Volti – Il cinema di John Cassavetes

Volti – Il cinema di John Cassavetes

Dal 13 febbraio al 14 marzo presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma si terrà la retrospettiva Volti – Il cinema di John Cassavetes dedicata all’indimenticabile pioniere e icona del cinema indipendente. Quinlan.it è media partner e autore del catalogo dedicato all’evento.

Pioniere e icona del cinema indipendente, regista di genio e attore conteso dai grandi studios, John Cassavetes è forse un caso unico nella storia del cinema, un artista di rara coerenza i cui film non hanno smesso di emozionare generazioni di spettatori. A rendergli omaggio è la retrospettiva VOLTI – Il cinema di John Cassavetes, che dal 13 febbraio al 14 marzo presenterà al Palazzo delle Esposizioni di Roma tutti i suoi film da regista, come sempre in 35mm e a ingresso libero fino a esaurimento posti. Quinlan.it è media partner dell’evento e autore del catalogo scaricabile gratuitamente da questo link.

Promossa da Azienda Speciale Palaexpo, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e La Farfalla sul Mirino, la rassegna permetterà al pubblico di riscoprire capolavori come Una moglie, Volti, Gloria – Una notte d’estate, La sera della prima o Ombre, esordio leggendario che il regista finanziò con pochi soldi raccolti durante una trasmissione radio e che sarà proiettato nella serata inaugurale di giovedì 13 febbraio alle 21.00. Tutti i film saranno presentati in pellicola 35mm, con molti restauri e copie preziose provenienti dall’UCLA Film & Television Archive di Los Angeles e alcuni titoli, come L’assassinio di un allibratore cinese, presentati nella versione integrale tuttora inedita in Italia.

La rassegna sarà anche l’occasione di rivedere i film meno conosciuti di Cassavetes, come Gli esclusi, con Burt Lancaster e Judy Garland, prima pellicola ad affrontare il tema della disabilità mentale nei bambini, girata per di più in un vero istituto dell’epoca, o Blues di mezzanotte, ambientato nell’incandescente scena jazz newyorkese dei primi anni Sessanta. Imperdibile poi la proiezione de Gli Intoccabili, diretto da Giuliano Montaldo e girato negli Stati Uniti con Cassavetes protagonista a fianco di due dei suoi attori feticcio, Gena Rowlands e Peter Falk: lo stesso Montaldo introdurrà il film, Venerdì 13 marzo, ore 21.00, offrendo al pubblico un ricordo personale dell’incontro con il regista americano.

IL PROGRAMMA

Giovedì 13 febbraio, ore 21.00
OMBRE
Shadows, Usa, 1959, 87’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Ben Carruthers, Lelia Goldoni, Hugh Hurd
Con pochi soldi raccolti durante una trasmissione radio, una cinepresa 16mm e un pugno di attori non professionisti, Cassavetes esordisce alla regia con una pietra miliare del cinema americano, quasi un’improvvisazione jazz sulle note di Charles Mingus e le immagini pulsanti di una New York in bianco e nero.
Copia 35mm restaurata proveniente da UCLA Film & Television Archive. Restauro finanziato da The Film Foundation e Hollywood Foreign Press Association.

Venerdì 14 febbraio, ore 21.00
L’ASSASSINIO DI UN ALLIBRATORE CINESE
The Killing of a Chinese Bookie, Usa, 1976, 135’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Ben Gazzara, Timothy Carey, Seymour Cassel
Schiacciato dai debiti, Cosmo Vitelli è costretto a uccidere un allibratore di Chinatown, finendo poi lui stesso nel mirino della mafia. Un’esplorazione spietata della vita notturna newyorkese, che stravolge i cliché del noir come mai prima. Presentato nella versione integrale tuttora inedita in Italia.

Sabato 15 febbraio, ore 21.00
GLORIA – UNA NOTTE D’ESTATE
Gloria, Usa, 1980, 123’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Julie Carmen, Buck Henry
Amante di un gangster, Gloria si ritrova suo malgrado a proteggere un bambino portoricano a cui la mafia ha ucciso i genitori. Tra i titoli più amati e imitati del regista, con il personaggio di Gena Rowlands – impermeabile, pistola e sigaretta – diventato una vera e propria icona. Leone d’Oro a Venezia.

Domenica 16 febbraio, ore 21.00
VOLTI
Faces, Usa, 1968, 130’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con John Marley, Gena Rowlands, Lynn Carlin, Seymour Cassel
Richard tradisce la moglie con una prostituta e lei si consola con un giovane sbandato, ma il loro matrimonio è ormai finito. Girato nell’arco di tre anni e candidato a sorpresa a tre Oscar, è una delle testimonianze più alte della capacità di Cassavetes di mettere a nudo i suoi personaggi senza compromessi.
Copia 35mm restaurata proveniente da UCLA Film & Television Archive. Restauro finanziato da The Film Foundation e Hollywood Foreign Press Association.

Mercoledì 19 febbraio, ore 21.00
LA SERA DELLA PRIMA
Opening Night, Usa, 1977, 144’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, John Cassavetes, Ben Gazzara
La star di Broadway Myrtle Gordon entra in crisi prima del debutto di una nuova commedia, ma anche questa sfida si trasformerà in un trionfo. Omaggio al teatro e al mondo degli attori, ma anche una riflessione vertiginosa sul rapporto tra arte e vita, con una Rowlands straordinaria premiata a Berlino.

Giovedì 20 febbraio, ore 21.00
IL GRANDE IMBROGLIO
Big Trouble, Usa, 1986, 93’, v. it.
di John Cassavetes, con Peter Falk, Alan Arkin, Beverly D’Angelo
La moglie di un milionario mette in piedi una truffa con la complicità di un assicuratore, ma il piano andrà presto a rotoli. L’ultimo film di Cassavetes è una commedia nera che non rende giustizia al suo genio, ma che resta interessante come capovolgimento ironico di alcuni dei temi chiave del regista.

Venerdì 21 febbraio, ore 21.00
MARITI
Husbands, Usa, 1970, 131’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Ben Gazzara, Peter Falk, John Cassavetes
Reduci dal funerale di un amico, tre uomini trascorrono due giorni insieme a fare baldoria, illudendosi che il tempo non passi anche per loro. Uno spaccato di lacerante sincerità della classe media americana, in cui il mito dell’amicizia virile diventa l’unico antidoto alla fine dei sogni di gioventù.
Copia 35mm proveniente da UCLA Film & Television Archive

Sabato 22 febbraio, ore 21.00
MINNIE E MOSKOWITZ
Minnie and Moskowitz, Usa, 1971, 114’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Seymour Cassel, John Cassavetes
Minnie è impiegata in un museo, Moskowitz è uno squinternato posteggiatore: per quanto diversi, finiranno per innamorarsi. Cassavetes torna a parlare di nevrosi e solitudine urbana, ma stavolta attraverso una screwball comedy fricchettona e a tratti esilarante, sorretta da due protagonisti indimenticabili.

Domenica 23 febbraio, ore 21.00
GLORIA – UNA NOTTE D’ESTATE (replica)
Gloria, Usa, 1980, 123’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Julie Carmen, Buck Henry
Amante di un gangster, Gloria si ritrova suo malgrado a proteggere un bambino portoricano a cui la mafia ha ucciso i genitori. Tra i titoli più amati e imitati del regista, con il personaggio di Gena Rowlands – impermeabile, pistola e sigaretta – diventato una vera e propria icona. Leone d’Oro a Venezia.

Martedì 25 febbraio, ore 21.00
BLUES DI MEZZANOTTE
Too Late Blues, Usa, 1961, 103’, v.o. sott. it. 16mm
di John Cassavetes, con Bobby Darin, Stella Stevens, Everett Chambers
Un pianista jazz lascia il suo gruppo e la donna che ama per cercare una strada più facile per il successo, ma finirà per tornare sui suoi passi. Al primo film per una major, Cassavetes prova già a forzare le regole del mainstream in nome di una visione anticonformista e non riconciliata. Da riscoprire.

Mercoledì 26 febbraio, ore 21.00
L’ASSASSINIO DI UN ALLIBRATORE CINESE (replica)
The Killing of a Chinese Bookie, Usa, 1976, 135’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Ben Gazzara, Timothy Carey, Seymour Cassel
Schiacciato dai debiti, Cosmo Vitelli è costretto a uccidere un allibratore di Chinatown, finendo poi lui stesso nel mirino della mafia. Un’esplorazione spietata della vita notturna newyorkese, che stravolge i cliché del noir come mai prima. Presentato nella versione integrale tuttora inedita in Italia.

Giovedì 27 febbraio, ore 21.00
GLI ESCLUSI
A Child Is Waiting, Usa, 1963, 102’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Burt Lancaster, Judy Garland, Gena Rowlands
Rompendo un grande tabù del cinema, Cassavetes affronta per primo il tema della disabilità mentale nei bambini, girando inoltre in un vero istituto e coinvolgendo due star come Lancaster e Judy Garland. La produzione cambiò il montaggio finale facendolo infuriare, ma il film mantiene una forza eccezionale.

Venerdì 28 febbraio, ore 21.00
UNA MOGLIE
A Woman Under the Influence, Usa, 1974, 155’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Peter Falk
Uno dei titoli più celebrati del regista e tra i ritratti femminili più intensi del cinema americano degli anni ‘70: la storia di Mabel, moglie fragile e spinta fino all’esaurimento nervoso, ancora emoziona per la capacità di scavare senza ipocrisie nelle dinamiche affettive, sociali e culturali di una famiglia.
Copia 35mm restaurata proveniente da UCLA Film & Television Archive. Restauro finanziato da The Film Foundation e GUCCI

Sabato 29 febbraio, ore 21.00
OMBRE (replica)
Shadows, Usa, 1959, 87’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Ben Carruthers, Lelia Goldoni, Hugh Hurd
Con pochi soldi raccolti durante una trasmissione radio, una cinepresa 16mm e un pugno di attori non professionisti, Cassavetes esordisce alla regia con una pietra miliare del cinema americano, quasi un’improvvisazione jazz sulle note di Charles Mingus e le immagini pulsanti di una New York in bianco e nero.
Copia 35mm restaurata proveniente da UCLA Film & Television Archive. Restauro finanziato da The Film Foundation e Hollywood Foreign Press Association.

Domenica 1° marzo, ore 21.00
MARITI (replica)
Husbands, Usa, 1970, 131’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Ben Gazzara, Peter Falk, John Cassavetes
Reduci dal funerale di un amico, tre uomini trascorrono due giorni insieme a fare baldoria, illudendosi che il tempo non passi anche per loro. Uno spaccato di lacerante sincerità della classe media americana, in cui il mito dell’amicizia virile diventa l’unico antidoto alla fine dei sogni di gioventù.
Copia 35mm proveniente da UCLA Film & Television Archive

Mercoledì 4 marzo, ore 21.00
LOVE STREAMS – SCIA D’AMORE
Love Streams, Usa, 1984, 141’, v. it.
di John Cassavetes, con John Cassavetes, Gena Rowlands
Il rapporto tra uno scrittore dongiovanni e la sorella, entrambi divorziati e sull’orlo di una crisi di nervi. Penultimo film del regista, è forse tra i suoi più sinceri, “un ulteriore passo nell’antropologia dell’eccesso e verso quel cinema della differenza che lo rende unico” (Arecco). Orso d’Oro a Berlino.

Giovedì 5 marzo, ore 21.00
VOLTI (replica)
Faces, Usa, 1968, 130’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con John Marley, Gena Rowlands, Lynn Carlin, Seymour Cassel
Richard tradisce la moglie con una prostituta e lei si consola con un giovane sbandato, ma il loro matrimonio è ormai finito. Girato nell’arco di tre anni e candidato a sorpresa a tre Oscar, è una delle testimonianze più alte della capacità di Cassavetes di mettere a nudo i suoi personaggi senza compromessi.
Copia 35mm restaurata proveniente da UCLA Film & Television Archive. Restauro finanziato da The Film Foundation e Hollywood Foreign Press Association.

Venerdì 6 marzo, ore 21.00
BLUES DI MEZZANOTTE (replica)
Too Late Blues, Usa, 1961, 103’, v.o. sott. it. 16mm
di John Cassavetes, con Bobby Darin, Stella Stevens, Everett Chambers
Un pianista jazz lascia il suo gruppo e la donna che ama per cercare una strada più facile per il successo, ma finirà per tornare sui suoi passi. Al primo film per una major, Cassavetes prova già a forzare le regole del mainstream in nome di una visione anticonformista e non riconciliata. Da riscoprire.

Sabato 7 marzo, ore 21.00
LA SERA DELLA PRIMA (replica)
Opening Night, Usa, 1977, 144’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, John Cassavetes, Ben Gazzara
La star di Broadway Myrtle Gordon entra in crisi prima del debutto di una nuova commedia, ma anche questa sfida si trasformerà in un trionfo. Omaggio al teatro e al mondo degli attori, ma anche una riflessione vertiginosa sul rapporto tra arte e vita, con una Rowlands straordinaria premiata a Berlino.

Domenica 8 marzo, ore 21.00
UNA MOGLIE (replica)
A Woman Under the Influence, Usa, 1974, 155’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Peter Falk
Uno dei titoli più celebrati del regista e tra i ritratti femminili più intensi del cinema americano degli anni ‘70: la storia di Mabel, moglie fragile e spinta fino all’esaurimento nervoso, ancora emoziona per la capacità di scavare senza ipocrisie nelle dinamiche affettive, sociali e culturali di una famiglia.
Copia 35mm restaurata proveniente da UCLA Film & Television Archive. Restauro finanziato da The Film Foundation e GUCCI

Martedì 10 marzo, ore 21.00
LOVE STREAMS – SCIA D’AMORE (replica)
Love Streams, Usa, 1984, 141’, v. it.
di John Cassavetes, con John Cassavetes, Gena Rowlands
Il rapporto tra uno scrittore dongiovanni e la sorella, entrambi divorziati e sull’orlo di una crisi di nervi. Penultimo film del regista, è forse tra i suoi più sinceri, “un ulteriore passo nell’antropologia dell’eccesso e verso quel cinema della differenza che lo rende unico” (Arecco). Orso d’Oro a Berlino.

Mercoledì 11 marzo, ore 21.00
IL GRANDE IMBROGLIO (replica)
Big Trouble, Usa, 1986, 93’, v. it.
di John Cassavetes, con Peter Falk, Alan Arkin, Beverly D’Angelo
La moglie di un milionario mette in piedi una truffa con la complicità di un assicuratore, ma il piano andrà presto a rotoli. L’ultimo film di Cassavetes è una commedia nera che non rende giustizia al suo genio, ma che resta interessante come capovolgimento ironico di alcuni dei temi chiave del regista.

Giovedì 12 marzo, ore 21.00
MINNIE E MOSKOWITZ (replica)
Minnie and Moskowitz, Usa, 1971, 114’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Gena Rowlands, Seymour Cassel, John Cassavetes
Minnie è impiegata in un museo, Moskowitz è uno squinternato posteggiatore: per quanto diversi, finiranno per innamorarsi. Cassavetes torna a parlare di nevrosi e solitudine urbana, ma stavolta attraverso una screwball comedy fricchettona e a tratti esilarante, sorretta da due protagonisti indimenticabili.

Venerdì 13 marzo, ore 21.00
GLI INTOCCABILI
Italia, 1969, 91’
di Giuliano Montaldo, con John Cassavetes, Peter Falk, Gena Rowlands, Britt Ekland
Hank McCain viene fatto uscire di prigione da un boss mafioso, che gli propone una rapina a un casinò di Las Vegas. Montaldo si confronta egregiamente con le atmosfere del cinema nero americano, ma la vera forza del film è nell’ottimo cast, che unisce Cassavetes ai prediletti Peter Falk e Gena Rowlands.
Il film sarà preceduto dall’incontro con Giuliano Montaldo

Sabato 14 marzo, ore 21.00
GLI ESCLUSI (replica)
A Child Is Waiting, Usa, 1963, 102’, v.o. sott. it.
di John Cassavetes, con Burt Lancaster, Judy Garland, Gena Rowlands
Rompendo un grande tabù del cinema, Cassavetes affronta per primo il tema della disabilità mentale nei bambini, girando inoltre in un vero istituto e coinvolgendo due star come Lancaster e Judy Garland. La produzione cambiò il montaggio finale facendolo infuriare, ma il film mantiene una forza eccezionale.

Volti – Il cinema di John Cassavetes dal 13 febbraio al 14 marzo 2020 presso il Palazzo delle Esposizioni – Sala Cinema, scalinata di via Milano 9 a, Roma. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. I posti verranno assegnati a partire da un’ora prima dell’inizio di ogni proiezione. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. I posti verranno assegnati a partire da un’ora prima dell’inizio di ogni proiezione.

Info
La pagina dedicata alla rassegna Volti – Il cinema di John Cassavetes sul sito de Il Palazzo delle Esposizioni.
La pagina dedicata a Volti – Il cinema di John Cassavetes sul sito del CSC.
La pagina dedicata alla rassegna Volti – Il cinema di John Cassavetes sul sito de La farfalla sul mirino.
La pagina Facebook de La farfalla sul mirino. Il catalogo della rassegna Volti – Il cinema di John Cassavetes a cura di Quinlan.it.

  • Volti-il-cinema-di-john-cassavetes-01.jpg
  • Volti-il-cinema-di-john-cassavetes-02.jpg
  • Volti-il-cinema-di-john-cassavetes-03.jpg
  • Volti-il-cinema-di-john-cassavetes-04.jpg
  • Volti-il-cinema-di-john-cassavetes-05.jpg
  • Volti-il-cinema-di-john-cassavetes-06.jpg


Articoli correlati

  • Cassavetes

    Mariti RecensioneMariti

    di Privo di ogni freno inibitorio e pervicacemente incentrato su una totale perdita di controllo, Mariti di John Cassavetes resta uno dei più alti saggi di recitazione e improvvisazione cinematografica, impossibile da imitare.
  • Classici

    Rosemary's Baby RecensioneRosemary’s Baby

    di Nel 2018, insieme ai moti studenteschi e operai, si festeggerà anche il cinquantesimo compleanno di Rosemary's Baby di Roman Polanski, tra le pietre miliari della storia del cinema destinata a lasciare un segno indelebile nello sviluppo dell'horror. Un'opera a suo modo inclassificabile, che si muove tra paura psichica e materia del soprannaturale.
  • Torino 2017

    Fury

    di Onirico, seducente, inquietante, Fury di Brian De Palma è un miscuglio ardito di generi che esplora tutte le spaventose inquietudini dell'adolescenza, e del suo autore.
  • Cassavetes

    Ombre RecensioneOmbre

    di Opera prima di John Cassavetes, Ombre è il manifesto di un cinema indipendente e libero.
  • Cassavetes

    L'assassinio di un allibratore cinese RecensioneL’assassinio di un allibratore cinese

    di Gangster movie sui generis, acuta riflessione sulla messinscena, L'assassinio di un allibratore cinese è una performance visiva disarticolata, in cui Cassavetes cerca la verità di una prova attoriale, quella di Gazzara, che priva lo spettatore di ogni appiglio logico, di ogni giudizio morale sul suo personaggio.
  • Cassavetes

    Gloria - Una notte d'estate RecensioneGloria – Una notte d’estate

    di Opera su commissione, Gloria è un film di genere in una New York dei bassifondi, che Cassavetes rende nella sua umanità, mentre il gangster film viene decostruito in chiave femminile, con le schermaglie tra i sessi tipiche del regista.
  • Cassavetes

    Volti RecensioneVolti

    di Quarto lungometraggio di Cassavetes, concepito come un ritorno alla concezione di Ombre, ma in un contesto da upper class, di personaggi di mezza età, tra cinismo e incomunicabilità.
  • Cassavetes

    La sera della prima RecensioneLa sera della prima

    di Centro nevralgico della filmografia cassavetesiana, La sera della prima si conforma quale assurdo e geniale paradosso, essendo allo stesso tempo il film più teorico e il più anti-teorico del cineasta di origine greca.
  • Cassavetes

    Il grande imbroglio RecensioneIl grande imbroglio

    di Ultimo film firmato da John Cassavetes, opera dalla gestazione complicata e sfortunata, Il grande imbroglio è una moderna screwball comedy che satireggia l'American Way of Life e che si pone anche come parodia del noir classico. Con Peter Falk e Alan Arkin.
  • Cassavetes

    minnie e moskowitz recensioneMinnie e Moskowitz

    di Ennesimo esempio di “filmare la vita” nel cinema di John Cassavetes, Minnie e Moskowitz si distingue per la sua capacità di muoversi con la consueta libertà nel recinto – da molti considerato troppo stretto – della commedia sentimentale.
  • Cassavetes

    Blues di mezzanotte RecensioneBlues di mezzanotte

    di Opera seconda che fu funestata da vari problemi tra John Cassavetes e la Paramount, insuccesso commerciale e critico, Blues di mezzanotte offre in realtà una pregnante metafora della dialettica tra creatività e industria che avrebbe attraversato tutta la carriera del regista.
  • Cassavetes

    Gli esclusi RecensioneGli esclusi

    di Sotto l’ala produttiva della United Artists e di Stanley Kramer, Cassavetes nel 1963, alla terza regia di lungometraggio, realizzava un’opera borderline come il suo protagonista, in bilico tra la Hollywood che fu e il cinema americano che sarà.
  • Cassavetes

    Una moglie RecensioneUna moglie

    di Chiusura dell'ideale tetralogia di Cassavetes sulla solitudine nella coppia e miracolosa performance di una Gena Rowlands alienata e sospesa sul baratro fra frustrazione e follia, Una moglie rappresenta forse il punto più alto nell'evoluzione del “saggio collettivo di recitazione e di regia”.
  • Cassavetes

    love streams recensioneLove Streams – Scia d’amore

    di Ultimo film 'intimo' della carriera di John Cassavetes (due anni dopo arriverà lo spurio Il grande imbroglio, disconosciuto dallo stesso regista) Love Streams – Scia d'amore è un dolente commiato alla vita, e al cinema, che affonda le sue basi nella consolidata poetica dell'autore.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento