Truth – Il prezzo della verità

Truth – Il prezzo della verità

di

Il film di inchiesta risorge a nuova vita in Truth di James Vanderbilt, scelto come apertura alla decima Festa del Cinema di Roma. Con Cate Blanchett e Robert Redford.

La verità della logica

Siamo nel 2004: alla vigilia delle nuove elezioni presidenziali statunitensi, in cui George W. Bush sfida il democratico John Kerry, la CBS viene in possesso di scottanti rivelazioni sul presidente, legate al suo passato e ai favoritismi goduti durante il suo servizio di leva. Animatori dell’inchiesta, la giornalista Mary Mapes e il veterano dell’informazione Dan Rather… [sinossi]

Il genere del film di fiction d’inchiesta, prosecutore di una tradizione hollywoodiana che ha avuto il suo culmine (qualitativo e di popolarità) negli anni ’70, sta tornando prepotentemente in auge negli ultimi anni. Non è un caso che uno dei titoli di punta della recente Mostra del Cinema di Venezia sia stato Il caso Spotlight, in cui veniva trattata la discussa indagine del Boston Globe sui casi di pedofilia in alcune parrocchie americane; e non è un caso che ora, ad aprire ufficialmente la nuova edizione della Festa del Cinema di Roma, ci sia questo Truth – Il prezzo della verità. Più ancora del film di Tom McCarthy, l’esordio alla regia di James Vanderbilt è legato a doppio filo a quella stagione in cui l’autorialità della New Hollywood si sposava con l’impeto democratico e di passione civile di molti suoi esponenti; e in cui cineasti come Alan J. Pakula, Sidney Pollack, Sidney Lumet, e molti loro colleghi, coniugavano efficacemente l’intrattenimento con la messa a nudo delle logiche di un potere schiacciante e pervasivo. Il trait d’union tra questa tradizione e il film di Vanderbilt (un pugno di sceneggiature all’attivo, tra cui quella, notevole, di Zodiac di David Fincher) sta nella presenza di Robert Redford nel ruolo di co-protagonista: interprete nel film di un veterano del giornalismo (non può non venire in mente, tra i tanti, il suo personaggio di Tutti gli uomini del presidente), l’attore realizza una sorta di sovrapposizione tra la sua figura e quella del suo personaggio, tra il “combattente” veterano del cinema d’impegno e quello del giornalismo d’inchiesta.

Nella presenza di Redford, e nella dialettica che il personaggio instaura con l’allieva interpretata da Cate Blanchett, sta probabilmente il pregio più appariscente, e di più immediata spendibilità, del film di Vanderbilt. La Blanchett, in un carattere ben tratteggiato quanto ricco di chiaroscuri, si produce in quella che è probabilmente una delle sue interpretazioni recenti più efficaci; mentre la figura di Redford (negli ultimi anni anche dedito a un attività di regista sempre più personale e interessante) basta di suo a riempire lo schermo. Proprio l’ingombrante presenza dei due attori, la loro automatica (ma non sempre inconsapevole) tendenza a catalizzare su di sé l’attenzione, può rappresentare anche un primo limite per il film di Vanderbilt. Perché, se è vero che Truth si rifà ad una tradizione ampiamente codificata, e che la sua sceneggiatura ne segue (con efficienza ed equilibrio) i dettami, la regia sembra al contrario adagiarsi fin troppo su questo comodo patrimonio; su questo, e sul magnetismo delle sue due star. Non è tanto la natura derivativa del film, in fondo dichiarata e voluta, a rappresentare un problema: piuttosto, il fatto che Vanderbilt (che si conferma più sceneggiatore che metteur en scène) scelga la via più facile per raccontare per immagini la vicenda, ne sottolinei il lato emotivo nei punti, e nei modi, in cui ci si aspetta, e pecchi in più di un punto (un esempio è la parentesi finale con Redford) di mancanza di equilibrio.

Non vorremmo, comunque, trasmettere un’impressione sbagliata: Truth è, in sé, un film efficace e ben congegnato, capace di sfruttare al meglio (e col minimo sforzo) la forza di un soggetto di grande presa emotiva. La sceneggiatura, il cui equilibrio rappresenta (insieme al cast) il principale pregio del film, descrive al meglio la dialettica tra trincea dell’informazione e dimensione privata, missione civile e necessità di (soprav)vivere, integrità e inevitabili compromessi, che accomuna gran parte dei personaggi. Una qualche, in certa misura inevitabile, tendenza allo stereotipo (ne è esempio il giovane giornalista col volto di Topher Grace) non inficia, nel suo complesso, l’efficacia della costruzione narrativa dell’opera; la componente da legal drama, esplicitata soprattutto nella parentesi finale, è di indubbia pregnanza ed efficacia scenica. Il culmine della deposizione della protagonista, la sua appassionata difesa di una verità che, pur laddove non trovi certezza giuridica, è confortata da quella del mero buon senso, rappresenta uno dei momenti emotivamente più forti (e riusciti) della pellicola. Vanderbilt, tuttavia, incappa in cadute di tono, e in momenti smaccatamente e grossolanamente melò (ne è esempio il dialogo al telefono della protagonista con suo padre, “colpo basso” cinematografico fin troppo calcolato) che stonano col rigore che, nel suo complesso, anima l’opera.

Viene da pensare che Truth – Il prezzo della verità, se fosse stato diretto dallo stesso Redford (ma anche da un autore/attore che in passato si è dimostrato più che a suo agio con certi registri, quale George Clooney) sarebbe risultato più equilibrato ed efficace. Viene da pensare, anche, che nella confezione del film, nella scelta del cast, e nel tono in cui la vicenda è narrata, non sia stato estraneo un ragionamento in possibile ottica-Academy. Tutte considerazioni legittime, che comunque non inficiano la complessiva, buona riuscita di un prodotto che, nei suoi limiti, prosegue (e rivitalizza) un filone fondamentale per l’intera storia del cinema.

Info
Il trailer di Truth – Il prezzo della verità.
  • truth-2015-james-vanderbilt-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Festival di Roma 2015Roma 2015

    Il Festival del Film di Roma 2015, dal 16 al 24 ottobre, giunto alla decima edizione. Come già l'anno scorso, si conferma il ritorno all'idea di Festa. Con quali risultati?
  • Festival

    Roma 2015 – Minuto per minuto

    Annotazioni, pensieri, piccole e grandi polemiche: il resoconto della vita quotidiana nei fatidici giorni della decima edizione della Festa del Cinema di Roma, dal 16 al 24 ottobre 2015.
  • Archivio

    Il caso Spotlight RecensioneIl caso Spotlight

    di Presentato alla Mostra di Venezia 2015, Il caso Spotlight è esattamente il film che ci si aspetta: cast di ottimi attori; puntuale e diligente nella messa in scena; preciso e solido nella scrittura, nel montaggio. Scorre liscio come l’olio e scivola via.
  • Archivio

    Le idi di marzo RecensioneLe idi di marzo

    di Gli ultimi frenetici giorni della corsa per le primarie in Ohio, in cui un giovane addetto stampa viene coinvolto in uno scandalo politico...
  • Archivio

    State of Play RecensioneState of Play

    di Cal McAffrey, un esperto reporter di Washington dotato di un'incrollabile determinazione ed energia, riesce a dipanare un fitto mistero che vede coinvolte le figure politiche e imprenditoriali più illustri dell'intera nazione...
  • Prossimamente

    The Post

    di The Post, racconto dei fatti noti come Pentagon Papers, permette a Steven Spielberg di proseguire nel suo racconto sui fondamenti costituzionali degli Stati Uniti d'America e allo stesso tempo di riallacciare la propria poetica alla messa in crisi del sistema promossa negli anni Settanta dalla New Hollywood.
  • In sala

    Giochi di potere RecensioneGiochi di potere

    di Giochi di potere, il nuovo film del danese Per Fly, prende ispirazione dalla vera storia di Michael Soussan per raccontare gli intrighi e i loschi piani dietro il programma Oil for Food, e per smascherare il concetto di “verità”, troppo strettamente legato a chi detiene il potere.
  • Roma 2018

    The Old Man & the Gun RecensioneThe Old Man & the Gun

    di Impreziosito da dialoghi brillanti, girato in un avvolgente 16mm e condito di zoom, panoramiche con dolly e dissolvenze insolite, The Old Man & The Gun evita gag citazioniste preferendo abbracciare un discorso sulla memoria e sul cinema. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • TFF 2018

    the front runner recensioneThe Front Runner – Il vizio del potere

    di The Front Runner è il primo titolo scopertamente politico della carriera di Jason Reitman, e segna il ritorno del regista canadese all'ispirazione degli esordi. Giocando tra l'immaginario anni '70 e '80 Reitman disegna la disgregazione del rapporto tra sistema politico e mediatico.
  • In sala

    the report recensioneThe Report

    di Dopo 13 anni, Scott Z. Burns torna dietro la macchina da presa con The Report: un lavoro che si ricollega al filone del film-inchiesta, riuscendo a fondere in modo apprezzabile, e abbastanza equilibrato, esigenze di aderenza storica e istanze spettacolari. In sala dal 18 al 20 novembre e poi nel catalogo Amazon Prime Video.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento