The Kiev Trial

The Kiev Trial

di

Con la solita precisione chirurgica, Sergei Loznitsa scava tra gli archivi per metterci davanti al passato, ma anche al nostro presente e futuro – Kiev era e torna a essere il centro del mondo, dell’orrore e forse della giustizia. La Storia che si dispiega di fronte ai nostri occhi, ineluttabile, crudele ma persino banale: The Kiev Trial si lega ovviamente per metodologia e senso a tutte le altre opere di Loznitsa (si veda, ad esempio, The Trial) e insieme al recente The Natural History of Destruction rimarca l’urgenza di questo sguardo lucido, onesto, profondissimo.

The Neverending Story

Il processo di Kiev, anche noto come la Norimberga di Kiev, ebbe luogo nel gennaio del 1946 in Unione Sovietica, e fu uno dei primi processi postbellici a condannare i nazisti tedeschi e i loro collaboratori. Quindici criminali, colpevoli di atrocità, poi riconosciute dal processo di Norimberga come “crimini contro l’umanità”, affrontarono la giustizia nel caso n. 1679 “sulle atrocità commesse dagli invasori fascisti nel territorio della Repubblica Socialista Sovietica Ucraina”. Utilizzando filmati d’archivio unici e inediti, Sergei Loznitsa ricostruisce i momenti chiave del processo, comprese le dichiarazioni degli imputati e le deposizioni dei testimoni, tra cui i sopravvissuti di Auschwitz e Babi Yar… [sinossi – labiennale-org]

«Quando ho iniziato questo progetto, nella primavera del 2021, non avrei potuto immaginare, neppure nel mio incubo peggiore, che l’Ucraina sarebbe diventata nuovamente un campo di battaglia e che civili innocenti sarebbero stati ancora sottoposti a brutali violenze». Tra immagini d’archivio, luoghi della memoria, avvenimenti chiave del nostro presente e pregevoli sortite nella fiction, Sergei Loznitsa continua a scavare nel passato per riflettere sull’oggi e sul futuro. Senza sconti, senza prendere le parti di qualcuno – se non del popolo, della gente, dei singoli travolti dagli eventi. Con estrema lucidità, il cineasta ucraino ha preso a picconate qualsiasi regime\governo, anche in tempo reale (si vedano, ad esempio, Donbass e Maidan). In questo senso, The Kiev Trial, anche nel suo impareggiabile tempismo, si lega a The Trial: un rovesciamento di prospettive, di senso politico e storico del processo, di regime. Con The Natural History of Destruction, invece, condivide l’urgenza estrema, attualissima, tanto da formare una sorta di dittico che proietta il passato che credevamo sepolto sul nostro presente così incerto e su un futuro traboccante oscuri quesiti.

Rigoroso, fedelmente cronachistico, The Kiev Trial si presenta al mondo a poche ore di distanza dall’anteprima di Argentina, 1985 di Santiago Mitre. Due idee di cinema (e di narrazione della Storia) distantissime tra loro, entrambe utili, evidentemente destinate a platee alquanto diverse. Ovviamente tagliato fuori dai normali canali distributivi e pressoché sconosciuto in Italia, Loznitsa procede lungo un sentiero tanto nobile quanto impervio: affondando le mani tra gli archivi, pescando nel non-visto, Loznitsa riporta in superficie quello che la maggior parte del pubblico (e non solo) non vuole vedere. E non è solo una questione di archivio e cinema documentario.

Babi Yar, Poryck, Pavoloch, Nikolaev… la lista è lunga, dolorosa, atroce. Le testimonianze dei nazisti, persino illusi di poter superare il processo, sono raggelanti. La banalità del male, non c’è un modo migliore per dirlo. La banalità di chi gettava granate dentro fosse piene di bambini. La banalità di chi eseguiva gli ordini, di chi si sentiva intoccabile. La banalità di chi, a un passo dalla fine, non ha nemmeno un rigurgito di dignità. Il cinema storico-politico di Loznitsa, però, non mira al nostro sdegno, alla rabbia. Gli intenti sono altri, guardano alla circolarità della Storia, all’infinito prolungarsi del Secolo Breve, alla comprensione del presente e del futuro. Il cinema di Loznitsa cerca di dilatare il nostro sguardo, cerca di farci sedere accanto a lui, alla giusta distanza. Una meravigliosa utopia. Il limite del cinema di Sergei Loznitsa è negli occhi di chi (non) lo guarda.

Info
La scheda di The Kiev Trial sul sito della Biennale.

  • The-Kiev-Trial-2022-Sergei-Loznitsa-01.jpg
  • The-Kiev-Trial-2022-Sergei-Loznitsa-02.jpg
  • The-Kiev-Trial-2022-Sergei-Loznitsa-03.jpg
  • The-Kiev-Trial-2022-Sergei-Loznitsa-04.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2022

    Venezia 2022 – Minuto per minuto

    Venezia 2022 riapre le sale al 100% della capienza, ma dopo due anni di pandemia deve fare i conti con una guerra a poco più di mille chilometri di distanza, tutto questo mentre l'Italia è nel pieno della campagna elettorale. Riuscirà il cinema a catalizzare l'attenzione anche di chi non è addetto ai lavori? Lo scopriremo presto...
  • Festival

    Venezia 2022

    Venezia 2022, settantanovesima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, riapre le sale al 100% della capienza; un ritorno alla normalità, offuscato però almeno in parte dalla guerra che infuria a poco più di mille chilometri dal Lido, dalla crisi energetica, e anche dall'approssimarsi delle elezioni politiche.
  • Cannes 2022

    The Natural History of DestructionThe Natural History of Destruction

    di Come inchiodare il presente alle evidenti e tragiche responsabilità attraverso una lucidissima lettura del passato: Loznitsa aggiunge con il suo nuovo lavoro d'archivio un altro preziosissimo tassello a una filmografia già gigantesca, a un corpus cinematografico che è memoria, analisi, scandaglio della Storia
  • Trieste 2019

    Intervista a Sergei LoznitsaIntervista a Sergei Loznitsa

    Nato nella Bielorussa sovietica ma vissuto a Kiev, Sergei Loznitsa è un filmmaker con un passato di matematico. Dal 1996 ha diretto 19 documentari, tra cui Maidan e Austerlitz, e diversi film di finzione, tra cui A Gentle Creature. Abbiamo incontrato Sergei Loznitsa durante il Trieste Film Festival 2019.
  • AltreVisioni

    Victory Day RecensioneVictory Day

    di Victory Day di Sergei Loznitsa punta la sua macchina da presa sul Memoriale per i soldati sovietici al Treptower Park di Berlino, dove il 9 maggio di ogni anno si celebra la Giornata della vittoria contro il nazifascismo.
  • Venezia 2018

    Process RecensioneProcess

    di Presentato fuori concorso alla Mostra di Venezia 2018, Process (The Trial) di Sergei Loznitsa è il nuovo, ulteriore, preziosissimo tassello di un percorso storico e politico che il cineasta ucraino sta portando avanti con estremo rigore tra cinema di finzione e documentario.
  • Cannes 2018

    Donbass RecensioneDonbass

    di Film d’apertura di Un Certain Regard, Donbass è la rigorosa quanto grottesca cronaca di un mondo alla rovescia, della fine di qualsiasi illusione, della (ennesima) sconfitta di un paese ex-comunista. Piani sequenza che si dilatano, restituendoci un mosaico completo e avvilente.
  • Cannes 2017

    A Gentle Creature

    di Loznitsa parte da una suggestione dostoevskijana per attraversare una Russia soffocata dai meccanismi burocratici, da un'apatia che ha contagiato la coscienza collettiva. In concorso a Cannes.
  • Documentari

    Austerlitz

    di Presentato fuori concorso a Venezia 2016, Austerlitz è uno straordinario documentario sulla memoria e sulla sua persistenza, sulla fruizione individuale e collettiva di un luogo di morte e dolore, sulle modalità e sui tempi di questa fruizione.
  • Venezia 2015

    The-EventThe Event

    di Il cinema umanista e rigoroso di Sergei Loznitsa prova a raccontare la Storia dalle piazze, tra la folla. Il protagonista è il popolo, nel senso fisico di massa, di corpo unico che si muove per difendersi, per opporsi, per resistere. Fuori concorso a Venezia 2015.
  • Firenze 2014

    Maidan

    di In concorso al Festival dei Popoli di Firenze per i lungometraggi internazionali e in anteprima italiana, il bel documentario di Sergei Loznitsa sui fatti di piazza Maidan a Kiev. Coerente, partecipe e distaccato al contempo, alla ricerca dell'anima di un popolo.
  • Archivio

    Anime nella nebbia

    di URSS, 1942. Fronte occidentale. La regione è occupata dell'esercito tedesco e i partigiani locali stanno cercando di resistere in tutti i modi...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento