Midnight Special

Midnight Special

di

Nichols declina a suo modo la science fiction avventurosa degli anni Settanta e Ottanta, innervandola di autorialità e di un umanesimo che indaga fin nelle pieghe più profonde i legami affettivi: un cinema di genitori e figli, questa volta alle prese con un dichiarato omaggio a Carpenter, a Spielberg e a una modalità narrativa che ama(va) il racconto e i suoi tempi. Impreziosito dall’immancabile presenza di Michael Shannon, Midnight Special è in concorso alla Berlinale 2016.

Seconda stella a destra

Roy, il figlio di otto anni Alton e l’amico Lucas sono in fuga da una setta religiosa e da un gruppo di agenti governativi. Ricercati in lungo e in largo, Roy e Lucas proteggono ad ogni costo il piccolo Alton, dotato di misteriosi poteri sovrannaturali… [sinossi]

Jeff Nichols non nasconde le evidenti e nobili fonti d’ispirazione. Midnight Special trasuda cinema carpenteriano e spielberghiano, e pesca a piene mani da movimenti di macchina, suggestioni sonore, intuizioni narrative – Incontri ravvicinati del terzo tipo, E.T. L’extra-terrestre, Starman, ma anche le avventure sci-fi scricchiolanti e disneyane Incredibile viaggio verso l’ignoto e Ritorno dall’ignoto. Non solo un omaggio ma una dichiarazione d’intenti: la piena adesione a un cinema che non è facilmente replicabile, che concede al racconto e all’avventura il tempo per decantare, per imboccare nuove strade, con detour (im)previsti, e che distillata la componente sci-fi con parsimonia fino al crescendo finale, allo stupore, alla rivincita del fantastico sul reale.

Nichols lavora per buona parte della pellicola di sottrazione, catapultando lo spettatore nel bel mezzo della fuga di Roy, Lucas e Alton. Le ruote aggrediscono l’asfalto, Nichols non si nega promettenti movimenti di macchina e note corpose, ma Midnight Special è un’avventura on the road che anche nelle sequenze più movimentate predilige la dimensione intima e drammatica. La natura evidentemente derivativa della pellicola permette a Nichols e agli spettatori di focalizzarsi sui successivi piani di lettura, sulla centralità della sfera affettiva, sulla linearità sentimentale e umana del viaggio del piccolo Alton e soprattutto della sua famiglia allargata e sui generis – Lucas, il roccioso Joel Edgerton, è un amico fraterno, uno zio acquisito, una specie di angelo custode.

Midnight Special è fantascienza a misura d’uomo, plasmata su un immaginario (e un’immagine sovrapposta) ottimista: l’alieno non è un invasore ma una possibile guida, un essere superiore e benevolo. Un osservatore antropomorfo. Un ipotetico super-uomo. Insomma, Spielberg d’antan o il Carpenter di Starman, che doveva fare i conti con Hollywood dopo la batosta de La Cosa. La stessa dimensione drammatica è via via stemperata dall’indole degli inseguitori (la setta religiosa, l’FBI & Co.), così da spostare definitivamente l’attenzione sul viaggio, sul vero movimento necessario, accantonando la fede per la fiducia: la lunga fuga non è che un passo, quel piccolo e necessario passo che i genitori devono compiere. Il distacco è molto più difficile e doloroso dei chilometri d’asfalto divorati, delle pallottole evitate e prese, di uno schianto in macchina. Molto interessanti, in questo senso, i movimenti di macchina che deviano dai binari della fuga per seguire una traiettoria diretta, altra: nell’incipit e nel finale la mdp abbandona la vettura, disegnando un percorso ideale, privo di ostacoli, finalmente accompagnato dal movimenti di allontanamento di/su Roy (Michael Shannon) e Sarah (Kirsten Dunst).

Ancora una volta, Nichols affida la sua creatura alla presenza scenica e al talento di Michael Shannon [1]. Roy/Shannon è l’attore/padre dalle fattezze quasi monumentali: spalle larghe, mani grandi, roccioso, apparentemente invincibile, con un amore sconsiderato che gli si legge in faccia, in ogni ruga, in ogni silenzio, nelle esplosioni di rabbia. È con l’intensità drammatica della performance di Shannon, con questa marcata immersione nella sfera affettiva, ancor più che con l’oculata gestione degli effetti speciali e del design alieno, che Midnight Special riesce ad aggiungere o quantomeno aggiornare gli stilemi degli anni Settanta/Ottanta. Pur stemperata dalle parentesi affidate a Adam Driver (Sevier), la preponderante carica emotiva è il plus valore della pellicola, è la sua ragion d’essere.

Guardando Midnight Special viene da pensare alla fantascienza umanista e purtroppo sottostimata di Alexander Key, ai suoi giovani protagonisti – non solo i fratellini extraterrestri di Witch Mountain, ma anche Conan di The Incredible Tide. Con i suoi occhialini buffi e i suoi occhi misteriosi, Alton si aggiunge idealmente a questa galleria di piccoli eroi, di figli del futuro. Accanto a loro, per una parte del viaggio, c’è sempre una figura paterna o materna. Poi il viaggio continua, ma la vita è così.

Note
1.
Shannon è presente nei cinque film diretti da Nichols: oltre a Midnight Special, Loving (2016), Mud (2012), Take Shelter (2011) e l’opera prima Shotgun Stories (2007).
Info
Midnight Special su facebook.
Il sito ufficiale di Midnight Special.
Midnight Special sul sito della Berlinale.
Il trailer originale di Midnight Special.
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-01.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-02.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-03.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-04.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-05.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-06.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-07.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-11.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-12.jpg
  • Midnight-Special-2016-Jeff-Nichols-13.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2017

    Incontri ravvicinati del terzo tipo

    di Il primo incontro tra il cinema di Steven Spielberg e gli esseri provenienti da un altro pianeta. Un classico intramontabile, in cui giganteggia un eccellente Richard Dreyfuss. Alla Mostra di Venezia 2017 nella sezione dedicata ai restauri in digitale.
  • Festival

    Berlinale 2016

    La sessantaseiesima edizione della magmatica kermesse berlinese: l'apertura con i fratelli Coen, i film del concorso, di Forum, di Panorama, di Generation, le splendide sale e la città, la fiumana di gente...
  • Festival

    Berlinale-2016Berlinale 2016 – Presentazione

    Al via la Berlinale 2016. La consueta immersione in una fiumana di film, sezioni, retrospettive. La 66a edizione della magmatica kermesse berlinese apre con Hail, Caesar! dei fratelli Coen: nell'ottica festivaliera, un mix perfetto di cinefilia e glamour.
  • Archivio

    Mud RecensioneMud

    di Sospeso tra azione e introspezione Mud di Jeff Nichols finisce per prendere un ritmo eccessivamente convulso, ma si avvale di un'ottima regia e di un cast eccellente.
  • Archivio

    super-8Super 8

    di J.J. Abrams firma un accorato omaggio al cinema "sull'infanzia", di cui fu maestro indiscusso Steven Spielberg. Un gioiello da non lasciarsi sfuggire.
  • Archivio

    Corsa a Witch Mountain

    di La difficile vita di Jack Bruno, un tassista di Las Vegas, viene ulteriormente complicata dall'incontro con due adolescenti in fuga, Sara e Seth, che un bel giorno saltano improvvisamente dentro al suo taxi...
  • Prossimamente

    LovingLoving

    di In concorso a Cannes 2016, Loving è un biopic che preferisce la quotidianità di una lunga storia d’amore alla spettacolarità della classica declinazione processuale, lasciando volutamente fuori fuoco la Corte Suprema, la Legge, la Storia.
  • Archivio

    Star Trek Beyond RecensioneStar Trek Beyond

    di Archiviato l'ambizioso reboot in due atti di J. J. Abrams, non è difficile intuire le coordinate di Star Trek Beyond, episodio in tono minore, a velocità di crociera, naturale assestamento di un franchise che si nutre di serialità.
  • Trieste S+F 2018

    Freaks RecensioneFreaks

    di , Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, Freaks di Adam B. Stein e Zach Lipovsky è un low budget ricco di idee, capace di rielaborare un immaginario apparentemente saturo e di creare fertili paradossi spazio-temporali.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento