Whitney

Whitney

di

È come sempre solidissimo il cinema dello scozzese Kevin Macdonald, al Festival di Cannes 2018 con Whitney, documentario che ricompone tassello dopo tassello la parabola della cantante afroamericana Whitney Houston, icona pop degli anni Ottanta e Novanta, risucchiata in un pozzo oscuro e profondo, fino alla morte prematura. Macdonald è chirurgico, scava e ricostruisce, allarga lo sguardo, ci immerge nella luce e nelle ombre. Era nata una stella.

Guide Me, O Thou Great Jehovah

Ha venduto 200 milioni di album. Detiene il record per il numero più alto di prime posizioni consecutive in classifica, superando Diana Ross & The Supremes e i Beatles. Nel 2006 il Guinness dei Primati l’ha dichiarata «l’artista più premiata e famosa di tutti i tempi». La sua canzone I Will Always Love You è il singolo più venduto di un cantante. Dietro i dischi, le voci, gli scandali, i segreti e la gloria, ecco la vera Whitney Huston… [sinossi]

Le intenzioni di Macdonald sono subito chiare. Come il consueto approccio, la puntuale documentazione, i grandi mezzi a disposizione. E quella credibilità costruita titolo dopo titolo, dal primo lavoro in famiglia The Making of an Englishman (1995), passando per Un giorno a settembre (1999), premiato con l’Oscar, fino ai più recenti Life in a Day (2011) e Marley (2012)1. Le scelte del cineasta scozzese e del montatore Sam Rice-Edwards ci mettono di fronte già nell’incipit di Whitney a fertili contrapposizioni: l’inizio scoppiettante, ritmato e danzante, con tutti i colori e le cotonature degli anni Ottanta, col reaganismo/edonismo alle stelle e il profluvio pop, è ben presto incrinato dal bianco e nero degli anni Sessanta, da un contesto storico, politico e culturale assai diverso, quasi speculare. L’estetica da MTV, quella sua superficie patinata e rassicurante, non può certo nascondere a lungo le cariche della polizia, la violenza, le proteste. Non in un documentario di Macdonald, che alla inchieste meticolose, a uno sguardo attento e al giornalismo d’antan ha dedicato una pellicola mainstream non banale, State of Play, stretto parente etico/morale del precedente L’ultimo re di Scozia.

Il contesto storico e politico, ma anche umano e famigliare, religioso e scolastico, è la base di partenza per raccontare la vita e la parabola professionale e personale di Whitney Huston, per sondare le contraddizioni, per scavare sotto la superficie – sotto i colori pop, sotto la pelle artificiale dei videoclip, dei servizi fotografici, dell’immagine abbacinante di cantante, modella, diva. Diva e donna felice. Bambina felice. Apparentemente.
Pezzo per pezzo, Macdonald ricostruisce infanzia e adolescenza della piccola Whitney. Della piccola Nippy. È più doloroso sentirla chiamare Nippy, vederla quando era Nippy, bambina e poi (straordinaria) adolescente. Bravissima, certo. Ma anche bellissima. Figlia della musica, principessina di una famiglia di incredibile talento: la madre Emily “Cissy” Houston, le zie Dee Dee Warwick e Dionne Warwick. E, immancabilmente, figlia di Dio – la chiesa battista occupa una posizione centrale nella vita della sua famiglia, nel bene e nel male.

Macdonald è chirurgico, scava e ricostruisce, allarga lo sguardo, ci immerge nella luce e nelle ombre. Mette insieme i pezzi di un microcosmo dorato (la gavetta musicale con la madre, la scuola di prim’ordine, la chiesa, il quartiere lontano dai pericoli e dalle difficoltà della comunità afroamericana) e poi, uno a uno, li seziona, analizza, rovescia.
Incalzante come un’inchiesta giornalistica d’antan, ma anche come un melodramma famigliare degli anni Cinquanta, Whitney è un susseguirsi di informazioni, suggestioni, immagini, domande. E risposte. Il colpo in canna di Macdonald (l’abuso subito da bambina, proprio all’interno del nucleo famigliare, tra i sette e i nove anni) ha fatto subito il giro del mondo, riaprendo la questione Whitney Huston e condannando probabilmente Dee Dee Warwick a una postuma ed eterna gogna, ma sono altri i tasselli da tenere a mente. La scabrosa rivelazione finale non cala infatti dall’alto, ma è quasi il naturale punto di arrivo della sistematica decostruzione della famiglia Huston, che sulle spalle della figlia prediletta si è appollaiata, ha goduto di fortune e baccanali, restando impavidamente a guardare la parabola discendente della diva. E allora torniamo all’incipit programmatico, alla superficie e al suo svelamento, alle contrapposizioni tra l’immagine proiettata verso l’esterno e la più complessa e cupa realtà. Al destino speculare della figlia. A quel Whitney/Whitey che suonava come una condanna della frangia più estrema della comunità nera, ma che ha diversi piani di lettura: da un lato, l’inno nazionale cantano al Super Bowl del 1991, una canzone mal digerita dagli afroamericani; dall’altra, i muri abbattuti dai suoi successi, la musica (anche) nera che entra in tutte le casa, un ruolo hollywoodiano che prima di lei era appannaggio di dive rigorosamente bianche. In questo senso, l’intervento più interessante è proprio quello di Kevin Costner, il suo bodyguard di celluloide, che coglie perfettamente il senso del finale di Guardia del corpo, il valore di quel movimento di macchina, di quel bacio. Era nata una stella. I Will Always Love You.

Note
1 Nipote di Emeric Pressburger, al quale ha dedicato il suo primo documentario The Making of an Englishman, Macdonald può vantare una valida filmografia anche sul versante fiction. Citiamo quantomeno L’ultimo re di Scozia (2006), State of Play (2009), The Eagle (2011) e il film TV Oasis (2017). Tra i documentari che hanno goduto di popolarità e ampia distribuzione segnaliamo La morte sospesa (2003) e Il nemico del mio nemico – CIA, nazisti e guerra fredda.
Info
La scheda di Whitney sul sito di Cannes 2018.
Il trailer originale di Whitney.
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-01.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-02.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-03.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-04.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-05.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-06.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-07.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-08.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-09.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-11.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-12.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-13.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-14.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-15.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-16.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-17.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-18.jpg
  • Whitney-2018-Kevin-Macdonald-19.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Archivio

    Black Sea RecensioneBlack Sea

    di Un efficace e più che sufficiente thriller sottomarino che rilegge la tradizione tipica del genere attualizzandola alla luce di tensioni e asprezze molto contemporanee, senza spiccata originalità ma con indistruttibile solidità.
  • Archivio

    Marley RecensioneMarley

    di La firma di Macdonald è prontamente riconoscibile: ordinato, puntuale, didascalico ma mai banale o scontato, Marley ripercorre l'arte e vita dell'icona del reggae, sondandone ispirazione e vita privata, luci e ombre, nobiltà ed eccessi...
  • Archivio

    The Eagle RecensioneThe Eagle

    di Kevin Macdonald con The Eagle riesce a far tornare vivo e vitale un genere come il peplum, altrimenti sepolto dai fasti del passato. Protagonista un ottimo Channing Tatum.
  • AltreVisioni

    Life in a Day RecensioneLife in a Day

    di Invitati a illustrare una giornata della loro vita, gli utenti di centonovantasette paesi hanno inviato circa ottantamila cortometraggi. Così è nato un gigantesco progetto mondiale...
  • Archivio

    State of Play RecensioneState of Play

    di Cal McAffrey, un esperto reporter di Washington dotato di un'incrollabile determinazione ed energia, riesce a dipanare un fitto mistero che vede coinvolte le figure politiche e imprenditoriali più illustri dell'intera nazione...
  • Interviste

    Intervista a Kevin MacdonaldIntervista a Kevin Macdonald

    Il regista scozzese Kevin Macdonald, classe 1967 e nipote del grande Emeric Pressburger, incontra la stampa italiana in occasione dell'uscita nelle sale cinematografiche del Bel Paese della sua ultima fatica cinematografica, il solido State of Play.
  • Archivio

    Janis RecensioneJanis

    di Biopic musicale dedicato a una delle voci più urticanti e destabilizzanti della storia del rock, Janis è un’operazione non originale, ma in grado di scaldare il cuore e di stringere le viscere esattamente come i brani epocali della rocker di Port Arthur.
  • Archivio

    The Rolling Stones Olé Olé Olé RecensioneThe Rolling Stones Olé Olé Olé

    di Racconto didascalico di un importante evento musicale, The Rolling Stones Olé, Olé, Olé! sfrutta col minimo sforzo il valore aggiunto legato al linguaggio universale del rock.
  • Archivio

    Mamma Mia! Ci risiamo RecensioneMamma Mia! Ci risiamo

    di Con buona pace delle new entry, Mamma Mia! Ci risiamo di Ol Parker non fa che narrare la difficoltà di trascinare qui gli interpreti del film precedente, per posizionarli in una nuova vetrina che resta tale e non prevede alcuno sviluppo dei loro percorsi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento