The Case of Hana & Alice

The Case of Hana & Alice

di

Presentato in concorso al Future Film Festival 2016, The Case of Hana & Alice di Shunji Iwai è un anime atipico, indipendente, realizzato con la tecnica del rotoscopio. Un’immersione bizzarra, delicata e imprevedibile nell’adolescenza. Un’incursione felicissima di un regista live action nell’universo animato.

Gli anni belli

La giovane Alice si trasferisce in una nuova scuola, dove corre voce sia avvenuto un misterioso delitto. La sua compagna di classe Hana sembra saperne qualcosa, ma tutti la evitano perché vive reclusa nell’inquietante “Flower House”. Solo Alice è pronta a scoprire la verità su Hana… [sinossi – programma FFF2016]

L’utilizzo del rotoscopio, un tempo tecnica piuttosto comune, richiede una notevole dose di consapevolezza e di sensibilità estetica. E forse anche un po’ di follia. Con The Case of Hana & Alice, Shunji Iwai si accoda con illuminata leggerezza alle declinazioni autoriali dei vari Linklater (Waking Life e A Scanner Darkly – Un oscuro scrutare), Lunák (Alois Nebel), Marslett (Mars), Choi (Life Is Cool) e via discorrendo.
Un utilizzo distante da quello dei fratelli Fleischer, della Disney d’antan o, in parte, di Ralph Bakshi. Iwai non vuole rendere più fluide le movenze dei suoi personaggi o inseguire un fotorealismo spesso sterile, avvicinando l’animazione al cinema live action, ma l’esatto contrario: aggiungere alle riprese dal vero, ai corpi in carne e ossa e ai luoghi, un’aurea sognante; far viaggiare indietro nel tempo Yū Aoi (Alice) e Anne Suzuki (Hana), fino a una adolescenza ideale, indubbiamente idealizzata, ma vitale e avvolgente. Il rotoscopio di The Case of Hana & Alice è una macchina del tempo.

Presentato in concorso al Future Film Festival 2016, The Case of Hana & Alice è un anime indipendente, davvero atipico, e non solo per il rotoscoping. Un’immersione bizzarra, delicata e imprevedibile nell’adolescenza. Un’incursione felicissima di un regista live action nell’universo animato.
Iwai torna al 2004. Prima del 2004. The Case of Hana & Alice è il prequel del lungometraggio Hana and Alice, che nasceva da una serie di cortometraggi. Un triangolo amoroso. Ma per Hana e Alice in versione animata non è ancora tempo per le complicazioni sentimentali: l’amore è appena sfiorato, ancora troppo immaturo, mentre tutte le energie sono riversate in una detection deliziosamente nonsense – l’anafilassi, le quattro moglie, gli spiriti maligni, il lungo pedinamento, l’ape… Iwai riesce a catturare la spensieratezza e la ludica follia dell’età acerba, sottolineandone i lati poetici, nostalgici, come nella sequenza del balletto notturno, col cielo, le stelle e quella prospettiva che forse appartiene solo all’adolescenza. O le corse a perdifiato, la staffetta con la scuola, gli entusiasmi e le indecisioni, la fantasia sfrenata.

Il prequel in rotoscopio si apre con un balletto e poche note di pianoforte. Leggerezza, appunto. E un chiaro rimando alla pellicola originale. Le linee dei disegnatori che si sovrappongono ai visi e ai corpi azzerano gli anni, il tempo passato, riportano Yū Aoi e Anne Suzuki alla loro giovinezza. The Case of Hana & Alice è un inno gioioso, dipinge un Giappone amorevole, una comunità pronta a interagire con gli altri, anche quando sono buffi e pasticcioni come Hana e Alice. Un po’ come per i tratti del viso appena accennati, anche i fondali non sono completamente definiti, ma sempre un po’ fuori fuoco: personaggi e luoghi restano così sospesi in un tempo che è di ieri, di oggi e anche di domani. O, forse, che non è mai davvero esistito.
Peccato si sia perso quel Murder nel titolo internazionale, così sagacemente fuorviante: The (Murder) Case of Hana & Alice ci prende in giro per un po’, giusto il tempo di farci accomodare tra i banchi di scuola, di farci innamorarci di Alice, Hana, Fuko, persino della strampalata Mutsu Mutsumi.
Shunji Iwai sembra aver rubato e aggiornato la naturalezza di The Cherry Orchard (1990) di Shun Nakahara.
Cinema leggero come l’aria.

Info
The Case of Hana & Alice sul sito del Future Film Festival.
Il trailer originale di The Case of Hana & Alice.
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-01.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-02.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-03.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-04.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-05.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-06.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-07.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-08.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-09.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-10.jpg
  • The-Case-of-Hana-and-Alice-2015-Shunji-Iwai-11.jpg

Articoli correlati

  • Future 2016

    miss-hokusai-2015-Keiichi-Hara-recensioneMiss Hokusai

    di Presentato al Future Film Festival l’anime più atteso dell’anno, Miss Hokusai, peraltro già trionfatore ad Annecy. Keiichi Hara realizza un’altra opera coloratissima, tratta da un manga, che rievoca la società e l’arte dell’epoca Edo.
  • Festival

    Future-Film-Festival-2016Future Film Festival 2016

    Al Future Film Festival 2016, dal 3 all'8 maggio nelle sale della Cineteca di Bologna, la consueta indigestione di animazione e fantascienza: l'apertura con Miss Hokusai, l'omaggio a Star Trek, la retrospettiva Welcome Aliens, il concorso dei lunghi e dei corti, le follie di mezzanotte...
  • Animazione

    Alois Nebel (2011) di Tomás Lunák - Recensione Venezia | Quinlan.itAlois Nebel

    di Estate 1989. Alois Nebel, solitario capostazione di un paesino al confine cecoslovacco, conduce una vita tranquilla. Solo a volte, quando cala la nebbia, ha delle allucinazioni...
  • Animazione

    Mars (Stati Uniti 2010) di Geoff Marslett - Recensione | Quinlan.itMars

    di Una nuova corsa allo spazio ha inizio fra la NASA e la ESA quando Charlie, Hank e la dottoressa Cook si mettono a competere con un robot dall'intelligenza artificiale per scoprire cosa succede sul Pianeta Rosso...
  • Animazione

    Life Is Cool (2008) di Choi Equan - Recensione | Quinlan.itLife Is Cool

    di Il-kwon, di ritorno in Corea dagli Stati Uniti, viene accolto all'aeroporto da due amici: Tae-young, insegnante di doposcuola frustrato per la sua situazione professionale, e Sung-hoon, che lavora come interprete per un giocatore di pallacanestro afroamericano che gioca nel campionato coreano...
  • AltreVisioni

    bandage-2010-cov932Bandage

    di Gelosie, amicizie, amori e musica in Bandage di Takeshi Kobayashi, presentato al Far East 2010 e solo a tratti convincente.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento