Libero

Libero

di

Girato in maniera sporca e pauperistica, il documentario Libero di Michel Toesca riesce comunque a raccontare con chiarezza il dramma dei migranti al confine tra la Francia e l’Italia, avendo come protagonista un eroe locale, l’agricoltore Cédric Herrou, che fa di tutto per aiutare gli esiliati, ben sapendo di infrangere la legge. Fuori concorso a Cannes 71.

Gli eroi son tutti giovani e belli

La Roya, valle al sud della Francia, al confine con l’Italia. L’agricoltore Cédric Herrou ha deciso di voler aiutare i migranti che passano ormai sempre più numerosi in quei territori. Li ospita in casa, li aiuta in ogni modo, ma questo significa anche infrangere la legge… [sinossi]

È interessante poter accostare due film che sono stati presentati fuori concorso a Cannes 71, La traversée di Romain Goupil e Libero di Michel Toesca. Entrambi documentari, entrambi francesi. Ed entrambi ragionano sul concetto di accoglienza, sulla Francia (non più) terra d’asilo, su una Francia disumana che respinge con ogni mezzo i migranti che cercano di entrare nel suo paese passando per il confine con l’Italia. Ma se La traversée, che pure non è totalmente centrato sul tema dell’immigrazione, adotta un punto di vista levigato e pulito, senza sporcarsi le mani nel racconto di questa realtà, e anzi passandoci sopra un po’ a volo d’angelo e poi arrivando a discuterne persino con il presidente Macron, al contrario Libero riesce a immergerci in questo drammatico contesto, usando come tramite un agricoltore-eroe, Cédric Herrou, che ha scelto coraggiosamente di farsi carico di ospitare e aiutare questi esiliati, spinti all’enorme sacrificio di lasciare i loro paesi a causa della fame e della guerra.

Come La traversée è tanto curato dal punto di vista visivo da risultare asettico, così Libero è girato male, con mezzi di fortuna, con videocamere di battaglia, con l’immagine sporca e pixelata. Eppure non serve. Non serve la bellezza dell’immagine, la giustezza del quadro. Serve la giustezza del racconto, il coraggio di mettersi a riprendere in faccia alla polizia anche se questa fa di tutto per impedirtelo, lo spirito di sacrificio di dormire per strada insieme ai migranti e a Cédric Herrou quando questi improvvisano delle proteste davanti alle autorità. Solo in questo modo si può raccontare una storia del genere, e Toesca è stato anche avvantaggiato dal fatto di vivere da tempo in quella zona del paese a un passo da Ventimiglia e di essere da anni amico di Herrou. Ci mostra perciò qualcosa che conosce benissimo e, quando è il caso, interviene anche lui – da dietro la camera – per parlare con le ottuse autorità statali.

Libero dunque si regge su questa sua urgenza testimoniale e, entro questi margini che si è scelto, risulta efficacissimo nella sua asciuttezza e nella sua mancanza di orpelli. Così possiamo assistere alle ridicole contraddizioni legislative messe in piedi dalle istituzioni francesi, secondo cui si può richiedere asilo, ma solo arrivando a Nizza, e l’obiettivo della polizia è quello di fermarti prima che tu ci possa arrivare. Herrou combatte, non cede mai il punto e a volte finisce anche in galera, perché l’assurdo – come sappiamo anche in Italia – è che chi aiuta i migranti a passare la frontiera diventa punibile per legge. Ma la dedizione di Herrou – combinata a quella di Toesca che ha lavorato per più di un anno alle riprese – è tale che in diversi casi ha la meglio sulle regole kafkiane imposte per rifiutare l’Altro. E quelle volte in cui perde, è subito pronto a rimettersi in piedi e a continuare a resistere a questa disumanità.
Purtroppo, però, il suo lavoro è una goccia nel mare, e non può essere altrimenti di fronte a una tragedia di tali proporzioni. E la dimostrazione l’abbiamo nel momento in cui persino uno dei ragazzi che arrivano dall’Africa sostiene la scelta della Francia di difendere le sue frontiere. Persino lui, che è la prima vittima di questo meccanismo, pensa che sia giusto fare così. E questo significa che, a livello di opinione pubblica mondiale, si è creata una tale propaganda contraria all’accoglienza di qualsiasi genere – combinando l’idea dell’esiliato a quella del terrorista – che non sembra esserci soluzione, e che dunque l’idea del mondo globalizzato era una bella bufala caduta giù insieme alle Torri Gemelle.

Info
La scheda di Libero sul sito del Festival di Cannes.

 

  • Libre-2018-Michel-Toesca-001.jpg
  • Libre-2018-Michel-Toesca-002.jpg
  • Libre-2018-Michel-Toesca-003.jpg
  • Libre-2018-Michel-Toesca-004.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    dove bisogna stare recensioneDove bisogna stare

    di Daniele Gaglianone, che ha lavorato alla scrittura con Stefano Collizzolli filma in Dove bisogna stare un'Italia che resiste, nonostante le avanzate delle destre e la politica penta-leghista sull'immigrazione. Un'Italia che accoglie, per dovere, per umanesimo e soprattutto per giustizia.
  • Cannes 2018

    La traversée RecensioneLa traversée

    di L'ex leader del Maggio transalpino, Daniel Cohn-Bendit, percorre la Francia facendosi riprendere da Romain Goupil e cercando di capire lo stato in cui versa il paese: La traversée - fuori concorso a Cannes - è un film interessante, ma paradossalmente troppo poco politico e anche troppo benevolo nei confronti del potere.
  • Festival

    Cannes 2018 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2018 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2018!
  • Festival

    Cannes 2018Cannes 2018

    Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali (Compétition, Un Certain Regard, Hors Compétition...) e delle sezioni parallele, spesso più fertili e intriganti (Quinzaine, Semaine, ACID). Senza dimenticare le certezze di Cannes Classics e Cinéma de la plage. Tanto, tutto, troppo.
  • Festival

    Festival di Cannes 2018Festival di Cannes 2018 – Presentazione

    Al via Cannes 2018, tra polemiche, strani divieti, lo spauracchio delle molestie, incontri/scontri tra la stampa e Frémaux e fluviali lettere dell'ultimo momento agli accreditati. E i film? Si parte con Todos lo saben di Asghar Farhadi, per poi dividersi nei mille rivoli della sezioni ufficiali...
  • Trieste 2018

    No Place for Tears

    di Preziosa testimonianza della resistenza curda nei confronti dell'Isis, No Place for Tears di Reyan Tuvi mostra la vita quotidiana di un popolo unito nella sofferenza e nel riscatto. Al Trieste Film Festival per il focus Made in Kurdistan.
  • Venezia 2013

    La prima neve RecensioneLa prima neve

    di Con La prima neve, Andrea Segre si conferma autore intimista, capace di dar voce con sincerità e trasporto alle esigenze dell'integrazione sociale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento