The Wild Goose Lake

The Wild Goose Lake

di

A cinque anni da Fuochi d’artificio in pieno giorno, che vinse l’Orso d’Oro a Berlino nel 2014, torna il cineasta cinese Diao Yinan che porta, stavolta in concorso a Cannes, il suo nuovo film: The Wild Goose Lake è un violento e feroce noir, come il precedente, privo però della stessa carica politica.

Old Mother Goose

Il leader in fuga di una gang è in cerca di redenzione. Una ragazza in difficoltà rischia il tutto per tutto per guadagnarsi la libertà. Entrambi sono sotto assedio nelle nascoste rive del Wild Goose Lake. [sinossi]

Inutile girarci intorno. Di fronte a un film come Fuochi d’artificio in pieno giorno, che vinse l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014, ci aspettavamo decisamente di più dal nuovo film di Diao Yinan, The Wild Goose Lake, presentato in concorso a Cannes 2019. Quel che gli manca, rispetto al precedente, è la chiarezza del discorso, è la lucidità cinica e disperata del ragionamento sulla Cina contemporanea. Se quello, infatti, lo si poteva definire, volendo anche con qualche forzatura, un noir post-antonioniano – perché faceva del genere uno strumento per parlare d’altro – questo invece è in modo più evidente un film tipicamente di genere, dove solo in certe linee sovrastrutturali si può decifrare una riflessione sul proprio paese. Siamo, insomma, per The Wild Goose Lake già nel campo dell’auto-compiacimento, del manierismo, del quasi-divertissement, dove la violenza esplode perché chiamata e prevedibilmente preparata e non in maniera inattesa e sconvolgente, come invece accadeva in Fuochi d’artificio in pieno giorno, dove si vestiva da amara constatazione dei rapporti ferini che governano la realtà cinese contemporanea.

Il protagonista di The Wild Goose Lake è una sorta di bogartiano anti-eroe, braccato dalla polizia e da suoi amici-nemici criminali, pronto a tutto pur di sopravvivere ma dotato anche di una sentimentale predisposizione verso il gentil sesso, che lo accompagna sia nella figura della moglie – da lui lontana, e in qualche modo sognata e richiesta – sia in quello della donna che si sostituisce alla consorte.
Abbastanza cervellotico nella costruzione narrativa, con qualche lungo flashback iniziale che smorza l’incipit strabiliante sotto la pioggia, colorato di risonanze (anche luministiche) alla Wong Kar-wai, The Wild Goose Lake è dunque un noir che sembra rifarsi da un lato alla tradizione americana degli anni Quaranta, dall’altro a quella hongkonghese degli anni Ottanta e Novanta, in particolare per quel “tutti contro tutti” che mette classicamente in conflitto poliziotti e criminali. Ma – ed è questo uno dei suoi limiti – perde un po’ della personalità che aveva Fuochi d’artificio in pieno giorno, perché si sovraccarica – più che di intuizioni simboliche – di trovate strabilianti, atte a far sbrilluccicare gli occhi: si veda la scena della danza all’aperto che si trasforma in sparatoria dove a servire da elemento scenico fondamentale sono le scarpe fosforescenti di alcuni poliziotti, la cui presenza scenografica è però tanto evidente da farci intuire da subito che avrà un ruolo, non metaforico, quanto banalmente spettacolare.

Sotto certi aspetti, The Wild Goose Lake è un film sul caos, in cui – sfruttando la tematica classica del criminale braccato dalla legge – i personaggi muoiono senza nemmeno rendersene conto, i discorsi criminali vengono continuamente interrotti da passanti ignari, tutti tradiscono (quasi) tutti e i criminali stessi non riescono – e non possono – mettersi d’accordo tra di loro. Vi è dunque un senso di impotenza e di ineluttabilità della morte in The Wild Goose Lake, anche se questa non la percepiamo come uno squarcio emotivo quanto come una rodata quotidianità, ormai tanto consueta da farsi quasi danza contemporanea di morte. E in questa danza nel mezzo del caos ha un suo ruolo la geografia: non è, infatti, un caso che il film cominci con due parallele riunioni, quella dei criminali e quella della polizia, in cui a ciascuno dei membri delle rispettive organizzazioni viene affidata una zona della città; una spartizione apparentemente logica e razionale del territorio che viene però presto ribaltata da richieste e rivendicazioni di vario genere che poi sfociano inevitabilmente in rissa sanguinosa e che in seguito condurranno a una esplosione dello spazio, totalmente fuori controllo, intorno al lago del titolo.

Quel che davvero appare di prima mano – e lo appare potentemente – sono le location scelte da Diao Yinan, location che rimandano a una Cina dello squallore esistenziale molto vicino a quanto ci fa vedere nel suo cinema Jia Zhangke: il cortile malfamato e col cemento armato sfatto in cui lavora come restauratrice la moglie del protagonista, i chioschi del cibo melodrammaticamente eccessivi e kitsch nei loro colori primari, gli slarghi pieni di motorini parcheggiati in cui qualche poveraccio si mette a ballare con la musica a tutto volume. Qui vediamo una verità dello sguardo che altrove, in quelle pirotecniche e coreografiche danze di morte, in The Wild Goose Lake finiscono per mancare. Qui vediamo un occhio impietoso ma accorato del regista nei confronti della contemporaneità del suo paese. Ma, stavolta, è un po’ troppo poco perché la scenografia non può sostituirsi al film, ma deve anzi essere sempre funzionale a un discorso, altrimenti ci si auto-condanna all’estetizzazione.

Info
La scheda di The Wild Goose Lake sul sito del Festival di Cannes 2019.
  • The-Wild-Goose-Lake-2019-Diao-Yinan-01.jpg
  • The-Wild-Goose-Lake-2019-Diao-Yinan-02.jpg
  • The-Wild-Goose-Lake-2019-Diao-Yinan-03.jpg
  • The-Wild-Goose-Lake-2019-Diao-Yinan-04.jpg
  • The-Wild-Goose-Lake-2019-Diao-Yinan-05.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2019Cannes 2019

    Apre bene il Festival di Cannes 2019, con un titolo a suo modo perfettamente trasversale: autorialità, genere, grandi star. The Dead Don't Die, aka I morti non muoiono, è una coperta decisamente lunga, lancia il festival, dovrebbe accontentare tutti...
  • Venezia 2015

    liu-shumin-intervistaIntervista a Liu Shumin

    Abbiamo incontrato al Lido l'esordiente regista di The Family, film che ha aperto fuori concorso la trentesima edizione della Settimana Internazionale della Critica, per parlare di piano sequenza, 35mm e cinema cinese contemporaneo...
  • Venezia 2015

    the-familyThe Family

    di Il quarantunenne Liu Shumin realizza con The Family una minimalista epopea familiare, feroce e intima. Ottima pre-apertura della 30esima edizione della Settimana Internazionale della Critica.
  • Interviste

    Intervista a Diao Yinan

    Dopo l’Orso d’Oro alla Berlinale 2014, Fuochi d'artificio in pieno giorno di Diao Yinan è stato presentato in anteprima italiana al Far East. Abbiamo intervistato il regista per parlare del suo film ma anche dello stato delle cose nel sistema cinematografico cinese.
  • FEFF 2014

    Einstein and Einstein

    di Forse il capolavoro del Far East 2014: il terzo lungometraggio del regista cinese Cao Baoping racconta il passaggio all’età adulta di una tredicenne attraverso una serie di terribili prove, costruendo il ritratto impietoso della nuova piccola borghesia urbana.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • Torino 2013

    Intervista a Yu Likwai

    Omaggiato da una retrospettiva al TFF, all'interno della sezione Onde, il cineata hongkonghese ci ha raccontato la sua idea di cinema, il rapporto con Jia Zhangke (con cui collabora da direttore della fotografia) e il suo approccio verso il digitale.
  • Archivio

    Il tocco del peccato – A Touch of Sin

    di Il ritorno alla regia di Jia Zhangke, in un grande affresco umano sulla Cina contemporanea, in cui vita e morte si intrecciano in modo inestricabile.
  • Cannes 2019

    The Horse Thief RecensioneThe Horse Thief

    di Restaurato in digitale - un po' pixelato - dal China Film Archive, The Horse Thief di Tian Zhuangzhuang è un classico del cinema cinese autoriale degli anni Ottanta, la storia del membro di una tribù tibetana che viene esiliato per via dei suoi furti, fatti per spirito di sopravvivenza. Nella sezione Cannes Classics a Cannes 2019.
  • Cannes 2019

    Summer of Changsha RecensioneSummer of Changsha

    di Presentato in concorso a Un certain regard al Festival di Cannes, Summer of Changsha del regista cinese Zu Feng è un poliziesco che man mano, quasi dolcemente, digrada verso il melodramma, grazie all'efficacia sia della scrittura che di una galleria di personaggi solitari, rosi dai sensi di colpa.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento