Il cielo può attendere

Il cielo può attendere

di

In versione restaurata e splendente, torna nelle sale grazie alla rassegna di Lab 80 “Gene Tierney, la diva fragile” uno dei capolavori di Ernst Lubitsch. Primo e unico film girato dal cineasta berlinese in Technicolor, Il cielo può attendere è una straordinaria commedia sentimentale, leggiadra e commovente, cadenzata dalle ampie ellissi narrative di Samson Raphaelson, dalla voce narrante di Don Ameche e dalle note di Alfred Newman. E illuminata dalla raffinata bellezza della Tierney.

Scala al Paradiso

Appena defunto, Henry Van Cleve arriva nell’anticamera dell’inferno dove racconta al diavolo la propria vita: è sempre stato viziato dai genitori, è stato iniziato presto ai piaceri della carne da una giovane cameriera, gli sono piaciute tantissimo le donne ma è rimasto sempre fedele alla bellissima moglie… [sinossi]
Io non lavoro qui. Non sono un commesso.
Mi è bastato vedervi e vi ho seguita.
Fosse stato un ristorante, sarei stato un cameriere;
una casa in fiamma, pompiere.
Se foste salita in un ascensore,
l’avrei fermato e avremmo vissuto lì tutta la vita.
Henry Van Cleve (Don Ameche)

Il cielo non ha avuto pazienza, ma questo si è scoperto dopo, il 30 novembre 1947, a quattro anni dall’uscita di Heaven Can Wait (Il cielo può attendere, 1943). Geniale, ironico, elegante cineasta europeo capace di conquistare la fabbrica dei sogni, Ernst Lubitsch ci lascia troppo presto, pur trovando l’immortalità nella sua corposa filmografia.
Esordio negli sfavillanti cromatismi del Technicolor e summa di una serie di temi ricorrenti, Il cielo può attendere diventa quindi una sorta di testamento artistico, di sguardo retrospettivo sul suo stesso cinema, su una filosofia intrisa di leggerezza, mai di superficialità.

La discesa agli inferi di Henry Van Cleve (Don Ameche), il flashback che ripercorre l’intera vita dalla nascita all’ultima impresa di questo romantico e gentile Casanova, e il sincero bilancio esistenziale finiscono inevitabilmente per valicare i confini del grande schermo, arricchendosi ulteriormente di significati e suggestioni. In questo senso, Il cielo può attendere ingloba buona parte della filmografia lubitschiana, dissezionando il celeberrimo Lubitsch Touch – quella capacità di filtrare attraverso una sofisticata ironia sentimenti e pulsioni, cogliendone l’essenza, rendendo palpabili i fremiti, le rinunce e tutto ciò che apparteneva al fuori campo. E la stessa giocosa deriva fantastica, con la messa in scena di un Aldilà dal design geometrico e raffinato, sembra voler portare ancor più in primo piano quella terra di mezzo che Lubitsch ha spesso dipinto sul grande schermo: non gli Stati Uniti, non l’Europa, ma Lubitschland – per dirla à la Scott Eyman [1].

Impegnato a smontare e deridere i rigidi schematismi morali dei suoi contemporanei, Lubitsch tratteggia il consueto contesto aristocratico/altoborghese, un microcosmo che sembra estraneo allo scorrere della Storia, al succedersi degli eventi, tutto concentrato sulla propria comoda esistenza: ma è in questo mondo altro che Lubitsch può dare sfogo al ricercato sarcasmo, ai dialoghi brillanti e pungenti, alla rappresentazione di sentimenti totalizzanti, privi di scorie.
Il cielo può attendere vive di fulminee parole e di lunghi silenzi: i dialoghi vivaci e la voce narrante di Henry/Ameche riempiono di senso le ampie ellissi narrative di Samson Raphaelson [2], sceneggiatore di alcune delle pellicole più riuscite di Lubitsch – una dozzina di collaborazioni: Scrivimi fermo posta (1940), Mancia competente (1932), La vedova allegra (1934), L’allegro tenente (1931) e via discorrendo. Col suo spirito dissacrante, Raphaelson è il coautore del Lubitsch Touch.

Le porte dell’inferno de Il cielo può attendere, eleganti e imponenti come il loro padrone di casa (lo sfortunato Laird Cregar, che morirà l’anno successivo), anticipano le intuizioni scenografiche e immaginifiche di Scala al Paradiso. Pur con un approccio narrativo e una tensione emotiva calibrata diversamente, entrambi i film giungono al medesimo traguardo: due memorabili storie d’amore, estremamente commoventi. Ed è forse questo uno dei risultati più sorprendenti del cinema di Lubitsch, così frizzante, teatrale, cerebrale, eppure estremamente romantico – se la passione resta fuori campo, nonostante gli ammiccamenti erotici (si pensi al rapporto con del giovane Henry con la domestica francese), l’essenza dell’amore deflagra nelle parole di Martha, negli occhi luccicanti della Tierney, nell’arrendevolezza di Henry.

In versione restaurata e splendente, Il cielo può attendere torna nelle sale grazie alla Lab 80 e alla rassegna Gene Tierney, la diva fragile. Gli altri titoli di questa preziosa iniziativa sono Vertigine di Otto Preminger, Il fantasma e la signora Muir di Joseph L. Mankiewicz e Femmina folle di John M. Stahl.

Note
1. Cfr. Scott Eyman, Ernst Lubitsch: Laughter in Paradise, Simon & Schuster, New York 1993.
2. A Lubitsch e Raphaelson bastano le torte di compleanno, le cravatte e l’armadietto dei medicinali per restituire allo spettatore la dimensione temporale e l’inarrestabile scorrere del tempo.
Info
Una sequenza tratta da Il cielo può attendere.
Il trailer originale de Il cielo può attendere.
La scheda de Il cielo può attendere sul sito di Lab 80.
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-01.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-02.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-03.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-04.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-05.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-06.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-07.jpg
  • il-cielo-puo-attendere-1943-heaven-can-wait-lubitsch-08.jpg

Articoli correlati

  • Classici

    Il fantasma e la signora Muir

    di Lab 80 riporta nelle sale uno dei primi capolavori di Joseph L. Mankiewicz, storia d'amicizia e amore soprannaturale con Gene Tierney e Rex Harrison.
  • Classici

    Femmina folle

    di Per la rassegna La Diva Fragile dedicata alla figura di Gene Tierney e promossa da Lab80 film, torna in sala in versione restaurata Femmina folle di John M. Stahl. Fiammeggiante melodramma noir girato in uno splendido Technicolor tra patologie psichiche ed estrema implosione di modelli culturali.
  • Rassegne

    La diva fragile. In sala quattro film con Gene Tierney

    Il cielo può attendere, Vertigine, Il fantasma e la signora Muir e Femmina folle. A partire da domani 26 maggio escono in sala per Lab80 quattro capolavori del cinema hollywoodiano, tutti con protagonista Gene Tierney.
  • Pordenone 2015

    La bambola di carne

    di Erotica, sfacciata e gustosamente anticlericale La bambola di carne di Ernst Lubitsch è una commedia esilarante e dal ritmo indiavolato. Alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone.
  • Pordenone 2015

    Romeo e Giulietta sulla neve

    di Anche se considerata opera minore del regista, il famoso Lubitsch Touch non manca in Romeo e Giulietta sulla neve, adattamento sgangherato e irriverente dalla tragedia di Shakespeare nonché una delle ultime opere tedesche di Ernst Lubitsch. Film d'apertura delle Giornate del Cinema Muto.
  • DVD

    Scala al Paradiso

    di , Peter Carter, pilota inglese, si butta senza paracadute dal suo aereo in fiamme e si sveglia miracolosamente illeso su una spiaggia dove incontra June, ausiliaria americana di cui si innamora...
  • Saggi

    Alfred E. Green – Cinema tagliente e cinema tagliato

    Nick il Barbiere, l’arrivista e guascone Hal Blake e la provocante Lily Power sono i personaggi realisticamente tratteggiati da Green, sono i tantissimi americani che era difficile vedere sul grande schermo, uomini e donne che sgomitavano per ritagliarsi un pezzo di sogno americano...
  • In sala

    Mon oncle

    di Ripley's Film in collaborazione con Viggo riporta in sala quattro film restaurati di Jacques Tati. Si comincia con Mon oncle, in sala dal 6 giugno, suo terzo film da regista in cui metteva in contrapposizione tradizione e modernità per una geniale satira anti-borghese.
  • In sala

    Un americano a Parigi

    di La Hollywood degli anni Cinquanta al suo massimo splendore spettacolare: il Technicolor, il musical e Parigi. Apoteosi della finzione e dell'amor cortese in punta di piedi, Un americano a Parigi di Vincente Minnelli torna in sala.
  • DVD

    Strada sbarrata

    di Realismo sociale in un contesto espressivo di plateale artificio, Strada sbarrata di William Wyler incrocia derivazione teatrale con le specifiche risorse del cinema, a metà tra dramma, commedia e noir. Uno dei primi ruoli importanti per un giovane Humphrey Bogart. In dvd per Sinister e CG.
  • DVD

    Fango sulle stelle

    di Natura e cultura, stato di natura e stato di diritto, memoria e progresso. Fango sulle stelle di Elia Kazan è la tragedia del tempo, immersa in uno struggente crepuscolarismo esistenziale. Con Montgomery Clift e Lee Remick. In dvd per Sinister e CG.
  • Torino 2016

    Sui marciapiedi

    di Inserito nel progetto "Happy Returns!" della Lab80 finalizzato al recupero di grandi classici, Sui marciapiedi di Otto Preminger ritorna in sala dal 1° dicembre in versione restaurata. Ottima occasione per riscoprire uno splendido dramma psicologico, che attraversa noir e poliziesco secondo proprie linee di realismo urbano. Al TFF per Festa Vintage.
  • Classici

    il-mago-di-ozIl mago di Oz

    di Restaurato in digitale, il capolavoro di Victor Fleming e della Metro Goldwyn Mayer torna nelle sale italiane grazie alla Cineteca di Bologna. Dorothy, il Kansas, il regno di Oz, lo spaventapasseri, la malvagia strega dell'Ovest...
  • In sala

    Infedelmente tua

    di Torna in sala uno dei lavori più sottovalutati di Preston Sturges: nonostante la scarsa considerazione di cui godette all’epoca, Infedelmente tua è opera perfettamente esemplificativa dei temi del cinema del grande cineasta americano.
  • In sala

    Il piacere

    di Continua l'iniziativa "Happy Returns!" di Lab80, che rimette in sala in versione restaurata in 2K tre film di Max Ophüls. Tratto da tre novelle di Maupassant, Il piacere è uno dei suoi capolavori indiscussi.
  • Rassegne

    Dal 3 luglio Max Ophüls in sala con Lab 80

    A partire da lunedì tre luglio Lab 80 porta in sala in versione restaurata tre film di Max Ophüls: Tutto finisce all'alba (1939), Da Mayerling a Sarajevo (1940) e il suo capolavoro, Il piacere (1952).

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento