torneranno i prati

torneranno i prati

di

Olmi torna al cinema con un film amaro e ipnotico contro la guerra: torneranno i prati, ovvero il racconto della vanità del tutto e dell’inevitabile svanire di ogni cosa, a partire dall’uomo.

Linea d’ombra

Siamo sul fronte Nord-Est, dopo gli ultimi sanguinosi scontri del 1917 sugli Altipiani. Nel film il racconto si svolge nel tempo di una sola nottata. Gli accadimenti si susseguono sempre imprevedibili: a volte sono lunghe attese dove la paura ti fa contare, attimo dopo attimo, fino al momento che toccherà anche a te. Tanto che la pace della montagna diventa un luogo dove si muore… [sinossi]

In un sistema cinematografico come quello italiano, omologato e senza orizzonti, il nuovo film di Ermanno Olmi, torneranno i prati, appare come un oggetto alieno e alienante, spiazzante e non organico né integrato. Un film che arriva dal passato e che si lascia attraversare da un futuro post-umano e quasi fantascientifico.
Realizzato su commissione, nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della Prima Guerra Mondiale, torneranno i prati assume una dimensione universale – come spesso accade per i film anti-bellici – ma soprattutto si eleva verso prospettive metafisiche e astratte, sia per via della messa in scena che della scrittura, come pure per una sua essenza per certi aspetti a-storica.
Difatti sembra banale dirlo, ma già l’essere ritornati a fare un film contro la guerra in un paese come il nostro, in cui ormai il pacifismo viene visto come estremismo radicale e pericoloso (per non parlare poi di quel che succede nel resto del mondo), in cui il centenario della Grande Guerra si festeggia con frecce tricolori e parate militari, in cui la Festa della Repubblica del 2 giugno diventa occasione per fare sfoggio di lustrini e parabellum, realizzare un film come torneranno i prati appare dunque come un gesto eccentrico e, a suo modo, tristemente vano. Così come si è certi che cadranno nel vuoto le parole di Olmi – che, ricoverato in ospedale per sospetta broncopolmonite, non è potuto intervenire alla conferenza di presentazione alla stampa, ma ha registrato un video di commento – il quale ha detto che bisognerebbe chiedere scusa per quei soldati mandati a morire, vittime di un grande malinteso: il patriottismo. Ed è quello stesso patriottismo, o meglio il suo ectoplasma, che viene ‘festeggiato’ per l’appunto in questi giorni in occasioni e incontri ufficiali, con l’obiettivo di riaffermare una qualche presunta gloria patria, vale a dire esattamente l’opposto delle intenzioni di Olmi.

Come vuole la tradizione iconografica dei film e dei racconti ambientati durante la Prima Guerra Mondiale (basti pensare a Orizzonti di gloria di Stanley Kubrick), torneranno i prati si concentra e si rinchiude nella claustrofobia delle trincee, folle e straniante rifugio dei fronti di battaglia, luogo sintomatico di un vivere quotidiano che si andava via via sganciando dall’esperienza reale per farsi incubo oppressivo e opprimente. Il nemico infatti non viene rappresentato nel film di Olmi e la sua presenza è percepita solo dai colpi di fucile e dalle esplosioni delle bombe; mentre l’unica location scelta è per l’appunto la stretta trincea in cui sono rintanati i nostri soldati, circondati dal nulla e dal bianco rappresentato dalle nevi dell’Altopiano di Asiago. Non è un caso allora che anche l’opzione narrativa su cui è concentrata la prima parte del film, vale a dire il raggiungimento di un avamposto a pochi metri dalla trincea, venga evocata a parole ma mai resa visivamente: l’avamposto resterà un luogo altro e irraggiungibile, un Altrove insensato e probabilmente inesistente.

La narrazione, dunque, inizialmente focalizzata verso un obiettivo preciso, va via via sciogliendosi in orizzonti indefiniti, in digressioni stordenti e abbacinanti (come ad esempio il bombardamento messo in atto dal nemico o gli ‘a solo’ di qualche soldato), fino a scompaginarsi definitivamente nell’ultima parte del film in cui tutto procede e si accumula quasi come sotto ipnosi, dove la follia della guerra si tramuta in vera e propria allucinazione collettiva che avviluppa i protagonisti e, insieme, lo spettatore.
La coerenza del discorso di Olmi si ripercuote d’altronde anche sul piano visivo: girato in 35mm torneranno i prati è stato poi trasferito in digitale ed, evidentemente, desaturato in fase di post-produzione. Ne deriva un’immagine quasi piatta, di superficie, volutamente senza profondità, dove il discorso sui soldati destinati a sparire e a ‘sciogliersi’ nella neve, nell’indifferenza della Natura (laddove per l’appunto al posto delle trincee torneranno i prati), viene visualizzato attraverso una fantasmatica patina digitale.

Consapevole della vanità del tutto, a partire dalla memoria stessa degli orrori della guerra, come pure del ricordo della vita di quei soldati ‘evaporati’ (e di cui forse rimane solo l’eco tra i monti di una canzone napoletana, momento che viene visualizzato da Olmi nel corso del film), torneranno i prati sembra perfino voler sottolineare consciamente anche la vanità del suo stesso esistere, almeno nella parte finale quando uno dei protagonisti chiosa così quanto abbiamo visto fino a quel momento: “Torneranno i prati e sembrerà che nulla sia accaduto…”

Info
Il trailer di torneranno i prati.
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-001.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-002.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-003.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-004.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-005.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-006.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-007.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-008.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-009.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-010.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-011.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-012.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-013.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-014.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-015.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-016.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-017.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-018.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-019.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-020.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-021.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-022.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-023.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-024.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-025.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-026.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-027.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-028.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-029.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-030.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-031.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-032.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-033.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-034.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-035.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-036.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-037.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-038.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-039.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-040.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-041.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-042.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-043.jpg
  • torneranno-i-prati-2014-ermanno-olmi-044.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2017

    Il tentato suicidio nell’adolescenza (T.S. Giovanile)

    di Presentato alle Giornate degli Autori di Venezia 74, Il tentato suicidio nell'adolescenza (T.S. Giovanile) è un mediometraggio inedito di Ermanno Olmi del 1968, a metà tra documentario scientifico e racconto intimo.
  • Archivio

    vedete, sono uno di voi Recensionevedete, sono uno di voi

    di Ermanno Olmi torna al cinema documentario: vedete, sono uno di voi è dedicato alla figura dell'arcivescovo di Milano Carlo Maria Martini, ed è un nuovo amaro ritratto sulla fine di un mondo.
  • DVD

    Il mestiere delle armi

    di Giovanni dalle Bande Nere, l'avvento delle armi da fuoco, la fine di un intero sistema di valori e di epoche gloriose. Nel 2001 Il mestiere delle armi fu per Ermanno Olmi un grande ritorno sulla scena italiana e internazionale grazie a un'opera complessa e affascinante. In dvd per Mustang e CG.
  • I Mille Occhi 2015

    Ritorno al paese

    di Un piccolo film del 1967 di Ermanno Olmi, Ritorno al paese - mostrato alla 14esima edizione dei Mille Occhi - ci ricorda come a volte in un'opera di brevissima durata possa capitare di ritrovare il senso ultimo della filmografia di un autore.
  • Archivio

    Il villaggio di cartone

    di Unico titolo italiano della selezione ufficiale di Venezia 68 capace di ergersi sopra l’aurea mediocritas della nostra produzione, Il villaggio di cartone è il film di un grande autore, Ermanno Olmi, che ricorre al simbolismo per continuare a parlare del reale.
  • AltreVisioni

    Rupi del vino

    di Dopo Terra Madre, un nuovo lavoro su commissione per Ermanno Olmi: Rupi del vino. Ed è un nuovo capitolo della sua filmografia dedicato all'amore per la bellezza del paesaggio.
  • Archivio

    Terra Madre

    di Ermanno Olmi ha curato con Terra Madre un documentario eterogeneo con riprese fatte da diversi registi, tra cui Franco Piavoli, al fine di comporre una potente e coerente elegia a difesa della salvaguardia del nostro pianeta.
  • Festival

    Berlinale 2015

    Da Malick a Panahi, passando per Pablo Larrain, per il Greenaway sulle tracce di Ėjzenštejn e per il ritorno in cattedra di Werner Herzog e di Wim Wenders, anche Orso d'oro alla carriera: la Berlinale 2015, 65esima edizione, dal 5 al 15 febbraio...
  • Festival

    Bif&st 2015Bif&st 2015

    È Fritz Lang la vera star del Bif&st 2015, il Bari International Film Festival, in programma da sabato 21 a sabato 28 marzo. E poi il cinema italiano, le anteprime internazionali, i documentari...
  • I Mille Occhi 2015

    Anna-und-ElizabethAnna und Elisabeth

    di Tra i percorsi più preziosi affrontati dalla 14esima edizione del festival Mille Occhi vi è senz'altro l'omaggio al dimenticato cineasta tedesco Frank Wisbar, autore nel 1933 con Anna und Elisabeth di una riflessione sulla sacralità, anticipatrice dell'Ordet dreyerano.
  • I Mille Occhi 2015

    Intervista a Sergio M. Germani

    "Credo che il modo più giusto per realizzare un festival sia il fatto di essere disponibili ad accogliere delle cose che ti arrivano, che è anche il modo migliore - come ci insegna Rossellini - per fare il cinema". Abbiamo intervistato Sergio M. Germani, direttore del festival I Mille Occhi, la cui 14esima edizione si è chiusa lo scorso 23 settembre a Trieste.
  • Pordenone 2016

    I misteri di un’anima

    di Tra i primi film psicoanalitici della storia del cinema, I misteri di un'anima di Georg Wilhelm Pabst mette in scena i rimossi di un chimico viennese con qualche ingenuità, ma anche con grande forza visionaria. Alla 35esima edizione delle Giornate del Cinema Muto.
  • Far East 2018

    Night Bus RecensioneNight Bus

    di Un pullman notturno viaggia nei territori della fantapolitica trasformando il suo tragitto in un progressivo e sempre più atroce inoltrarsi nell'orrore della guerra civile. Miglior film ai Citra indonesiani dello scorso anno, Night bus giunge con tutta la sua forza disturbante al ventesimo Far East di Udine.
  • Giornate 2018

    The Enemy RecensioneThe Enemy

    di Giunto a noi in forma incompleta - mancante proprio di un posticcio happy end tipicamente hollywoodiano - The Enemy, diretto da Fred Niblo nel 1927, è un potente dramma antimilitarista, tanto che il suo pacifismo apparve eccessivo al pubblico dell'epoca. Alla 37esima edizione delle Giornate del cinema muto.

1 Commento

  1. gmaulucci 09/11/2014
    Rispondi

    film splendido, assolutamente necessario, un salutevole risarcimento del subisso di tante, troppe imbecillità del cinema italiano e non. Dei grandi maestri come Olmi avremo sempre bisogno, come pure della possibilità di liberarci dei cattivi “maestri” del nostro cinema, teatro, romanzi…. Grazie, Olmi per il tuo film salvifico e attualissimo: criticamente , amaramente “antitaliano” : Rossellini girò “Viva l’Italia!” (1961), per il centenario, Olmi gli fa il controcanto con “Abbasso l’Italia!” !! gm

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento