Police

Interpretato da un gigantesco Depardieu, Police segnava nel 1985 l’approdo per Maurice Pialat a un cinema più controllato e curato dal punto di vista della messa in scena, senza però perdere per questo la spontaneità e l’inesauribile vivacità di dialoghi e situazioni. Alla Festa del Cinema di Roma per la retrospettiva dedicata al cineasta francese.

Un poliziotto a nudo

Mangin è un poliziotto brutale ma onesto, misogino e sensibile. Si innamora della ragazza di uno spacciatore, Noria, e il suo mondo va in crisi. [sinossi]

Comincia con un esplicito campo/controcampo Police di Maurice Pialat, film del 1985 proposto alla Festa del Cinema di Roma per la retrospettiva dedicata al cineasta francese. Una grammatica visiva decisamente insolita in Pialat, eppure indicativa di una nuova fase del suo cinema – molto attenta dal punto di vista della messa in scena – che lo avrebbe portato fin quasi all’apparente estetizzazione di Sotto il sole di Satana (1987), per poi ‘riscardinarsi’ di nuovo con l’assoluta libertà di Van Gogh (1991). Pialat comunque usa – tra l’altro solo nella scena iniziale del film – il campo/controcampo in maniera decisamente eccentrica, lasciando sovente in voice over le battute dei personaggi. Ma, oltre al segno di una esibita scelta tecnico/stilistica (di solito la macchina da presa di Pialat si dà come oggettiva, come invisibile, anche se non ‘nascosta’ ai personaggi/attori, ché anzi spesso quasi vi guardano dentro), l’utilizzo di questa retorica nell’incipit di Police ha anche un valore simbolico ben preciso: quello di connotare come due mondi totalmente separati e contrapposti l’ambiente poliziesco (incarnato dall’ispettore Mangin, interpretato da Gérard Depardieu) e l’ambiente criminale (incarnato dall’uomo che viene trattenuto in questura per questioni di droga). Sono due realtà distinte e separate in maniera netta – ci dice Pialat. O, almeno, così crede l’ispettore e così vuole farci credere il regista, visto che di lì in poi le cose cambieranno molto, tanto da far sprofondare Mangin/Depardieu in una storia d’amore con Noria, la donna di uno spacciatore (interpretata da Sophie Marceau). E tanto da condurlo a fare da tramite tra la ragazza e l’accolita di spacciatori cui Noria era legata, restituendo a questi ultimi dei soldi che lei aveva sottratto a loro.

Ciò però non vuol dire che Police vada inteso come la parabola di un poliziotto che, innamoratosi di una femme fatale, finisce per venire meno ai dettami della legge e del distintivo. Tutt’altro. Il Mangin di Depardieu è infatti decisamente insopportabile soprattutto quando svolge i suoi interrogatori con metodi poco ortodossi – picchia anche Noria, in prima istanza – o anche quando si porta a letto la prostituta interpretata da Sandrine Bonnaire (festeggiando il fatto di averla liberata dal suo magnaccia), oppure quando ci prova solo per noia con la giovane aspirante commissario. È, invece, proprio nel momento in cui si innamora di Noria/Marceau che il suo personaggio acquista finalmente umanità e ci si svela anche nelle sue debolezze.
È un milieu amorale quindi quello descritto in Police, dove l’avvocato dei malavitosi (Richard Anconina) è il primo a tenere i piedi in due staffe, uno in questura dove se la canta e se la ride con Mangin e uno nel bar frequentato dai marocchini spacciatori dove beve con loro e organizza trame tutt’altro che legali. Un ruolo che potrebbe anticipare a suo modo il Sean Penn di Carlito’s Way, privo però degli eccessi melodrammatici di De Palma. Eccessi che sono tutt’altro che disprezzabili, anzi, ma che sono totalmente alieni al cinema di Pialat. Perché in Police non vi è nulla di epico e nulla di esplicitamente romanzesco. Si può dire piuttosto che Pialat abbia trasportato il suo tipico modo di fare cinema – estremamente realistico, confinante con il cinema documentario – in un contesto poliziesco e noir, senza snaturarsi e anzi dimostrando che si può fare (avvincente) cinema di genere anche senza musica, senza inseguimenti, senza troppe sparatorie, senza complicate trame di indagini che poi bisogna spiegare allo spettatore. Police, al contrario, si regge su pochissimi elementi: un poliziotto burbero violento e bonaccione, la donna del boss bella e misteriosa quanto basta, dei soldi rubati e il boss che non si riesce a far uscire di prigione e che quindi viene dimenticato e spedito a Marsiglia.

Quel che rende Police un film straordinario è innanzitutto la dinamica recitativa, condotta da un Depardieu in stato di grazia, capace di gigioneggiare senza nuocere al film e anzi arricchendolo, tra l’altro supportato egregiamente anche dagli altri attori, dalla stessa Marceau all’avvocato interpretato da Anconina.
Complice poi la fotografia di Luciano Tovoli, Police è il primo film di Pialat con una estetica visiva ben precisa, tutto virato sul blu delle strade notturne e di quell’effetto notte che tanto sarebbe piaciuto a Truffaut, e che – morto durante le riprese – viene omaggiato in un momento in cui Depardieu va dal giornalaio. Ma la bellezza del cinema di Pialat non la si ritrova mai veramente nell’immagine, nella costruzione dell’inquadratura, quanto nella immediatezza del set, nel farci sentire il set come cosa viva, come ribollire di sentimenti incontrollati e inaspettati, capaci di riversarsi ancora oggi intatti in tutta la loro vitalità.

Info
La pagina Wikipedia dedicata a Police.
  • Police-1985-Maurice-Pialat-001.jpg
  • Police-1985-Maurice-Pialat-002.jpg
  • Police-1985-Maurice-Pialat-003.jpg
  • Police-1985-Maurice-Pialat-004.jpg
  • Police-1985-Maurice-Pialat-005.jpg
  • Police-1985-Maurice-Pialat-006.jpg
  • Police-1985-Maurice-Pialat-007.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2018

    Passe ton bac d’abord

    di Altro capolavoro della filmografia di Maurice Pialat, cui quest'anno è dedicata una retrospettiva alla Festa del Cinema di Roma, Passe ton bac d'abord è il frammento di vita di un gruppo di maturandi di provincia, che non vorrebbero crescere.
  • Roma 2018

    sotto il sole di satana recensioneSotto il sole di Satana

    di Sotto il sole di Satana, adattamento del romanzo di Georges Bernanos, è senza dubbio il film più discusso ed eretico di Maurice Pialat. Palma d'Oro fischiatissima a Cannes nel 1987, è un'opera radicale e da riscoprire, una gemma preziosa che ragiona sul Male, sul dominio e sulla colpa.
  • Roma 2018

    L'enfance nue RecensioneL’enfance nue

    di Per la retrospettiva della Festa del Cinema di Roma dedicata a Maurice Pialat è stato presentato il suo folgorante esordio, L'enfance nue, girato nel '68 e prodotto da Truffaut: la storia di un bambino incapace di adattarsi alle regole della società, per certi versi simile a I 400 colpi, ma più realistico e asciutto, straordinariamente doloroso e commovente.
  • Interviste

    Enrico Ghezzi: “La verità è il primo inganno”

    Verità e finzione, F for Fake. Welles, Ciro Giorgini, Adriano Aprà e la critica. Fuori Orario e le dicotomie Rossellini/Lang, Truffaut/Godard, Lumière/Méliès. Abbiamo intervistato Enrico Ghezzi.
  • Berlinale 2016

    Isabelle Huppert intervistaIntervista a Isabelle Huppert

    Violette Nozière e La pianista, e poi Loulou, I cancelli del cielo, Si salvi chi può (la vita), Storia di Piera. L’elenco dei film in cui l’interpretazione di Isabelle Huppert ha segnato la storia del cinema sono davvero tanti. L'abbiamo incontrata durante la Berlinale, dove ha presentato L’avenir di Mia Hansen-Løve.
  • Rotterdam

    Intervista a Nathalie Baye

    Chi non se la ricorda nel ruolo di Cécilia accendere un cero per François Truffaut ne La camera verde? O come una delle donne abbordate da Bertrand Morane ne L'uomo che amava le donne? Stiamo parlando di Nathalie Baye, attrice che è parte della storia del cinema d’oltralpe e non solo. Abbiamo chiacchierato con lei a Rotterdam dove ha presentato il suo nuovo film, Préjudice di Antoine Cuypers.
  • Roma 2015

    Hitchcock/Truffaut RecensioneHitchcock/Truffaut

    di Uno dei volumi fondamentali della storia del cinema viene rievocato da Kent Jones in un documentario piacevole, ma in fin dei conti inerte e superficiale: Hitchcock/Truffaut, alla decima edizione della Festa del Cinema di Roma.
  • Festival

    Roma 2018Roma 2018

    Si tiene dal 18 al 28 ottobre la Festa del Cinema di Roma 2018, giunta alla tredicesima edizione e diretta sempre da Antonio Monda, al suo quarto anno alla guida della festa/festival. Qualche titolo in anteprima mondiale, e poi anteprime internazionali e nazionali, ma soprattutto una importante retrospettiva su Maurice Pialat.
  • TFF 2018

    Mes petites amoureuses RecensioneMes petites amoureuses

    di Nel filone francese del racconto dell'infanzia e dell'adolescenza, da Jean Vigo a Truffaut passando per Maurice Pialat, si inseriva anche Jean Eustache nel 1974 con Mes petites amoureuses, scegliendo come punto di vista privilegiato la scoperta del corpo e della sessualità, per un film malinconicamente erotico.
  • Prossimamente

    Jules e Jim RecensioneJules e Jim

    di Ormai assurto a classico amatissimo, Jules e Jim di François Truffaut frastorna ancora, oggi come ieri, per la sua schietta ricerca linguistica intimamente legata al racconto di un'inesausta interrogazione morale. Da amare, e nient'altro. Tratto dall'omonimo romanzo autobiografico di Henri-Pierre Roché.
  • Libri

    Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli

    Pubblicato da Artdigiland, Suspiria e dintorni. Conversazione con Luciano Tovoli, è un prezioso libro-intervista a un grande autore della fotografia, capace di passare da Dario Argento ad Antonioni, a Maurice Pialat, Nanni Moretti, Franco Brusati e molti altri.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento