Irina

Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, Irina è l’opera prima della regista bulgara Nadejda Koseva, un ritratto sociale al femminile di un personaggio che riesce a stare a galla nonostante il mondo le stia cadendo addosso.

Il talento di una donna bulgara

Irina vive in uno stato di semi-indigenza, lavora come lavapiatti part-time in un locale dove ruba gli avanzi di cibo per nutrire la sua famiglia, il marito, il figlioletto e la sorella. Una volta scoperta viene licenziata e allo stesso tempo il marito subisce un incidente che lo porta sulla carrozzina. La situazione si fa disperata e Irina non trova altra via che diventare una madre surrogata e portare in grembo un figlio non suo. [sinossi]

Un piccone scava nella roccia, nella prima scena del film, una donna lava i piatti in un ristorante. Queste due scene in parallelo delineano i personaggi di Irina, ritratto sociale al femminile in un contesto di nuove povertà, in un piccolo e freddo paese in Bulgaria, esordio al lungometraggio della regista Nadejda Koseva, presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018.
La fatica, il lavoro pesante, il contatto fisico e il contrasto con la materia. Le due sequenze sono indicative delle condizioni di lavoro dei coniugi protagonisti del film, Irina e Sasho, la prima lavapiatti part-time, il secondo impegnato in una non ben identificata attività estrattiva artigianale, probabilmente abusiva, scavando una piccola miniera nel giardino di casa, insieme a un socio. Irina è il ritratto di una donna forte che riesce a fatica a stare in piedi nonostante sia finita in una bufera di avversità, nella stupenda interpretazione dell’interprete Martina Apostolova, popolare attrice televisiva e teatrale in Bulgaria, che calca le scene da quando, bambina, era il volto di spot commerciali. Il suo lavoro sul personaggio è notevole, la faccia scavata, scalfita dalle avversità e dalla vita, mantiene uno sguardo fiero di fronte a tutte le sfide che si trova ad affrontare.

Irina coglie il marito a letto con sua sorella, viene licenziata dal lavoro perché scoperta a rubare, ma avanzi di cucina e in stato di necessità, per portare nutrimento alla famiglia. E se ne va rinfacciando al gestore del locale di non aver mai ceduto, unica, alle sue profferte sessuali. Rifiutandole anche quando, esplicitamente a scopo di umiliazione, dovrà tornare con la coda tra le gambe, essendo il marito diventato invalido per un incidente e cercando di farsi riassumere. Alla fine Irina dovrà, in modo diverso, vendere il proprio corpo, accettando di mettersi in gioco fino all’estremo, e di affittare l’utero a una coppia sterile, fungendo così da madre surrogata. Come un’altra donna dallo stesso nome anche se d’arte, Irina Palm nel film omonimo, non c’è nemmeno il tempo di interrogarsi moralmente su quello che si sta facendo. E il film Irina non vuole assolutamente essere un’opera a tema, sulla questione scottante della procreazione per conto terzi, questa è una realtà, un dato di fatto. Semmai l’accento è sul divario sociale, nell’insensibilità con cui la coppia sterile si relaziona con la donna che porterà nel ventre il proprio figlio. Un confronto di famiglie, quella devastata di Irina e quella altoborghese che vive nella grande città.

Nadejda Koseva si mostra in grado di dare un’ottima confezione alla storia e all’assunto di cui sopra. Esibisce intanto un grande senso dell’inquadratura, per esempio nel momento in cui inserisce nello stesso quadro tutti e tre i personaggi, moglie, marito e amante, avvalendosi di uno specchio per inserire l’immagine riflessa di uno dei tre. Costella il film di tutta una serie di elementi che oscillano tra il decorativo e il metaforico, il documentario sui pesci, le maschere africane, l’esibizione del violinista, fino ad arrivare al richiamo allegorico a Pippi Calzelunghe. figlia di una madre angelo e di un padre cannibale. Insiste sulle riprese di scavi, di sprofondamento nelle viscere del suolo. E mostra ripetutamente contesti architettonici di degrado, come lo spazio sotto il cavalcavia. Buona prova d’esordio al lungometraggio per una regista che già ha avuto successo con i suoi corti, come quello dal titolo Omelette presentato a suo tempo al Sundance.

Info
La scheda di Irina sul sito del Marrakech International Film Festival.
  • Irina-2018-Nadejda-Koseva-001.jpg
  • Irina-2018-Nadejda-Koseva-002.jpg
  • Irina-2018-Nadejda-Koseva-003.jpg
  • Irina-2018-Nadejda-Koseva-004.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Fixeur RecensioneFixeur

    di Fixeur, che raggiunge le sale con Lab80 insieme a un altro film di Adrian Sitaru (Illegittimo), conferma il talento del regista rumeno e allo stesso tempo la capacità dell'industria cinematografica di Bucarest di riflettere sul reale in modo mai prono, scavando in profondità nelle contraddizioni della nazione, e dell'Unione Europea.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2018Trieste Film Festival 2018 – Presentazione

    La ventinovesima edizione del Trieste Film Festival, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner, comincia oggi - venerdì 19 - e prosegue fino al 28 gennaio.
  • In sala

    Directions – Tutto in una notte a Sofia

    di Con Directions - Tutto in una notte a Sofia, il regista Stephan Komandarev punta a raccontare un pezzo di Bulgaria contemporanea, attraverso una notte nella capitale vista dall’ottica di cinque conducenti di taxi.
  • Trieste 2017

    The Good Postman

    di Presentato in concorso documentari al Trieste Film Festival, The Good Postman mette in scena una campagna elettorale basata sull'accoglienza dei rifugiati che si trasforma in un'amara riflessione sull'impotenza di fronte ai tragici eventi che accadono nel mondo.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2017 – Presentazione

    Torna il Trieste Film Festival, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner. Il programma della 28esima edizione, che si terrà dal 20 al 29 gennaio, è stato presentato oggi.
  • In sala

    Un re allo sbando

    di , Peter Brosens e Jessica Woodworth tornano al Lido con King of the Belgians, farsa sul potere che si trasforma ben presto in una barzelletta ripetitiva e tirata per le lunghe. Nel concorso di Orizzonti.
  • Trieste 2015

    Viktoria

    di Un racconto di formazione, libero e surreale, che attraversa un'ampia porzione della storia della Bulgaria, affrontando i temi della maternità e del potere. In concorso al Trieste Film Festival 2015.
  • Festival

    Marrakech International Film Festival 2018 - PresentazioneMarrakech International Film Festival 2018 – Presentazione

    In partenza la 17esima edizione del Marrakech International Film Festival (FIFM), passato sotto la guida artistica di Christoph Terhechte, che approda in Marocco dopo tanti anni al Forum della Berlinale.
  • Festival

    Marrakech 2018Marrakech 2018

    Quattordici titoli, scelti tra opere prime o seconde di cineasti da tutto il pianeta, tra cui sei donne, si contendono il Marrakech Etoile d’Or, il riconoscimento più alto del Marrakech International Film Festival 2018, assegnato da una giuria presieduta da James Gray.
  • Marrakech 2018

    Une urgence ordinaire RecensioneUne urgence ordinaire

    di Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, Une urgence ordinaire è un film del regista marocchino Mohcine Besri, con coproduzione svizzera, alla sua seconda prova nel lungometraggio. Film claustrofobico, quasi tutto ambientato in un ospedale che diventa la facile metafora del paese.
  • Marrakech 2018

    The Giraffe RecensioneThe Giraffe

    di Presentato in concorso al Marrakech International Film Festival 2018, The Giraffe racconta storie di degrado che si incrociano in una Cairo notturna, un film sociale con qualche punta di realismo magico. Primo lungometraggio di finzione del filmmaker e attore egiziano Ahmed Magdy.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento