La ragazza del bagno pubblico

La ragazza del bagno pubblico

di

Per l’omaggio a Jerzy Skolimowski, che riceve quest’anno il premio alla carriera del Polish Film Festival di Gdynia, è stato presentato un suo grande classico inglese, Deep End, malamente rititolato in Italia come La ragazza del bagno pubblico. Un’esplosione di erotismo, di colori e di libertà della macchina da presa.

Cinema leggero, che ti vibra nelle ossa, ti entra nella pelle

Il quindicenne Mike viene assunto in un bagno pubblico. Qui fa la conoscenza di Susan, sua collega, di dieci anni più grande di lui. L’erotismo della ragazza conquista subito il giovane, tanto da farlo diventare sempre più ossessivo. [sinossi]

A rivedere un film come Deep End (uscito all’epoca in Italia con il titolo de La ragazza del bagno pubblico per poterlo meglio ‘incanalare’ nel nostrano genere erotico) è impossibile non farsi prendere da un attacco di nostalgia filogenetica verso un periodo in cui la libertà espressiva era tutto. Questo primo film inglese di Jerzy Skolimowski, diretto nel 1970 e presentato in versione restaurata alla 43esima edizione del Polish Film Festival in occasione del Platinum Lions alla carriera che gli viene assegnato qui a Gdynia, unisce la grande lezione stilistica della scuola polacca degli anni Sessanta con l’esperienza della Nouvelle Vague (cui Skolimowski era approdato nel ’67 con Le dèpart – in italiano, ahinoi, Il vergine – Orso d’Oro a Berlino), facendola confluire nella temperie della (declinante) Swinging London e del Free Cinema inglese. Il tutto, però, viene per l’appunto proposto da Skolimowski senza alcun tipo di intellettualismo o di simbolismo, quanto attraverso una messa in scena anarchica e insieme controllatissima e al servizio di un racconto dalle dinamiche basiche ed essenziali. La vicenda dell’adolescente Mike, che viene assunto in un bagno pubblico in cui lavora la poco più che ventenne Susan di cui subito si invaghisce, serve infatti come scusa per costruire un altrove colorato, a-morale e a-legale (il bagno pubblico, per l’appunto) dove tutto sembra essere possibile.

Qui Mike viene educato al sesso, anche con la violenza – in particolare da una cliente del bagno, un’obesa signora che si esibisce in uno spassoso parallelismo tra la terminologia calcistica e quella sessuale -, per poi cercare in ogni modo di conquistare il cuore – o, almeno, il corpo – di Susan. E, attraverso una lunga serie di digressioni, come quella in cui Mike cerca a tutti i costi di impossessarsi di un cartonato in cui è ritratta una spogliarellista identica a Susan, Skolimowski ci disorienta, ci eccita e ci stordisce grazie a un impressionante turbinio di colori e di movimenti della macchina da presa. Il pop londinese, infatti, già ritratto pochi anni prima da un altro grande straniero (l’Antonioni di Blow-up), qui si fa in qualche modo sistema, attraversando ogni strato del film, dalla stessa musica (la canzone di Cat Stevens), all’abbigliamento di Susan (con quel suo trench giallo squillante), passando per i pupazzi che la stessa Susan confeziona nei momenti di noia, fino alla leggerezza del racconto e della messa in scena, per arrivare al sogno definitivo – l’esplosione rossa e blu del finale, dove il colore e il sangue si mescolano inscindibilmente tra le acque della piscina, e dove la morte e l’assassinio diventano forma di liberazione espressiva (in senso quasi argentiano) più che atto contro natura e contro la morale. E il senso di complessiva leggerezza che connota totalmente La ragazza del bagno pubblico viene esemplificato da un assurdo quanto geniale gesto che vediamo svolgersi sul fondo di un’inquadratura, mentre Mike e Susan parlano in primo piano: un uomo si trova sopra una canoa all’interno della piscina e con atto solo apparentemente suicida, ma in realtà giocoso, si auto-ribalta finendo sott’acqua per qualche secondo per poi riemergere subito dopo, sempre a bordo della sua canoa. Un roteare con la morte che anticipa in fin dei conti il finale e che, però, ne segnala al contempo la natura pop, senza alcun tipo di moralismo e di condanna.

D’altronde, come da comica alla Mack Sennett (e la riscoperta dello slapstick è un elemento cardine del cinema inglese di quegli anni, si pensi solo a A Hard Day’s Night di Richard Lester), la polizia – che dovrebbe rappresentare il mantenimento dell’ordine e della morale, viene lungamente sbertucciata nel corso de La ragazza del bagno pubblico. Nella sala cinematografica porno in cui Mike entra di nascosto e riesce a baciare per la prima volta Susan, i classici Bobby londinesi vengono infatti prima abilmente ingannati dal giovane e poi corrotti dal proprietario del cinema grazie a del gin tonic. Mentre, più avanti, un altro poliziotto si presenta al bagno pubblico e sembra voler imporre chissà quale interrogatorio a Mike, mentre invece gli vuole chiedere semplicemente dove sia la toilette.
Anche i Bobby, dunque, vengono presi da Skolimowski come elemento iconico e pop, più che come minaccia all’amoralità che stanno amabilmente tessendo Mike e Susan nel loro altrove acquatico.
L’unica vera minaccia è piuttosto rappresentata dalla Londra grigia, spettrale e inespressiva della gente comune, da quella middle class che assiste silenziosa al litigio in metro tra Mike e Susan, silenziosa ma piena di sussiego nei confronti di questi giovani che non sanno cosa sia la ‘pesantezza’ della vita, che non sanno che – a forza di giocare con l’acqua della piscina – finiranno per andare a fondo, perché il corpo ha un suo peso specifico per quanto Mike si illuda di poter continuare a veder galleggiare per sempre il cartonato di Susan. E allora è qui, in questa contrapposizione tra la piscina e il ‘mondo reale’ che si innesta il confronto di La ragazza del bagno pubblico.
Solo che la realtà di quel mondo grigio è, in fin dei conti, anch’essa solo una facciata. Ed è un grigiore che Skolimowski conosce bene, è quello del realismo socialista, della Polonia da cui se ne andava. Tanto che vien quasi da pensare che ne La ragazza del bagno pubblico la piscina rappresenti i lustrini capitalistici occidentali e l’ambiente middle class (sia pur visibile solo nella scena in metro) stia invece a suggerire l’operosità ottusa dell’Europa Orientale all’epoca sottomessa ai sovietici e alla loro ostenta austerità. Ma forse questa è una chiave di lettura che rischia di ‘appesantire’ la consustanziale leggerezza di La ragazza del bagno pubblico, e dunque è meglio lasciarla volare via come i vestiti di Susan e Mike nel bellissimo pre-finale.

Info
La pagina Wikipedia de La ragazza del bagno pubblico.
La pagina dedicata a Jerzy Skolimowski sul sito del Polish Film Festival di Gdynia.
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-001.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-002.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-003.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-004.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-005.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-006.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-007.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-008.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-009.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-010.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-011.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-012.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-013.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-014.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-015.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-016.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-017.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-018.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-019.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-020.jpg
  • La-ragazza-del-bagno-pubblico-1970-Jerzy-Skolimowski-021.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Polish Film Festival 2018 - PresentazionePolish Film Festival 2018 – Presentazione

    È in corso fino al 22 settembre il Polish Film Festival 2018, giunto alla 43esima edizione, con sede nella città di Gdynia, vicino a Danzica. Una manifestazione tesa a promuovere il cinema nazionale, con ospiti come Jerzy Skolimowski, e in cui Quinlan.it è quest'anno ospite per la prima volta.
  • Rotterdam 2018

    Anna’s War

    di Presentato nella sezione Voices dell'International Film Festival Rotterdam il nuovo lavoro di Aleksei Fedorchenko, Anna's War, una storia di sopravvivenza di un'altra Anna Frank durante l'occupazione nazista. Opera che conferma lo straordinario talento visivo del regista russo.
  • Cannes 2017

    Blow-Up

    di Capolavoro pop-art di Michelangelo Antonioni, Blow-Up è stato presentato in versione restaurata nella sezione Cannes Classics, a cinquant'anni dalla sua vittoria alla Croisette.
  • Interviste

    Intervista a Jerzy Skolimowski

    Jerzy Skolimowski, arrivato a 23 film e a 77 anni, ha sorpreso ancora una volta alla Mostra del Cinema di Venezia con il suo 11 Minutes, straordinaria riflessione sul contemporaneo. Il film gira ancora per i festival, da Trieste a Rotterdam, proprio in questi giorni. Abbiamo chiacchierato con il regista polacco a Venezia.
  • Venezia 2015

    11 Minutes

    di Arrivato a 23 film e a 77 anni, Skolimowski dimostra una straordinaria lucidità nel ragionare sul mondo contemporaneo e nell’analizzare l’essenza stessa delle sue immagini, in quel digitale dove si possono annidare tarli sotto forma di pixel neri.
  • Archivio

    A Hard Day's Night RecensioneA Hard Day’s Night

    di Ritorna al cinema, anche se solo per tre giorni, il primo film con protagonisti i Fab 4 restaurato in digitale dalla Criterion.
  • AltreVisioni

    Essential Killing

    di Un film pressoché muto, dove i suoni e i rumori della natura rappresentano l'unica colonna sonora possibile, ma il cui rigore formale si perde in una seconda parte poco convincente.
  • Festival

    Polish Film Festival GdyniaPolish Film Festival 2018

    Dal 17 al 22 settembre si tiene a Gdynia, nel nord della Polonia, sul Mar Baltico, la 43esima edizione del Polish Film Festival, storica manifestazione che promuove il cinema nazionale, con ospiti come Jerzy Skolimowski, che riceve un premio alla carriera.
  • Roma 2018

    L'enfance nue RecensioneL’enfance nue

    di Per la retrospettiva della Festa del Cinema di Roma dedicata a Maurice Pialat è stato presentato il suo folgorante esordio, L'enfance nue, girato nel '68 e prodotto da Truffaut: la storia di un bambino incapace di adattarsi alle regole della società, per certi versi simile a I 400 colpi, ma più realistico e asciutto, straordinariamente doloroso e commovente.
  • Rassegne

    Cold War RecensioneCiakPolska 2018 – Presentazione

    Sesta edizione per il CiakPolska, che si tiene dal primo al sette dicembre a Roma, tra la Casa del cinema e la Sala Trevi. Inaugurazione stasera con Cold War di Paweł Pawlikowski. Per celebrare il centenario della Polonia, in programma anche il recupero di alcuni grandi classici proiettati in 35mm, come Il coltello nell'acqua di Polanski.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento