anche nelle sequenze meno significative, è il salvagente a paperella di Hotel Transylvania, un lungometraggio che corre veloce come una serie televisiva pur di coprire la pochezza e prevedibilità della trama.

Il talento

Benvenuti nell’Hotel Transylvania, il lussuoso albergo a cinque stelle di Dracula, il resort in cui i mostri e le loro famiglie possono spassarsela, liberi di esprimere la propria mostruosità senza alcun essere umano nei paraggi a rovinargli la festa. Per festeggiare il 118° compleanno di sua figlia Mavis, Dracula ha invitato alcuni dei mostri più famosi al mondo per un weekend molto speciale: Frankenstein e consorte, la Mummia, l’Uomo Invisibile, una famiglia di lupi mannari e tanti altri. Per Dracula, provvedere al divertimento di questi amici famigerati non è certo un problema; tuttavia il suo mondo potrebbe essere distrutto se un essere umano giungesse per caso nel suo hotel, diventando addirittura amico di Mavis… [sinossi]

Gennadij Borisovič Tartakovskij, meglio conosciuto come Dženndi o Genndy Tartakovsky, è un genio. Russo di Mosca, trapiantato da bambino negli Stati Uniti, è cresciuto a pane, fumetti e animazione. Poi, dotato da madre natura di talento grafico e di un’indubbia sensibilità registica, ha fatto le fortune delle serie animate a stelle e strisce: Il laboratorio di Dexter (1996-2003), Le Superchicche (1998-2005), Samurai Jack (2001-2004) e Star Wars: Clone Wars (2003-2005). Basterebbe uno qualsiasi dei cinquantadue episodi di Samurai Jack per intuire le potenzialità cinematografiche di Tartakovsky, arrivato finalmente sul grande schermo con il divertente ed esile Hotel Transylvania, computer grafica 3D targata Sony Pictures Animation.

Il genio, appunto. La mise-en-scène di Tartakovsky, ammirevole anche nelle sequenze meno significative, è il salvagente a paperella di un lungometraggio che corre veloce come una serie televisiva pur di coprire la pochezza e prevedibilità della trama, condita a quattro mani da Peter Baynham (Il figlio di Babbo Natale) e Robert Smigel (tra le penne del Saturday Night Live). Divertente, si diceva: Hotel Transylvania è un flusso di gag senza soluzione di continuità, con tormentoni che si rincorrono, personaggi ben tratteggiati (e non solo graficamente) ma immersi in un calderone narrativo fatto di padri troppo protettivi e figlie alla scoperta del mondo. Insomma, un teen movie visto dalla parte dei genitori e, più in generale, una commediola sulla famiglia, di vampiri, licantropi o mostri vari. Da monster movie a teen movie il passo è breve.

L’idea, come l’incipit, è stuzzicante ed è sostenuta da una computer grafica inappuntabile: non si cercano mirabilie inutili, ma le animazioni sono fluide, ricche di dettagli quando necessario e, cosa ancor più importante, il character design non è l’ennesimo clone pigramente rimodellato. Dietro a Hotel Transylvania c’è una chiara concezione dell’animazione, quantomeno a livello artistico e tecnico. Lo studio sul design di Dracula e soci, funzionale a una lunga serie di gag, è però sperperato da uno script che mostra presto la corda: le gag sono una coperta troppo corta e la parte centrale, tra fughe e inseguimenti, mostra tutti i limiti di un progetto passato probabilmente attraverso troppe mani e troppi registi – alla Sony, dal 2006 al 2011, sono passati da David Feiss (Mucca e pollo) e Anthony Stacchi (Boog & Elliot a caccia di amici) a Jill Culton (Boog & Elliot a caccia di amici), Chris Jenkins (produttore e sceneggiatore di Surf’s Up) e, infine, il prode Tartakovsky.

Di Hotel Transylvania ci restano lo spirito allegro, la gag della zombie e del temibile topolino del cuoco, la frecciatina alla saga di Twilight, la battuta “fuoco brutto”, gli occhioni della pipistrellina triste, e i già citati character design (perfino quello dell’uomo invisibile). Insomma, restano dei frammenti, tanti frammenti. Ma la somma non torna, perché non può bastare il talento di Tartakovsky, fortunatamente già lanciato verso un nuovo progetto cinematografico.
Per la Sony Pictures Animation, altalenante nelle sue produzioni (vale la pena recuperare Piovono polpette, Il figlio di Babbo NatalePirati! Briganti da strapazzo), non è un passo indietro, piuttosto a lato, in attesa del grande colpo, del film che possa proiettarla nell’Olimpo della DreamWorks, per gli incassi, e della Pixar, per la qualità. Basterebbe dare carta bianca a Tartakovsky.

Info
Il sito ufficiale di Hotel Transylvania.
Hotel Transylvania su facebook.
Il trailer italiano di Hotel Transylvania.
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-01.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-03.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-05.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-07.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-09.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-11.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-12.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-13.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-14.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-15.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-16.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-17.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-18.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-19.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-20.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-21.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-22.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-23.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-24.jpg
  • Hotel-Transylvania-2012-Genndy-Tartakovsky-25.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Il-figlio-di-Babbo-NataleIl figlio di Babbo Natale

    di Tra intenti didascalici non troppo melensi e un condivisibile richiamo a un sano spirito natalizio, Il figlio di Babbo Natale procede a un ritmo assai elevato, a partire dall'incipit che sembra preso in prestito da Mission: Impossible...
  • Animazione

    Piovono polpette

    di , Il giovane inventore Flint Lockwood, cercando di debellare la fame nel mondo, scopre un modo per far piovere letteralmente cibo dal cielo...
  • Animazione

    Epic – Il mondo segreto

    di Mary Katherine, un'adolescente che ha perso la madre e che deve ricucire il rapporto con l'eccentrico padre, scopre casualmente un mondo fantastico nel bosco...
  • Animazione

    La scuola più pazza del mondo

    di Nella scuola elementare St. Claire arrivano in visita tre simpatiche bambine: la peste Mako, la vanitosa Miko e la secchiona Mutsuko...
  • In sala

    Hotel-Transylvania-2Hotel Transylvania 2

    di Indirizzato, come il suo predecessore, al pubblico più giovane, Hotel Transylvania 2 non aggiunge molto a quanto visto nel prototipo, presentando anzi uno script più sfilacciato e pretestuoso.
  • Speciali

    Vampiri al cinema: Innocent Blood - Un viaggio nell'oscuritàVampiri al cinema – Innocent Blood

    Un viaggio nell'oscurità: il mito del vampiro illuminato dalla luce della macchina da presa. Cento e più anni di succhiasangue sul grande schermo.
  • Animazione

    Il gatto con gli stivali RecensioneIl gatto con gli stivali

    di Spolpato fino all'osso l'orco verde, che già al secondo episodio mostrava la corda, alla DreamWorks non restavano che due strade: imbarcarsi in uno stiracchiato spin-off o imbastire una nuova storia e dei nuovi personaggi. Il gatto con gli stivali è la scelta facile, la via più breve...
  • Buone feste!

    Dracula di Bram Stoker RecensioneDracula di Bram Stoker

    di Dracula di Bram Stoker è il primo film a cui Francis Ford Coppola lavora dopo aver portato a termine la trilogia de Il padrino; attraverso le lenti deformanti dell'orrore il regista rielabora la storia stessa del cinema – arte non-morta per eccellenza – e riflette su di sé.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento