Vampiri al cinema – Innocent Blood

Vampiri al cinema – Innocent Blood

Inizia qui un piccolo viaggio nell’oscurità: il mito dei vampiri illuminato dalla luce della macchina da presa. Cento e più anni di succhiasangue sul grande schermo, tra riprese delle opere di Bram Stoker e attualizzazioni del mito, flirt con la fantascienza e metafore morali sull’umanità. Sempre con i denti aguzzi, però…

Un punto di partenza

Potrebbero essere decine, se non addirittura centinaia, le modalità di approccio alla materia che riguarda i vampiri, mito dell’ombra e dell’oscurità che angoscia e invade gli incubi di bambini – e non solo – da millenni. Potrebbero essere centinaia, per l’appunto, ed è necessario sceglierne una… Una bara nascosta nei sotterranei di un castello: all’interno, immobile, il padrone di casa dorme durante le ore diurne. Iniziamo il nostro percorso fra i vampiri cinematografici con l’icona più immediatamente riconoscibile del mostro per eccellenza degli ultimi due secoli.

La sequenza che vi abbiamo mostrato in apertura, tratta dal Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau, è infatti l’incipit migliore per avventurarsi in un territorio vasto, in cui è possibile incontrare migliaia di titoli, tasselli di una filmografia pressoché sterminata (e non pensiate di reperire in queste pagine online una lista completa delle opere aventi protagonisti i signori della notte, perché il tentativo si trasformerebbe ben presto in un’impresa suicida). Ma, procedendo per gradi, il primo interrogativo al quale è necessario trovare una risposta adeguata è: perché il vampiro è diventato il mostro per eccellenza dell’immaginario orrorifico?

Dobbiamo dunque inoltrarci, prima di poter tornare a Murnau e al suo capolavoro, in un viaggio di conoscenza del fenomeno dei succhiasangue, iniziando proprio dal termine vampiro. I vampir difatti, di origine slava (come molti altri demoni della stessa risma: il territorio balcanico è una delle culle della tradizione vampiresca), sembrano abbiano preso il nome da uno strano connubio tra un lemma derivato dal lituano (wempti, bere) e un altro estrapolato dal dizionario turco (uber, demone). I paesi baltici, i balcani e l’Asia Minore: eccole le patrie dei vampiri, almeno per quel che concerne la cultura europea. Sul resto del panorama mondiale ci si soffermerà più avanti.

Da un punto di vista antropologico è pressoché impossibile cercare di regredire fino al momento dell’avvento, nella mitologia popolare, della figura di un demone in grado di succhiar via sangue e vita dal corpo degli esseri umani. Seguendo le tracce lasciate da scritti, disegni, sculture e via discorrendo, ci si troverebbe a muoversi dalla Roma imperiale alla Grecia antica, fino ad arrivare in occidente a Babilonia e in oriente all’India. E già, perché nonostante una stratificazione sicuramente maggiore rispetto al resto del mondo, l’Europa non detiene l’esclusiva sulla stirpe dei vampiri. E così, mentre i babilonesi temevano il potere del terribile etimmé, allo stesso tempo nei reami indiani si raccontavano le malvagie gesta del rakshasa, creatura demoniaca che ghermiva le sue prede nel folto della foresta, e si nutriva del sangue delle vittime. Ma torniamo all’etimmé, a Babilonia, e alla cultura indoeuropea. Non ci è dato molto sapere sulle abitudini di questo predatore di vite umane, e non sappiamo neanche in quale modo i babilonesi pensassero di potersi sottrarre al suo potere.
Quel che è certo è che, dal poco che gli studiosi sono riusciti a scoprire, diventa impossibile non comprendere come la figura di un mostro notturno, attratto dal sangue, rappresenti un archetipo dell’umanità. In un certo qual modo si potrebbe interpretare la figura del vampiro (se si usa questo termine per identificare l’intera genia di mostri succhiatori di sangue, nonostante rischi di creare alcuni circuiti spazio-temporali, è perché oramai è entrato a far parte della stragrande maggioranza delle culture) come una sorta di doppelgänger dell’umanità. L’umano si scontra con il mostruoso, le abitudini quotidiane sono ribaltate (l’uomo domina il giorno, il vampiro la notte), la vita si specchia con la morte, il calore del sangue con la freddezza del trapasso. Inizia dunque a divenir chiaro come il vampiro abbia presto soppiantato, nelle tradizioni delle popolazioni di mezzo mondo, qualsiasi altro demone.
Non è un caso, tra l’altro, che i signori della notte mantengano, tra i poteri che sono loro concessi, anche i tratti essenziali di alcuni dei loro “colleghi” più prestigiosi. Possono trasformarsi in animali come i licantropi, volano come fanno stregoni e fattucchiere, pur non essendo vivi – per lo meno non nel senso che l’umanità dà a quella parola – scorrazzano tranquillamente per la terra come i morti viventi, la loro sola vista fa gelare il sangue nelle vene e può far morire come accade con i fantasmi.

Insomma, se si stesse parlando di una compagine sportiva, potremmo tranquillamente affermare che quello dei vampiri è il team con l’organico più completo in circolazione. Facezie a parte, ciò che abbiamo segnalato poc’anzi contribuisce senza dubbio a spiegare per quale motivo il mito del vampir si sia diffuso con tanta rapidità, e soprattutto come sia riuscito a propagarsi a macchia d’olio su tutte le terre emerse del globo terrestre. Che il viaggio (notturno, se preferite) abbia inizio…

Vampiri al cinema – Innocent Blood | Parte Prima
Un giro del mondo
Nel suo splendido racconto Il sangue della vita, pubblicato su Weird Tales nel 1924, lo statunitense Tom Rawson Hilbourne ambienta la vicenda – una sorta di genesi vampiresca – nella Roma dell’antichità. Un modo intelligente per affrontare una questione, quella della nascita del mito, che propone ben più di un’ipotesi interessante… [continua a leggere]

_________________________________________________________

Vampiri al cinema – Innocent Blood | Parte Seconda
Dracula e i suoi figli
Nel Dracula di Bram Stoker diretto da Francis Ford Coppola nel 1992, il principe delle tenebre (Gary Oldman) ha un primo incontro con l’eterna amata Mina (Wynona Ryder) in un cinema di Londra. Siamo sul finire del 1800, e l’arte delle immagini in movimento inizia a prender piede. Il nuovo avanza, avviluppando nell’oscurità i suoi adepti… [continua a leggere]

_________________________________________________________

Vampiri al cinema – Innocent Blood | Parte Terza
L’appetito (sessuale) vien mordendo
Al di là di quanto si possa supporre generalmente, l’attribuzione di caratteristiche spiccatamente sessuali al mito del vampiro non appartiene a un’epoca troppo recente. La credenza popolare vedeva, fin dall’inizio, la carica di fascinazione con cui il demone attirava a sé la sua preda come una metafora del relazionarsi intimo fra le persone… [continua a leggere]

_________________________________________________________

Vampiri al cinema – Innocent Blood | Parte Quarta
Firmato col sangue
Nel lungo e complesso dibattito critico che si può architettare intorno alla figura del vampiro, è difficile non affrontare la questione dell’approccio “autoriale” alla materia. Più di altre figure a lui vicine, il mito del vampiro ha rappresentato nel corso dei decenni una fonte d’ispirazione anche per cineasti solitamente lontani dalle rive dell’horror… [continua a leggere]

_________________________________________________________

Vampiri al cinema – Innocent Blood | Parte Quinta
The Age of Vampires – I nostri anni
Torniamo per un istante a Jacques Collin de Plancy. Al suo raffronto malizioso fra l’imperversare, nei circoli intellettuali europei, del pensiero illuminista e la pestilenza vampiresca che infettava le masse popolari dell’est. L’età d’oro dei vampiri, icone immarcescibili dell’oscurità e del fantastico coincide con quella dell’estremizzazione stessa del raziocinio… [continua a leggere]

_________________________________________________________

Vampiri al cinema – Innocent Blood | Parte Sesta
Bibliografia e Filmografia
Una bibliografia e una filmografia ragionate della letteratura e del cinema dedicati ai vampiri. Suddivisa per generi e con riferimento alla data di prima pubblicazione, o di realizzazione. Una serie di consigli per la lettura e per la visione, più che altro… [continua a leggere]

 

Info
Il trailer del Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau.
Il trailer del Nosferatu di Werner Herzog.

Articoli correlati

  • Classici

    nosferatu il vampiro recensioneNosferatu il vampiro

    di Nosferatu il vampiro ha quasi cento anni. Un secolo che ha cercato di dissezionare il corpo non-morto del film di Murnau, tra letture politiche e analisi del linguaggio, metafore e cronache del "reale". Un capolavoro senza tempo, che rilegge il tempo e lo spazio, e il senso del perturbante.
  • Cult

    Nosferato no brasil recensioneNosferato no Brasil

    di Il più iconoclasta dei vampiri è senza dubbio quello immortalato in Nosferato no Brasil dall'allora diciottenne Ivan Cardoso, tra i nomi più sperduti del tropicalismo cinematografico carioca. Con protagonista il poeta e paroliere Torquato Neto, che morirà suicida a soli 28 anni.
  • Buone feste!

    Dracula di Bram Stoker RecensioneDracula di Bram Stoker

    di Dracula di Bram Stoker è il primo film a cui Francis Ford Coppola lavora dopo aver portato a termine la trilogia de Il padrino; attraverso le lenti deformanti dell'orrore il regista rielabora la storia stessa del cinema – arte non-morta per eccellenza – e riflette su di sé.
  • Torino 2017

    Tokyo Vampire Hotel

    di Tokyo Vampire Hotel è la versione cinematografica, ridotta a due ore e venti, di un film per la televisione diretto da Sion Sono; apparentemente pasticciato e in alcuni passi prossimo al giocattolone, è in realtà molto più politico di quanto si possa pensare. Non privo di difetti, ma ad averne di opere così libere sul piccolo schermo!
  • AltreVisioni

    Freaks of Nature

    di Uscito lo scorso Halloween nelle sale statunitensi e previsto solo in home video per l'Italia, il film di Robbie Pickering è una commedia horror sgangherata, ma non disprezzabile.
  • In sala

    Hotel-Transylvania-2Hotel Transylvania 2

    di Indirizzato, come il suo predecessore, al pubblico più giovane, Hotel Transylvania 2 non aggiunge molto a quanto visto nel prototipo, presentando anzi uno script più sfilacciato e pretestuoso.
  • Torino 2014

    What We Do in the Shadows

    di , Jemaine Clement e Taika Waititi firmano uno spassoso mockumentary vampiresco, in cui l'horror viene scardinato a colpi di gag e di battute al fulmicotone. In concorso a Torino 2014.
  • Archivio

    Dracula Untold

    di Un feuilleton senza sangue né erotismo per raccontarci le origini del conte Dracula: Dracula Untold di Gary Shore è un prodotto pensato per conquistare, senza corromperlo, il pubblico dei più giovani.
  • Roma 2014

    La cripta e l'incubo RecensioneLa cripta e l’incubo

    di Visto a Roma in 35mm nella retrospettiva sul gotico italiano, La cripta e l’incubo è una delle due incursioni del regista di Totò Camillo Mastrocinque nel gotico italiano, insieme al successivo Un angelo per Satana.
  • In Sala

    Solo gli amanti sopravvivono

    di Dopo l'accoglienza piuttosto fredda al Festival di Cannes e la presentazione al Torino Film Festival esce in sala l'ultimo gioiello partorito dal genio creativo di Jim Jarmusch. Una riflessione sull'amore, sull'immortalità e sull'arte. Imperdibile.
  • Torino 2013

    Història de la meva mort

    di Dopo la vittoria del Pardo d’Oro al Festival di Locarno, il nuovo lungometraggio del cineasta catalano Albert Serra arriva sotto la Mole Antonelliana, alla trentunesima edizione del Torino Film Festival, nella sezione Onde.
  • Animazione

    Hotel Transylvania

    di Per festeggiare il 118° compleanno di sua figlia Mavis, Dracula ha invitato alcuni dei mostri più famosi al mondo per un weekend molto speciale: Frankenstein, la Mummia, l'Uomo Invisibile...
  • Cannes 2012

    Dracula 3D RecensioneDracula 3D

    di Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.
  • AltreVisioni

    Twixt

    di A quasi vent’anni di distanza da Dracula di Bram Stoker (1992), Francis Ford Coppola torna alle atmosfere horror con Twixt, presentato in Festa mobile – Figure nel paesaggio al Torino Film Festival.
  • Archivio

    The Twilight Saga: Breaking DawnThe Twilight Saga: Breaking Dawn – parte 1

    di Breaking Dawn - parte 1 è la prima parte dell'ultimo capitolo della saga che narra i tormenti amorosi di Edward e Bella.
  • AltreVisioni

    Suck

    di Con Suck Rob Stefaniuk firma una commedia horror-musicale divertita e godibile, ma che forse si concede qualche pausa di troppo e non sempre sembra in grado di mantenere un ritmo costante, nonostante una messa in scena estremamente brillante. Al Torino Film Festival 2010.
  • Archivio

    The Twilight Saga: Eclipse RecensioneThe Twilight Saga: Eclipse

    di Patinato fino alle estreme conseguenze, The Twilight Saga: Eclipse finisce ben presto per prendere le forme di una love story prevedibile e scontata, abbarbicata inutilmente alla sua supposta “diversità”.
  • Archivio

    Daybreakers – L’ultimo vampiro

    di , Daybreakers, diretto dai fratelli Michael e Peter Spierig, è un horror fantascientifico non perfettamente compiuto ma ammaliante, dimostrazione di una vitalità visionaria non sempre supportata dalla sceneggiatura.
  • Archivio

    Lasciami entrare

    di Lasciami entrare di Tomas Alfredson, vale a dire uno dei più illuminanti esempi di horror del nuovo millennio.
  • Archivio

    Twilight RecensioneTwilight

    di Arriva il tanto atteso adattamento per il grande schermo di Twilight, il romanzo di Stephenie Meyer; il teen-horror, però, delude.
  • Archivio

    30 giorni di buio Recensione30 giorni di buio

    di Tratto dalla graphic novel di Steve Niles e Ben Templesmith, 30 giorni di buio di David Slade è la cronistoria, sforacchiata da ellissi difficoltose, di un mese di guerra tra umani e vampiri.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: Un giro del mondo

    Un giro del mondo per inseguire il mito del vampiro. Da Babilonia all'India, dall'Australia all'Africa, dal Nord America all'Europa.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: Dracula e i suoi figli

    All'interno dell'immaginario collettivo e popolare relativo al vampiro acquista un valore centrale la figura del conte Dracula, creata da Bram Stoker sul finire dell'Ottocento.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: L’appetito (sessuale) vien mordendo

    La figura del vampiro ha sempre rappresentato una metafora della dominazione sessuale, a partire dalla Carmilla di Le Fanu fino agli incroci con cinema horror ed erotico.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: Firmato col sangue

    Tra tutte le figure del bestiario orrorifico, il vampiro è quello che con maggior regolarità ha attirato le attenzioni degli auteur, da Murnau a Dreyer, da Herzog a Ferrara.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: The Age of Vampires – I nostri anni

    Cosa rimane oggi del mito del vampiro al cinema? Ha ancora senso la lettura "classica" di questa figura dell'immaginario horror?
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: Bibliografia e filmografia

    Una bibliografia e una filmografia ragionate della letteratura e del cinema dedicati ai vampiri, suddivisa per generi e con riferimento alla data di prima pubblicazione, o di realizzazione. Una serie di consigli per la lettura e per la visione, più che altro.
  • Archivio

    La città verrà distrutta all'alba RecensioneLa città verrà distrutta all’alba

    di Gli abitanti di Ogden Marsh, una cittadina dell'Iowa, restano colpiti da un morbo che provoca morte o follia dopo che un aereo precipitato ha liberato nelle falde acquifere un'arma biologica. Lo sceriffo Dutton indaga sulla situazione...
  • Cannes 2016

    The Transfiguration

    di L'esordio alla regia di Michael O'Shea è una rilettura non troppo originale del mito del vampiro, ambientato nel Queens, a New York. In Un certain regard.
  • In sala

    Underworld – Blood Wars

    di Giunge al quinto capitolo la saga dedicata allo scontro infinito tra vampiri e lycans; stavolta Selene dovrà mettere in gioco i suoi affetti più cari per cercare di mettere fine alla guerra. Un sequel stanco e privo di qualsiasi tipo di inventiva, diretto senza guizzi da Anna Foerster.
  • Blu-ray

    Priest RecensionePriest

    di L'uscita in blu-ray di Priest, targato Sony, porta nelle case un'ora e mezza di puro intrattenimento: sangue, combattimenti, inseguimenti, regge buie pronte a trasformarsi in trappole mortali, atmosfere catacombali dominate dal blu e dal nero...
  • Classici

    nosferatu, il principe della notte recensioneNosferatu, il principe della notte

    di Nosferatu, il principe della notte non è solo la rilettura che Werner Herzog fa di un capolavoro della cinematografia tedesca. È anche e soprattutto una riflessione sull'ontologica natura predominante del Male, e sull'impossibilità di una sua distruzione da parte dell'uomo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento