Porco Rosso

Porco Rosso

di

Ennesimo gioiello miyazakiano, Porco Rosso è scatenato divertimento e profonda riflessione, è fantasia al galoppo e credibile ricostruzione storica, è azione e romanticismo. E il bellissimo idrovolante Savoia S-21 pilotato da Porco Rosso può diventare spettacolare come la mitica Fiat 500 de Il castello di Cagliostro o commovente come il mehve nella prima sequenza di Nausicaä.

Up In The Sky, It’s A Bird, It’s A Plane, No… It’s a Pig!

Le spericolate e mirabolanti avventure aeree di Porco Rosso, abilissimo aviatore misteriosamente trasformato in maiale: i pirotecnici scontri nei cieli con gli scalcinati pirati della banda Mamma Aiuto, la rivalità con lo sbruffone americano Donald Curtis e l’amore per la bella Gina… [sinossi]

Il Miyazaki Day veneziano ha sicuramente regalato emozioni. Il maestro giapponese ha confermato di essere, anche nella celebrazione, un uomo di grande spessore e, cosa ancor più importante, un folto pubblico ha avuto la possibilità di vedere – rivedere, per i tanti fan presenti – tre splendide pellicole: i due lungometraggi Nausicaä della Valle del Vento e Porco Rosso e il cortometraggio On Your Mark. Dispiace solo per l’assenza di Tonari no Totoro, ma ci si può accontentare…

Kurenai no Buta (1992), alias Porco Rosso, è, tra i lungometraggi di Hayao Miyazaki, uno dei titoli meno conosciuti. Ed è un vero peccato, soprattutto per il pubblico italiano, vista la suggestiva ambientazione adriatica e i riferimenti al Ventennio – la lapidaria frase del protagonista, “Meglio essere un maiale che un fascista”, riassume con forza le posizioni politiche dell’autore nipponico, da sempre schierato a sinistra (da segnalare il convinto applauso del pubblico veneziano…). Giova ricordare la rigorosa formazione culturale del “Dio degli Anime”, laureatosi alla prestigiosa Gakushin University con una tesi sulle teorie dell’industria giapponese e fin da giovane impegnato sul fronte sindacale – e proprio alle riunioni del sindacato nascerà il formidabile sodalizio con Isao Takahata (Una tomba per le lucciole, Anna dai capelli rossi). Al di là delle convincenti annotazioni storiche, Porco Rosso è un’avventura che riesce a fondere slapstick comedy e profonde riflessioni, sequenze mozzafiato e toccante romanticismo. Il protagonista, un aviatore con le fattezze di un maiale, si divide tra pirotecnici scontri aerei con i pirati della banda Mamma Aiuto – divertente citazione dei pirati capitanati dalla nerboruta Dola di Laputa, il castello nel cielo (1986) – e l’amore impossibile per Gina, donna di carattere e dall’incomparabile bellezza. Suo acerrimo rivale, tra i cieli e in amore, è il pilota americano Donald Curtis, sbruffone e apparentemente insopportabile. Oltre al paffuto protagonista, occupano un posto di rilievo le due figure femminili, Gina e Fio. Non è una novità nell’universo narrativo miyazakiano, da sempre popolato da splendide e risolute eroine. È la giovane Fio, ad esempio, a prendere in mano le redini dell’azienda di famiglia, dimostrando le sue capacità in un ambiente riservato solitamente agli uomini. E la bella Gina non ha difficoltà a farsi rispettare da pirati e avventurieri.

Non è difficile scorgere nel burbero Porco Rosso l’alter ego di Miyazaki: proprio il maiale, tra l’altro, è l’animale preferito dall’autore nipponico, utilizzato per divertenti e ironici autoritratti e presente in molti suoi lavori, da Conan, il ragazzo del futuro a La città incantata. Il fondatore, insieme al suddetto Takahata, del glorioso Studio Ghibli non nasconde la propria delusione nei confronti della situazione internazionale (ancora più evidente la sua posizione nelle pagine dello splendido manga Nausicaä della Valle del Vento che avrebbe terminato proprio dopo la lavorazione di Porco Rosso): il suo roseo alter ego rifiuta la propria “umanità” perché nauseato dall’idiozia, dall’inutilità e dalla crudeltà della guerra. Magistrale la sequenza degli aerei abbattuti che salgono come fantasmi verso le nuvole: Miyazaki riesce a mostrare tutta la drammaticità e l’insensatezza della guerra e il disperato senso di impotenza del suo eroe.

Porco Rosso è, inoltre, un omaggio di Miyazaki agli aerei e agli aviatori degli anni Venti – il volo è uno dei temi ricorrenti nel cinema dell’autore giapponese – e regala sequenze memorabili. Tra le tante, indubbiamente, i quindici minuti iniziali: il primo duello aereo tra Porco Rosso e la banda dei pirati è realizzato con la consueta maestria tecnica – oltre alla fluida animazione, è da sottolineare l’ottimo montaggio – ed è reso irresistibilmente comico dalla presenza di uno scatenato gruppetto di bambine! Il regista di Akebono, da sempre affascinato dal cielo, fa cominciare anche questa pellicola “dall’alto”: si pensi, ad esempio, alla sequenza d’apertura di Laputa (lo scontro sul dirigibile e il lento planare di Sheeta) o al volo sull’aliante della protagonista durante i titoli di testa di Nausicaä. Gustosi gli omaggi a Winsor McCay e ai fratelli Fleischer, pionieri del cinema d’animazione, nella sequenza all’interno del cinematografo e all’amico Marco Pagot, animatore italiano, conosciuto ai tempi della serie televisiva Il fiuto di Sherlock Holmes (prodotta, incredibile a dirsi, da Mamma Rai!).

Hayao Miyazaki conferma di essere, oltre ad un regista dalla tecnica raffinata, un autore capace di raccontare storie fruibili a qualsiasi livello: Porco Rosso è scatenato divertimento e profonda riflessione, è fantasia al galoppo e credibile ricostruzione storica, è azione e romanticismo. E il bellissimo idrovolante Savoia S-21 pilotato da Porco Rosso può diventare spettacolare come la mitica Fiat 500 de Il castello di Cagliostro o commovente come il mehve nella prima sequenza di Nausicaä.

Info
Porco Rosso su nausicaa.net.
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-01.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-02.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-03.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-04.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-05.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-07.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-08.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-09.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-10.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-11.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-12.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-13.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-14.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-15.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-16.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-17.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-18.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-19.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-20.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-21.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-22.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-23.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-24.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-25.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-26.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-27.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-28.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-29.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-30.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-31.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-32.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-33.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-34.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-35.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-36.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-37.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-38.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-39.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-40.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-41.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-42.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-43.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-44.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-45.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-46.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-47.jpg
  • porco-rosso-1992-hayao-miyazaki-48.jpg

Articoli correlati

  • Animazione

    La città incantata

    di Torna al cinema una delle opere più celebri di Hayao Miyazaki, già vincitrice dell'Orso d'Oro alla Berlinale e dell'Oscar per il miglior film di animazione.
  • Animazione

    Principessa Mononoke

    di Uno dei massimi capolavori di Hayao Miyazaki raggiunge le sale italiane grazie alla Lucky Red. Un evento imperdibile per tutti gli amanti del "dio degli anime"!
  • Rassegne

    Alla Casa del Cinema rassegna su Hayao MiyazakiAlla Casa del Cinema una rassegna su Hayao Miyazaki

    Sei film per iniziare bene il 2014. Dal primo al 6 gennaio la Casa del Cinema di Roma propone la rassegna pomeridiana "In vacanza con i cartoni di Hayao Miyazaki": Totoro, Ponyo, Laputa...
  • Venezia 2013

    Si alza il vento

    di Giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. Nelle sale per quattro giorni dal 13 settembre.
  • Blu-ray

    Il castello di Cagliostro Blu-rayIl castello di Cagliostro

    di Lupin e il fedele Jigen hanno rintracciato la fonte delle banconote false che stanno mettendo in ginocchio l'economia mondiale: il piccolo paese di Cagliostro, governato dall'omonimo conte...
  • Animazione

    Il castello nel cielo

    di Sheeta, misteriosa ragazzina in possesso di una magica pietra azzurra, è inseguita da una sgangherata banda di pirati dell’aria e da un torvo agente governativo...
  • Animazione

    La collina dei papaveri

    di Durante la disputa per la demolizione o la salvaguardia di una vecchia casa in legno della scuola, il Quartier Latin, scrigno delle memorie di alcune generazioni, Umi e Shun si innamorano...
  • Animazione

    Arrietty RecensioneArrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

    di Una famiglia alta poco più di dieci centimetri vive sotto le assi del pavimento "prendendo in prestito" dalle case oggetti di uso comune...
  • Animazione

    Il mio vicino Totoro RecensioneIl mio vicino Totoro

    di Esempio difficilmente replicabile di "film per tutti", Il mio vicino Totoro conferma l'abilità narrativa di Miyazaki, da sempre attento al contenuto e alla fruibilità delle sue opere, dalle più complesse alle più immediate.
  • Animazione

    Ponyo sulla scogliera RecensionePonyo sulla scogliera

    di Plasmando un intreccio che riecheggia Hans Christian Andersen, Miyazaki sposa il punto di vista dei sui piccoli protagonisti, raccontandoci una storia di poetica, inarrivabile, semplicità.
  • Animazione

    Kiki consegne a domicilio

    di La piccola e graziosa streghetta Kiki, compiuti tredici anni, deve passare un intero anno lontano dalla sua famiglia in una città sconosciuta...
  • Speciali

    Speciale Hayao MiyazakiSpeciale Hayao Miyazaki

    Un lungo speciale dedicato al "Dio degli anime", dai lavori giovanili alla consacrazione dei grandi festival, dal rapporto tra l'uomo e la natura alla passione per gli aerei e il volo: Nausicaä della Valle del vento, Il mio vicino Totoro, Mononoke Hime, Il castello nel cielo, La città incantata, Porco Rosso...
  • Animazione

    I racconti di Terramare

    di Dopo l’improvvisa apparizione nei cieli di Eartsea di alcuni draghi, carestie e pestilenze cominciano ad affliggere gli esseri umani: il mondo sta perdendo il suo equilibrio...
  • Animazione

    Il castello di Cagliostro RecensioneIl castello di Cagliostro

    di Il castello di Cagliostro è un pirotecnico divertissement, un giocattolo spassoso, un meccanismo ludico di certosina precisione.
  • DVD

    La collina dei papaveri

    di Durante la disputa per la demolizione o la salvaguardia del Quartier Latin, sede dei club scolastici, Umi e Shunya si innamorano...
  • Animazione

    Il castello errante di Howl RecensioneIl castello errante di Howl

    di La diciottenne Sophie, dopo un casuale incontro con il bello e temuto mago di Howl, viene trasformata in una rugosa vecchietta dalla Strega delle Lande Desolate...
  • DVD

    Il castello errante di Howl

    di La Lucky Red ha riservato più di un’attenzione all'uscita dell’ultima opera miyazakiana, Il castello errante di Howl. Il risultato, oltre all'edizione a disco singolo, è la Limited Edition...
  • Animazione

    I fratelli Dinamite RecensioneI fratelli Dinamite

    di I fratelli Dinamite, scampati a un naufragio, vengono raccolti da alcuni cacciatori e affidati alla zia Cloe, convinta di poterli reinserire nel mondo civilizzato...
  • Documentario

    Il regno dei sogni e della follia RecensioneIl regno dei sogni e della follia

    di Mami Sunada riesce a muoversi in punta di piedi, a pedinare garbatamente Miyazaki, a fondersi con lo Studio Ghibli. Il regno dei sogni e della follia anticipa la fine e la racconta, e riesce a essere una testimonianza importante per sondare e studiare il microcosmo ghibliano.
  • Animazione

    Nausicaa-della-Valle-del-ventoNausicaä della Valle del vento

    di Arriva finalmente nelle sale il secondo lungometraggio scritto e diretto da Miyazaki, opera seminale dello Studio Ghibli. Archetipo degli eco-faniasy, Nausicaä mantiene intatta la potenza grafica, cromatica e immaginifica. Una pellicola, per caratteristiche tecniche e produttive, probabilmente irripetibile.
  • Animazione

    La-ricompensa-del-gattoLa ricompensa del gatto

    di Arriva nelle sale per due giorni La ricompensa del gatto di Hiroyuki Morita, singolare spin-off de I sospiri del mio cuore ed ennesimo ripescaggio della Lucky Red tra gli inediti dello Studio Ghibli. Un'operina graziosa, spumeggiante, indubbiamente minore.
  • In sala

    La signora dello zoo di Varsavia

    di L'orrore nazista che non si ferma davanti a nulla, nemmeno davanti a degli indifesi animali: La signora dello zoo di Varsavia adotta toni fiabeschi e spesso grossolani, senza però perdere la dignità un po' d'antan del racconto edificante.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento