Wu Xia

Ambientato nella Cina del 1917, destinata nel corso di pochi decenni a mutare completamente la sua forma, Wu Xia non lesina dettagli sulla vita contadina, contribuendo a rendere credibile e realistica anche l’evoluzione più impossibile. Perché, come ogni wuxia che si rispetti, le leggi di natura sono abilmente aggirate, e (alcuni) personaggi sono in grado di cadere da muri altissimi e ricevere colpi di ascia senza avvertire la benché minima conseguenza: ma in Wu Xia anche questo aspetto acquista una propria veridicità, esattamente come i rapporti interpersonali. Presentato al Festival di Cannes 2011.

Ragione e sentimento

Nella tarda dinastia Qing, Liu Jin-Xi è un fabbricante di carta e padre di due figli che vive una vita apparentemente normale con la sua famiglia in un villaggio remoto. Tuttavia, l’arrivo di un detective rischia di distruggere tutto ciò… [sinossi]

Se esiste un genere identificativo del cinema di Hong Kong, in grado di attraversare l’intera evoluzione della Settima Arte all’interno della città-stato, quello è senz’ombra di dubbio il wuxia (o wuxiapian). Le storie di cavalieri spadaccini, edotti nelle arti marziali, erano all’ordine del giorno in Cina già negli anni Venti e Trenta; epurate dal maoismo, trovarono rifugio nella piccola colonia britannica, dove vissero alcune palingenesi straordinarie grazie ad autori del calibro di King Hu (La fanciulla cavaliere errante, Dragon Inn, Come Drink with Me) e Zhang Che (la trilogia di One-Armed Swordsman) e a loro ideali discepoli come Tsui Hark. Riscoperto a livello internazionale solo nell’ultimo decennio, il wuxia è dunque simbolo stesso del cinema cinese e hongkonghese, tanto da essere stato affrontato anche da registi solitamente distanti da approcci stilistici simili come Wong Kar-wai (Ashes of Time), Ang Lee (La tigre e il dragone), Patrick Tam (The Sword), John Woo (Last Hurrah for Chivalry, La battaglia dei tre regni, Reign of Assassins – co-diretto da Su Chao-pin).

Nessuno stupore, dunque, deve accompagnare la scoperta di Peter Ho-sun Chan (più comunemente noto come Peter Chan) dietro la macchina da presa di Wu Xia, film presentato come spettacolo di mezzanotte fuori concorso alla sessantaquattresima edizione del Festival di Cannes: tra i registi più premiati di Hong Kong, Chan non era sembrato infatti finora molto avvezzo ai film di arti marziali. Cineasta a trecentosessanta gradi, Chan è passato con disinvoltura dal dramma alla commedia, dirigendo anche musical (Perhaps Love) ed epiche storie di guerra (Warlords). Il suo personale approccio al wuxia non appare dunque come una prona accettazione delle regole implicite del genere, ma semmai come una libera reinterpretazione delle stesse. Se infatti la storia di Liu Jin-xi – interpretato dal solito imperdibile Donnie Yen, vero e proprio idolo delle folle in patria – rientra perfettamente nei codici espressivi del wuxia, con il personaggio dal passato misterioso che cerca di rifarsi una vita ma dovrà combattere una lotta senza esclusione di colpi per potersela meritare e lavare le malefatte compiute, la magniloquenza espressiva di Chan coglie spesso di sorpresa anche lo spettatore più fanatico della materia. La fotografia, opera di Jake Pollock (già apprezzato per il suo lavoro sui set di Do Over e Yang Yang di Cheng Yu-chieh, The Message di Chen Kuo-fu e Gao Qunsha, Monga di Doze Niu) apre squarci di poesia visiva di rara efficacia e potenza immaginifica.
E non si tratta in questo caso del manierismo calligrafico di molti autori di wuxia contemporanei – rientra in questa cerchia anche il pur apprezzabile Zhang Yimou di Hero e La foresta dei pugnali volanti – disposti a cedere alla forza della visione lasciando in secondo piano le esigenze narrative e contenutistiche, ma di puro e semplice potere dell’immagine.

Basterebbe anche solo la lunga sequenza di combattimento all’interno della macelleria, che occupa un quarto di film (in quanto viene riproposta da più angolazioni e con diverse letture e interpretazioni), per accorgersi di come la prassi si trasformi, nelle mani di Chan, in divertita riscrittura: pur colmo di citazioni e rimandi cinefili ai caposaldi del genere, con la presenza in scena nientedimeno che di Jimmy Wang Yu – il one-armed swordsman di Zhang Che – Wu Xia scava nella psicologia dei personaggi in modo decisamente convincente, soprattutto nell’incontro/scontro tra il raziocinio a pochi passi dal lombrosiano di Xu Bai-jiu (bravo come sempre Takeshi Kaneshiro) e il misterioso candore del protagonista. Ambientato nella Cina del 1917, destinata nel corso di pochi decenni a mutare completamente la sua forma, il film di Chan non lesina dettagli sulla vita contadina, contribuendo a rendere credibile e realistica anche l’evoluzione più impossibile. Perché, come ogni wuxia che si rispetti, le leggi di natura sono abilmente aggirate, e (alcuni) personaggi sono in grado di cadere da muri altissimi e ricevere colpi di ascia senza avvertire la benché minima conseguenza: ma in Wu Xia anche questo aspetto acquista una propria veridicità, esattamente come i rapporti interpersonali, grazie anche all’interpretazione della bellissima Wei Tang, già ammirata in Lussuria di Ang Lee e Late Autumn di Kim Tae-yong.
E quando anche l’architettura espressiva e la fabulazione più mirabolante sembrano sul punto di crollare, a risolvere il problema giunge la straordinaria coreografia di Donnie Yen. Una poesia del movimento che seduce e ammalia, senza che nessuno sappia opporvi resistenza.

Info
Il trailer originale di Wu Xia.
La scheda di Wu Xia sul sito di Cannes.
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-01.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-02.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-03.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-04.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-05.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-06.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-09.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-10.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-11.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-12.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-13.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-08.jpg
  • Wu-Xia-2010-Peter-Ho-Sun-Chan-07.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    The Great Wall RecensioneThe Great Wall

    di Dopo I fiori della guerra, Zhang Yimou propone un altro crossover sino-americano. The Great Wall è un action con protagonista Matt Damon, per una perfetta - quanto piatta - operazione commerciale.
  • Roma 2016

    Sword Master 3D

    di Con Sword Master 3D, Derek Yee punta ad omaggiare un genere (il wuxia) e un film (Death Duel, che lo vide, come attore, al suo primo ruolo importante): ma il risultato, complice la brutta estetica digitale, è fallimentare.
  • Venezia 2016

    Legend of the Mountain RecensioneLegend of the Mountain

    di Recuperato in Venezia Classici grazie a un ottimo restauro, Legend of the Mountain permette allo spettatore di accedere al mondo del fantastico di King Hu, tra spiriti tentatori, maledizioni, spettri che si aggirano tra i boschi.
  • Cult

    Storia di fantasmi cinesi

    di Tra i prodotti più noti e di successo dell'epoca d'oro del cinema di Hong Kong, Storia di fantasmi cinesi colpisce ancora oggi per la fantasia delle soluzioni, le innovazioni stilistiche all'interno del wuxia e dell'action e la capacità di fondere melò, comicità e horror.
  • Venezia 2015

    Intervista a Hou Hsiao-hsien

    Non capita tutti i giorni di riuscire a intervistare Hou Hsiao-hsien. La ghiotta occasione è stata data, a Venezia, dalla presenza in giuria del regista taiwanese, con il quale abbiamo parlto di cinema, wuxia, montaggio e utilizzo dei formati, Lamorisse e nouvelle vague di Taipei...
  • Cannes 2015

    The Assassin

    di L'atteso ritorno di Hou Hsiao-hsien dietro la macchina da presa, con un wuxia rarefatto e visivamente sontuoso. Tra i film dell'anno, in concorso a Cannes 2015.
  • Cannes 2015

    A Touch of Zen – La fanciulla cavaliere errante

    di Il capolavoro di King Hu, tra i fondamenti del wuxia, rinasce a nuova vita sulla Croisette. Un modo per riscoprire una gemma purissima, in cui si mescolano azione e filosofia, colto e popolare.
  • Far East 2015

    Kung Fu Jungle RecensioneKung Fu Jungle

    di Il film di Teddy Chen si propone come un grande omaggio alla storia del cinema d'arti marziali di Hong Kong. Peccato che in questa festa sia stata dimenticata da parte la sceneggiatura...
  • Archivio

    The Grandmaster RecensioneThe Grandmaster

    di La storia di due maestri di kung fu: lui viene dalla Cina del sud, lei dal nord. Lui si chiama Ip Man, lei Gong Er. I loro sentieri si incrociano a Foshan, la città in cui vive l'uomo, alla vigilia dell'invasione giapponese del 1936...
  • AltreVisioni

    The Lost Bladesman

    di , Ispirato all’opera di Luo Guanzhong “Il Romanzo dei Tre Regni”, già nota dalle nostre parti grazie alla trasposizione realizzata da John Woo con La battaglia dei tre regni (Red Cliff), The Lost Bladesman è roboante racconto epico, palpitante di azione e sentimenti.
  • Archivio

    La-congiura-della-pietra-neraLa congiura della pietra nera

    di , Impreziosito dall'eleganza di Michelle Yeoh, La congiura della pietra nera è un buon esempio dell'elevata professionalità di John Woo: un buon cast, una sceneggiatura calibrata su un genere ampiamente codificato, combattimenti ben coreografati e sostenuti da un'ottima regia...
  • Venezia 75

    Shadow RecensioneShadow

    di Con Shadow - fuori concorso a Venezia 75 - Zhang Yimou torna al wuxia e lo fa ritrovando quel po' d'ispirazione che gli consente di realizzare un film di buon intrattenimento, nonostante un incipit eccessivamente verboso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento