Vampires

Vampires

di

Il più imprevedibile tra i film presentati in concorso alla ventottesima edizione del Torino Film Festival: Vampires è un horror sui generis che sfrutta le potenzialità (ancora forse non espresse in forma totalmente compiuta) del mockumentary per raccontare la nostra contemporaneità e farsene allegramente beffe.

Routine canina

Le prime due troupe che hanno tentato di fare questo documentario sono scomparse, racconta il regista. Ma la terza ce la fa: entra nella casa dei Saint-Germain, la famiglia belga di vampiri che ha accettato di raccontarsi davanti alle telecamere, intervista i loro amici e i vicini, registra le crisi tra genitori e figli… [sinossi]

La prima volta hanno resistito solo fino all’ingresso in casa dei puzzolenti umani; nella seconda occasione addirittura l’avventura è terminata prima ancora di cominciare, nell’automobile che li stava portando a casa Saint-Germain. Ma finalmente, dopo anni  di attesa (e con la doverosa dedica agli eroici caduti sul campo, compreso “un braccio di Jacques”, la troupe capitanata da Vincent Lannoo riesce a entrare nella magione di una delle più importanti famiglie belghe di vampiri per tentare un’impresa mai affrontata in precedenza: raccontare la routine quotidiana dei succhiasangue guardandola dal loro punto di vista. È da questa idea semplice e geniale allo stesso tempo che prende corpo Vampires, il più imprevedibile tra i film presentati in concorso alla ventottesima edizione del Torino Film Festival: un horror sui generis che sfrutta le potenzialità (ancora forse non espresse in forma totalmente compiuta) del mockumentary per raccontare la nostra contemporaneità e farsene allegramente beffe.

Un’ottica non così diversa da quella che oltreoceano ha partorito il ben più ansiogeno – e meno ironico – The Last Exorcism, a riprova ulteriore di un fil rouge che attraversa il cinema dell’orrore di questo ultimo decennio, come già si accennava in occasione della disamina del bel film diretto da Daniel Stamm. Sfruttando un gusto per il sarcasmo e per l’elogio del “cattivo gusto” che dalle parti di Bruxelles e dintorni ha sempre trovato terreno piuttosto fertile, Vampires prende di sorpresa lo spettatore costringendolo a confrontarsi con una realtà sgradevole, belluina, eppure carica di un’umanità (se si può usare questo termine, per quanto appaia paradossale in un contesto simile) in grado di lasciare senza fiato. Mescolando le carte a tal punto da far incrociare il documentario (per quanto falso) con l’horror e meticciando ulteriormente i due generi con il germe del b-movie, Vincent Lannoo porta a termine un’operazione davvero arguta, uscendo vincitore da una sfida tutt’altro che facile: i Saint-Germain e i loro vicini – una coppia di sangue nobile che vorrebbe vive nello scantinato e aspira a prendere il posto in casa della chiassosa famiglia – non solo raccontano alla videocamera le loro (non) vite con una schiettezza e una sincerità che finiscono ben presto per conquistare, ma schiaffano in faccia allo spettatore tutte le contraddizioni e le mostruosità di un’epoca che si vorrebbe illuminata e progressista come quella delle democrazie occidentali.

Nella sua pur breve durata (il film non arriva neanche all’ora e mezza di minutaggio), Vampires riesce a mettere in scena il più crudele razzismo, con gli immigrati clandestini dati in pasto ai vampiri direttamente dalla polizia, e a filosofeggiare sulla morte, la vita e tutto ciò che gravita loro intorno, senza alcuna auto censura. Ciò che ne deriva è il ritratto vitale e sanguigno – decisamente sanguigno – di un nucleo familiare eterogeneo eppur perfettamente ricalcato su modelli e stili rintracciabili nella nostra quotidianità: pur senza disprezzare digressioni perfettamente consone con il genere preso a riferimento (si vedano l’orgiastico furore del massacro nella villa, o il dissanguamento “misurato” della cameriera umana chiamata significativamente “la carne”), Vampires mescola l’alto e il basso senza preoccuparsi eccessivamente dei risultati.

Alla fine ci si ritrova davanti a un’opera spassosa, a tratti perfino irresistibile, intelligente e in grado di raccontare il nostro mondo con onestà e arguzia, come dimostra in pieno la parte ambientata in Quebec, e nel quale si accenna un confronto tra il vampirismo edonista e conservatore europeo e quello, più moderno e progressista, canadese. Sintomo di un film inclassificabile, destinato meritatamente a un fedele stuolo di idolatranti seguaci, e in grado di regalarci uno dei più appassionanti e coinvolgenti ritratti familiari visti in circolazione ultimamente. Sarebbe davvero un premio coraggioso,  e con ogni probabilità per questo all’ombra della Mole rimarrà a bocca asciutta. Peccato.

Info
La scheda di Vampires sul sito del Torino Film Festival.
Il trailer originale di Vampires.

  • Vampires-2010-Vincent-Lannoo-04.jpg
  • Vampires-2010-Vincent-Lannoo-03.jpg
  • Vampires-2010-Vincent-Lannoo-02.jpg
  • Vampires-2010-Vincent-Lannoo-01.jpg

Articoli correlati

  • Classici

    nosferatu, il principe della notte recensioneNosferatu, il principe della notte

    di Nosferatu, il principe della notte non è solo la rilettura che Werner Herzog fa di un capolavoro della cinematografia tedesca. È anche e soprattutto una riflessione sull'ontologica natura predominante del Male, e sull'impossibilità di una sua distruzione da parte dell'uomo.
  • Classici

    nosferatu il vampiro recensioneNosferatu il vampiro

    di Nosferatu il vampiro ha quasi cento anni. Un secolo che ha cercato di dissezionare il corpo non-morto del film di Murnau, tra letture politiche e analisi del linguaggio, metafore e cronache del "reale". Un capolavoro senza tempo, che rilegge il tempo e lo spazio, e il senso del perturbante.
  • Cult

    Nosferato no brasil recensioneNosferato no Brasil

    di Il più iconoclasta dei vampiri è senza dubbio quello immortalato in Nosferato no Brasil dall'allora diciottenne Ivan Cardoso, tra i nomi più sperduti del tropicalismo cinematografico carioca. Con protagonista il poeta e paroliere Torquato Neto, che morirà suicida a soli 28 anni.
  • Buone feste!

    il buio si avvicina recensioneIl buio si avvicina

    di Il buio si avvicina è l'opera seconda di Kathryn Bigelow, un dolente e sensuale punto d'incontro tra l'immaginario western e l'horror vampiresco. A oltre trent'anni dalla sua realizzazione, uno dei più squarcianti film statunitensi del periodo.
  • Buone feste!

    Dracula di Bram Stoker RecensioneDracula di Bram Stoker

    di Dracula di Bram Stoker è il primo film a cui Francis Ford Coppola lavora dopo aver portato a termine la trilogia de Il padrino; attraverso le lenti deformanti dell'orrore il regista rielabora la storia stessa del cinema – arte non-morta per eccellenza – e riflette su di sé.
  • Torino 2017

    Tokyo Vampire Hotel

    di Tokyo Vampire Hotel è la versione cinematografica, ridotta a due ore e venti, di un film per la televisione diretto da Sion Sono; apparentemente pasticciato e in alcuni passi prossimo al giocattolone, è in realtà molto più politico di quanto si possa pensare. Non privo di difetti, ma ad averne di opere così libere sul piccolo schermo!
  • Archivio

    Underworld – Blood Wars

    di Giunge al quinto capitolo la saga dedicata allo scontro infinito tra vampiri e lycans; stavolta Selene dovrà mettere in gioco i suoi affetti più cari per cercare di mettere fine alla guerra. Un sequel stanco e privo di qualsiasi tipo di inventiva, diretto senza guizzi da Anna Foerster.
  • Roma 2014

    La cripta e l'incubo RecensioneLa cripta e l’incubo

    di Visto a Roma in 35mm nella retrospettiva sul gotico italiano, La cripta e l’incubo è una delle due incursioni del regista di Totò Camillo Mastrocinque nel gotico italiano, insieme al successivo Un angelo per Satana.
  • Torino 2013

    Au nom du fils

    di Il regista belga Vincent Lannoo torna al Torino Film Festival con Au nom du fils, una storia di fanatismo cattolico, preti pedofili e sanguinarie madri vendicative. Nella neonata sezione After Hours, dedicata al cinema di genere.
  • Cannes 2012

    Dracula 3D RecensioneDracula 3D

    di Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.
  • AltreVisioni

    Little Glory RecensioneLittle Glory

    di Presentato alla sesta edizione del Festival di Roma nella sezione Alice nella città, Little Glory è un riuscitissimo collage che mette insieme dramma familiare, commedia giovanile (con amori, pruriti sessuali, conflitti generazionali e turbamenti al seguito) e romanzo di formazione.
  • AltreVisioni

    Suck

    di Con Suck Rob Stefaniuk firma una commedia horror-musicale divertita e godibile, ma che forse si concede qualche pausa di troppo e non sempre sembra in grado di mantenere un ritmo costante, nonostante una messa in scena estremamente brillante. Al Torino Film Festival 2010.
  • Archivio

    L’ultimo esorcismo

    di Daniel Stamm firma un'incursione nell'orrore inquietante e carica di angoscia, in cui la commistione con il (falso) documentario la fa da padrona.
  • Speciali

    Vampiri al cinema: Innocent Blood - Un viaggio nell'oscuritàVampiri al cinema – Innocent Blood

    Un viaggio nell'oscurità: il mito del vampiro illuminato dalla luce della macchina da presa. Cento e più anni di succhiasangue sul grande schermo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento