Eliana e gli uomini

Eliana e gli uomini

di

Dopo French Cancan, Jean Renoir realizza un’altra “fantasia musicale”: un film leggiadro e ironico, animato da una sensualità e una giocosità al cospetto delle quali è impossibile non capitolare, con protagonista una deliziosa Ingrid Bergman. In programma stasera alle 21 al Palazzo delle Esposizioni di Roma per la rassegna su Renoir, organizzata da Azienda Speciale Palaexpo, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Institut Français e La farfalla sul mirino.

Il peso della leggerezza

Nella Parigi di fine ‘800, Elena Sokorowska (Ingrid Bergman), un’affascinante giovane vedova polacca, convinta di dover far da musa agli uomini con ambizioni importanti, li aiuta nella scalata al successo e si trova al centro di una girandola di equivoci sentimentali. Un generale impegnato in un colpo di stato e un simpatico conte si sfidano per accaparrarsi le sue grazie. [sinossi]

Eliana e gli uomini è una gemma incastonata nell’ultima parte della carriera di Renoir, che va a comporre con La carrozza d’oro (1952) e French Cancan (1954) un’ideale trilogia sull’artificio e le sue infinite possibilità espressive. Il faro rimane l’instancabile ricerca del regista francese sul teatro e le sue molteplici applicazioni, ma è innegabile che il film sia costruito anche e soprattutto in funzione di uno sfavillante utilizzo del Technicolor e di un tono burlesco e scacciapensieri, brioso ma mai bidimensionale. «E se Eliana e gli uomini è il film francese per eccellenza, è perché è il film più intelligente del mondo. L’arte e al tempo stesso la teoria dell’arte. La bellezza e al tempo stesso il segreto della bellezza. Il cinema e la spiegazione del cinema», dirà in proposito Jean-Luc Godard.

Le parole del più radicale e oltranzista dei maestri del cinema transalpino tradiscono un’entusiasmo e un’adesione priva di chiaroscuri che dice molto della maniera di Eliana e gli uomini di toccare corde archetipiche della seduzione attraverso le facezie sentimentali tra la vedova in esilio di un principe polacco, che vive a Parigi nel 1880 e usa come talismano una margherita, e un pugno di uomini che le ronzano attorno: il generale François Rollan, il visconte di Chevincourt, anch’egli innamorato di lei, e l’industriale Martin-Michaud, che irrompe nella sua vita per chiederla in moglie. Un gruppo di persone che si ritroverà riunito nel castello di Bourbon-Salins, nel corso di una festa che proseguirà nella residenza Rosa la Rose. Nomen omen, visto che Eliana e gli uomini è baciato da una grazia di stampo evidentemente floreale e dispensa, sotto l’apparente piglio arguto e scacciapensieri, spunti di riflessione non banali su un’umanità che è in grado di pensarsi, e va da sé di riprodursi e rappresentarsi, esclusivamente attraverso il filtro della messa in scena e dei suoi strascichi.

Una doppiezza meta-cinematografica e meta-testuale che Renoir maneggia per indagare il mistero insondabile dell’armonia tra le parti, con un piglio illustrativo che non rinuncia a fare del bello, a livello non solo amoroso ma anche figurativo, la sola possibile chiave di volta per sfiorare le connotazioni più profonde e recondite dei suoi personaggi. Senza svelarle, ma caricandole di un mistero buffo che è interamente e amabilmente estetizzante, riposto con perizia sartoriale nelle pieghe di un abito di splendida foggia, abilmente vestito a festa. Il film non sviscera mai le proprie peculiarità né quelle dei suoi attori in campo ma si limita ad accarezzarle, in maniera bonaria e disimpegnata. Tanto che, di primo acchito, risulta difficile inserire quest’opera nel pantheon del miglior Renoir, salvo poi, da una prospettiva meno immediata e istintiva, accorgersi di quanto la vena ludica del cineasta de La regola del gioco continui a farsi sguardo sul mondo e specchio riflettente, in questo caso, di una gioia del vivere rispetto alla quale è impossibile rimanere immuni e non lasciarsi travolgere, anche grazie alle musiche di Joseph Kosma e alle canzoni cantate da Léo Mariane e Juliette Gréco.

Il merito è soprattutto dei cromatismi rutilanti ma mai esasperati, con una sovrabbondanza di décor ma anche di personaggi che si accontentano di gravitare intorno alla protagonista rimanendo dietro le quinte. Senza mai apparentemente chiedere, né al regista né allo spettatore, le luci della ribalta del proscenio o una qualche forma di beatificazione e legittimazione drammaturgica. Anche la storia, e la Storia con la s maiuscola, rimangono analogamente in secondo piano, con i festeggiamenti per la presa della Bastiglia del 14 luglio 1789, avvenuta un secolo prima del tempo in cui Eliana e gli uomini è ambientato, che sembrano una voce lontana eppure presente: un monito al collettivismo che però si stempera amabilmente in un corredo infinito di abiti e presenze più o meno rivelanti. Il loro ammassarsi riempie deliziosamente il film del peso di una leggerezza che sa di gomma piuma, ma che al suo interno cela un preciso sentimento del mondo, una presa di coscienza della caducità che non intende soccombere al pessimismo ma rimpiazzarlo con un’evasione coloratissima e, a dispetto delle sembianze con cui si offre, estremamente carica di senso.

In virtù di queste premesse tutti gli elementi formali di Eliana e gli uomini, ispirato liberamente al fallito colpo di stato del generale Boulanger, danno l’idea di concorrere allo stesso obiettivo: i dialoghi come gli arredi, le suppellettili alla stregua degli arazzi e dei soffitti. Si potrebbe avere la sensazione di trovarsi al cospetto di un film barocco, ma a conti fatti questo film di Renoir, che usa il Technicolor come una tavolozza inneggiante alle infinità possibilità del cinema a colori (come già Il fiume, parentesi indiana del regista), al bombardamento sensoriale sembra prediligere lo svelamento del trucco, con fare placido e amabile. Un’affezione per il gioco di prestigio non esente da improvvisi schiocchi d’ironia e dalla propria consueta ottica pesantemente sbilanciata verso la modernità, nella quale la molteplicità non è, banalmente, ricomposta o assorbita a forza, ma evidenziata sempre e comunque nella sua irriducibile frammentarietà, tanto sfuggente quanto struggente.

Eliana e gli uomini altro non è che una piacevole, continua rincorsa senza meta, nella quale sia le schermaglie sociali che gli inseguimenti amorosi non hanno alcuna gravità. Una corsa a cuor leggero che si offre al nostro sguardo, ancora oggi, in tutta la sua ingenua nudità, senza infingimenti e senza ripensanti, lasciando scolorire anche l’erotismo nell’occhiolino e il conflitto nella semplice baruffa. Senza per questo svilire gli amori e le pulsioni, ma proiettandoli su un piano in cui ogni cosa è illuminata da un favolismo quasi chapliniano («Con Elena il cinema ritorna alle origini e Renoir alla sua giovinezza», disse Truffaut sul film citando proprio Charlot).

E a svettare, al netto di tutto, è una protagonista femminile svampita ed eccentrica che ha il potere, liberatorio e insieme rigenerativo, di assoggettare e richiamare intorno alla propria figura la bussola e le coordinate di un universo maschile di ufficiali e gentiluomini, di ansie dittatoriali e volontà di sopraffazione e di potenza. A ben vedere, Eliana e gli uomini non è solo una summa dell’iconografia francese, portata avanti con solare disincanto, ma anche il film di Renoir che più di ogni altro, spalanca gli occhi sulla “belle époque” e si lascia permeare dal suo spirito.

Info
La scheda di Eliana e gli uomini sul sito del Palazzo delle Esposizioni.
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-001.jpg
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-002.jpg
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-003.jpg
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-004.jpg
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-005.jpg
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-006.jpg
  • Eliana-e-gli-uomini-1956-Jean-Renoir-007.jpg

Articoli correlati

  • Renoir

    La cagna RecensioneLa cagna

    di Vita come teatro, ingranaggio prevedibile e schiacciante. L'illusione non ha alcuna dolcezza, ma è solo un tetro e patetico tentativo di fuga votato allo scacco. La cagna di Jean Renoir muove dal film "nero" verso una riflessione universalizzante intorno alla vita come ineluttabile meccanismo predeterminato.
  • Renoir

    Il delitto del signor Lange RecensioneIl delitto del signor Lange

    di Girato nel 1935, Il delitto del signor Lange è uno dei film più libertari e 'collettivisti' di Jean Renoir, dove il concetto di performance attoriale e registica assume il senso di vera e propria gioia della rappresentazione.
  • Renoir

    Picnic alla francese RecensionePicnic alla francese

    di Trentacinquesimo film di Jean Renoir, Picnic alla francese è un'opera che vede i prodromi dei grandi dilemmi etici dell'uomo contemporaneo, anticipando, nel 1959, quei temi bioetici, come la fecondazione artificiale, oggi molto dibattuti.
  • Renoir

    Toni RecensioneToni

    di Quindicesimo film di Jean Renoir, Toni eredita l'ambientazione provinciale dal suo produttore, il regista Marcel Pagnol, in un'opera di realismo sociale che racconta la vita degli immigrati italiani, spagnoli nel Sud della Francia. Toni per molti versi anticipa il Neorealismo italiano.
  • Renoir

    Alba tragica RecensioneAlba tragica

    di Vetta indiscussa del cinema transalpino degli anni ’30, Alba tragica, capolavoro assoluto di Marcel Carné, è un’opera dalla malinconia leggendaria, tra gli apici più struggenti e disperati della settima arte.
  • Renoir

    La Marsigliese RecensioneLa Marsigliese

    di Uscito solo otto mesi dopo La grande illusione, La Marsigliese è il ventunesimo film di Jean Renoir, un altro grande film sulla guerra del cineasta francese, sempre imperniato del suo afflato umanista e pacifista, nel momento in cui rievocava la Rivoluzione come supporto al Fronte Popolare.
  • Renoir

    Il fiume RecensioneIl fiume

    di Il primo film a colori di Jean Renoir, Il fiume, è una calda immersione nei luoghi e nelle atmosfere indiane, magicamente sospesa tra incanto naturalistico e adesione alla purezza dell’infanzia.
  • Renoir

    La grande illusione RecensioneLa grande illusione

    di Immortale film pacifista, La grande illusione di Jean Renoir è uno di quei pochi titoli che hanno fatto e che 'rifanno' continuamente la storia del cinema, che sussumono in sé il senso stesso di questa arte troppo giovane e già troppo vecchia. Imitato e mai eguagliato, umanista e libertario, contro ogni forma di frontiera.
  • Renoir

    l'angelo del male recensioneL’angelo del male

    di L'angelo del male, che Jean Renoir traduce in immagini partendo da La bête humaine di Émile Zola, è ancora oggi un film morboso e inquietante, in grado di perturbare a dispetto dei suoi 81 anni di età. Con un immenso Jean Gabin.
  • Renoir

    French Cancan RecensioneFrench Cancan

    di Opera del ritorno in Francia per Jean Renoir, French Cancan si delinea come una riflessione filosofico-esistenziale intorno al piacere dello spettacolo popolare. Opera totale, omaggio alla fondazione del Moulin Rouge, alla Francia di fine Ottocento e all'universale necessità d'illusione. Con Jean Gabin.
  • Renoir

    la regola del gioco recensioneLa regola del gioco

    di Tocca a La regola del gioco, tra i massimi capolavori della storia del cinema, inaugurare la retrospettiva dedicata a Jean Renoir che La farfalla sul mirino, insieme ad Azienda Speciale Palaexpo, Cineteca Nazionale, e Institut Français Italia organizza al Palazzo delle Esposizioni di Roma.
  • Rassegne

    Jean Renoir rassegnaJean Renoir e i maestri del realismo poetico

    Con La regola del gioco si apre sabato 9 febbraio al Palazzo delle Esposizioni di Roma la rassegna Jean Renoir e i maestri del realismo poetico, che rende omaggio al grande regista francese nel quarantennale della scomparsa.
  • DVD

    La carrozza d’oro

    di La carrozza d'oro di Jean Renoir conferma la straordinaria intelligenza di messinscena e lo sguardo in profondità su arte e vita del Maestro francese.
  • Pordenone 2016

    Nana

    di Ritratto femminile di inaudita complessità, tra il marionettistico e il bambinesco, tra la volgarità e la fragilità assolute, Nana del 1926 era appena il secondo film in solitaria di Jean Renoir, capace di lasciare ancora oggi senza fiato. Nella sezione Il canone rivisitato alle Giornate del Cinema Muto.
  • Renoir

    la notte dell'incrocio recensioneLa notte dell’incrocio

    di Il commissario Maigret esordisce sulla scena cinematografica ne La notte dell'incrocio, diretto con sguardo misterico e atmosferico da Jean Renoir. Un'opera che preconizza buona parte dello sviluppo del noir ed è già in grado di dissezionarlo e analizzarlo.
  • Renoir

    Il diario di una cameriera RecensioneIl diario di una cameriera

    di Nonostante risenta, in parte, dei compromessi fatti dal regista in terra hollywoodiana, Il diario di una cameriera esemplifica l’approccio di Renoir alla materia del realistico e dell’onirico, mettendo in scena un cinico ed esemplare affresco dell’aristocrazia francese di inizio ‘900.
  • Renoir

    L'uomo del Sud RecensioneL’uomo del Sud

    di Alla quarta esperienza del suo esilio hollywoodiano, Jean Renoir con L'uomo del Sud si dedica con sguardo profondamente umanistico a un racconto classico americano, sospeso tra naturalismo e leggenda, afflato romanzesco e potenza biblica.
  • Renoir

    boudu salvato dalle acque recensioneBoudu salvato dalle acque

    di Boudu salvato dalle acque è l'elogio del vagabondaggio, la distruzione sistematica del separè tra le classi sociali, l'inno anarcoide più belluino, sguaiato e divertente della carriera di Jean Renoir. Con un Michel Simon diventato leggenda.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento