Il Cinema Ritrovato 2019 – Presentazione

Il Cinema Ritrovato 2019 – Presentazione

Ha preso il via a Bologna il Cinema Ritrovato, la storica manifestazione della Cineteca di Bologna che ogni anno raduna i cinefili di tutta Italia, nelle sei sale del festival e nell’arena all’aperto di Piazza Maggiore. Questa edizione, la 33a, si svolge dal 22 al 30 giugno, e si preannuncia come sempre molto ricca, con 500 film in 9 giorni, da mattina a notte fonda. Tra gli ospiti, Francis Ford Coppola.

Si tiene dal 22 al 30 giugno a Bologna la trentatreesima edizione del Cinema Ritrovato, storica manifestazione organizzata dalla Cineteca di Bologna che è un vero paradiso per i cinefili. Vi saranno, come sempre, ospiti di tutto riguardo, a partire da Francis Ford Coppola che presenterà in Piazza Maggiore il final cut, pare definitivo, di Apocalypse Now, a 40 anni dalla sua uscita e incontrerà il pubblico al Teatro Manzoni; Jane Campion chiuderà la manifestazione presentando, sempre in piazza, il restauro di Lezioni di piano e pure incontrerà il pubblico al Teatro Manzoni; Nicolas Winding Refn, dopo le presentazioni del cinema americano degli anni Sessanta, Spring Night, Summer Night, del suo Drive, introdurrà anche la proiezione di El Topo restaurato, in nome del suo legame con Alejandro Jodorowsky.

Il nutrito programma di quest’anno vede tante sezioni, divise in tre gruppi. Per il gruppo La macchina del tempo: 1899: cinema anno quattro, come il cinema ha documentato gli eventi di quell’anno, l’affare Dreyfus, il colonialismo con i suoi misfatti e la Contessa Greffulhe; Cento anni fa: 1919, con la produzione tedesca dell’anno, Back to God’s Country, con l’attrice e sceneggiatrice Nell Shipman, Historien om en gut e poi i maestri Capellani, Dreyer e Stiller; Ridateci Musidora! dedicato a colei che ha incarnato il volto di Irma Vep nei serial di Louis Feuillade, ma che è stata pure regista, autrice, poetessa, teatrante, storica del cinema, con la proiezione di Pour Don Carlos e una mostra; Documenti e documentari, con i ritratti di Henry King, Musidora e Jean Gabin, e omaggi a Gideon Bachmann e a Cecilia Mangini, documentari classici sulla Seconda guerra mondiale, come Crisis e Memphis Belle, e sul cinema ceco e afgano, A Bigger Splash su David Hockney, e Varda par Agnès, presentato alla Berlinale, doveroso omaggio alla grande Agnès che al Ritrovato è stato più volte ospite; il progetto Keaton che prosegue.

Nella macrosezione La macchina dello spazio un omaggio al più grande regista egiziano, Chahine: glamour, musica e rivoluzione. L’ultimo degli ottimisti arabi, con sei tra i suoi primi film; “Siamo gli indigeni della Trizonia”: l’invenzione del cinema della Germania Ovest, 1945-49, sulla produzione cinematografica della parte della Germania che nell’immediato dopoguerra è stata amministrata da americani, britannici e francesi; Cinemalibero. Fespaco 1969-2019, un omaggio al più importante festival africano; Sotto i cieli di Seul: l’epoca d’oro del cinema sudcoreano, con le opere degli anni Sessanta di registi classici come Kim Ki-young e Shin Sang-ok che avrebbe poi subito il sequestro nordcoreano.

Il gruppo Il paradiso dei cinefili (titolo che potrebbe essere esteso a tutta la manifestazione) prevede Ritrovati e restaurati, con il meglio degli ultimi restauri; Jean Gabin, dagli occhi azzurri sul grande divo francese con le opere meno note dei suoi due periodi, prima e dopo la guerra; William Fox presenta: riscoperte dalla Fox Film Corporation – Parte II, con sette nuovi restauri della collezione del MoMA; Anima e mestiere: un ritratto di Henry King, pezzo forte del ritrovato di quest’anno, un omaggio al grande cineasta dello studio system, incentrato prevalentemente sul suo periodo sonoro; Napoletano a Cinecittà, Eduardo De Filippo cineasta, sulla produzione cinematografica e televisiva del grande capocomico; Alla ricerca del colore dei film: Technicolor & Co., con film nell’originale technicolor o in Chronochrome Gaumont, come Becky Sharp; Breve, violento e cattivo: il noir di Felix E. Feist, con i suoi classici The Devil Thumbs a Ride e Braccati dai G-Men; Georges Franju: il documentario oltre il reale, sulla produzione documentaria del regista che prevede anche l’insostenibile Le Sang des bêtes; 16mm – Piccolo grande passo, nuova sezione su quel formato povero diffuso in era pre-digitale, le cui proiezioni sono caratterizzate dal tipico fruscio; 100 di questi Fellini, con i restauri di I clown, alla presenza di Alvaro Vitali, Block-notes di un regista e Roma, un omaggio a Polidor, una conferenza di Vincenzo Mollica, i documentari di Gideon Bachmann sul Maestro.

Il paradiso dei cinefili è in corso a Bologna, nelle sei sale del festival, nelle proiezioni all’aperto in Piazza Maggiore e in quelle con il proiettore d’epoca a carbone in Piazzetta Pasolini, cui vanno aggiunte le serie cinematografiche d’inizio Novecento nel Cantiere del Cinema Modernissimo.

Info
Il sito de Il Cinema Ritrovato 2019.

Articoli correlati

  • Bologna 2019

    Lezioni di piano di Jane Campion RecensioneLezioni di piano

    di Pluripremiato melodramma erotico su sfondo coloniale, Lezioni di piano di Jane Campion, restaurato da TF1 e StudioCanal con la supervisione della regista, ha chiuso Il Cinema Ritrovato 2019 e tornerà in sala distribuito dalla Cineteca di Bologna.
  • Saggi

    Agnès Varda, il cinema senza tetto né leggeAgnès Varda, il cinema senza tetto né legge

    Agnès Varda, scomparsa ieri a novant'anni, è stata una cineasta libera, refrattaria a qualsiasi catalogazione, eternamente curiosa, sempre un passo avanti rispetto al mondo in cui viveva. Un'artista totale, che ha marchiato a fuoco gli ultimi sette decenni del cinema.
  • Berlinale 2019

    Varda par Agnès RecensioneVarda par Agnès

    di Presentato fuori concorso alla Berlinale 2019, Varda par Agnès è un'altra opera autoriflessiva della progenitrice della Nouvelle Vague, che ripercorre ancora la sua luminosa carriera di regista e artista. E ancora una volta non si ferma alla celebrazione o al semplice album di ricordi, confezionando un ulteriore tassello della sua filmografia.
  • Festival

    Il Cinema Ritrovato 2018Il Cinema Ritrovato 2018

    Il Cinema Ritrovato 2018, trentaduesima edizione, rassegna che sempre più si caratterizza come il paradiso dei cinefili. Dal 23 giugno al primo luglio. Tantissimi gli appuntamenti, a partire da Martin Scorsese che presenta Enamorada di Emilio Fernández in Piazza Grande.
  • Festival

    Il cinema ritrovato 2018Il Cinema Ritrovato 2018 – Presentazione

    Comincia oggi, 23 giugno, per proseguire fino al primo luglio, la 32esima edizione del Cinema Ritrovato, rassegna bolognese che sempre più si caratterizza come il paradiso dei cinefili, a partire dalla proiezione in Piazza Maggiore di stasera in cui Martin Scorsese presenta Enamorada di Emilio Fernández.
  • Cannes 2017

    Visages villages RecensioneVisages villages

    di , Agnès Varda continua il suo personale e ogni volta sorprendente e commovente viaggio nella vita/cinema, stavolta in co-regia con l'artista visuale JR: Visages villages, fuori concorso a Cannes 2017.
  • Torino 2015

    Intervista a Nicolas Winding Refn

    Raffinato cinefilo, alacre ricreatore di immaginari, Nicolas Winding Refn è tra i registi contemporanei più influenti e amati. Lo abbiamo intervistato al Torino Film Festival, dove ha presentato la versione restaurata di Terrore nello Spazio di Mario Bava.
  • Interviste

    Intervista Refn/Jodorowsky

    Dell'arte e della divinazione, tra questioni edipiche e passioni cinefile: di questo e di tanto altro hanno parlato Alejandro Jodorowsky e Nicolas Winding Refn, in occasione di un incontro con la stampa, a Roma, per presentare il doppio DVD refniano Drive/Solo Dio perdona.
  • Interviste

    Nicolas Winding Refn intervistaNicolas Winding Refn. Cronaca di un incontro ravennate

    Intervista a Nicolas Winding Refn, realizzata in occasione del Mosaico d'Europa Film Festival di Ravenna.
  • Bologna 2019

    Cloud Paradise RecensioneCloud-Paradise

    di Presentato al Cinema Ritrovato 2019, nell'ambito della sezione Ritrovati e restaurati, Cloud-Paradise di Nikolaj Dostal è un film sovietico del 1990 scomparso nel nulla, e un film costruito su un nulla apparente, tra teatro dell'assurdo e Gogol', sulla vita di un villaggio rurale.
  • Bologna 2019

    Jess il bandito RecensioneJess il bandito

    di Notevolissimo esempio di (anomala) classicità hollywoodiana, Jess il bandito - presentato al Cinema Ritrovato per l'omaggio a Henry King - è un western rooseveltiano asciutto, rigoroso, spettacolare, quasi proletario, mai sentimentale e pressoché privo di commento musicale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento