I misteri del giardino di Compton House

I misteri del giardino di Compton House

di

Esce in sala, in edizione digitalizzata dal BFI, I misteri del giardino di Compton House, il primo lungometraggio di Peter Greenaway, che fece conoscere il suo talento eclettico, e che lo impose come uno degli autori chiave dell’epoca e del decennio a venire. Un inizio programmatico e teorico per un artista che ha usato il cinema come summa o crocevia delle varie forme d’arte.

Il disegno che uccide

1694, campagna inglese. L’aristocratica Mrs Herbert ingaggia il paesaggista di successo Mr Neville per eseguire dodici disegni della propria dimora di Compton House, per farne dono al marito quando rientrerà da un viaggio di due settimane. Il contratto prevede anche la disponibilità sessuale della padrona di casa. Viene improvvisamente ritrovato il cadavere di Mr Herbert e i disegni diventano quindi indizi rivelatori per ricostruire l’omicidio. [sinossi]

Risale agli inizi dell’Ottocento l’invenzione, nelle sue forme rudimentali, della fotografia, mentre alla fine dello stesso secolo l’uomo partorisce il cinematografo, la fotografia in movimento. Ma una tensione alla riproduzione visiva della realtà si può far risalire già alle pitture rupestri e il bue con le zampe sdoppiate, in quelle di Chauvet, testimonia anche di un tentativo ancestrale di catturare l’idea di movimento. L’umanità doveva solo aspettare che la tecnologia lo permettesse. Nel frattempo c’è la storia dell’arte peraltro profondamente modificata dall’avvento della tecnica fotografica. Gli impressionisti cercarono di staccarsi da una forma di rappresentazione meramente naturalistica e i movimenti artistici del Novecento vanno sempre più in là, lasciando la prospettiva a cinema e fotografia. Tutti questi concetti vengono toccati da The Draughtsman’s Contract, uscito in Italia con il titolo I misteri del giardino di Compton House, del 1982, primo lungometraggio di Peter Greenaway, che ora è possibile tornare ad apprezzare sul grande schermo, nelle sale italiane, nella versione digitalizzata in 4K a cura del BFI.

Il film è incentrato sulla figurata di un artista, Mr. Neville, incaricato dall’aristocratica Mrs. Herbert di ritrarre la propria residenza di Compton House, immersa in un maestoso giardino all’italiana. Il vedutista agisce in tutto e per tutto come un fotografo ante litteram. Riproduce su tela la realtà oggettiva, usando una cornice per delimitare un rettangolo della sua visione e un reticolo per facilitare la riproduzione fedele della realtà nel disegno. Non inventa né aggiunge nemmeno una riga. E se Mr. Talmann si piazza davanti, con quella sua ingombrante parrucca da nobile, la sua figura comparirà inesorabilmente nella tavola. Il lavoro artistico dunque avviene prima, con la composizione dell’immagine, nella rigorosa disposizione che il pittore impartisce, stabilendo per esempio che non si possano aprire finestre durante la sua attività, e tutta una serie di altre cose. Neville quindi è anche un regista che dispone un set. La sua opera consiste nel rendere su una tavola bidimensionale il mondo tridimensionale, usando quindi la prospettiva. Con dodici di queste tavole si può restituire al meglio l’idea di quello spazio architettonico. Il richiamo alla piattezza viene fatto nel film con il paragone al seno tutt’altro che prosperoso di una donna, in una delle continue allusioni sessuali con cui si gioca il tutto. Lo stesso artista è un uomo di grande fascino che soddisfa volentieri le dame della dimora, sembra una copia del Casanova felliniano. L’arte combacia con una dimensione lasciva, lubrica, comunque regolata da contratti, in quel rigido mondo aristocratico.

Il gioco di Greenaway è un sofisticato meccanismo di mise en abyme. L’inquadratura del cinema contorna spesso il quadro, secondario, del disegnatore, o si pone in posizione di dialogo con questo. In un momento iniziale si pone all’opposto, riprendendo il volto di Neville dietro la sua stessa cornice, come fosse l’uomo dietro la macchina da presa. Nonostante la meticolosa riproduzione dell’immagine reale, il tentativo estremo di oggettivazione pseudo-fotografica, o proto-fotografica – al punto che alcuni dettagli ritratti potrebbero servire come indizi per risolvere il giallo dell’omicidio come in un Blow-Up di fine Seicento –, c’è uno scarto tra raffigurazione e realtà. I disegni sono infatti in chiaroscuro, non a colori, come una fotografia in bianco e nero. Qui Greenaway, basandosi sulla sua esperienza nel campo della pittura, ironizza sull’impossibilità di disegnare ciò che semplicemente si vede e non che si immagina o si ricorda o si rielabora. E tutto il film è impregnato di pittoricismo. Da un lato con l’uso di inquadrature fisse come tableau o conversation piece, lasciando i movimenti a veloci carrellate laterali nelle scene a tavola. Dall’altro con una fotografia che insegue l’estetica di Turner, Constable, Tiepolo, Veronese, Caravaggio, George de La Tour.

Una scena chiave di I misteri del giardino di Compton House vede Neville, nel preludio di un momento erotico con Mrs. Herbert, ragionare su un dipinto, analizzandolo. C’è una narrazione in quel quadro ambientato in un giardino aristocratico. Intrighi, infedeltà coniugali, forse si prepara un omicidio: il quadro è un concentrato del film stesso. Greenaway lo analizza in stile critofilm, con una serie di close up. Se il cinema è una forma d’arte che possiede una dimensione temporale oggettiva, il tempo della fruizione di un quadro equivale al movimento dello sguardo su di esso, nell’osservazione dei dettagli. Quello di un’opera architettonica corrisponde al passaggio dentro o attorno la stessa, alla visione delle sue varie facciate. Il rapporto immagine fissa/movimento trova in I misteri del giardino di Compton House un ulteriore manifestazione nella bizzarra figura dell’uomo nudo, dal corpo pitturato, che si installa in posizione di statua. Situazione peraltro mai spiegata nella narrazione. Nella scena finale il cortocircuito: Neville non lo raffigura mentre compone una statua equestre e quella tavola, la tredicesima, fuori programma e fuori norma, con la statua del solo cavallo, si vede mentre viene bruciata, e il pittore ucciso, rifiutato ed espulso da quella committenza aristocratica che non accetta arte e creatività, ma solo il manierismo al servizio e a glorificazione del suo potere.

Info
Il trailer de I misteri del giardino di Compton House.

  • i-misteri-del-giardino-di-compton-house-1982-the-draughtsmans-contract-peter-greenaway-04.jpg
  • i-misteri-del-giardino-di-compton-house-1982-the-draughtsmans-contract-peter-greenaway-03.jpg
  • i-misteri-del-giardino-di-compton-house-1982-the-draughtsmans-contract-peter-greenaway-02.jpg
  • i-misteri-del-giardino-di-compton-house-1982-the-draughtsmans-contract-peter-greenaway-01.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2022

    Peter Greenaway e i misteri dell’inquadratura

    Abbiamo incontrato Peter Greenaway durante la 79 Mostra del Cinema di Venezia, dove è stata presentata, nell'ambito di Venezia Classici, la versione restaurata di The Draughtsman's Contract, in Italia noto come I misteri del giardino di Compton House, che uscirà in sala e su piattaforma per I Wonder.
  • Biografilm 2018

    The Greenaway Alphabet RecensioneThe Greenaway Alphabet

    di Tra le opere della scorsa edizione del Biografilm Festival va ricordato The Greenaway Alphabet, un ritratto del visionario regista gallese, che risiede da tempo ormai ad Amsterdam, a opera della moglie Saskia Boddeke.
  • Biografilm 2017

    Intervista a Peter Greenaway

    Peter Greenaway mette in discussione da tempo, con la sua attività e con le sue posizioni teoriche, la concezione stessa di cinema. Lo abbiamo incontrato al Biografilm.
  • In Sala

    Eisenstein in Messico

    di In concorso alla Berlinale e ora in sala, Eisenstein in Messico è l’ultima fatica di Peter Greenaway, che racconta, con il suo stile visionario ed eccentrico, il soggiorno messicano dell’autore de La corazzata Potëmkin.
  • In Sala

    Goltzius and the Pelican Company

    di La ricerca linguistica di Greenaway e l’interesse per le nuove tecnologie raggiungono con Goltzius and the Pelican Company il punto più elevato della sua carriera.
  • Rassegne

    Il cinema di Peter Greenaway

    L'Alphaville Cineclub di Roma presenta, da mercoledì 23 a domenica 27 marzo 2011, la rassegna "Sarcastico e perverso, il cinema di Peter Greenaway", selezione monografica dedicata al grande regista gallese.
  • Libri

    Peter Greenaway libroPeter Greenaway. Film, Video, Installazioni

    De Gaetano analizza con estrema cura tutti i lavori di Peter Greenaway, dando importanza a tutte le parti che lo compongono, compreso il retroterra culturale, ma anche l’elemento musicale, quello pittorico, scenografico...
  • Documentari

    Rembrandt’s J’accuse

    di Greenaway disseziona letteralmente La ronda di notte di Rembrandt, mettendone in luce i punti che ritiene fondamentali per riuscire a dipanare la complessa matassa del mistero che si agita alle spalle di questo capolavoro della pittura mondiale...

Leave a comment