Artificial Paradise

Artificial Paradise

di

Presentato al Bergamo Film Meeting nell’ambito della personale sull’autore sloveno Karpo Godina, nome cardine della Black Wave jugoslava, Artificial Paradise racconta dell’incontro delle parabole di vita di due grandi cineasti e diventa una summa della trilogia del regista sulle arti, con la settima arte che comprende tutte le altre.

Hocus pocus

Los Angeles, 1935. Fritz Lang riceve nella sua camera d’albergo Willy, un giovane cinefilo che desidera intervistarlo. Così, il regista rievoca un episodio avvenuto vent’anni prima: l’incontro con l’avvocato Karol Gatnik, cineasta amatoriale, durante un periodo di vacanza in Slovenia. Lang, all’epoca ufficiale di artiglieria, instaura con l’uomo e con la sua famiglia una profonda e sincera amicizia. L’interesse di Gatnik per il cinema e le esperienze maturate con la propria cinepresa diventano occasione di scoperta e sperimentazione anche per Lang. [sinossi]

Karpo Godina è stato uno dei protagonisti della Black Wave jugoslava, anche nel suo sodalizio artistico con Želimir Žilnik, con cui lavorò, nei panni tanto di montatore quanto di direttore della fotografia, al suo capolavoro Early Works. Artificial Paradise (titolo originale: Umetni raj), riproposto dal Bergamo Film Meeting 2019 per un omaggio al regista, rappresenta il compimento di una trilogia di lungometraggi che Godina realizzò agli inizi degli anni Ottanta, dopo un periodo quasi decennale di interdizione imposto dal governo. Ognuno di questi film tratta di una forma d’arte e del rapporto tra arte e società. Se The Raft of Medusa è incentrato sulle avanguardie artistiche degli anni Venti, Red Boogie sulla musica, jazz, boogie, blues e del folklore, Artificial Paradise è incentrato sul cinema. Godina racconta romanzando un episodio davvero avvenuto nel 1915: l’incontro tra un giovane Fritz Lang, all’epoca militare nella Prima guerra mondiale, e Karol Grossmann (che nel film si chiama Karol Gatnik), il pioniere del cinema nell’Impero austro-ungarico, autore di filmati amatoriali nei primi del Novecento, nella città slovena di Ljutomer.

Attraverso la figura di Fritz Lang, interpretato da un attore dalla straordinaria somiglianza, Jürgen Morche, Karpo Godina rievoca un cinema maestoso, come quello del periodo tedesco del regista, che si situava all’incrocio di tante espressioni artistiche, l’architettura, la pittura l’espressionismo. E rievoca il passaggio di testimone con un cinema delle attrazioni, quello di Grossmann che era anche teatrante e prestigiatore (come Méliès), così come una successiva staffetta, quella della Hollywood di metà anni Trenta, dove il cinema veniva innovato dai registi della diaspora tedesca. Nel film si evoca anche Capriccio spagnolo, programmato in una grande sala art decò di Los Angeles, di Josef von Sternberg con Marlene Dietrich.

Coerentemente con l’impianto metacinematografico di Artificial Paradise, il flashback di Fritz Lang parte come se lui stesso lo dirigesse, ordinando lo spegnimento delle luci. E tutto il film, summa di una trilogia su arte e cinema, concorre a identificare la settima arte come quella che contempla tutte le altre. C’è la pittura, nei grandi dipinti sullo sfondo, così come i trompe-l’œil, che fungono spesso da scenografie, affreschi e pale d’altare, c’è il teatro che usa normalmente scenografie e costumi, e gli interni riccamente decorati, dall’accurata composizione dell’immagine, come delle nature morte con i cesti di frutta su ogni tavolo, c’è la scultura: tutto in un’estetica Art Nouveau. Scene che spesso si intersecano con frammenti di Metropolis, film architettonico per eccellenza, e con altre opere del Maestro. E il cinema agisce come collante anche in quella scena che funziona su una scomposizione primaria, Fritz Lang che sfoglia velocemente, in un’immagine in movimento, un libretto illustrato che raffigura Sigfrido, anticipando i suoi Nibelunghi. C’è anche il cinema all’aria aperta, nelle scalate in montagna di Gatnik con la moglie che anticipano il filone del cinema di montagna dell’UFA. E Karpo Godina riesce a catturare l’essenza del cinema finanche nella sua illusione di tridimensionalità, con le sagome di Marlene Dietrich esposte nella hall del grande cinema di Los Angeles. E nella Los Angeles illuminata al neon degli anni Trenta, nella storia compaiono figure femminili come di dark lady: l’atmosfera è quella del noir di quel tempo, cui Lang avrebbe pure regalato altri capolavori.

Già nel suo cortometraggio About the Art of Love or a Film with 14441 Frames, del 1972, Karpo Godina usava il cinema come metafora. Si trattava di un film commissionato dall’esercito per riprendere le truppe, che il regista ribelle trasformò in una schermaglia di sessi di massa, alternando i soldati con immagini di gruppi di donne di villaggio. Alcuni momenti vedevano militari che raccordavano successive scene femminili con dei ciak, come a indicare la componente maschile della società al servizio di quella femminile, il regista a servizio del film, il cinema dello spettatore. In Artificial Paradise, come si è detto, si fa riferimento anche alla componente di illusionismo propria degli albori della settima arte. E quando Karol Gatnik compare magicamente, dopo la sua morte, sul suolo lunare del set di un altro film visionario di Lang, Una donna nella luna, la prima cosa che pronuncia è proprio ‘hocus pocus’, come abracadabra. La magia del cinema continua.

Info
La scheda di Artificial Paradise sul sito del Bergamo Film Meeting.

Articoli correlati

  • Festival

    Bergamo Film Meeting - PresentazioneBergamo Film Meeting 2019 – Presentazione

    Parte il Bergamo Film Meeting, alla sua 37esima edizione, dal 9 al 17 marzo, con la preapertura, l'8 con la proiezione di Metropolis musicata da Jeff Mills. E quest'anno la manifestazione sarà all'insegna di Jean-Pierre Léaud, grande ospite per tutta la durata del festival, in un'ampia retrospettiva a lui dedicata.
  • Trieste 2019

    Intervista a Sergei LoznitsaIntervista a Sergei Loznitsa

    Nato nella Bielorussa sovietica ma vissuto a Kiev, Sergei Loznitsa è un filmmaker con un passato di matematico. Dal 1996 ha diretto 19 documentari, tra cui Maidan e Austerlitz, e diversi film di finzione, tra cui A Gentle Creature. Abbiamo incontrato Sergei Loznitsa durante il Trieste Film Festival 2019.
  • Buone feste!

    rancho notorious recensioneRancho Notorious

    di Rancho Notorious è il terzo e ultimo western della carriera di Fritz Lang dopo Il vendicatore di Jess il bandito e Fred il ribelle. Un'opera astratta, quasi completamente girata in interni e dominata dai temi cari al regista tedesco.
  • Festival

    Bergamo Film Meeting 2018Bergamo Film Meeting 2018

    Dal 10 al 18 marzo, il Bergamo Film Meeting 2018, il più importante e storico festival cinematografico della Lombardia. I grandi nomi omaggiati in questa trentaseiesima edizione sono quelli di Liv Ullmann e Jonas Mekas. E poi sette film in concorso, la rassegna di documentari, il focus su tre registi emergenti...
  • Trieste 2018

    The Family

    di Dopo l'esordio con Class Enemy, Rok Biček si confronta con il cinema del reale, portando a termine un progetto filmato per dieci anni senza sceneggiatura. Già presentato a Locarno, The Family giunge con tutta la sua sconfinata sincerità nel concorso documentari del 29esimo Trieste Film Festival.
  • Mille Occhi 2017

    La strada lunga un anno

    di Girato nel '58 con soldi jugoslavi perché in Italia nessuno lo voleva produrre, La strada lunga un anno di Giuseppe De Santis è il film corale per eccellenza, insieme melodramma, western e racconto civile. A I Mille Occhi 2017.
  • In sala

    Il disprezzo

    di Il disprezzo di Jean-Luc Godard torna in sala in versione integrale e restaurata, permettendo così finalmente agli spettatori italiani di incontrare sul grande schermo un capolavoro che all'epoca venne martoriato dalla produzione di Carlo Ponti.
  • Roma 2016

    Fritz Lang

    di Irascibile, cocainomane e violento: è questo il Fritz Lang descritto nel biopic omonimo diretto in maniera grossolana da Gordian Maugg, un film che vorrebbe descrivere il lato oscuro del genio, mentre invece non fa altro che ridicolizzarlo. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • I Mille Occhi 2016

    Mother

    di Presentato a I mille occhi, nell’ambito dell’omaggio che il festival triestino ha tributato a Vlado Škafar, Mother rappresenta l’apice del cinema lirico del regista sloveno, della sua poetica della vita che si risveglia insieme alla natura.
  • I Mille Occhi 2016

    Dad

    di Tenero, potente e poetico, Dad di Vlado Škafar è l'incontro tardivo e bucolico fra un padre divorziato e un figlio, pronti a rompere progressivamente le distanze e scoprirsi forse per la prima volta.
  • Locarno 2016

    Il sepolcro indiano

    di Con Il sepolcro indiano si conclude il dittico avventuroso iniziato da Fritz Lang con La tigre di Eschnapur. Un viaggio ipnotico nel meraviglioso, senza alcun timore. Nella retrospettiva dedicata da Locarno 2016 al cinema tedesco.
  • Locarno 2016

    La tigre di Eschnapur

    di Il primo capitolo del dittico tratto da un romanzo di Thea von Harbou, che si concluderà con "Il sepolcro indiano". Fritz Lang torna a lavorare in Germania appropriandosi del "popolare" ed esaltandone il senso, e la teoria. A Locarno 2016.
  • Pordenone 2014

    I Nibelunghi

    di Quando ha davvero senso parlare di un “classico senza tempo”: il sincretismo lungimirante de I Nibelunghi di Fritz Lang, riproposti sul grande schermo, in 35mm, alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone.
  • Festival

    Bergamo Film Meeting 2019Bergamo Film Meeting 2019

    Traguardo della 37a edizione per il Bergamo Film Meeting 2019, in programma dal 9 al 17 marzo. Preapertura l'8 con la proiezione di Metropolis musicata da Jeff Mills. Quest'anno la manifestazione sarà all'insegna di Jean-Pierre Léaud.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento