Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile)

Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile)

di

Presentato alle Giornate degli Autori di Venezia 74, Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile) è un mediometraggio inedito di Ermanno Olmi del 1968, a metà tra documentario scientifico e racconto intimo.

La malattia della giovinezza

Il documentario racconta i primi pionieristici anni di attività di un reparto psichiatrico d’urgenza presso il Policlinico di Milano. Un padiglione dedicato ai casi di emergenza per tentato suicidio, con un’incidenza drammatica di adolescenti. Ci sono interviste, statistiche, storie personali… [sinossi]

Tra le cose che colpiscono di più della settantaquattresima edizione della Mostra del Cinema di Venezia c’è il modo un po’ barbaro di organizzare programma e palinsesto. Uno dei casi forse più rappresentativi è il mediometraggio di Ermanno Olmi realizzato nel 1968 (datazione operata a posteriori) e poi mai proiettato in pubblico, mai comparso in alcuna filmografia (neppure in quelle, accuratissime, verificate e riverificate, curate dallo storico Adriano Aprà), creduto perso, scomparso dall’orizzonte dei film visibili. A Venezia Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile) ha trovato posto come Evento Speciale nel programma delle Giornate degli Autori: senza che la notizia circolasse troppo in giro, è stata prevista una proiezione unica in una delle sale più piccole della manifestazione. Tanto che sulla scelta del direttore delle Giornate, Giorgio Gosetti, Tatti Sanguineti, scelto per curare la presentazione del film, ha lanciato una piccola polemica.
Ritrovato casualmente, la scorsa primavera, in una delle molte miniere ancora in buona parte inesplorate che, in giro per il mondo, serbano al loro interno chissà quanti e quali tesori cinematografici in attesa di essere riscoperti, Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile) giaceva conservato in uno dei fondi detenuti dalla Fondazione Luigi Micheletti di Brescia (la stessa che qualche decennio fa ereditò l’intero archivio personale di Roberto Gavioli), per l’esattezza il fondo Cinestabilimento. La scoperta è avvenuta per via di un’esplorazione iniziata grazie alla collaborazione della Fondazione con l’Istituto Luce durante la quale due archivisti (Maurizio Orsola, per il Luce, e Stefano Guerrini, della Micheletti) si sono imbattuti nei quattro rulli del mediometraggio del quale ormai più neppure lo stesso Olmi conservava memoria.

Il film, finanziato dalla casa farmaceutica Sandoz e prodotto dalla Palumbo, rappresenta una interessante eccezione nella filmografia del regista lombardo. L’incipit – che funziona come introduzione al corpo centrale del film – è chiaramente imparentato con il resto della produzione olmiana della prima metà degli anni Sessanta: un bianco e nero opaco che sembra spesso sul punto di sfumare le figure con una messa a fuoco incerta, presenta inquadrature di giovani, volti soprattutto, montate in rapida successione, con tagli netti: tra le molte immagini se ne riconoscono diverse certamente già presenti nel precedente Giovani, serie di tre episodi per la tv di Stato del 1967, uscito anche in una versione cinematografica più breve col titolo Racconti di giovani amori.
Subito dopo viene la parte centrale del film che si presenta sotto forma di documentario scientifico-didattico sulle cause, le dinamiche, le caratteristiche sociali del fenomeno dei suicidi in età adolescenziale e giovanile. Alcuni dei medici responsabili della clinica psichiatrica del Policlinico di Milano che si occupa della gestione di questa specifica categoria di emergenze sono i protagonisti di questa prima parte: le loro testimonianze da esperti sono messe in scena e gestite in modo meno rigido e statico di quel che prevederebbe il canone. La voce degli intervistati si slega presto dai loro corpi iniziando a stendersi su una colonna visiva apparentemente ridotta a illustrazione e che invece procede per salti, un po’ raccontando e un po’ evocando la vita di giovani studenti, giovani lavoratori, giovani innamorati, ragazzi e ragazze ritratti in una vasta gamma di situazioni di quotidianità urbana (l’ambientazione è, come quasi sempre nella prima parte della produzione di Ermanno Olmi, milanese). D’altra parte le parole degli esperti, pur appartenendo a una lingua formale e ipercontrollata coerente con il momento storico, costruiscono discorsi tutt’altro che rinchiusi nella forma burocratica riconducibile al loro ruolo istituzionale. In questo specifico stile di organizzazione e impiego delle testimonianze per ricostruire un ambiente, una storia, un fenomeno si ritrovano gli elementi alla base dei successivi film per la televisione, le “inchieste” che Olmi realizzerà dal 1970 fin quasi alla fine del decennio, tra le quali anche quelle firmate insieme a Corrado Stajano

La sezione più significativa del film viene poco dopo la metà: il volto di una giovane scampata alla morte torna ora e prende parola con la propria voce. L’analisi di una dottoressa si alterna al racconto in prima persona della giovane che ripercorre la sua vita dai primi disagi dell’infanzia fino al tragico gesto: la voce della ragazza ricostruisce in una sorta di memoriale anamnestico le prime fasi dell’innamoramento, poi la delusione, la depressione e infine la decisione di tentare il suicidio. Sulla linea tesa dalla voce si stendono, in un montaggio rapido, sintetico, asciutto ma incredibilmente articolato, le immagini, mute, che riordinano la storia della giovane. Il gioco di rimandi e sfasamenti tra colonna sonora (la voce narrante) e colonna visiva (le immagini del passato tessute in un fitto e libero andirivieni temporale che fa slittare di continuo un tempo sopra l’altro) ricorda un modo poetico-narrativo simile a quello visto per la prima volta ne I fidanzati, 1963 (in molti accostarono lo stile di questo film a quello usato pochi anni prima da Alain Resnais) e diversamente ripetuto anche in film successivi, prima di tutto proprio in quel Giovani precedente solo di un anno, dal quale provengono molti dei materiali impiegati in questo mediometraggio.

Il tentato suicidio nell’adolescenza (l’etichetta sulla scatola impolverata riportava laconicamente “T.S”), oltre il valore suo proprio, si svela così come importante tassello per meglio osservare e comprendere lo sviluppo dell’elaborazione estetica e di quella ideologica e politica di Olmi che pochi mesi dopo il suo piccolo trattato sulla gioventù, e nello stesso anno del durissimo Un certo giorno – critica frontale alla degenerazione morale nell’Italia della nuova borghesia capitalista – torna a raccontare la condizione giovanile come cartina al tornasole della salute di una nazione.

Info
La scheda de Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile) sul sito delle Giornate degli Autori.
Una clip tratta da Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile).
  • Il-tentato-suicidio-nelladolescenza-T.S.-Giovanile-1968-ermanno-olmi-1.jpg
  • Il-tentato-suicidio-nelladolescenza-T.S.-Giovanile-1968-ermanno-olmi-2.jpg
  • Il-tentato-suicidio-nelladolescenza-T.S.-Giovanile-1968-ermanno-olmi-3.jpg
  • Il-tentato-suicidio-nelladolescenza-T.S.-Giovanile-1968-ermanno-olmi-4.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2017 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra, tra sale, code, film, colpi di fulmine e ferali delusioni: il consueto appuntamento con il Minuto per minuto, cronaca festivaliera con aggiornamenti quotidiani, a volte anche notturni o drammaticamente mattinieri...
  • In Sala

    vedete, sono uno di voi

    di Ermanno Olmi torna al cinema documentario: vedete, sono uno di voi è dedicato alla figura dell'arcivescovo di Milano Carlo Maria Martini, ed è un nuovo amaro ritratto sulla fine di un mondo.
  • DVD

    Il mestiere delle armi

    di Giovanni dalle Bande Nere, l'avvento delle armi da fuoco, la fine di un intero sistema di valori e di epoche gloriose. Nel 2001 Il mestiere delle armi fu per Ermanno Olmi un grande ritorno sulla scena italiana e internazionale grazie a un'opera complessa e affascinante. In dvd per Mustang e CG.
  • I Mille Occhi 2015

    Ritorno al paese

    di Un piccolo film del 1967 di Ermanno Olmi, Ritorno al paese - mostrato alla 14esima edizione dei Mille Occhi - ci ricorda come a volte in un'opera di brevissima durata possa capitare di ritrovare il senso ultimo della filmografia di un autore.
  • In sala

    torneranno i prati

    di Olmi torna al cinema con un film amaro e ipnotico contro la guerra: torneranno i prati, ovvero il racconto della vanità del tutto e dell'inevitabile svanire di ogni cosa, a partire dall'uomo.
  • Archivio

    Il villaggio di cartone

    di Unico titolo italiano della selezione ufficiale di Venezia 68 capace di ergersi sopra l’aurea mediocritas della nostra produzione, Il villaggio di cartone è il film di un grande autore, Ermanno Olmi, che ricorre al simbolismo per continuare a parlare del reale.
  • AltreVisioni

    Rupi del vino

    di Dopo Terra Madre, un nuovo lavoro su commissione per Ermanno Olmi: Rupi del vino. Ed è un nuovo capitolo della sua filmografia dedicato all'amore per la bellezza del paesaggio.
  • Archivio

    Terra Madre

    di Ermanno Olmi ha curato con Terra Madre un documentario eterogeneo con riprese fatte da diversi registi, tra cui Franco Piavoli, al fine di comporre una potente e coerente elegia a difesa della salvaguardia del nostro pianeta.
  • Festival

    Venezia 2017

    La Mostra del Cinema di Venezia 2017, dalla proiezione di preapertura di Rosita di Ernst Lubitsch al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • Festival

    I Mille Occhi 2017 – Presentazione

    Si tiene dal 15 al 21 settembre a Trieste la 16esima edizione de I Mille Occhi, con ospiti d'onore l'attrice Dagmar Lassander e il cineasta greco Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno.
  • Festival

    I Mille Occhi 2017

    La 16a edizione del festival triestino, dal 15 al 21 settembre. Ospiti d'onore Dagmar Lassander e Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno. Tanti i percorsi di visioni possibili, a partire dalle corrispondenze di cineasti italiani con film di Damiani, Petri, Germi, Zampa, De Santis, Genina...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento