In Darkness

In Darkness

di

Tra le scelte stilistiche più riuscite, in In Darkness di Agnieszka Holland, vi è una marcata contrapposizione tra la luce e le tenebre, tra i pericoli che si annidano in superficie e la necessità di nascondersi nel sottosuolo.

I dannati di Leopoli

La storia vera di Leopold Socha, operaio del sistema fognario e ladruncolo a Lvov, nella Polonia occupata dai Nazisti. Dopo essersi imbattuto in un gruppo di ebrei nelle fogne della città, Socha accetta di nasconderli per denaro. Quello che inizia come un mero accordo “economico” prende, però, una piega inaspettata. Tutti dovranno trovare un modo per scampare alla morte nei quattordici mesi vissuti in un continuo stato di allerta… [sinossi]

Più di una volta, nel corso di In Darkness, la regista Agnieszka Holland opta per sequenze che ci mostrano, in sezione, ciò che accade sopra e sotto il manto stradale di Lvov. Nella città nota anche come Leopoli, al pari di altre località dell’Europa Orientale, l’occupazione nazista ebbe esiti particolarmente feroci. E a farne le spese fu in primo luogo la comunità ebraica, inizialmente relegata nel ghetto per essere poi sterminata in diverse fasi e con inaudita ferocia. Accadde così, proprio durante il rastrellamento finale intrapreso dai tedeschi nel ghetto, che alcuni ebrei abbiano trovato scampo nelle sottostanti fognature, facilitati nella fuga da un semplice cittadino polacco, Leopold Socha. Difatti, pur trovandosi oggi in territorio ucraino, Lvov prima della Seconda Guerra Mondiale apparteneva alla Polonia e ospitava una popolazione etnicamente variegata. Tra le scelte stilistiche che ci hanno positivamente impressionato, nel bel film della Holland, vi è quindi una brusca, marcata contrapposizione tra la luce e le tenebre, tra i pericoli che si annidano in superficie (rese qui con indubbia efficacia le rappresaglie naziste) e la necessità di nascondersi nel sottosuolo, da cui l’immagine capovolta di una società ridotta in condizioni disumane. Dove gli uomini sono costretti a vivere come i ratti. E per come viene rappresentato il loro nuovo e allucinante habitat fognario, palestra di abbrutimento nonché scenario di una sempre più cruda e difficile lotta per la sopravvivenza, risulta difficile non pensare a I dannati di Varsavia del maestro Andrzej Wajda, col quale la Holland aveva collaborato in gioventù.

Ma il pensiero corre anche alla fitta aneddotica riguardante quei personaggi che, nel grande mattatoio dell’Europa Orientale, si fecero carico di rischi altissimi nel tentativo di salvare più gente possibile dalla barbarie nazi-fascista, ottenendo in taluni casi la qualifica di “giusti” dalle odierne comunità israelite. Se per esempio a Cracovia è ancora vivo il mito di Oskar Schindler, immortalato peraltro da uno dei capolavori di Spielberg, chiunque visiti ciò che resta del ghetto locale si sente raccontare storie più o meno simili, come quella di un altro traffichino del posto che seppe sfruttare la propria attività a livello di mercato nero per ingannare i tedeschi, facendo uscire dal ghetto e mettendo quindi in salvo diversi ebrei. Ecco, nel racconto cinematografico di Agnieszka Holland ambientato in un contesto analogo e nel modo da lei scelto, per mettere in scena l’intensa sceneggiatura di David F.Schamoon (da un libro di Robert Marschall), colpisce anche questo: la capacità di delineare personaggi umanamente credibili, con le loro diverse sfaccettature caratteriali, a partire dal protagonista Leopold che in certi momenti può apparire mediocre, cinico, opportunista, ma che di fronte alle ingiustizie subite dagli ebrei finisce per maturare una coscienza più alta, rischiando la vita pur di aiutare concretamente alcuni di loro. Nella durata financo eccessiva dell’opera (le oltre dure potevano essere forse asciugate, tagliando qualche scena di topi a spasso per le fogne o altri momenti pleonastici) c’è quindi spazio per un’indagine sociale seria, approfondita, con lo strisciante antisemitismo del territorio occupato dai nazisti che esce fuori in diversi dialoghi (al pari dell’opportunismo, ben esemplificato dalla figura del collaborazionista ucraino); come c’è spazio anche anche per la schietta rappresentazione del mondo delle vittime, la cui condizione di perseguitati può favorire atti di eroismo e di grande umanità (il caso di Mundek, che si fa volontariamente trascinare in un campo di concentramento per indagare sulla sorte di una persona a lui cara), ma può al contempo condurre verso comportamenti aberranti, eticamente discutibili, dovuti proprio al carattere estremo e mortificante dell’esperienza vissuta.

La regia di Agnieszka Holland, fondamentalmente classica ma non priva di note disturbanti, risulta ispirata come ai tempi di Europa Europa, altro gioiellino focalizzato su vicende tragiche, paradossali, inserite nel corso della Seconda Guerra Mondiale; il che del suo cinema, altrove più asfittico e superficiale, ci fa pensare proprio questo, che tragga enorme giovamento dal contatto con tematiche e storie da lei sentite in modo così viscerale. E se la cura dell’elemento scenografico e dei costumi, importante quanto la stessa fotografia per la resa di questo universo rovesciato, fa pulsare di vita e di morte la triste comunità relegata nei condotti fognari, encomiabile è senz’altro la scelta del cast: una serie di interpreti tutti molto credibili, con in più il carisma di Robert Wieckiewicz, dell’attore tedesco Benno Fürmann e della connazionale Maria Schrader, impiegati qui nei ruoli di maggior spessore.

Info
Il sito ufficiale di In Darkness.
Il trailer di In Darkness.
In Darkness sul canale YouTube Movies.
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-01.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-02.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-03.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-04.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-05.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-06.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-07.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-08.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-09.jpg
  • in-darkness-2011-Agnieszka-holland-10.jpg

Articoli correlati

  • Pordenone 2017

    Intervista ad Art Spiegelman

    Come si può rappresentare una tragedia estrema quale l'Olocausto con i mezzi del cinema o dei fumetti? Ne abbiamo parlato con Art Spiegelman, il fumettista autore di Maus, che abbiamo incontrato alle Giornate del Cinema Muto 2017.
  • Berlinale 2017

    Django

    di Film d’apertura della Berlinale 2017, Django utilizza il biopic e la figura del celebre musicista di origine sinti per (cercare di) focalizzarsi sull’Olocausto e sulla terribile e spesso rimossa persecuzione delle popolazioni gitane.
  • Trieste 2017

    A Hole in the Head

    di Elegiaco e sofferto, A Hole in the Head è un mosaico di volti, luoghi e lingue che cerca di restituire almeno una memoria alle vittime del Porrajmos, il genocidio gitano ai tempi dell'Olocausto. Al Trieste Film Festival in concorso documentari.
  • Archivio

    Il viaggio di Fanny

    di Giunto in sala in occasione della Giornata della Memoria, Il viaggio di Fanny è lineare a volte fino alla piattezza, accomodando eventi e passaggi narrativi in funzione della loro (presunta) resa filmica.
  • In sala

    Nebbia in agosto

    di Nebbia in agosto è il racconto della tragica esistenza di Ernst Lossa, ucciso a quattordici anni nel 1944 all'interno della "eutanasia selvaggia" promossa dal nazismo. Un'opera didascalica e priva di una reale identità.
  • Archivio

    A German Life RecensioneA German Life

    di , , , A German Life è una nuova riflessione sull’orrore dell’Olocausto. La vegliarda Brunhilde Pomsel è l’ultimo residuo di quell’establishment che organizzò un sistema così crudele quanto efficiente di eliminazione.
  • Roma 2016

    The Last Laugh

    di Confrontandosi con una delle questioni più complesse dell’ultimo secolo (la rappresentazione della Shoah), il documentario The Last Laugh ricorda limiti e poteri della risata grazie ai migliori comici ebrei americani. All'undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma.
  • Archivio

    La verità negata RecensioneLa verità negata

    di Regista parco, e dai conseguimenti finora tutt’altro che memorabili, Mick Jackson dirige con La verità negata un’apprezzabile (ancorché imperfetta) ricostruzione storica, sospesa tra il filone di denuncia e quello processuale. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Archivio

    Lettere da Berlino RecensioneLettere da Berlino

    di Ispirandosi a un romanzo di Hans Fallada, Vincent Pérez dirige con Lettere da Berlino un thriller politico elegante, che pecca però di superficialità quando vuole allargare lo sguardo a rappresentare il contesto della Germania nazista.
  • Venezia 2016

    paradiseParadise

    di Affossato da uno dei finali più fastidiosi degli ultimi anni, imperdonabile per una pellicola sull’Olocausto, Paradise si barcamena tra sequenze ispirate, eccessi didascalici e discutibili ghirigori, adagiandosi su una struttura schematica dal retrogusto governativo e filorusso.
  • Documentari

    Austerlitz

    di Presentato fuori concorso a Venezia 2016, Austerlitz è uno straordinario documentario sulla memoria e sulla sua persistenza, sulla fruizione individuale e collettiva di un luogo di morte e dolore, sulle modalità e sui tempi di questa fruizione.
  • In sala

    Lui è tornato

    di Fra commedia e mockumentary, la versione filmica di Lui è tornato è una buona trasposizione pop del romanzo, apertamente più feroce ma meno audace nel risultato.
  • Archivio

    RememberRemember

    di Egoyan torna a raccontare di un genocidio, quello degli ebrei dopo quello degli armeni in Ararat. Ma i meccanismi spettatoriali di un perfetto thriller finiscono per prendere il sopravvento... Presentato in concorso a Venezia.
  • Archivio

    Il figlio di Saul RecensioneIl figlio di Saul

    di Esordio al lungometraggio del regista ungherese László Nemes, Il figlio di Saul rilegge il dramma dei campi di sterminio con una fortissima idea di messa in scena, appesantita però da una soluzione narrativa poco azzeccata. Gran premio della giuria al Festival di Cannes.
  • Berlinale 2019

    Mr. Jones RecensioneMr. Jones

    di Mr. Jones, presentato in concorso alla Berlinale 2019, è il biopic, firmato da Agnieszka Holland, sul giornalista gallese Gareth Jones che riuscì a infiltrarsi in Unione Sovietica e a testimoniare gli orrori staliniani e la carestia del 1932-33. Tutto annegato nel piatto calligrafismo tipico della regista.

1 Commento

  1. Trackback: Mr. Jones, presentato in concorso alla Berlinale 2019, è il biopic, firmato da Agnieszka Holland, sul giornalista gallese Gareth Jones che riuscì a infiltrarsi in Unione Sovietica – Cinema dell' Est

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento