Fairytale

Fairytale

di

Presentato in concorso al 75° Locarno Film Festival, Fairytale (Skazka) è la nuova opera del grande Aleksandr Sokurov, che torna a riflettere sul tema del potere immaginando una sua Divina Commedia, un mondo dell’oltretomba, dove si ritrovano Stalin, Hitler, Churchill e Mussolini, incrociando Gesù Cristo e Napoleone.

Divina Commedia senza castigo

I corpi di Gesù Cristo e Joseph Stalin giacciono l’uno a fianco dell’altro. Solo il secondo si animerà e comincerà a vagare per un purgatorio, insieme a Hitler, Churchill e Mussolini. Divagazioni ideologiche, riflessioni sulla vita sono al centro delle loro conversazioni, dove ognuno parla la propria lingua. Consapevoli di essere ormai immortali. [sinossi]

Nubi, tuoni, luce: un caos primordiale governa l’incipit dell’ultimo film di Aleksandr Sokurov, Fairytale (il titolo originale russo è Skazka), presentato in concorso al 75 Locarno Film Festival. In una sorta di purgatorio, si ritrovano Hitler, Mussolini, Churchill e Stalin. C’è una grande porta che si apre ogni tanto che prefigura un’ascesa al paradiso, un paradiso senza fine. Quando arriva Hitler viene detto che non potrebbe in realtà essere accolto in quel mondo, non potrebbe farne parte ma unicamente in quanto suicida. Le coordinate morali, e storiche, sono provocatoriamente messe in discussione. Cristo continua a giacere mentre Stalin si alza in piedi. Che c’entra Churchill con i grandi criminali della Storia? Ma forse del premier inglese, in quanto parte della coalizione dei vincitori, non ci si ricorda dei bombardamenti di Dresda, veri e propri crimini contro l’umanità.

Figurativamente Sokurov organizza una composizione come un collage, anche esibitamente grossolana, tra filmati di repertorio delle quattro figure storiche, che si ritagliano in paesaggi disegnati in chiaroscuro alla Piranesi, vedute capriccio, nebbia, architetture contorte e decadenti, villaggi abbarbicati su colli leggendari, rovine, grotte, grovigli di radici e rami, folle indistinte inneggianti i dittatori nelle loro passerelle sul loro podio, ammassi di cadaveri, soldati morti, oche sparpagliate, gabinetti con tre scarichi d’acqua. Un universo metafisico dove trionfa il wagneriano Crepuscolo degli Dei. Un lavoro ormai molto semplice con il digitale, che permette di fare tutto anche senza attori o ricostruzioni sceniche reali. Ma che in mano al Maestro russo rimane un qualcosa di estremamente rigoroso, guidato da una visione alta, del cinema, dell’arte, dell’etica.

In Fairytale confluiscono alcune coordinate della poetica del grande cineasta russo. Torna ovviamente l’interesse per i despoti della sua tetralogia del potere, della quale riprende ora il solo dittatore tedesco. Ancora una volta colti in una sorta di fase senile, insensibile, come se ignorassero gli orrori della Storia di cui sono stati responsabili, come si evince in quella frase di Hitler in Moloch che ignora cosa sia Auschwitz, o in quello scambio di battute tra l’imperatore Hirohito e il generale MacArthur, ne Il Sole, che negano le proprie responsabilità rispettivamente per Pearl Harbour e Hiroshima. Sono le figure della Storia colte nella loro dimensione umana, nella vita quotidiana, nei loro capricci di uomini di potere. Ci sono dibattiti tra questi sulle ideologie, ideologie fluide. Mussolini, che è stato prima socialista, che afferma di essere apprezzato da Lenin, che definisce una realtà il fascismo al contrario del comunismo che è un’utopia; Stalin che reputa i comunisti quali i migliori cristiani. Sokurov ancora una volta realizza un’autopsia della Storia, scandaglia la storia della civiltà umana con le sue contraddizioni, naviga nelle sue pieghe non accontentandosi di letture facili e manicheiste. Vale la riflessione su un popolo, quello tedesco, che ha prodotto i più grandi filosofi e musicisti, ed è stato al contempo capace di essere grande nel male e di progettare l’Olocausto.

Confluisce anche in Fairytale la Divina Commedia, il progetto che il cineasta russo covava da tempo, sempre rinviato per le emergenze degli ultimi due anni. Un’opera che evidentemente Sokurov filtra con la sensibilità della grande letteratura russa. Se nella concezione di Dante il castigo è qualcosa di imprescindibile, i personaggi storici non solo rimangono impuniti, ma nemmeno provano i rimorsi e i sensi di colpa di un Raskòl’nikov. Ma esiste una giustizia d/nella Storia? E come Dante Sokurov manifesta la sua presenza, in una battuta di Hitler che esorta a non ascoltare il regista russo, a non lasciare spazio alla malinconia, ma ad andare avanti.

C’è il pittoricismo, c’è quella tensione figurativa che ha sempre guidato l’opera del Maestro Sokurov, che qui si traduce in un’estetica da inchiostro, da chiaroscuro, da litografia, tra Gustav Dorè e Piranesi. E a proposito di quest’ultimo, Fairytale condivide certe visioni architettoniche verticali, quasi alla Escher. Se pensiamo all’opera più celebre del grande incisore veneto, le Carceri, possiamo chiederci se Sokurov assegni all’arte quella giustizia negata dell’umanità. Per un autore che ha più volte contemplato la dimensione del museo, della raccolta di opere d’arte, dei grandi contenitori della memoria dell’umanità, l’Ermitage nell’Arca russa e il Louvre in Francofonia, si tratta ora di mettere in scena una fiera degli autori delle atrocità, un’esposizione dei despoti come in un museo delle cere.

Info
Fairytale sul sito di Locarno.

  • fairytale-2022-skazka-aleksandr-sokurov-03.jpg
  • fairytale-2022-skazka-aleksandr-sokurov-02.jpg
  • fairytale-2022-skazka-aleksandr-sokurov-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    75. Locarno Film Festival, presentato il programma

    È stato presentato oggi a Berna e a Bellinzona il programma del 75. Locarno Film Festival. La seconda edizione diretta da Giona A. Nazzaro conferma la linea di continuità con il passato pur proponendo sempre uno sguardo aperto a 360 gradi sulla contemporaneità.
  • Pesaro 2020

    The Nose or Conspiracy of Mavericks recensioneIl naso o la cospirazione degli anticonformisti

    di Passato a Rotterdam 2020 prima dell’apocalisse Covid-19, The Nose or Conspiracy of Mavericks del veterano russo dell’animazione Andrej Khrzhanovskiy ha aperto il Cinema in Piazza (del Popolo, felice coincidenza per un’opera che ha nel popolo il suo nume tutelare) della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.
  • Archivio

    Francofonia

    di Tra i titoli più attesi del concorso della Mostra del Cinema di Venezia 2015, Francofonia è un’immersione nell’orrore della Seconda guerra mondiale e nello splendore dell’Arte, del Louvre. Della dimensione spazio-temporale del Louvre. Cinema che si reinventa, che sperimenta e rielabora.
  • Speciali

    Arca Russa, cinema senza montaggio – Terza parte

    Il 27 marzo 2013 il regista russo Aleksandr Sokurov ha tenuto il workshop "Arca russa, cinema senza montaggio" nell'ambito dell'iniziativa L’immagine e la parola promossa dal Festival del Film di Locarno...
  • Speciali

    Arca Russa, cinema senza montaggio – Seconda parte

    Il 27 marzo 2013 il regista russo Aleksandr Sokurov ha tenuto il workshop "Arca russa, cinema senza montaggio" nell'ambito dell'iniziativa L’immagine e la parola promossa dal Festival del Film di Locarno...
  • Speciali

    Arca russa, cinema senza montaggio

    Il 27 marzo 2013 il regista russo Aleksandr Sokurov ha tenuto il workshop "Arca russa, cinema senza montaggio" nell'ambito dell'iniziativa L’immagine e la parola promossa dal Festival del Film di Locarno...
  • DVD

    Alexandra

    di Distribuito in home video da Eskimo e Koch Media, Alexandra è un'operazione ibrida che ricorda da vicino un altro film di guerra (nel senso più ambiguo nonché metaforico del termine), Confession, che Sokurov girò nel 1998 per la televisione nazionale...
  • Festival

    Locarno 2022

    Ricco come sempre il programma di Locarno 2022, settantacinquesima edizione del festival ticinese. Tra grandi autori e nuove scoperte, la solita attenzione ai mondi meno battuti della settima arte e al recupero di classici del passato (la sontuosa retrospettiva dedicata a Douglas Sirk).
  • Locarno 2022

    aleksandr sokurov intervistaIntervista ad Aleksandr Sokurov

    Durante la settantacinquesima edizione del Festival di Locarno abbiamo incontrato Aleksandr Sokurov; l'occasione, data dalla presenza in concorso del suo nuovo film Fairytale, ha permesso di dialogare col regista russo sull'arte, il potere, la Storia, e ovviamente il cinema.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento