Kingsman – Il cerchio d’oro
Mirabolante spy-action, Kingsman - Il cerchio d'oro raddoppia compulsivamente l'eccentricità del precedente capitolo, tanto da far pensare che l'ossessiva ricerca dell'imprevedibile non porti ad altro che a una scoppiettante prevedibilità. Leggi tutto
Suburbicon
Scritto a otto mani dai fratelli Coen, da Clooney e dal fidato Heslov, Suburbicon è un divertissement brillante, capace di intrattenere con secchiate di humor nero e sana violenza, e di veicolare ideali pienamente condivisibili. In concorso a Venezia 2017. Leggi tutto
Wonderstruck
In concorso a Cannes 2017, Wonderstruck insegue per due ore la "meraviglia" senza mai raggiungerla. Per la prima volta, il cinema di Haynes sembra incapace di penetrare sotto la superficie delle immagini, incapace di andare oltre la luccicante messa in scena. Leggi tutto
Freeheld
Nonostante l'impegno profuso dalle protagoniste Julianne Moore ed Ellen Page, Freeheld è un melodramma stantio sul tema del riconoscimento dei diritti omosessuali, dove l'impeto della tesi sovrasta e annichilisce il racconto. Alla decima edizione della Festa del Cinema di Roma. Leggi tutto
Il settimo figlio
Il russo Sergej Bodrov fa il suo esordio in terra americana con un fantasy, ispirandosi al primo di un ciclo di romanzi scritti dall'inglese Joseph Delaney: ma Il settimo figlio, nel risultato, risente della scarsa dimestichezza del regista con il genere. Leggi tutto
Still Alice
Intenso e struggente, anche se evasivo quando si tratta di mostrare le più dure conseguenze della malattia, Still Alice di Richard Glatzer e Wash Westmoreland ha nella coinvolgente performance di una Julianne Moore in stato di grazia il vero motore portante. Al Festival di Roma nella sezione Gala. Leggi tutto