Promare

La sinergia Nexo/Dynit ci regala lo straripante Promare, primo lungometraggio prodotto dallo Studio Trigger ed ennesima dimostrazione del talento di Hiroyuki Imaishi, animatore, character designer e regista che ama sconquassare linee, colori, schermi e occhi degli spettatori. Animazione ipercinetica, bulimica, discendente diretta delle sperimentazioni e delle follie della Gainax e di Hideaki Anno.

Toppu wo nerae!

Sono trascorsi trent’anni dall’apparizione dei Burnish, una razza di esseri mutanti armati di fiamma, che ha distrutto metà del mondo grazie al fuoco. Quando appare un nuovo gruppo di mutanti che si fanno chiamare Mad Burnish, ha inizio l’epica battaglia tra Galo Thymos, un nuovo membro della squadra di salvataggio anti-Burnish detta Burning Rescue e Lio Fotia, il leader dei Mad Burnish… [sinossi]

C’è di tutto in Promare, fin troppo. Inondati da un flusso spiazzante di linee e colori, tra 2D e 3D, non riusciamo a stargli dietro. Sì, certo, è facile riconoscere lo stile di Hiroyuki Imaishi, la fortunata serie dello Studio Trigger Kill la Kill e soprattutto Sfondamento dei cieli Gurren Lagann dello Studio Gainax. Ma non basta. C’è molto altro. C’è una declinazione degli anime che ha attraversato gli anni Ottanta, Novanta e via discorrendo, arrivando fino a noi – sbarcando persino nelle sale del Bel Paese (ed è questo, al di là dei vari indici di gradimento, il grande successo del progetto Nexo/Dynit).

Tra le pieghe del bombardamento visivo e narrativo di Promare ritroviamo l’arte schizofrenica di Hideaki Anno e dei suoi compagni d’avventura. Rintracciamo quel DNA che ha visto la luce nei primissimi anni Ottanta, ancor prima di Punta al Top! Gunbuster, di Evangelion e tutto quel che segue. Invisibile e inevitabilmente misconosciuto, il cortometraggio Daicon III è la scintilla che ha generato tutto questo, è la fertilissima alternativa allo standard grafico e cromatico dell’industria degli anime. Ma non basta. Il cuore pulsante di Promare riverbera l’inafferrabile creatività di Masaaki Yuasa, si prende quella visibilità internazionale che solo in parte è toccata a Mind Game, Kemonozume, Kaiba e via discorrendo.
Promare è Space Dandy, è The Tatami Galaxy, è il tradimento delle cellule ghibliane di Anno, è la rivincita delle linee sghimbesce sui tondeggianti e impeccabili character design che hanno attraversato Toei Dōga, Nippon Animation, Studio Ghibli, Studio Ponoc e molti altri.

Punto di arrivo e di ripartenza, Promare deflagra sul grande schermo, intreccia basilari ambientazioni 3D con tratti e colori 2D che diventano imprevedibili, inarrestabili, vivissimi. Il film di Hiroyuki Imaishi è un fiume in piena: strabilia, cita, mescola, rielabora, riuscendo a tenere sempre dritto il timone della narrazione. Imaishi non perde i suoi personaggi, non li riduce a burattini di uno spettacolo fantasmagorico: all’interno delle sempiterne dinamiche del genere robotico, Promare riversa urgenze attualissime, guarda al nostro futuro, allo stato di salute della Terra, ai delicati equilibri tra giustizia e ingiustizia, al terrorismo e agli abusi di potere, ai limiti della ricerca scientifica. Un’altra lunga strada, iniziata ancor prima di Gō Nagai.

Volendo fare un parallelo con l’animazione a stelle e strisce, è facile accostare Promare a Spider-Man: Un nuovo universo, altro tonitruante esempio di creatività al potere. Le parentele grafiche e la capacità di declinare senza soluzione di continuità differenti tecniche sono alcuni degli aspetti che legano a doppia mandata le due pellicole. La differenza sostanziale è produttiva, culturale: Promare è il risultato (uno dei risultati…) di un lungo percorso, Spider-Man: Un nuovo universo è la scheggia impazzita, l’eccezione che speriamo possa attecchire a Hollywood e dintorni.
Destinato a un pubblico ben definito, a quella nicchia allargata che segue l’animazione nipponica, il film di Imaishi rischia di risultare indigesto per una platea poco avvezza alle produzioni dello Studio Trigger. Prima di addentrarsi nei meandri di questa pellicola mutaforma, dalla forza immaginifica quasi soverchiante, consigliamo vivamente di spulciare qualche episodio di Kill la Kill. Bastano anche pochi minuti…

Info
La scheda di Promare sul sito della Nexo.
Il trailer italiano di Promare.
Il sito ufficiale di Promare.

  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-01.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-02.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-03.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-04.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-05.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-06.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-07.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-08.jpg
  • Promare-2019-Hiroyuki-Imaishi-09.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    Penguin Highway RecensionePenguin Highway

    di Esce per due giorni nelle sale Penguin Highway, opera prima di Hiroyasu Ishida e gran bel biglietto da visita dello Studio Colorido. Un racconto di formazione sui generis, buffo e commovente, capace di cogliere gli stati d'animo, le indecisioni e i voli pindarici della preadolescenza.
  • Cannes 2018

    Mirai RecensioneMirai

    di Presentato alla Quinzaine, Mirai è una declinazione in piccolo della poetica di Hosoda, ad altezza bimbetto. Come sempre in bilico tra realismo e derive fantasy, Hosoda coglie con puntualità le difficoltà di un bimbo alle prese con l’arrivo di una sorellina...
  • In sala

    Tokyo Ghoul RecensioneTokyo Ghoul – Il film

    di Tokyo Ghoul, che sarà in sala solo il 6 e il 7 marzo, è il lungometraggio live action che Kentarō Hagiwara ha tratto dal celeberrimo manga di Sui Ishida, già trasposto in passato in forma animata. Un fantasy-horror di prammatica, ma che riesce a disquisire sul tema del 'diverso' dimostrando di avere qualche idea.
  • Animazione

    Fate/Stay Night: Heaven's Feel 1. Presage FlowerFate/Stay Night: Heaven’s Feel 1. Presage Flower

    di Primo di una trilogia ispirata alla terza route della visual novel di Kinoko Nasu, Fate/Stay Night: Heaven’s Feel 1. Presage Flower esce nei cinema nostrani con Nexo Digital nella consueta formula dei soli due giorni di distribuzione, il 13 e il 14 febbraio.
  • Animazione

    In questo angolo di mondo

    di Il quinto ciclo Nexo/Anime porta nelle sale In questo angolo di mondo di Sunao Katabuchi, un importante tassello del già poderoso percorso dell'animazione nipponica attraverso la Seconda guerra mondiale e l'olocausto nucleare.
  • Animazione

    La forma della voce

    di Presentato al Future 2017, La forma della voce (A Silent Voice) affronta con piglio shinkaiano una storia di bullismo, solitudine e amicizia. Tratto dal manga di Yoshitoki Ōima e acquistato per l'Italia dalla Dynit, il film della Yamada è un delicato e stratificato romanzo di formazione.
  • Animazione

    Oltre le nuvole, il luogo promessoci

    di Dopo il travolgente Your Name, Nexo Digital e Dynit portano nelle sale l'opera prima di Shinkai, datata 2004. Finalmente. Oltre le nuvole, il luogo promessoci è già una sorprendente prova di maturità.
  • Animazione

    Your Name.

    di Distribuito nelle sale italiane da Nexo Digital e Dynit, dal 23 al 25 gennaio 2017, Your Name è l'ennesima conferma di un percorso narrativo ed estetico che da anni misura le distanze che ci dividono, la consistenza dell'amore...
  • Animazione

    The Boy and the Beast RecensioneThe Boy and the Beast

    di Presentato in anteprima al Future Film Festival 2016, The Boy and the Beast approda nelle sale grazie alla Lucky Red. Mamoru Hosoda si conferma autore dalla rara sensibilità narrativa ed estetica, forse il più vicino all'universo immaginifico miyazakiano.
  • Animazione

    Summer Wars RecensioneSummer Wars

    di Il giovane Kenji accetta con entusiasmo di accompagnare la bella Natsuki, la ragazza dei suoi sogni, a Nagano, nella residenza di famiglia. Ma le cose non andranno come previsto...
  • Animazione

    Hells

    di Il disegno seventies e i lampi visionari tutt'altro che trascurabili fanno di Hells una creatura ibrida, imperfetta ma affascinante.
  • Animazione

    5 cm al secondo recensione5 cm al secondo

    di Evitando le facili scappatoie nella fantascienza, che pure rendevano ammalianti le opere precedenti, Shinkai trova il coraggio per affrontare di petto la sfida più ardua che un film d'animazione può porsi, quella del realismo: la vince a mani basse.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento