La Santa

La Santa

di

Il cinema popolare rivive, dopo Song’e Napule dei Manetti Bros., anche ne La santa, secondo lungometraggio da regista per Cosimo Alemà presentato all’interno dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma. Un noir secco e puntuto, che sembra guardare ai b-movie dei tempi andati.

La piccola provincia

Dante, Gianni, Agostino e Diego sono quattro balordi intenzionati a rubare la statua della Santa di un paesino del sud Italia. In una comunità in cui religione e feroce superstizione convivono in equilibrio precario, le reazioni possono essere imprevedibili, e molto violente. Quando i quattro si accorgono di aver commesso il più grande errore della loro vita, è troppo tardi… [sinossi]

Uno dei segnali più incoraggianti rintracciabili nei film selezionati all’interno dell’ottava edizione del Festival Internazionale del Film di Roma arriva senza alcun dubbio dal cinema ‘popolare’ italiano. Fuori dalla competizione ufficiali sono stati infatti presentati sia Song’e Napule, omaggio al poliziottesco dei Manetti Bros., sia La Santa, opera seconda di Cosimo Alemà. Per quanto si tratti di due operazioni nel complesso risolte con successo, si avverte una sostanziale differenza nell’approccio alla materia: da un lato i Manetti, che come loro abitudine prendono di petto un genere per costruirvi attorno un patchwork dalle tinte fortemente inclini al pop, e dall’altro Alemà che con La Santa allestisce invece un b-movie secco e puntuto, pressoché privo di fronzoli.

Prima ancora che i protagonisti della vicenda, in una delle sequenze meno ispirate del film, si rimpallino citazioni cinefile, lo spettatore ha modo di cogliere i riferimenti di Alemà, che evitano buona parte del panorama nostrano per muoversi piuttosto in direzione di un recupero di quelle atmosfere ansiogene e claustrofobiche che ben colsero lo stato di sottile e perpetua paranoia in cui veniva svezzata l’adolescenza statunitense del post-Sessantotto. Già a partire dall’ambientazione, il profondo e assolato sud d’Italia, si può notare la scelta a suo modo coraggiosa di Alemà, che decide di costruire le dinamiche di un thriller claustrofobico lavorando su un microcosmo che fa invece degli spazi aperti uno dei suoi tratti distintivi: in questo senso emblematica la bella sequenza nella quale Diego cerca la fuga attraverso l’uliveto. Una natura curata, ordinata, “amica” si trasforma in un luogo labirintico, con il pericolo capace di annidarsi dietro ogni tronco. Lo stesso paesino di Nebula (la salentina Specchia nella realtà) diventa quasi da subito un non-luogo, dedalo di strade prive di una loro logica topografica, in cui i quattro banditi – piuttosto improvvisati – non potranno trovare alcuna via d’uscita.

Nella costruzione di questo mood paranoide si avverte con decisione la mano di Alemà, che come già nel precedente At the End of the Day si dimostra soprattutto un ottimo metteur en scéne, meno abile semmai nella costruzione del dialogo. Anche qui, in effetti, alcuni scambi di battute, soprattutto nella prima metà del film, sembrano girare a vuoto, ma si tratta in ogni caso di un difetto secondario, che non inficia se non in minima parte il giudizio generale sull’opera, decisamente positivo. Perfino l’inconsistenza del piano ordito dai quattro (perché una statua di una santa qualunque, tra le migliaia che sono reperibili nelle chiesette paesane del meridione, dovrebbe essere oggetto di un furto? Chi dovrebbe essere interessato all’acquisto della reliquia?) passa in secondo piano rispetto a una mirabile costruzione scenica, e alla capacità di Alemà di gestire la tensione montante.

Dispiace semmai per un finale buttato via, gestito male fin dall’irruzione in scena di un personaggio fino a quel momento visto solo di sfuggita e piuttosto raffazzonato rispetto al resto dell’impianto visivo. Sarebbe però un peccato concentrare l’attenzione sulle falle del film senza cogliere lo spirito sincero e appassionante de La Santa, nella speranza che il cinema di Alemà riesca a spiccare il volo una volta per tutte.

Info
La Santa sul canale youtube Rai Com.
La Santa, deleted scene #1.
  • La-Santa-2013-Cosimo-Alema-01.jpg
  • La-Santa-2013-Cosimo-Alema-02.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2014

    Anime nere RecensioneAnime nere

    di Primo film italiano in concorso a Venezia 71, Anime nere di Francesco Munzi è una bella sorpresa. Un film "nero" su 'ndrangheta, vincoli familiari, vendette e miti antichi, che scavalca i confini del genere...
  • Archivio

    Take Five RecensioneTake Five

    di Dopo Là-bas, la seconda regia di Guido Lombardi è una riscrittura, tutta napoletana, de I soliti ignoti. Pur se alla lunga si sente l'assenza di ritmo, il film fa sperare in un ritorno del cinema di genere.
  • Archivio

    Song'e Napule RecensioneSong’e Napule

    di , Il divertente e riuscito omaggio al poliziottesco firmato dai Manetti Bros., dopo essere stato presentato al Festival di Roma, approda in sala...
  • Archivio

    Là-bas – Educazione criminale

    di Castel Volturno, trenta chilometri da Napoli. Un commando di camorristi irrompe in una sartoria di immigrati africani, sparando all'impazzata e uccidendo sei ragazzi di colore...
  • Festival

    Roma 2013

    Sdoganando l’Auditorium come luogo d’incontro cinematografico (ma non solo), Müller ha potuto amalgamare alcuni titoli di forte interesse per il grande pubblico con l’interesse per un cinema di ricerca, già cifra stilistica della sua direzione all'epoca di Venezia...
  • Festival

    Fantafestival 2014

    La trentaquattresima edizione del festival capitolino dedicato al cinema dell'orrore e del fantastico: tutte le nostre recensioni e gli articoli dal Fantafestival 2014.
  • Archivio

    Lo chiamavano Jeeg Robot RecensioneLo chiamavano Jeeg Robot

    di L'esordio di Gabriele Mainetti ha rappresentato l'unica autentica sorpresa della decima edizione della Festa del Cinema di Roma: un film supereroistico che, con (auto)ironia, mostra una possibile via nostrana al genere.
  • In sala

    Zeta

    di Tentativo di racconto di un mondo, e di una sottocultura percepita come affine, Zeta si sfalda in una narrazione poco centrata ed episodica, segnando una battuta di arresto per il cinema di Cosimo Alemà.
  • DVD

    La polizia chiede aiuto RecensioneLa polizia chiede aiuto

    di Originale ibridazione tra poliziottesco e truculento giallo italiano anni Settanta, La polizia chiede aiuto di Massimo Dallamano cerca anche il dramma dalle tinte sociologiche, ma vale molto di più come puro film di genere. In dvd per Surf Film e CG.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento