Iene

Ispirato a La visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt, Iene è il secondo lungometraggio del senegalese Djibril Diop Mambéty, diretto nel 1992 a venti anni dall’esordio. Uno sguardo sull’Africa (mai davvero) post-coloniale che è anche riflessione sui rapporti con l’Europa e sulla colpa individuale e collettiva. In Cannes Classics.

“Al grande Friedrich”

Linguère, una vecchia signora diventata ormai ricchissima, ritorna dopo molti anni a Colobane, suo paese di origine. Il villaggio, in preda alla povertà più assoluta, accoglie Linguère sperando di ricevere beni e favori per migliorare la propria situazione. Per incoraggiare la sua generosità, affidano a Dramaan, un droghiere locale che una volta aveva corteggiato (e ingannato) la donna, l’incarico di convincerla ad aiutare la popolazione. Linguère, in realtà, è tornata con l’intenzione di condividere le sue ricchezze con il villaggio, ma solo in cambio di una particolare richiesta ai suoi concittadini: l’uccisione di Dramaan. [sinossi]

Le iene vivono in branco, e si nutrono di carcasse o di animali indeboliti dalla perdita di sangue, il cui odore sanno percepire anche a centinaia di metri di distanza. Le iene, che un tempo popolavano anche l’Europa mediterranea e gran parte dell’Asia, sono ora ridotte di numero, quasi completamente circoscritte in Africa e rischiano l’estinzione. Rischia di estinguersi dalla memoria cinefila anche il ricordo di Djibril Diop Mambéty, tra i più liberi e visionari pensatori di immagini che la Settima Arte abbia partorito negli ultimi cinque decenni; figlio del sessantotto, ma soprattutto di quella lotta per la liberazione prima e l’emancipazione poi dell’Africa nel suo complesso, Mambéty è oggi un cineasta perduto, dimenticato in un angolo della mente. A luglio ricorrerà il ventennale della sua prematura scomparsa (ad appena cinquantatré anni), e chissà se al di fuori di strette cerchie cinefile qualcuno avrà la voglia e il coraggio di rimettere mano a un discorso sul cinema panafricano, sulla sua importanza cruciale e sulla crisi cui ha contribuito in maniera concreta quell’Europa cieca, e in gran parte criminale, nei rapporti con la culla dell’umanità. Djibril Diop Mambéty abbandonò le scene con appena un piccolo pugno di opere dirette nel corso di trent’anni di carriera: un paio di corti – Badou Boy vinse nel 1970 il premio per la categoria a Cartagena –, un paio di medi compreso il meraviglioso e postumo La Petite vendeuse du Soleil, che in Italia è stato più volte programmato da RaiTre nelle notti di Fuori Orario, un documentario sulla lavorazione di Yaaba del burkinabé Idrissa Ouédraogo, e due lungometraggi di finzione, Touki Bouki e per l’appunto Iene (Hyènes). È passata sotto silenzio la programmazione di quest’ultimo all’interno del programma di Cannes Classics sulla Croisette, ma si tratta al contrario di un evento a suo modo epocale, il punto di ri-partenza per riaprire il dibattito sul cinema africano, sulla necessità di troncare il cordone ombelicale con un’Europa ferale e ritrovare la propria dimensione immaginaria, onirica, politica e sociale.

Iene può essere in qualche modo considerato l’ampliamento e il completamento del discorso inaugurato nel 1973 da Touki Bouki, conosciuto in Italia con il titolo Il viaggio della iena, anche se non sotto un profilo strettamente narrativo. Touki Bouki raccontava una diaspora ideale, il tentativo di abbandonare la propria condizione sociale abbandonando la propria terra. Tentativo impossibile, e destinato a un’ulteriore fuga a ritroso. Iene, che prende le movenze da La visita della vecchia signora di Friedrich Dürrenmatt, inizia con un ritorno a casa dall’esterno: l’anziana Linguère Ramatou – straordinaria Ami Diakhate – riappare a Colobane e mette in subbuglio l’intero villaggio. L’annuncio del suo arrivo interrompe perfino il ballo collettivo nel locale di Dramaan, l’uomo che un tempo sedusse e ingannò la donna. È il primo passo verso un progressivo avvicinarsi al baratro, della follia individuale come di quella dell’intera comunità. Un percorso di (auto)distruzione che senza dubbio può essere letto come metafora del fallimento post-coloniale, ma allo stesso tempo come incapacità di una comunità di scrollarsi davvero di dosso l’educazione occidentale. Non è un caso, probabilmente, che Mambéty riprenda Dürrenmatt, e che nel riprenderlo non senta alcuna necessità di “smentirlo” o di “tradirlo”.
Anche per gli abitanti di Colobane, come per quelli della Güllen di Dürrenmatt, i concetti di etica e di “collettivo” vengono meno, erosi da quel desiderio di potere che può garantire il denaro della “vecchia signora”. Una vecchia signora che un tempo era l’Europa, ma ora è a sua volta africana e, assimilati i disvalori acquisiti dal nord del Mediterraneo, li utilizza per raggiungere una vendetta che resterà inevitabilmente amara. I cittadini di Colobane accetteranno la messa a morte del proprietario della drogheria, agognando i soldi e le ricchezze, ma l’effimera ricchezza del Capitale è solo un’enorme ruspa che massacra il terreno. Una volta di più.

Sfoderando uno stile inimitabile, che si muove nella metafora rifuggendo i contorni fin troppo rigidi del reale e riscrivendolo di volta in volta sull’immagine, lavorando la materia onirica con una libertà creativa difficile da riscontrare altrove, Djibril Diop Mambéty firma con Iene una ballata sarcastica e dolorosissima, vitale e protesa sempre verso la morte, distrutta prima ancora che distruttiva. Un’opera epocale, che forse nel 1992 a Cannes non venne compresa fino in fondo (pura annotazione curiosa: al festival in quell’edizione c’erano due iene, quelle di Mambéty in concorso, e quelle di Quentin Tarantino fuori dalla competizione); come dopotutto poteva comprenderne la forza una giuria presieduta da Gérard Depardieu che arrivò ad assegnare la Palma d’Oro addirittura al mediocre Con le migliori intenzioni di Bille August?
Il ritorno di Mambéty a Cannes, a ventisei anni da quei giorni e a venti dalla sua morte, deve essere un punto di svolto, per imparare di nuovo – o forse per la prima volta – a conoscere il cinema di questo splendido autore e a conoscere e amare il cinema panafricano.

Info
Il trailer di Iene.
  • iene-1992-djibril-diop-mambety-hyenes-recensione-04.jpg
  • iene-1992-djibril-diop-mambety-hyenes-recensione-03.jpg
  • iene-1992-djibril-diop-mambety-hyenes-recensione-02.jpg
  • iene-1992-djibril-diop-mambety-hyenes-recensione-01.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2018

    I diamanti della notte RecensioneI diamanti della notte

    di I diamanti della notte è l’esordio alla regia di Jan Němec, che il cineasta cecoslovacco diresse come saggio di diploma per l’Akademie múzických umění v Praze. Un viaggio allucinatorio nell’Olocausto che è anche viaggio nella notte del cinema, nel sogno di un rinnovamento che si trasforma in incubo della rassegnazione al presente.
  • Cannes 2018

    Bergman - A Year in a Life RecensioneBergman – A Year in a Life

    di La svedese Jane Magnusson dedica un documentario al suo celeberrimo connazionale: Bergman - A Year in a Life, presentato in Cannes Classics. Lo fa però in maniera confusa e poco centrata abbandonando troppo presto la chiave di lettura che si era scelta, vale a dire raccontare il 1957, anno de Il settimo sigillo e di Il posto delle fragole.
  • Cannes 2018

    L'appartamento RecensioneL’appartamento

    di L'appartamento è la culla/prigione di C.C. Baxter, colletto bianco pavido che riscopre se stesso – e quindi l'umanità – attraverso l'amore. Uno dei capolavori immarcescibili di Billy Wilder e dell'intera storia della commedia, racconto anti-capitalista di un amore tra spiriti solinghi scritto in punta di penna dal regista con I.A.L. Diamond.
  • Cannes 2018

    Lo sguardo di Orson Welles (2018) Mark Cousins - Recensione | Quinlan.it RecensioneLo sguardo di Orson Welles

    di L'autore dell'enciclopedico The Story of Film, Mark Cousins, si lancia nell'intemerata impresa di realizzare l'ennesimo documentario dedicato al cineasta americano: superficiale, gonfio di retorica e ampiamente prevedibile. Presentato in Cannes Classics.
  • Cannes 2018

    Enamorada RecensioneEnamorada

    di Enamorada di Emilio Fernández, presentato tra i “classics” al Festival di Cannes, conferma a oltre settant'anni dalla sua realizzazione tutta la potenza di un immaginario, quello del cosiddetto 'Indio' Fernández, in grado di coniugare l'epica hollywoodiana e il rigore.
  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Cannes 2018

    L'ora dei forni RecensioneL’ora dei forni

    di Al Festival di Cannes è stata presentata solo la prima parte de L'ora dei forni ("Neocolonialismo e violenza"), lasciando fuori per evidenti ragioni di spazio "Atto a favore della liberazione" e "Violenza e liberazione". A cinquant'anni dalla sua presentazione a Pesaro, uno dei film militanti più rilevanti di sempre.
  • Cannes 2019

    Atlantique RecensioneAtlantique

    di Mati Diop esordisce al lungometraggio di finzione con Atlantique, e approda direttamente in concorso al Festival di Cannes. Il risultato è senza dubbio interessante, per quanto non manchi una semplificazione radicale del discorso.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento