Hector Malot: The Last Day of the Year

Hector Malot: The Last Day of the Year

di

Vincitore della sezione-cortometraggi della Semaine de la Critique, Hector Malot: The Last Day of the Year di Jacqueline Lentzou è un penetrante ritratto di una giovane ragazza alle prese con solitudine e assenza. Visionabile gratuitamente su Festival Scope fino al 27 maggio.

Non è nel frame

È l’ultimo giorno dell’anno. Giovane figlia di una coppia divorziata, Sofia fa un sogno in cui teme di essere ammalata. Il giorno passa tra amicizie, momenti di solitudine, il cane, e una festa di Capodanno per la quale non prova grande interesse… [sinossi]
Fino a domenica 27 maggio si può vedere Hector Malot: The Last Day of the Year gratuitamente sul sito di Festival Scope a questo link.
Gli altri film della selezione, invece, si possono vedere a questo link.

Com’è noto, la sfida del cortometraggio è quella di racchiudere in spazi decisamente sintetici un intero universo narrativo conferendogli spessore e significato. È una sfida che può essere condotta dagli autori con le modalità più diverse, tutte quante però mirate allo scopo di una breve ed efficace edificazione. Con Hector Malot: The Last Day of the Year, fresco vincitore della Semaine de la Critique per la sezione dei corti, la greca Jacqueline Lentzou sceglie una delle vie più praticate in ambito di breve narrazione per il cinema, ossia il rapido ritratto, tutto avvitato intorno a un personaggio centrale e onnicomprensivo. Il metodo principale adottato dall’autrice è quello del pedinamento tramite sequenze discretamente lunghe e a macchina a mano, cercando di cogliere l’essenza di un percorso umano nel suo manifestarsi in una concisa tranche de vie. Si direbbe un metodo quasi impressionista, che cerca di fissare l’attimo nel suo imprendibile momento di verità.
Figlia di genitori divorziati, attenta agli altri per bisogno d’amore, Sofia, la ragazza protagonista, è seguita sia nella sua vita sociale che nell’intimo, e massimo interesse dell’autrice pare essere il racconto di una solitudine tenera e sofferta, non particolarmente rischiarata dal conforto di qualche presenza. Aprendosi su interrogativi intorno all’amore e sulle cattiverie più o meno intenzionali che in ambito di affetti ci possiamo infliggere, Hector Malot: The Last Day of the Year segue la protagonista nell’ultimo giorno dell’anno, momento di festa generale per tutti che tuttavia può tramutarsi in occasione di confronto con la propria solitudine per chi non ha vicini i più cari affetti con cui condividere la gioia codificata della ricorrenza di calendario (il padre vive lontano). Tormentata anche da strani sogni che evocano scenari e paure di malattia, la ragazza ha un gruppo di amici, si isola volentieri nella musica, e infine partecipa a una festa di Capodanno in cui nessuno sembra accorgersi di lei. L’ultima sequenza, distesa anche lungo i titoli di coda, la vede indaffarata a lavare amorevolmente il cane nella vasca. Momento di condivisione che finalmente Sofia può trovare nel suo intimo, fuori dall’incontro sociale.

Tramite la tecnica del pedinamento audiovisivo Jacqueline Lentzou adotta il passo narrativo dell’inessenziale e del piccolo evento quotidiano, che tuttavia comprende in sé il dolceamaro rumore della vita. La piccola tranche de vie, che pure piega visibilmente verso tenui malinconie, si apre raramente alla conclamata introspezione – vedi la voce over nel resoconto del sogno. Per il resto prevale un racconto fenomenologico che trattiene sapientemente reazioni ed emozioni di Sofia, registrandone al contempo la verità e il mistero. Che è il mistero di qualsiasi anima, di per sé “irrappresentabile”, parrebbe voler dire Lentzou, ma solo evocabile, suggeribile. Nell’azione, al limite, si possono leggere suoi frammenti e tentarne delle interpretazioni.
Un buon corto insomma, che sfrutta in senso fortemente espressivo la necessaria sintesi del discorso, senza forzare le cornici del ridotto formato narrativo con pleonasmi, prolissità o uscite fuori strada rispetto alla solidità del centralissimo braccio narrativo. Estremamente essenziale nei suoi mezzi, Hector Malot: The Last Day of the Year evoca fin dal titolo uno scenario di orfani (Malot è l’autore del noto romanzo Senza famiglia che poi ha dato vita, tra gli altri, all’anime Dolce Remi), probabilmente da intendere come riverbero di una generazione (greca? europea? la scala d’espansione interpretativa è a discrezione del fruitore). Più in generale, probabilmente, Lentzou vuol radiografare un’età in cui “non si è nel frame”, come dice un’amica a Sofia tentando di farsi un selfie. Si è, ma non si vede.

Info
Il link a tutti i film della Semaine de la Critique che si possono vedere su Festival Scope.
La scheda di Hector Malot: The Last Day of the Year sul sito della Semaine.
  • Hector-Malot-The-Last-Day-of-the-Year-2018-Jacqueline-Lentzou-001.jpg
  • Hector-Malot-The-Last-Day-of-the-Year-2018-Jacqueline-Lentzou-002.jpg
  • Hector-Malot-The-Last-Day-of-the-Year-2018-Jacqueline-Lentzou-003.jpg
  • Hector-Malot-The-Last-Day-of-the-Year-2018-Jacqueline-Lentzou-004.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    I corti della Semaine de la Critique su Festival ScopeI corti della Semaine su Festival Scope

    A partire da oggi, 17 maggio, e fino al 27 torna la possibilità di vedere i corti della selezione della Semaine de la Critique di Cannes sul sito di Festival Scope: 500 biglietti gratuiti per ciascun cortometraggio.
  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Festival Scope

    Copa-Loca

    di Surreale e malinconico ritratto di un mondo alla deriva, il cortometraggio Copa-Loca è stato presentato alla scorsa edizione della Quinzaine. Disponibile online su Festival Scope fino al 7 luglio.
  • News

    Sette corti della Quinzaine su Festival Scope

    Sette cortometraggi selezionati alla scorsa edizione della Quinzaine, tra cui Tijuana Tales di Jean-Charles Hue, sono visionabili online su Festival Scope, gratuitamente, fino al 7 luglio. 500 i biglietti a disposizione.
  • News

    I corti della Quinzaine 2018 su Festival ScopeI corti della Quinzaine su Festival Scope

    Da oggi, primo giugno, e fino a domenica 17 è possibile vedere gratuitamente online su Festival Scope una selezione di cortometraggi proiettati alla scorsa edizione della Quinzaine des réalisateurs. Tra questi anche quattro corti del progetto The Factory, dedicato quest'anno alla Tunisia.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento