La mia vita da zucchina

La mia vita da zucchina

di

Si rinnova una gradevolissima tradizione della Quinzaine des Réalisateurs, sezione parallela che riesce a ritagliare spazi preziosi per il cinema d’animazione, anche quello a misura di bambino. Diretto da Claude Barras, La mia vita da zucchina è l’ennesima dimostrazione della vitalità dell’animazione a passo uno e dell’industria cinematografica transalpina.

Piccole storie

Zucchina non è un vegetale, è un ragazzino molto coraggioso. Quando perde la madre, pensa di essere rimasto solo al mondo, ma non ha fatto i conti con tutte le persone che incontrerà nella sua nuova vita nella casa dei bambini… Simon, Ahmed, Jujube, Alice e Béatrice: hanno tutti delle storie particolari e anche i più duri hanno in realtà un cuore d’oro. E poi c’è quella ragazzina, Camille. A dieci anni si può avere un gruppo di amici, ci si può innamorare, ci sono tantissime cose da scoprire e imparare. E si può essere felici. [sinossi]

Rassicuranti notizie dalla Croisette per il cinema d’animazione. Un Certain Regard (La tortue rouge), ACID (La jeune fille sans mains) e la Quinzaine des Réalisateurs, con Ma vie de Courgette (in sala in Italia con il titolo La mia vita da zucchina) di Claude Barras, ci consegnano altri tre titoli pregevoli, liberi dalle logiche dell’animazione commerciale, capaci di trovare il loro personalissimo equilibrio tra narrazione e comparto tecnico-artistico.
Design e cromatismi assai distanti tra loro, storie ovviamente diverse, ma che condividono la centralità della narrazione, l’importanza delle idee, di un coerente progetto artistico. Storie che non inseguono una durata standardizzata, che se ne infischiano dei dilatati minutaggi che stanno prendendo piede nel circuito festivaliero, nell’olimpo autoriale.

L’ora e poco più de La mia vita da zucchina – ma potremmo anche citare gli ottanta minuti di Tout en haut du monde di Rémi Chayé o i settantacinque di Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill del duo Boreal & Chatel – è una boccata d’ossigeno, è la lapalissiana dimostrazione che ogni storia ha bisogno del proprio minutaggio. A dare una mano a Claude Barras ci pensa la regista e sceneggiatrice francese Céline Sciamma (Tomboy, Bande de filles), probabilmente la migliore penna possibile per una storia di bambini e ragazzini: lo script de La mia vita da zucchina non cerca particolari intrecci, non appesantisce una storia che vuole essere il più possibile lineare, ma si limita a tratteggiare per i giovani spettatori dei percorsi emotivi chiari, didascalici nel miglior senso possibile, relegando nel giusto cantuccio i due personaggi negativi (la madre e la zia).
A Barras e Sciamma bastano pochi cenni per inquadrare la famiglia disfunzionale e irrecuperabile di Zucchina, come bastano poche sequenze per immergere il protagonista in un microcosmo finalmente accogliente, caloroso, positivo – con tre personaggi emblematici: il finto duro Simon, il poliziotto dagli slanci paterni Raymond, la ragazzina dei sogni Camille. Il centro gravitazionale de La mia vita da zucchina è l’affetto, la necessità dell’affetto: quello che viene offerto a Zucchina e quello che lui può offrire, anche costruendo famiglie non proprio tradizionali. Il messaggio de La mia vita da zucchina è chiaro, dolcemente sussurrato, sottolineato dalle animazioni a passo uno in plastilina dal design burtoniano e dalle piccole tavole realizzate con stile infantile, ma con la stessa portata emotiva, la stessa cristallina sincerità.

La mia vita da zucchina riesce a fare della semplicità la propria forza. Qualche preziosismo, come l’accuratezza dei tessuti dei vestiti, ma soprattutto un susseguirsi di linee chiare, stilizzate: la macchina a scatoletta, i paesaggi caratterizzati da pochi elementi (una paio d’alberi, due casette), i netti cromatismi. Piccoli mondi preziosi che si animano grazie a un’animazione basilare, pulita, anch’essa ad altezza bambino – si veda l’immediatezza estetica delle montagne innevate, della stazione sciistica. Come l’aquilone e la lattina, oggetti che racchiudono un intero universo emotivo. Proprio un gioiellino.

Info
Il trailer italiano de La mia vita da zucchina su Youtube.
La pagina dedicata a La mia vita da zucchina sul sito della distribuzione Teodora.
La scheda de La mia vita da zucchina sul sito della Quinzaine.
Intervista a Claude Barras, regista de La mia vita da zucchina.
Una clip tratta da La mia vita da zucchina.
  • ma-vie-de-courgette-2016-claude-barras-01.jpg
  • ma-vie-de-courgette-2016-claude-barras-02.jpg
  • ma-vie-de-courgette-2016-claude-barras-03.jpg
  • ma-vie-de-courgette-2016-claude-barras-04.jpg
  • ma-vie-de-courgette-2016-claude-barras-05.jpg
  • ma-vie-de-courgette-2016-claude-barras-06.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2016

    la-jeune-fille-sans-mains-2016-sebastien-laundebach-recensioneLa jeune fille sans mains

    di Proviene dalla sezione dell'ACiD una delle sorprese più belle e inattese di Cannes 2016: La jeune fille sans mains, opera prima disegnata a mano da Sébastien Laudenbach.
  • Animazione

    La tartaruga rossa (2016) Michael Dudok de Wit - Recensione | Quinlan.itLa tartaruga rossa

    di Presentato nella sezione Un Certain Regard, La tartaruga rossa di Michaël Dudok de Wit è l’ennesimo miracolo artistico e produttivo dello Studio Ghibli, in coproduzione con le francesi Prima Linea Productions, Why Not Production e Wild Bunch.
  • Festival

    Cannes-2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Festival

    cannes-2016Cannes 2016 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2016!
  • Future 2016

    Avril et le Monde truqué (2015) Recensione | Quinlan.itAvril et le Monde truqué

    di , Premiato ad Annecy e presentato in anteprima italiana al Future Film Festival 2016, Avril et le Monde truqué (April and the Extraordinary World) è un'avventura fantasiosa e rocambolesca, ennesimo tassello positivo del variopinto cinema d'animazione transalpino.
  • Animazione

    Phantom-BoyPhantom Boy

    di , Dopo Un gatto a Parigi, Felicioli e Gagnol si confermano con Phantom Boy, leggiadro noir dalle venature fantastiche che mette in scena senza inutili birignao una grave malattia. Presentato al Torino Film Festival 2015 e al Future Film Festival di Bologna 2016.
  • Animazione

    Sasha e il Polo Nord(2015) di Rémi Chayé - Recensione | Quinlan.itSasha e il Polo Nord

    di Sasha e il Polo Nord di Rémi Chayé è l'ennesima dimostrazione della qualità ed estrema vivacità del cinema d’animazione transalpino. L’animazione tradizionale è vivissima. A Roma 2015 e al Future 2016.
  • Archivio

    diamante-neroDiamante nero

    di L’opera terza di Céline Sciamma conferma il talento della regista transalpina nel cogliere pulsioni e ambiguità dell’adolescenza.
  • Animazione

    Ma maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill | Quinlan.itMa maman est en Amérique, elle a rencontré Buffalo Bill

    di , Ma maman est en Amérique cerca costantemente un linguaggio comprensibile e diretto per illustrare i rapporti interpersonali, concentrandosi con chiarezza e sincerità sulle dinamiche tra alunni e maestre, tra genitori e figli, tra bambini più grandi e più piccoli...
  • Archivio

    Tomboy (Francia 2011) di Céline Sciamma - Recensione - Quinlan.itTomboy

    di Laure, dieci anni, si trasferisce in un nuovo quartiere. Un po' per gioco, un po' per realizzare un sogno segreto, decide di presentarsi ai nuovi amici come fosse un maschio...
  • Animazione

    Le avventure di Zarafa di Bezançon e Lie - Recensione - Quinlan.itLe avventure di Zarafa – Giraffa giramondo

    di , All'ombra di un baobab, un anziano racconta ai bambini la storia dell'amicizia tra il piccolo Maki, dieci anni, e Zarafa, una giraffa orfana che venne data in dono dall'Egitto alla Francia: un lungo e avventuroso viaggio, attraverso Alessandria, Marsiglia, le Alpi..
  • Animazione

    Louise en hiver (2016) Laguionie - Recensione | Quinlan.itLe stagioni di Louise

    di Ennesimo tassello della nouvelle vague animata transalpina, il film di Laguionie si stringe poeticamente e senza ipocrisie attorno alla terza età, alla solitudine che spesso accompagna la vecchiaia.
  • Festival

    Cinema Svizzero a Venezia 2017 - 6 al 12 marzo - VI edizione | Quinlan.itCinema Svizzero a Venezia 2017

    Cinema Svizzero a Venezia si apre una volta di più alla città – rinforzando anche i legami con Ca’ Foscari – e invita lagunari e non a uscire dal già noto per spostarsi di qualche centinaio di chilometri...
  • Archivio

    Stella (2008) di Sylvie Verheyde - Recensione | Quinlan.itStella

    di Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza di Stella, con tutti i suoi contrasti e le sue problematiche, è reso con una semplicità e una pervicace negazione degli elementi climatici che è impossibile non applaudire. Presentato alle Giornate degli Autori.
  • Cannes 2017

    Ava (2017) di Léa Mysius - Recensione | Quinlan.itAva

    di Presentato alla Semaine de la Critique di Cannes 2017 e vincitore del premio SACD, Ava è uno scandaglio ispirato e mai banale dell'adolescenza, dei primi subbugli ormonali, dell'età adulta che si avvicina coi suoi problemi, i suoi drammi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento