Zalava

Zalava

di

Demoni, superstizione, l’autorità costituita che cerca di scardinare vetuste credenze e la scienza in mezzo, a tentare una (impossibile) mediazione. Zalava dell’esordiente Arsalan Amiri, in concorso alla Settimana Internazionale della Critica 2021, è cinema con un animo da B-movie e una cura dei dettagli di primo livello, che situa nel recente passato un Iran immutabile, tragico e ridicolo allo stesso tempo.

Gambizzare per esorcizzare

1978, gli abitanti di un piccolo villaggio chiamato Zalava sono convinti che un demone sia tra loro. Un giovane sergente che indaga sul caso decide di arrestare l’esorcista che tenta di scacciare il demone dal villaggio. Ma improvvisamente si ritroverà bloccato in una casa maledetta con la sua amante, e gli abitanti del villaggio li crederanno entrambi posseduti. [sinossi]

Piccolo gioiello che unisce l’approccio di genere all’afflato politico a cui generalmente si riconduce, nella mente di ogni cinefilo, il miglior cinema proveniente dall’Iran, Zalava di Arsalan Amiri è stato selezionato per il concorso dalla 36ma Settimana Internazionale della Critica. Come nel Django Unchained di Quentin Tarantino, il film è ambientato poco prima di un evento deflagrante universalmente noto anche a chi non si occupa in maniera approfondita della storia del Paese: lì la guerra civile di secessione, qui la rivoluzione khomeinista. L’umore profondo di un Paese è sempre situato nel suo entroterra e nella sua provincia, terre lontane dalle capitali e dai centri culturali, e qui il messaggio è ben chiaro: la repubblica islamica sciita avrebbe trovato terreno fertile nel suo soppiantare la monarchia. Amiri lo dice usando la figura del Jinn, un demone coranico situato tra il mondo angelico e l’umanità, con carattere maligno (anche il genio della lampada di Aladino ha questa origine, pur nella sua versione “bonaria”). Il demone può infestare corpi, uccidere armenti, prosciugare falde acquifere, e si può combattere in due modi: o tramite un esorcista, o sparando il posseduto alle gambe, facendo scaturire dall’arto un fiotto di sangue “salvifico”. Singolare come la gambizzazione rappresenti una punizione, severa ma non mortale, per culture così diverse come quella islamica e alcuni esempi di terrorismo politico europeo, tra cui le nostre BR; sulla considerazione educativa di questa pratica verso chi devia da una presunta ortodossia si potrebbe riflettere a lungo.

Usando un eccesso di adrenalina nel sangue dei residenti come spiegazione (pseudo)scientifica, gli abitanti di Zalava si muovono in maniera goffa e spiritata con effetti da commedia slapstick. Ecco un altro genere ad aggiungersi al pastiche, dopo l’horror demoniaco. A questi possiamo ancora assommare la commedia amorosa con spunti da “soap” nel rapporto tra il sergente di polizia e la dottoressa e, come già accennato, il film politico d’impegno sociale che, avendo una serie di topoi e tematiche ben delineati, chi scrive considera come un vero e proprio genere. L’equilibrio tra tutti questi elementi, che a volte deraglia ma per la maggior parte del minutaggio è tenuto strettamente in pugno dal meccanismo narrativo, è il primo punto di forza dell’opera. La (non) rappresentazione visiva del demone è il secondo, un brillante adattamento, con echi tourneuriani, all’evidente esiguità di budget concessa alla produzione. Il film inizia sul primo piano di una giovane, sguardo terrorizzato verso la quarta parete, verso di noi; per l’intera durata il confine tra il soprannaturale e la suggestione rimarrà sempre inespresso, senza spiegazione, a volte un indizio sposta l’attenzione da una parte ma immediatamente dopo qualcosa ci riporta dall’altra. A decidere è lo spettatore, le sue credenze, la sua cultura, un cinema che interroga e non afferma.

Nel conflitto tra l’autorità dello Stato, che rappresenta la razionalità materialista ancora per poco tempo, e il folklore popolare s’innesta la scienza, incarnata da una dottoressa trasferitasi nella cittadina per occupare l’unico presidio sanitario in una vasta area desolata. Donna non per caso, combattente di una battaglia che tutte le donne stanno per perdere, ma decisa a compiere una mediazione, conscia che l’irrigidirsi sulle proprie posizioni non porti a nulla e sia deleterio per l’unica causa che conti davvero, la salute pubblica, fisica e mentale. Se si ha contezza dell’andamento della Storia, non ci sono troppi dubbi sul risultato e sulla destinazione di questa lotta contro i mulini a vento. Ultima annotazione per il barattolo di vetro che potrebbe, o no, contenere il demone, porzione di spazio chiusa ma il cui interno, vuoto, è completamente visibile. Nel barattolo non c’è nulla, ma la forza della suggestione è tale che perfino il laico sergente, in una notte di tregenda, prova terrore al solo avvicinarvisi: semplice ed efficacissima rappresentazione grafica del potere opprimente e coercitivo di ogni fondamentalismo religioso.

Info
Zalava sul sito della SIC.

  • zalava-2021-arsalan-amiri-01.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2021

    Eles transportan a morte recensioneEles transportan a morte

    di , Eles transportan a morte segna l'esordio al lungometraggio per Helena Girón e Samuel M. Delgado, galiziana lei e di Tenerife lui; un viaggio a ritroso nel passato fino all'anno della scoperta dell'America, in concorso alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia.
  • Venezia 2021

    mother lode recensioneMother Lode

    di Un regista italiano, una coproduzione europea, un viaggio dall’altra parte del mondo sulle orme del lavoro, della sussistenza, dello sradicamento dai propri affetti. In concorso alla Settimana Internazionale della Critica 2021, Mother Lode di Matteo Tortone colpisce al cuore e lascia il segno.
  • Venezia 2021

    A Salamandra

    di In concorso alla Settimana Internazionale della Critica 2021, A Salamandra di Alex Carvalho rifugge dallo sguardo “colonialista” sempre in agguato quando l’Europa incontra il Sudamerica, e regala personaggi di spessore.
  • Venezia 2021

    Mondocane (2021) di Alessandro Celli - Recensione | Quinlan.itMondocane

    di Apprezzabile tentativo di parabola post-apocalittica all'italiana, Mondocane di Alessandro Celli racconta un'umanità randagia scaturita dalla chiusura dell'acciaieria di Taranto. Ma tra gang di ragazzini, sbirri di pattuglia e un luciferino boss incarnato da Alessandro Borghi, il disordine regna sovrano.
  • Venezia 2021

    shen kong recensioneShen Kong

    di Apertura delle Giornate degli Autori 2021, Shen Kong del giovane cineasta Chen Guan, all’esordio nel lungo, si lancia coraggiosamente in una rielaborazione artistico/emotiva del dramma pandemico ancora in atto, attraverso due giovani, splendidi, protagonisti.
  • Venezia 2021

    karmalink recensioneKarmalink

    di Karmalink è l'opera prima di Jake Wachtel, statunitense di nascita ma apolide per vocazione, che firma una vera anomalia: un film di fantascienza in Cambogia. Film d'apertura fuori concorso alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Festival

    Venezia 2021Venezia 2021 – Minuto per minuto

    Venezia 2021 e Covid Atto II. Tra film, file, tamponi e prenotazioni su Boxol (il vero protagonista della Mostra) si torna a pieno regime al Lido. Più o meno. Anche il nostro “Minuto per minuto” tornerà a pieno regime? Ai posteri bla bla bla…
  • Festival

    Venezia 2021 – Presentazione

    Alberto Barbera e il presidente della Biennale Roberto Cicutto hanno presentato in streaming la selezione di Venezia 2021. Un'edizione che sembra volersi prendere dei rischi, garantisce il ritorno del mainstream d'oltreoceano e apre gli spazi al cinema italiano.
  • Venezia 2021

    Settimana della Critica 2021 – Presentazione

    Il programma della Settimana della Critica 2021 è stato presentato a Roma dalla delegata generale Beatrice Fiorentino, al primo anno alla guida del comitato di selezione. L'obiettivo resta invariato: mappare il mondo alla ricerca degli esordi più interessanti.
  • Festival

    Venezia 2021Venezia 2021

    Recensioni, interviste e aggiornamenti dalla Mostra del Cinema di Venezia 2021, dall'attesissimo Dune ai film della Settimana della Critica, da Orizzonti ai film in concorso, da Sorrentino a Erik Matti...
  • Venezia 2021

    a chiara recensione cortoA Chiara

    di A Chiara di Jonas Carpignano non è la "versione breve" del lungometraggio omonimo, ma la dimostrazione di una dinamica lavorativa, di una prassi del cinema che nasce dalla conoscenza e dalla relazione umana per svilupparsi in narrazione in un secondo momento.
  • Venezia 2021

    notte romana recensioneNotte romana

    di Con Notte romana il venticinquenne Valerio Ferrara si confronta con un archetipo narrativo: il rapporto di coppia impossibile, l'amore ostacolato dalle differenze sociali. Lo fa però da una prospettiva inedita, e soprattutto costringendo lo sguardo dello spettatore a una collocazione univoca, per poi provare a spiazzarlo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento