Film Socialisme

Film Socialisme

di

Una sinfonia in tre atti a partire dal Mediterraneo e da una nave di crociera, dove si incrociano conversazioni, citazioni, lingue e formati video differenti: Film Socialisme di Jean-Luc Godard, presentato in Un certain regard alla 63esima edizione del Festival di Cannes.

Una sinfonia in tre movimenti. Cose come: Il Mediterraneo, una nave da crociera. Numerose conversazioni, in numerose lingue, tra i passeggeri, quasi tutti dei quali sono in vacanza…Un vecchio, un criminale di guerra accompagnato da sua nipote. Un famoso filosofo francese. Un rappresentante della polizia di Mosca. Un cantante americano. Un ambasciatore palestinese. È una questione d’oro, come era prima con gli Argonauti, ma quello che si vede (l’immagine) è molto diverso da quello che si sente (la parola). Di notte, una sorella e un fratello minore hanno chiamato i loro genitori a comparire davanti al giudice della loro infanzia. Uno dei genitori, infatti, deve apparire in televisione per presentarsi come candidato alle elezioni locali a… [sinossi]

Per Godard il cinema è sempre stato uno strumento di rivelazione della realtà, nelle sue forme più complesse, nel modo ostinatamente politico, nella ricerca profonda (che persegue da sempre) di indagine sulle possibilità del cinema. Questo il forte filo conduttore che percorre tutta la sua filmografia, che alle parole, alla sua “ostinazione” nel volerle filmarle, dedica gran parte dell’attenzione. Le fa vivere, ne traccia il segno sullo schermo, le trasforma in cinema, portando, a sua volta il cinema stesso a farsi saggio esemplare di sincretismo. Presentato con grande attesa in Un certain regard alla 63esima edizione del Festival di Cannes, Film Socialisme è tutte queste cose insieme.
“Sinfonia in tre atti” secondo la definizione dello stesso regista, è suddiviso in tre momenti/movimenti, a partire da una crociera nel Mediterraneo (Des choses Comme ça), posto ideale per riunire tute le istanze di un discorso stratificato e complesso, dove la storia delle civiltà che l’attraversano si incontra con il nostro tempo, si scontrano con il microcosmo di viaggiatori ostaggio della società globale, impegnata in lezioni di ginnastica, serate di ballo, piscina, conferenze e attese. Conversazioni tra un filosofo, un’agente di polizia russa, un ambasciatore palestinese, un criminale di guerra che discutono usando frasi di Benjamin, Derrida, Sartre, Marlauxm, Goethe, Pirandello, Heidegger. Su questa nave si parlano molte lingue, come già Manoel de Oliveira ci aveva mostrato, anticipando il viaggio attraverso il nostro tempo contemporaneo e, di fatto, preparandoci ad una pluralità che non è solo linguistica, ma si fa dialogo tra epoche e espressioni. Perché accanto alle parole dei pensatori moderni, Godard inserisce dialoghi e schegge di film, per fare due volte il giro di questo Méditerranée (così amato, infatti, da Jean-Daniel Pollet da cui ruba un frammento), nelle immagini (dense e dai colori accesi e magnifici) e nei discorsi, che trovano miracolosamente sempre una convergenza. Ecco cosa significa paragonare ciò che, di fatto sarebbe imparagonabile.

Il secondo tempo (Quo Vadis Europa) ci porta nella provincia francese, dove due bambini dalle spiccate attitudini al comando pongono ai genitori domande sulla Rivoluzione francese e sul significato delle idee che l’hanno guidata.
Infine un viaggio tra le città e i paesi della nostra Storia (Nos Humanités): l’Egitto, dove tutto ebbe origine, la Grecia e la sua tragedia, la Palestina, Napoli e la resistenza partigiana, Odessa e la rivoluzione, Barcellona e la manifestazione popolare comunista, dove si legge uno striscione che ha ispirato il titolo Film Socialisme.
Histoires du cinéma che si insinuano in una narrazione del tutto rarefatta, dove immagini, musica e parole arrivano ad una tale sinergia da non poter più essere percepite indipendentemente. Nuove frontiere del cinema che, per Godard danzano sulle note di Chat Baker, Beethoven, Mina, mentre Patty Smith vaga tra i corridoi della nave, con la chitarra appoggiata sulla spalla che osserva il mare di notte.
“Le idee ci separano, i sogni ci avvicinano”, come il sogno che porterebbe fine alla pace in Medio Oriente: “Appena Israeliani e Palestinesi introdurranno nei loro territori sei milioni di cani come vicini e inizieranno a parlarne e a giocare con loro, invece di occuparsi di altro”.

Info
Il trailer di Film Socialisme.
  • film-socialisme-2010-jean-luc-godard-001.jpg
  • film-socialisme-2010-jean-luc-godard-002.jpg
  • film-socialisme-2010-jean-luc-godard-003.jpg
  • film-socialisme-2010-jean-luc-godard-004.jpg
  • film-socialisme-2010-jean-luc-godard-005.jpg
  • film-socialisme-2010-jean-luc-godard-006.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    Le livre d'image RecensioneLe livre d’image

    di Le livre d'image è il ritorno a Cannes in concorso di Jean-Luc Godard a quattro anni di distanza da Adieu au langage. Una riflessione sul cinema/feticcio, sulle religioni del libro e sulla fede incrollabile - ma destinata al fallimento - nelle potenzialità dell'immagine.
  • In sala

    Bande à part RecensioneBande à part

    di Movies Inspired, seguendo la linea già tracciata da Cinema Ritrovato e Lab 80, riporta in sala in versione restaurata Bande à part di Jean-Luc Godard, uno dei titoli più iconoclasti e celebri tra i primi lavori del cineasta svizzero trapiantato in Francia. Un omaggio ai noir low budget d'oltreoceano, ma non solo...
  • Blu-ray

    Sympathy for the Devil

    di Sympathy for the Devil è One Plus One, vale a dire il titolo del produttore contro il titolo dell'autore. Jean-Luc Godard incontra i Rolling Stones, affronta il maggio parigino, si confronta con se stesso e si combatte, fuori e dentro la scena. In un doppio imperdibile blu-ray per la Koch Media le due versioni di un film (s)perduto.
  • Buone feste!

    Charlotte et Véronique

    di Charlotte et Véronique, noto anche con il titolo (in realtà un sottotitolo) Tous les garçons s'appellent Patrick, è il terzo cortometraggio diretto da Jean-Luc Godard, stavolta su sceneggiatura di Eric Rohmer.
  • Locarno 2017

    Grandeur et décadence d’un petit commerce de cinéma

    di Presentata in versione restaurata al Locarno Festival questa opera poco nota di Jean-Luc Godard del 1986: Grandeur et décadence d'un petit commerce de cinéma è una riflessione sulla grandezza del cinema classico del passato.
  • Cannes 2017

    Il mio Godard

    di Godard interpretato da Garrel pontifica sulla falsità del recitare, sulla rivoluzione, sugli operai e i contadini, e ovviamente sul cinema. È Il mio Godard di Michel Hazanavicius, sbalestrato e reazionario sguardo sul padre della nouvelle vague. Incredibile ma vero, in concorso a Cannes 2017.
  • In sala

    Il disprezzo

    di Il disprezzo di Jean-Luc Godard torna in sala in versione integrale e restaurata, permettendo così finalmente agli spettatori italiani di incontrare sul grande schermo un capolavoro che all'epoca venne martoriato dalla produzione di Carlo Ponti.
  • DVD

    Vento dell’est

    di , , , Dopo il '68 e il Maggio francese nulla è più come prima, occorre un nuovo cinema davvero militante. Vento dell'est di Jean-Luc Godard è cinema nel suo (non-)farsi, è negazione del cinema e dell'idea d'autore. È negazione di se stesso e riflessione su un nuovo cinema più umile, vero attore di processi rivoluzionari. In dvd per Minerva/Rarovideo e CG.
  • In Sala

    Adieu au langage

    di Il cinema di Jean-Luc Godard è sempre proteso in avanti e contemporaneamente ancorato a ciò che fu, e Adieu au langage non fa che confermarlo. Dolorosamente impossibile trovare un altro regista in grado di lavorare come lui sul senso della visione.
  • CITAZIONE

    Jean-Luc Godard citazioneJean-Luc Godard – Citazione 1

    È ora di smetterla di fare film che parlano di politica. È ora di fare film in modo politico.

    Jean-Luc Godard
  • DVD

    Agente Lemmy Caution: missione Alphaville

    di Personale e orwelliana rilettura della fantascienza orchestrata da Godard a partire dalle suggestioni poetiche de La capitale de la douleur di Paul Eluard, Alphaville è un'opera che non assomiglia a nulla, forse neanche nella filmografia del regista svizzero.
  • Archivio

    Al di là delle montagne

    di Jia Zhangke fa esplodere il suo cinema in un ritratto della Cina recente e futura che è allo stesso tempo una riflessione abbacinante sulla storia dell'immagine digitale: Al di là delle montagne, tra i migliori film della 68esima edizione del Festival di Cannes e ora in sala.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento