Il mercante di Venezia: un altro restauro è possibile?

Il mercante di Venezia: un altro restauro è possibile?

di

Forse non si poteva fare di meglio, ma sicuramente si poteva fare di meno: il restauro del Mercante di Venezia presentato al Lido non lo si può definire un perfetto esempio di operazione filologica, pieno com’è di elementi aggiuntivi ed estranei al film stesso. Lo si potrà vedere in futuro senza alcun orpello?

Rispetto ai primi appunti a caldo, scritti il 2 settembre (vedere qui, nel nostro minuto per minuto), ci siamo presi qualche giorno per riflettere sul restauro del Mercante di Venezia di Orson Welles, presentato come pre-apertura della 72esima edizione della Mostra del Cinema in accoppiata con la versione italiana dell’Otello. Ci è sembrato fosse giusto lasciar sedimentare le impressioni, eppure la sensazione di fondo – ora che il festival è quasi finito – resta la stessa, sostanzialmente immutata.
L’attesa enorme per la possibilità che ci era stata data di poter assistere a un nuovo inedito wellesiano (di cui erano noti solo poco meno di dieci minuti) si è trasformata in nerissima delusione di fronte a un restauro che, per paura dell’horror vacui, si compone di tanti – troppi – elementi estranei al film stesso.
Forse sì, forse proprio di horror vacui bisogna parlare, visto che quanto è stato trovato di nuovo e di mai visto negli archivi di Cinemazero, associazione friulana già artefice del ritrovamento del Too Much Johnson, probabilmente non è sufficiente per poter ben delineare la natura di questa quarta e ultima incursione di Welles nella cosmogonia shakespeariana. Ma, in realtà, ci sembra che il problema di fondo sia un altro: l’atto stesso di valutare se i minuti a disposizione del Mercante siano sufficienti per darci un’idea di come potesse essere quest’opera è al momento una operazione impossibile. Bisognerebbe infatti espungere, rispetto a quel che si è visto al Lido, tutte le varie aggiunte che sono state fatte, in modo più o meno arbitrario; scelte che sono state guidate da un criterio che ci sembra non brilli per esattezza filologica, tutt’altro.

Del contesto in cui nacque questa versione del Mercante di Venezia, uno degli episodi prodotti dalla CBS per la serie Orson’s Bag, ne abbiamo già parlato circa un mese fa (vedere qui). Si trattava dunque di un adattamento televisivo che doveva rispettare una durata massima di non oltre quaranta minuti per puntata. E del Mercante si racconta che fosse stato completato, tanto che vi fu una proiezione privata, ma che poi – subito dopo – diversi rulli del film furono rubati.
Quanto abbiamo visto al Lido dura 35 minuti; questo però purtroppo non significa che ne manchino solo cinque per arrivare ad avere tutto il Mercante, anzi. Infatti, una delle grandi mistificazioni di questo restauro, condotto in primis da Stefan Drossler del Munich Film Museum (che ha in gestione tutti gli unfinished di Welles), è anche quella di aver gonfiato il minutaggio, attraverso didascalie, fermo immagine e quant’altro.
Comunque per cominciare a chiarire la situazione, proviamo ad elencare brevemente cosa, secondo noi, è stato aggiunto in maniera arbitraria: l’incipit di Welles che arriva in gondola, le didascalie piazzate di tanto in tanto per riferire qualche dialogo di cui non si è riusciti a reperire la traccia sonora (come se fosse un film muto e interrompendo così il montaggio pensato da Welles), l’inserimento a tratti di un radiodramma del ’38 in cui Welles interpretava sempre Shylock e che di nuovo è stato usato per riempire i momenti senza audio, la musica di Lavagnino anch’essa ritrovata di recente e inserita in maniera ossessiva senza un criterio drammaturgico, il fermo immagine finale sul volto di Welles nei panni di Shylock mentre in voice over si sente, ancora, un estratto dal radiodramma del ’38 e precisamente il momento del celebre monologo dello strozzino ebreo.

Tutti questi elementi addizionali hanno dunque contribuito a creare uno strato sotto cui ha finito per essere sepolto il materiale originale wellesiano. Per non parlare poi di altri interventi azzardati come, ad esempio, la decisione di voler imitare in digitale gli effetti truka realizzati all’epoca da Welles (il cui processo ci è stato raccontato dal montatore del film, Mauro Bonanni). Il cineasta americano infatti aveva trovato una soluzione ingegnosa per sottolineare la solitudine e l’amarezza della sconfitta di Shylock (abbandonato e derubato da sua figlia Jessica): farlo camminare per le calli veneziane mentre era in corso il carnevale e mentre scoppiavano dei fuochi d’artificio, i cui riflessi di luce colorata andavano a illuminare di tanto in tanto la figura dello strozzino. Ebbene, gli effetti realizzati da Welles non sono stati ritrovati e dunque si è cercato di riprodurli in digitale, con un risultato decisamente grossolano: le macchie di colore, infatti, compaiono a scatti, rigide, e non vanno a spegnersi dolcemente come succede di solito per i fuochi. Può sembrare, questo, un dettaglio, eppure ci pare molto significativo del modus operandi di Stefan Drossler, il cui intento è ricostruire quel che avrebbe voluto fare Welles e non restaurare. Ma c’è un dato di fatto: nessuno può avere il diritto e nessuno può sapere esattamente come Welles avrebbe fatto una certa cosa; dunque quel che viene ritrovato di suo andrebbe lasciato così com’è, a meno che non vi siano delle indicazioni precise (come ad esempio per la versione integrale di L’infernale Quinlan, di cui abbiamo parlato recentemente con il montatore Walter Murch).

Se poi dovessimo individuare l’intervento che più di tutti ci è sembrato anti-filologico, questo va senz’altro identificato nella decisione di inserire in colonna sonora degli estratti audio provenienti dal già citato radiodramma del 1938. Del resto, si sarà pensato, sempre di un Mercante di Venezia fatto da Welles si tratta. Ma non si è riflettuto sul fatto che a distanza trent’anni Welles potesse aver deciso di modificare qualcosa del testo shakespeariano? Non si è pensato che la voce in radio deve essere per sua natura maggiormente stentorea rispetto a quella cinematografica perché il microfono in quel caso è l’unico strumento a disposizione dell’attore? E che dunque le modalità recitative sono completamente diverse? Non ci si è accorti dell’enorme differenza nella qualità del materiale, per cui quando arriva la registrazione del ’38 sembra che le voci provengano dal grammofono della stanza accanto? Tutto questo tra l’altro accade nel momento in cui è in corso uno dei pochi frammenti che fa sì che si possa apprezzare appieno il lavoro di Welles, quando cioè Shylock parla con Antonio; purtroppo non è stata ritrovata la traccia sonora dell’ultima parte di questa sequenza e quindi – nel bel mezzo del dialogo – si sentono delle voci completamente differenti. Sia detto sinceramente: l’effetto è grottesco.

Forse ancora più grave è però quanto accade negli ultimissimi minuti del film, quando torna di nuovo il radiodramma di cui sopra e, nell’evidente impossibilità di rispettare il labiale, si sceglie piuttosto di fare un estenuante fermo-immagine di Welles, sempre nei panni di Shylock. Così questa voce diventa voice over, con conseguenze disastrose. Ecco che allora la volontà di voler piazzare a tutti i costi il celebre monologo (“Ma un ebreo non ha occhi? Un ebreo non ha mani, organi, misure, sensi…”) ha creato questo “frankenstein”. Un monologo che evidentemente non era presente nel materiale audio ritrovato e a proposito del quale non ci è dato sapere se almeno fosse presente nella sceneggiatura – ritrovata a fine giugno. Ma, al di là del fatto che il monologo non è mai stato previsto come finale in nessun tipo di adattamento del Mercante (Shakespeare lo mette nella prima scena del terzo atto), ci viene un dubbio: e se Welles avesse deciso di togliere quella scena? Certo, è molto difficile che sia così, fatto sta che se un passaggio – sia pur di fondamentale importanza – non si riesce a trovare, allora anziché optare per un feticcio sostitutivo, molto meglio, semplicemente, non mettere nulla.

L’ultima enorme perplessità che vogliamo segnalare riguarda l’incipit, quel minuto e mezzo circa in cui Welles gira in gondola per Venezia in campo lunghissimo e di tanto in tanto si vedono vedute di tipici palazzi addossati all’acqua della Laguna. Ci è sembrato immediatamente del materiale apocrifo, soprattutto per il ritmo visivo – vi sono inquadrature lunghe, con zoom abbastanza maldestri -, un ritmo completamente differente dal tipico montaggio wellesiano di quel periodo. Dopo la proiezione perciò abbiamo contattato Mauro Bonanni che, come detto, ha montato sia il Mercante che gli altri episodi CBS, e che ci ha rivelato di non aver mai visto quelle immagini. La sua ipotesi è che Welles potrebbe averle girate con l’obiettivo di usarle forse come semplice collegamento tra un episodio e l’altro, mettendo in scena i suoi spostamenti; ciò significa che su quelle immagini forse sarebbero dovuti passare in sovrimpressione i titoli di testa o di coda di un episodio o di un altro. La cosa del resto è molto verosimile perché anche in una precedente serie per la Tv, Around the World With Orson Welles, il cineasta americano aveva usato questo meccanismo, mettendosi in scena mentre saliva in treno.

Possibile, comunque, che vi siano delle attenuanti: lo scarso tempo a disposizione e il fatto che la sceneggiatura sia stata ritrovata solo a fine giugno (ma quanto aiuto può dare una sceneggiatura per un’opera di Welles, visto che lui modificava continuamente battute, scene, situazioni?). Però in ogni caso non si può accettare l’approccio che si è avuto verso questo materiale, perché ogni possibile idea di ricostruzione è velleitaria (Drossler, durante la presentazione lidense, ha accennato anche all’ipotesi – poi fortunatamente scartata – di far ridoppiare per l’occasione a degli attori le parti senza audio) e perché bisognerebbe prima di tutto eliminare gli orpelli che sono stati aggiunti e procedere a un vero restauro filologico.
Fino ad allora tutto resta sospeso. Fino ad allora non si potrà parlare del Mercante di Venezia in termini di analisi estetica, non si potrà ragionare sulla genialità di Welles nel mettersi in scena mentre si trucca per trasformarsi in Shylock in tempo reale, davanti ai nostri occhi. Per ora non si può parlare né di questo né di altre soluzioni estetiche. È tutto sospeso in attesa che qualcuno risponda a questa domanda: un altro restauro è possibile?

Vai allo Speciale Orson Welles.

Info
La pagina dedicata a Il mercante di Venezia sul sito della Biennale.
  • il-mercante-di-venezia-1969-orson-welles-001.jpg
  • il-mercante-di-venezia-1969-orson-welles-002.jpg
  • il-mercante-di-venezia-1969-orson-welles-003.jpg
  • il-mercante-di-venezia-1969-orson-welles-004.jpg

Articoli correlati

  • Locarno 2015

    Intervista a Walter Murch

    Cosa hanno in comune film così lontani tra loro come Apocalypse Now, Ghost, Il paziente inglese e la versione restaurata di L'infernale Quinlan? Semplice: il montaggio curato da un signore che si chiama Walter Murch. Lo abbiamo incontrato al Festival di Locarno.
  • Venezia 2015

    Sul ritrovamento del Mercante di Venezia di Welles

    Dopo Too Much Johnson, l’associazione friulana Cinemazero ha annunciato il ritrovamento di un altro dei misteriosi incompiuti di Welles, Il mercante di Venezia, risalente al 1969. Il film verrà proiettato al Lido il primo settembre, in prima mondiale.
  • Interviste

    Intervista a Jonathan Rosenbaum

    Jonathan Rosenbaum è tra i più importanti studiosi del cinema di Orson Welles, curatore della versione integrale de L’infernale Quinlan e del libro-intervista di Bogdanovich. Lo abbiamo incontrato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato per parlare con lui di Don Chisciotte, di The Other Side of the Wind e delle altre questioni irrisolte intorno all’opera di Welles.
  • Saggi

    Don Chisciotte, l’enigma

    di Proiettata lo scorso 29 giugno a Parigi, alla Cinémathèque, la "copia lavoro" del Don Chisciotte: un'occasione imperdibile per visionare uno dei capolavori incompiuti di Orson Welles, la cui ultima proiezione pubblica risaliva al Festival di Cannes del 1986.
  • Interviste

    mauro-bonanniIntervista a Mauro Bonanni

    Tra gli incompiuti di Welles il Don Chisciotte è il suo progetto più personale e anche quello che, per una serie di questioni irrisolte, rischia seriamente di finire nell’oblio. Ne abbiamo parlato con Mauro Bonanni, che ha lavorato al montaggio del film dall’aprile del 1969 al marzo del ’70. Questa intervista è dedicata a Ciro Giorgini.
  • Rassegne

    Welles alla Cinémathèque

    Un altro corposo omaggio, oltre a quello di Monaco, è previsto quest'anno per il centenario della nascita di Welles: dal 17 giugno al 2 agosto la Cinémathèque française mette in cartellone tutti i suoi film, inclusa una selezione di quelli in cui ha recitato. Ma l'evento fondamentale sarà la proiezione della copia-lavoro del Don Chisciotte, che non viene più mostrata dal 1986.
  • Cannes 2015

    This is Orson Welles

    di , Welles come l’abbiamo sempre visto. Il secondo documentario dedicato all’autore di Quarto potere presentato a Cannes Classics, This is Orson Welles, ripropone i temi tipici (dallo scandalo di La guerra dei mondi al trasferimento in Europa) senza aggiungere nulla di nuovo.
  • Cannes 2015

    Orson Welles, autopsie d’une légende

    di Per il centenario della nascita di Welles, Cannes Classics dedica una serie di omaggi all'autore di Quarto potere. Si è cominciato con il documentario francese, Orson Welles, autospie d'une légende, in cui si ripropongono stancamente i cliché che hanno attraversato tutta la sua carriera.
  • Rassegne

    Too Much Ciro

    Si terrà a Roma, dal tre all'otto maggio, un omaggio a Ciro Giorgini e alle sue passioni cinematografiche, da Welles a John Ford. In programma anche la proiezione di Too Much Johnson.
  • Notizie

    Addio Ciro

    Il nostro ricordo di Ciro Giorgini, scomparso il 6 aprile. Autore di Fuori orario, massimo esperto del cinema di Orson Welles.
  • Rassegne

    Welles a Monaco nel centenario della nascita

    A cento anni dalla nascita di Orson Welles (e a trenta dalla morte), il Munich Film Musem dedica una retrospettiva completa al cineasta americano, mettendo in cartellone anche i suoi film incompiuti, da The Deep a The Other Side of the Wind. Dal sette luglio al due agosto a a Monaco, un mese con Orson Welles.
  • News

    Un premio per Too Much Johnson

    L'Associazione dei Critici Cinematografici statunitensi premia l'Associazione Cinemazero e la Cineteca del Friuli per il ritrovamento di Too Much Johnson, pellicola di Orson Welles a lungo ritenuta perduta.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini – parte terza

    Come salvare dall'oblio il Don Chisciotte di Orson Welles? Ne abbiamo parlato con Ciro Giorgini nella terza parte dell'intervista che ci ha concesso.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini – parte seconda

    Percorsi e diatribe intorno alla "magnifica ossessione" wellesiana: la seconda parte dell'intervista a Ciro Giorgini, incentrata sulle versioni multiple di Mr. Arkadin e sull'esperienza di Fuori orario.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini

    Tra gli autori di Fuori Orario, Ciro Giorgini è anche uno dei massimi esperti del cinema di Welles. Lo abbiamo incontrato per parlare con lui di tutte le questioni ancora aperte intorno al cinema wellesiano...
  • Classici & Cult

    Too Much Johnson RecensioneToo Much Johnson

    di Operazione manierista ante litteram: è il film del '38 di Welles, Too Much Johnson, dato per perso e ritrovato da Le Giornate del Cinema Muto. Sessantasei minuti di slapstick comedy che rifanno il verso alle comiche anni '20.
  • Interviste

    Intervista a Piero Colussi

    La storia del fortunoso ritrovamento di "Too Much Johnson" raccontata da Piero Colussi che si è ritrovato la copia del film nel magazzino di Cinemazero, associazione co-organizzatrice delle Giornate del Cinema Muto...
  • Libri

    A pranzo con Orson

    Pubblicato nel 2013 negli USA, è uscito nei mesi scorsi anche in Italia A pranzo con Orson, volume di conversazioni tra Welles ed Henry Jaglom, da cui traspare con ogni evidenza il sentore del tradimento nei confronti dell'autore di Quarto potere. A partire dalla constatazione - facilmente arguibile e testimoniata da più parti - che Welles non sapeva che Jaglom registrasse quanto si dicevano a tavola.
  • Festival

    Venezia 2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • In sala

    Il mago – L’incredibile vita di Orson Welles

    di Tra i tanti film recenti dedicati a Welles, Il mago - L'incredibile vita di Orson Welles è il più completo e documentato, anche se rischia di apparire una sorta di bignami con troppe informazioni. In sala per due giorni.
  • Bologna 2016

    Intervista a Esteve Riambau

    Ha dedicato a Orson Welles un documentario, uno spettacolo teatrale e quattro libri. Esteve Riambau, direttore della Filmoteca della Catalogna, è uno dei più importanti studiosi del cineasta americano. Lo abbiamo incontrato nel corso della trentesima edizione del Cinema Ritrovato.
  • Venezia 2016

    Tutti a casa RecensioneTutti a casa

    di La preapertura della Mostra è dedicata a un classico della commedia all'italiana, Tutti a casa di Luigi Comencini, con Alberto Sordi e Serge Reggiani.
  • Dvd

    Falstaff RecensioneFalstaff

    di Spesso ammaliato dalla sfida con il materiale shakespeariano, mai vissuta in maniera prona, Welles trova nel personaggio di John Falstaff una figura a lui singolarmente congeniale. In dvd con Sinister e CG.
  • Torino 2017

    Riccardo va all’inferno

    di Riccardo va all'inferno è la rilettura in salsa borgatara (il supposto regno è quello del 'Tiburtino Terzo') del Riccardo III di Shakespeare; tra musical e grottesco iperreale Roberta Torre firma un'opera non priva di ambizioni e di fascino, ma troppo sbrindellata sotto il profilo narrativo.
  • News

    Un archivio Welles a TorinoUn archivio Welles a Torino

    Da più di vent’anni nella biblioteca del Museo Nazionale del Cinema di Torino è sepolto un amplissimo archivio cartaceo appartenuto a Orson Welles. Un ennesimo pezzo del complicato puzzle wellesiano che sarebbe necessario studiare e che finora non ha ricevuto sufficiente attenzione.
  • Venezia 2019

    The King RecensioneThe King

    di Riscrittura decisamente personale dell'Enrico IV e dell'Enrico V di Shakespeare, The King - diretto dall'australiano David Michôd - è un cupo e riuscito dramma sull'eredità del potere e sull'eterna, terribile, tentazione della guerra. Fuori concorso a Venezia 76.
  • Venezia 2020

    HOPPER/WELLES RecensioneHOPPER/WELLES

    di HOPPER/WELLES è una preziosa conversazione tra due registi che si trasforma progressivamente in uno smascheramento da parte di Welles delle ipocrisie e delle contraddizioni della generazione della New Hollywood. Fuori concorso a Venezia 77.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento