Il globo infuocato

Il globo infuocato

di

Ce n’è per tutti i gusti in Il globo infuocato, rocambolesca pellicola di avventura e sentimento, erotismo, comicità e performance muscolari, un esempio di intrattenimento scoppiettante realizzato in un’epoca in cui il cinema non soffriva certo della mancanza del sonoro. Alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone.

Maschio italiano

L’acrobata ed escapista Silvio Spaventa, di stanza con il suo circo a Berlino, viene ingiustamente accusato di aver scassinato una cassaforte, portandosi via una refurtiva di preziosi gioielli. Dovrà darsi da fare per arrestare i veri colpevoli e riscattare il suo onore. [sinossi]

In ossequio al luogo comune del maschio latino tutto d’un pezzo, un tempo abbiamo esportato anche divi di una certa prestanza e non solo a Hollywood. Accadeva nei ruggenti anni ’20 e la meta del viaggio dei talenti nostrani, era nientemeno che la Repubblica di Weimar. Complice quell’esperanto per immagini costituito dal cinema muto, forzuti e acrobati italici hanno infatti avuto una stagione di eccezionali successi in suolo germanico, sfoggiando muscoli e prodezze atletiche di un certo livello. Tra questi, il circense Luciano Albertini era, insieme al collega Carlo Aldini, tra i più amati dal pubblico teutonico, femminile e non. E a rinfrescarci la memoria su cotali glorie patrie poi cadute nell’oblio ci pensano ora le Giornate del Cinema Muto di Pordenone, che ai due interpreti succitati hanno dedicato una retrospettiva, dal titolo inappuntabile di Muscoli Italiani in Germania.
Diretto da Max Obal e proiettato alla 34/esima edizione del festival pordenonese, Il globo infuocato è una riscoperta sorprendente e galvanizzante, il fulgido esempio di un cinema commerciale (il film era stato prodotto dai gloriosi studi della Aafa) in grado di unire buoni sentimenti (l’onesta, innanzitutto), rocambolesche avventure, pirotecniche evoluzioni circensi, incarnandole tutte nel corpo statuario del suo protagonista. Albertini, che proprio dall’esperienza circense proveniva, essendo stato acrobata per il Circo tedesco Busch, incarna qui Silvio Spaventa (interessante la scelta onomastica, che lo accomuna all’omonimo patriota e politico nostrano), ovvero l’attrazione principale del Circo Rossi, di stanza temporanea a Berlino. Silvio è in particolare un escapista, ovvero la sua specialità è liberarsi a tempo record da manette e catene e lanciarsi da una gabbia circolare sospesa e infuocata fino al trapezio su cui lo attende l’amata, sua promessa sposa. Ma i talenti di Spaventa fanno naturalmente molto gola anche alla malavita d’alto bordo locale, che vuole assoldarlo per fargli scassinare con l’inganno una cassaforte ripiena di gioielli preziosi. Così, proprio alla vigilia delle nozze, il nostro eroe si ritrova a doversi scagionare da un’infamante accusa e per raggiungere l’obiettivo, l’unica via è arrestare i veri colpevoli.

Mentre oggigiorno si suole pubblicizzare roboanti blockbuster sponsorizzando la volontà dei divi contemporanei di non utilizzare controfigure negli stunts (Tom Cruise con il suo francise di Mission: Impossible è un habitué di questa prassi) nell’era del muto la questione non era nemmeno in discussione: l’attore lavorava soprattutto con il suo corpo e le sue relative capacità atletiche erano uno strumento necessario e imprescindibile.
E, in Il globo infuocato, le evoluzioni aeree di Albertini lasciano davvero a bocca aperta. Si va da una sequenza en plein air in montagna al cardiopalma al lungo inseguimento finale sui tetti berlinesi, passando – nel mezzo – per il circo, quale luogo deputato allo stupore e alle evoluzioni senza rete.
Il film di Max Obal contiene poi anche una gustosa e teorica intuizione di mise en abyme: durante uno spettacolo di Spaventa, vediamo infatti scendere sulla pista circense il telone di uno schermo cinematografico, sul quale vengono anticipate le prodezze che gli spettatori – quelli diegetici e non – stanno per vedere.

Si respira anche un certo feticismo birichino in Il globo infuocato, e non solo per via delle manette e catene da cui l’eroe è in grado di liberarsi, ma anche per quello stuolo di assistenti che con tutte quelle calzette arrotolate sui polpacci e i gonnellini sollevati dal vento lo aiuta a riscattare il suo onore e infine a convolare a giuste nozze.
Ce n’è per tutti i gusti dunque in Il globo infuocato, rocambolesca pellicola di avventura e sentimento, erotismo, comicità e performarce muscolari, un esempio di intrattenimento scoppiettante realizzato in un’epoca in cui il cinema non soffriva certo della mancanza del sonoro, e sapeva inanellare in una successione montante tutte le sue possibili attrazioni.

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto.

Articoli correlati

  • Pordenone 2015

    L’inhumaine

    di Film d'arte per eccellenza, L'inhumaine - diretto nel 1924 da Marcel L'Herbier - utilizza i contributi delle avanguardie storiche per mettere in scena un melodramma d'amore e morte, dove i miracoli avvengono grazie all'onnipotenza della tecnica. Alla 34esima edizione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2015

    Cinema: A Public Affair

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, Cinema: A Public Affair, non è solo un documentario sul destino del Museo del Cinema di Mosca, ma un vero e proprio inno al potere del cinema, della memoria, della condivisione.
  • Pordenone 2015

    The Mollycoddle

    di Presentato alle Giornate del Cinema Muto all'interno della personale su Victor Fleming, The Mollycoddle è una commedia brillante con grande mattatore Douglas Fairbanks, nei panni del rampollo di una famiglia dell'Arizona che gozzoviglia a Monte Carlo.
  • Festival

    Giornate-del-Cinema-Muto-2015Giornate del Cinema Muto 2015

    A Pordenone dal 3 al 10 ottobre le Giornate del Cinema Muto 2015. Programmazione ricchissima per questa 34esima edizione: Il fantasma dell'opera con Lon Chaney, la versione del 1925 de I miserabili, l'omaggio a Victor Fleming, ospiti d'eccezione come John Landis...
  • Festival

    giornate-del-cinema-muto-2015Giornate del Cinema Muto 2015: da Lon Chaney a John Landis

    Si terrà a Pordenone dal 3 al 10 ottobre la 34esima edizione delle Giornate del Cinema Muto, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner. Programmazione ricchissima, tra cui Il fantasma dell'opera con Lon Chaney e la versione del 1925 di I miserabili, ma anche ospiti d'eccezione come John Landis.
  • Archivio

    Mission: Impossible Rogue Nation RecensioneMission: Impossible – Rogue Nation

    di Tra voltafaccia, cambi di abito, maschere e scarpe usate come feticcio, Mission: Impossible - Rogue Nation di Christopher McQuarrie non delude e segna un nuovo pirotecnico ed esaltante episodio delle avventure dell'agente Ethan Hunt.
  • Pordenone 2015

    A Diary of Chuji’s Travels

    di Evento speciale alle Giornate del Cinema Muto, il terzo restauro di Chuji tabi nikki, un grande classico del jidaigeki, il cappa e spada nipponico, opera del regista pioniere Daisuke Ito, con la star Denjiro Okochi.

1 Commento

  1. Trackback: Italian Muscle in Germany (in Retrospect) | Ivo Blom

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento