Suburbicon

Suburbicon

di

Scritto a otto mani dai fratelli Coen, da Clooney e dal fidato Heslov, Suburbicon è un divertissement brillante, capace di intrattenere con secchiate di humor nero e sana violenza, e di veicolare ideali pienamente condivisibili. Ipocrisia wasp demolita pezzo per pezzo. Clooney e soci giocano col sogno della villetta con giardino e lo spauracchio dell’integrazione, sparigliando chiaramente le carte. Come ci ha insegnato Lynch, gli incubi possono trovare terreno fertile (anche) nei giardini ben curati. Ieri come oggi.

A sangue freddo

Suburbicon è una pacifica e idilliaca comunità periferica caratterizzata da case a buon mercato e giardini ben curati. Il luogo perfetto dove crescere una famiglia. È esattamente quello che stanno facendo i Lodge nell’estate del 1959. Tuttavia, l’apparente tranquillità cela una verità inquietante, quando il marito e padre Gardner Lodge è costretto a farsi strada nel lato oscuro della città fatto di tradimento, inganno e violenza. Questa è la storia di persone imperfette e delle loro scelte sbagliate. Questa è Suburbicon… [sinossi]
I’m not racist, I just don’t want colored people as my neighbors.
da Crisis in Levittown (1957) di Lee Bobker e Lester Becker.

Kansas, autunno 1959. Perry Edward Smith e Richard Eugene Hickock, due sbandati, uccidono quattro componenti della famiglia Clutter, placidi agricoltori benestanti. Questo fatto di cronaca nera si tramuterà in un celeberrimo e alquanto discusso romanzo – A sangue freddo di Truman Capote – e resterà una delle chiavi di lettura della fine di un’epoca, di un’illusione collettiva. Il sogno che si tinge di nero; le case e villette con giardino che perdono tragicamente la loro verginità, imbrattandosi di sangue; la campagna che scopre quella violenza che si pensava solo urbana. Le pagina di Capote sono l’humus di un immaginario e di una narrazione degli Stati Uniti riconducibile al cinema dei Coen; al cinema di Clooney. Riecheggia quel cambiamento di prospettiva in Non è un paese per vecchi, e riecheggia anche in Suburbicon, ma beffardamente capovolto. Coenianamente capovolto.

La sceneggiatura dei Coen era pronta negli anni Ottanta, ma le dinamiche della fabbrica dei sogni (e degli incubi) è spesso imprevedibile e i cassetti si chiudono per anni e decenni, per poi riaprirsi all’improvviso. Buon per Clooney, che recupera terreno dopo Monuments Men, tornando al fertile cinismo di Confessioni di una mente pericolosa, all’afflato democratico de Le idi di marzo. Apertamente politico, ma non stucchevole o fastidiosamente didascalico, Suburbicon è un divertissement brillante, un giocattolo che scorre su diversi binari: comicità nerissima (notevole il duetto Julianne Moore/Oscar Isaac) e suspense d’antan (la sequenza nella stanza di Nicky e poi nello sgabuzzino) incastonate in un meccanismo narrativo prevedibile ma sagacemente oliato, e il parallelo sguardo ai difficoltosi passi dell’integrazione razziale, uno scrutare quasi lynchiano tra l’erba perfettamente tagliata, in cerca di qualche brandello di carne, di vermi all’opera.

Cast lussuoso, dai protagonisti di grido a solidissimi comprimari come Glenn Fleshler, e ipocrisia wasp demolita pezzo per pezzo. Clooney e soci giocano col sogno americano, con le geometrie impeccabili delle villette a schiera. Giocano coi colori pastellosi e caramellosi, con la meravigliosa utopia di George Bailey, con le illusioni à la Pleasantville, partendo però dalla più terrena e redditizia impresa di William Levitt, con le sue Levittown spuntate come funghi nel fertile terreno del nord-est. Pennsylvania, Maryland, New York, e poi persino Porto Rico.
Realizzato nel 1957 da Lee Bobker e Lester Becker, il documentario Crisis in Levittown è lo specchio di un razzismo naturale, intrinseco. Lo specchio di uno stile di vita. Lo specchio di ieri e di oggi. La radice culturale del successo di Trump, dei rigurgiti destroidi e di tutti quei muri che dividono aree geografiche, città, quartieri. Suburbicon è Levittown e Capote, è il rovesciamento del pregiudizio, lo svelamento dell’orrorifica ipocrisia. La fine del sogno. Il filo conduttore che lega Scappa – Get Out a Society – The Horror e La fabbica delle mogli non vuole rompersi, ci insegue e perseguita. E così è fin troppo facile riconoscere le dinamiche di Suburbicon, di Crisis in Levittown, dei muri e delle ruspe. Dei Trump di ieri e di oggi. Dei Trump di quartiere.

Autore di un cinema apertamente democratico, sempre ottimamente confezionato, e sostenuto da colleghi di talento, Clooney si conferma un cineasta (nelle sue molteplici declinazioni di regista, sceneggiatore e attore) solido, figlio sia della Hollywood classica che della New Hollywood. Intrattenimento e politica. What else?

Info
Il trailer originale di Suburbicon.
La scheda di Suburbicon sul sito di Venezia 2017.
Lo streaming di Crisis in Levittown.
  • Suburbicon-2017-George-Clooney-01.jpg
  • Suburbicon-2017-George-Clooney-02.jpg
  • Suburbicon-2017-George-Clooney-03.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2017 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra, tra sale, code, film, colpi di fulmine e ferali delusioni: il consueto appuntamento con il Minuto per minuto, cronaca festivaliera con aggiornamenti quotidiani, a volte anche notturni o drammaticamente mattinieri...
  • Festival

    Venezia 2017

    La Mostra del Cinema di Venezia 2017, dalla proiezione di preapertura di Rosita di Ernst Lubitsch al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • Prossimamente

    Scappa – Get Out

    di Esiste razzismo negli States post-Obama? E se sì, in che modo si articola? Con Scappa - Get Out, l'attore Jordan Peele esordisce alla regia per la Blumhouse tracciando con intelligenza i contorni di un thriller che guarda agli stati d'allucinazione degli anni '70.
  • In Sala

    Ave, Cesare!

    di , Apertura della Berlinale 2016, divertissement cinefilo e metalinguistico, parata di stelle di oggi e, idealmente, di ieri: Ave, Cesare! (Hail, Caesar!) è un noir, un peplum, un musical, un western, una commedia romantica...
  • In Sala

    Tomorrowland – Il mondo di domani

    di Dopo l'ultimo episodio del franchise di Mission: Impossible, Brad Bird resta con Tomorrowland nel cinema live action, in un progetto che risente troppo del contrasto tra la sua fantasia e l'invadente marchio disneyiano.
  • Archivio

    The Monuments Men (2014) di George ClooneyMonuments Men

    di Alla sua quinta regia, George Clooney firma un romanzone bellico polifonico inneggiante al coraggio degli uomini e al valore dell'arte, con qualche sermone di troppo.
  • Archivio

    Gravity

    di La dottoressa Ryan Stone è un brillante ingegnere biomedico alla sua prima missione spaziale insieme al veterano Matt Kowalsky. Durante una passeggiata di routine, succede l’imprevisto...
  • Archivio

    Paradiso amaro

    di Quando la moglie entra in coma a causa di un incidente in barca, Matt King si trova solo con le due figlie adolescenti, Alexandra e Scottie, a confrontarsi col suo passato di padre assente...
  • Archivio

    Le idi di marzo

    di Gli ultimi frenetici giorni della corsa per le primarie in Ohio, in cui un giovane addetto stampa viene coinvolto in uno scandalo politico...
  • Archivio

    luomo-che-fissa-le-capreL’uomo che fissa le capre

    di Il giornalista Bob Wilton è a caccia della sua prossima grande storia quando si imbatte in Lyn Cassidy, un personaggio ombroso che afferma di far parte di un’unità militare sperimentale degli Stati Uniti. Secondo Cassidy, il New Earth Army sta cambiando il modo di fare la guerra...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento