Le ricette della Signora Toku

Le ricette della Signora Toku

di

Pellicola di apertura di Un Certain Regard di Cannes 2015, Le ricette della Signora Toku è l’ennesimo tassello di un percorso autoriale raro e ammirevole. Il cinema umanista della Kawase, qui in una versione su piccolissima scala, continua a sondare le nostre vite.

I fagioli magici

I dorayaki sono dei piccoli dessert tradizionali giapponesi, composti da due pancake farciti di marmellata di fagioli rossi. Tokue, una gentile e anziana signora, cerca di convincere Sentarō, il venditore di dorayaki, ad assumerla nel suo piccolo negozio. Tokue conosce i segreti dell’anko, la squisita marmellata di fagioli rossi, e la sua ricetta diventa presto un ingrediente irrinunciabile per i dorayaki… [sinossi]

Lontano dalle suggestioni estetiche di Still the Water, in concorso a Cannes 2014, Le ricette della Signora Toku (An) si deve accontentare dell’apertura di Un Certain Regard. Un passo a lato, ma non indietro: l’ultima pellicola della Kawase è intrisa della solita coerenza poetica, ennesimo tassello di un percorso autoriale raro e ammirevole. La traiettoria disegnata dalla Kawase con Le ricette della Signora Toku è rigorosamente minimalista, lineare, chiara e universale – insomma, una pellicola che si avvicina timidamente al grande pubblico, in un percorso non dissimile dalle ultime opere di Hirokazu Kore-eda, Father and Son e Our Little Sister.

Di tanto in tanto, sia nella scrittura che nella messa in scena, sembrano affiorare in Le ricette della Signora Toku delle forzature, delle increspature, come se il cinema della Kawase non riuscisse ad adattarsi completamente a questa “normalizzazione”: la maggiore libertà delle opere precedenti – un corpus poetico ed estetico di rara sensibilità – permetteva alla regista giapponese di evitare senza sforzo le trappole e pastoie della narrazione tradizionale. Nel minimalismo lineare di Le ricette della Signora Toku, racchiuso in un microcosmo davvero piccino piccino, alcuni passaggi narrativi e personaggi smarriscono la loro naturalezza, il loro contatto simbiotico con i ciliegi in fiore, con le gustose frittelle, con la marmellata di fagioli rossi. Si percepisce l’assenza delle sue consuete ellissi narrative, di quei fertili vuoti da riempire. E così l’armonia del cinema della Kawase sembra disperdersi, indebolirsi. Allontanandosi un po’ dalla pellicola, (ri)trovando la giusta distanza, Le ricette della Signora Toku ci appare tuttavia come un affresco sincero, persino troppo trasparente: la vita, la natura, il ciclo delle stagioni, il corpo e le sue ferite, il passato e la memoria sono sempre al centro dell’opera della Kawase e trovano nei tre personaggi e nelle loro differenti età (la giovane studentessa Wakana, il venditore di dorayaki Sentarō e l’anziana Tokue) un veicolo perfetto e commovente.

Il minuscolo negozio di Sentarō diventa il centro gravitazionale di tre esistenze, il punto di ripartenza della circolarità dell’esistenza: un rifugio, quasi una prigione, per Sentarō; una nuova casa, una famiglia, per Wakana; la realizzazione tardiva, la felicità e una futura fonte di memoria per Tokue – la mente risale inevitabilmente fino ai documentari brevi Katatsumori (1994) e See Heaven (1995). Le ricette della Signora Toku è incorniciato dai ciliegi, e coi ciliegi sbocciano finalmente nuove stagioni della vita, mentre ricordi e tradizioni vengono tramandati: la cura dei fagioli e dell’anko, non diversamente dalla malattia di Tokue (il morbo di Hansen, ovvero la lebbra), sono un’eredità preziosa, un insegnamento. Che sia cinema documentario o di finzione, la Kawase continua a filmare la realtà, lasciandoci in eredità il suo sguardo, come quei primi piani sui volti dei suoi tre personaggi o le inquadrature inondate di ciliegi in fiore.

Info
Le ricette della Signora Toku sul sito del Festival di Cannes.
  • An-2015-Sweet-Red-Bean-Paste-Naomi-Kawase-01.jpg
  • An-2015-Sweet-Red-Bean-Paste-Naomi-Kawase-02.jpg
  • An-2015-Sweet-Red-Bean-Paste-Naomi-Kawase-03.jpg
  • An-2015-Sweet-Red-Bean-Paste-Naomi-Kawase-04.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Little Sister RecensioneLittle Sister

    di Hirokazu Kore-eda trae ispirazione per il suo nuovo film dal manga Umimachi Diary di Akimi Yoshida, per raccontare la storia di un legame da creare dal nulla tra tre sorelle e la figlia che il padre ha avuto da un secondo matrimonio. Un'opera essenziale e pudica.
  • Festival

    Cannes 2015Cannes 2015

    Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.
  • Cannes 2014

    Still the Water

    di Sulla Croisette irrompe Naomi Kawase con il suo devastante Still the Water, elegia sull'amore, l'adolescenza, la vita e la morte. Tra le visioni più sconvolgenti di Cannes 2014.
  • Archivio

    Father and Son RecensioneFather and Son

    di Ryota, architetto ossessionato dal successo, forma con la giovane sposa e il figlio una famiglia ideale. L'idillio si spezza quando l'ospedale in cui il bambino è nato rende loro noto che due neonati sono stati scambiati alla nascita...
  • AltreVisioni

    Hanezu

    di Hanezu, il film che Naomi Kawase portò in concorso al Festival di Cannes nel 2009. Forse la sua opera più personale e irrisolta.
  • AltreVisioni

    Nanayo

    di Con Nanayo la regista giapponese Naomi Kawase continua la propria ricerca cinematografica, unica e inimitabile. Al Torino Film Festival nel 2009.
  • Festival

    Rotterdam-2016Rotterdam 2016

    La quarantacinquesima edizione del Festival di Rotterdam, primo grande appuntamento europeo dell’anno con il Cinema. Un caleidoscopio di visioni provenienti da ogni angolo del globo. Tutte le nostre recensioni.
  • Cannes 2017

    Radiance

    di Radiance segna il ritorno in concorso a Cannes di Naomi Kawase a tre anni di distanza da Still the Water, e ribadisce una volta di più la poetica della regista giapponese, a partire dall’elaborazione del lutto e dalla necessità di confrontarsi con la disabilità, e di condividerne le sofferenze.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento