Napoli Napoli Napoli

Napoli Napoli Napoli

di

Operazione a tratti farraginosa, Napoli Napoli Napoli funziona soprattutto per quel che concerne l’aspetto meramente documentario, dove il film dimostra la forza e la capacità di portare davanti ai nostri occhi una realtà partenopea troppo spesso celata.

Poggioreale nel Destino

Dopo una serie di interviste realizzate nel carcere femminile di Pozzuoli, Ferrara, colpito dalle dichiarazioni fatalistiche delle detenute, ha innestato sulle loro storie di vita tre diverse narrazioni, scritte con tre diversi sceneggiatori. Di Vaio ha rielaborato la sua esperienza personale di detenuto, Braucci ha costruito una storia di crescita che passa attraverso un battesimo di sangue, Lanzetta ha composto un dramma familiare in cui si alternano violenza, speranza e vendetta… [sinossi]

Strano il destino di un regista come Abel Ferrara: cresciuto nel Bronx, nipote di italiani, ha esordito al cinema come autore di film porno (Nine Lives of a Wet Pussy, anno domini 1976, il titolo in questione), per poi dedicarsi a un’estremizzazione della poetica metropolitana e violenta che rese celebre Martin Scorsese. Opere come Driller Killer e Paura su Manhattan rappresentano con ogni probabilità l’aspetto più laido, scorbutico e schizoide del cinema statunitense anni ’80; raggiunta la consacrazione internazionale con un mucchietto di titoli assolutamente imperdibili (Il cattivo tenente, The Addiction, Fratelli, fino al solitamente sottostimato Blackout), Ferrara ha gradualmente iniziato a perdere consensi. Molti attribuiscono questa inversione di tendenza per quanto riguarda la qualità artistica dei suoi parti creativi alla dipendenza dalle droghe, altri si accontentano di un ben meno scandalistico riferimento a una fin troppo comune perdita di ispirazione. Com’è come non è, negli ultimi anni Ferrara si è barcamenato tra opere ambiziose destinate a rimanere nel limbo delle buone intenzioni disattese (Mary) e prodotti clamorosamente sbagliati fin dalla loro genesi (pensiamo in particolar modo all’imbarazzante Go Go Tales): non sorprenderà quindi nessuno sapere che, pur nelle sue palesi imperfezioni, Napoli Napoli Napoli rappresenta uno degli apici artistici di Ferrara nell’ultimo decennio, per lo meno dai tempi de Il nostro Natale, portato a termine nel 2001.

Napoli Napoli Napoli è un film dalla doppia faccia: da un lato rappresenta l’incursione di Ferrara nel mondo del documentario, alla ricerca delle testimonianze di vita carceraria rilasciate dalle ospiti di una casa di detenzione femminile (e più in generale interrogandosi sull’emergenza sociale del capoluogo campano), dall’altro si insinua nella fiction nel tentativo di collegare tre vicende in grado di fungere da paradigma del sottobosco umano e criminale che abita la città. Per raggiungere questo doppio obiettivo Ferrara, che certo non si può considerare un esperto di Napoli, si affida al lavoro di sceneggiatura condotto da Giuseppe Lanzetta, Maurizio Braucci, Maria Grazia Capaldo e Gaetano Di Vaio, e a un team di produttori indipendenti interessati a unire le forze per portare a termine l’opera. Proprio questa frammentazione del lavoro, suddiviso tra troppe menti con ogni probabilità non sempre in perfetto accordo tra loro, è l’elemento che scardina l’ossatura di Napoli Napoli Napoli, evidenziandone gli aspetti meno limpidi.
Operazione a tratti farraginosa, Napoli Napoli Napoli funziona soprattutto per quel che concerne l’aspetto meramente documentario: pur non potendo evitare interventi di politici più o meno interessati ad apparire piuttosto che ad approfondire la discussione – su tutti si veda il discutibile intervento del sindaco Rosa Russo Jervolino – il film ha la forza e la capacità di portare davanti ai nostri occhi una realtà troppo spesso celata. Nascosto dietro la grande ombra della camorra, esiste a Napoli un microcosmo criminale che le gravita intorno pur non facendone direttamente parte: è l’universo dei taccheggiatori, dei ladruncoli da vicolo, degli spacciatori di mezza tacca. Un’umanità reietta che non ha però la possibilità di uscire dalla sua condizione, anche e soprattutto per colpa di uno Stato che non ha alcun interesse a modificare la questione. È nei volti delle donne che si susseguono sullo schermo, narrandoci la loro vita senza vergogna ma con la consapevolezza di essere colpevoli tra i colpevoli, che riscontriamo la scintilla vitale che fa di Napoli Napoli Napoli qualcosa di più di un mero compitino su commissione. È solo lì che Ferrara riesce davvero a ritrovare le linee guida del suo percorso autoriale: in fin dei conti cosa hanno questi disgraziati di diverso rispetto ai criminali da strapazzo che spesso hanno affollato in passato il cinema del regista newyorchese?

Dispiace semmai rimarcare l’artificio esasperato che inficia la forza della componente fictionale, riducendola nella maggior parte dei casi allo sberleffo, e costringendolo a un’ignominia che sarebbe potuta essere evitata con una maggior accortezza di scrittura e di montaggio: resta, semmai, la sublime entrata in scena di Ernesto Mahieux, sorta di deus ex machina involontario, anche se forse si tratta di una consolazione relativa. Chissà se Abel Ferrara riuscirà mai a ritrovare la spinta creativa che alimentò la sua poetica tra la fine degli anni ’80 e la metà del decennio successivo: per ora resta il piacere di vederlo imbracciare la chitarra sul palco e cantare, durante un concerto di Francis Kuipers – qui anche autore della bella colonna sonora – dimostrando una verve di non poco conto. Paradossalmente un progetto all’apparenza di passaggio come Napoli Napoli Napoli potrebbe servire a rigenerarlo e a spingerlo verso progetti più personali. Come non augurarselo?

Info
Il sito della società di produzione e distribuzione di Napoli Napoli Napoli.
  • napoli-napoli-napoli-2009-abel-ferrara-01.jpg
  • napoli-napoli-napoli-2009-abel-ferrara-02.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2014

    Welcome to New York

    di Discusso (per via del personaggio affrontato), desiderato (lunghissime erano le file a Cannes per vederlo), infine distribuito in VoD (a partire dal 22 maggio): è Welcome to New York il nuovo, geniale film di Abel Ferrara.
  • Archivio

    Pasolini

    di Lontano da tentazioni biopic così come da elucubrazioni saggistiche, Abel Ferrara con Pasolini dà forma all'incompiuto e ristabilisce il predominio dell'opera sul suo autore.
  • Roma 2014

    Largo Baracche RecensioneLargo Baracche

    di Vincitore del premio Doc/it alla nona edizione del Festival di Roma, Largo Baracche è il terzo film da regista di Gaetano Di Vaio in cui torna a raccontare la marginalità napoletana, stavolta osservata dalla prospettiva dei Quartieri Spagnoli.
  • DVD

    Il cattivo tenente

    di Esce in DVD per Rarovideo Il cattivo tenente, capolavoro di Abel Ferrara che sconvolse il Festival di Cannes giusto vent'anni fa. Tra gli extra, l'ottimo documentario It all happens here.
  • Cult

    The Driller Killer RecensioneThe Driller Killer

    di Con il suo secondo lungometraggio, The Driller Killer, Abel Ferrara realizza una giocosa e crudele allegoria sull'arte e chi la crea.
  • Interviste

    Intervista ad Abel Ferrara

    Il cinema di Abel Ferrara è radicale, sovversivo, spiazzante e lo ha dimostrato ancora una volta con i suoi due film più recenti, Welcome to New York e Pasolini, entrambi del 2014. Ora è al lavoro su un progetto su Padre Pio. Lo abbiamo incontrato a Roma, dove vive stabilmente da due anni.
  • DVD

    Chelsea on the Rocks

    di In una commistione caotica e a tratti perfino disturbante tra realtà e ricreazione della stessa, Chelsea on the Rocks di Abel Ferrara è comunque uno degli inni d'amore più appassionati che New York abbia ricevuto negli ultimi anni. In dvd grazie alla BIM.
  • Venezia 2016

    Robinù RecensioneRobinù

    di Nell’ambito del Cinema nel Giardino a Venezia 73, Michele Santoro presenta Robinù: inchiesta sulle gang giovanili che imperversano nei quartieri di Napoli. Veri e propri bambini soldato che diventano eroi popolari nel quartiere.
  • Cannes 2017

    Alive in France

    di Presentato alla Quinzaine, Alive in France di Abel Ferrara è un giocoso bakstage della tournée oltralpe del regista e della sua band, che restituisce tutta la forza propulsiva della sua creatività.
  • Venezia 2017

    Piazza Vittorio

    di La piazza più multiculturale di Roma viene raccontata da Abel Ferrara in Piazza Vittorio, presentato fuori concorso: un documentario a tratti troppo ingessato, a tratti ruspante e vivace.
  • TFF 2019

    The Projectionist recensioneThe Projectionist

    di Con The Projectionist Abel Ferrara firma il ritratto di Nicolas Nicolaou, uno degli ultimi esercenti cinematografici indipendenti di una New York sempre più gentrificata, a uso e consumo della upper class. Ne viene fuori un lavoro accorato sulla resistenza intellettuale, sulla necessità del mescolarsi delle culture e delle etnie, sul passato (glorioso) che cerca di opporsi all'invasione di un moderno (mediocre). Al Torino Film Festival in Festa Mobile.
  • Berlinale 2020

    Siberia

    di La Siberia in cui è recluso e si reclude Clint, il protagonista del nuovo film di Abel Ferrara, è un luogo della mente, un posto dove affrontare e confrontarsi con gli spiriti del proprio passato. In concorso alla Berlinale numero settanta ha risvegliato sentimenti molto distanti tra loro.
  • Cinema

    occhi di serpente recensioneOcchi di serpente

    di Occhi di serpente è un penetrante e doloroso scavo interiore, quasi bergmaniano nel gioco di specchi riflettenti tra il feroce film da camera che Eddie Israel sta girando e le identità che si spezzano fuori dal set. Un'opera teorica e viscerale allo stesso tempo, con un eccellente Harvey Keitel.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento