Allacciate le cinture

Allacciate le cinture

di

Dopo la vacuità assoluta di Magnifica presenza, Ozpetek prova a tornare a raccontare qualcosa: ma il suo nuovo film, Allacciate le cinture, è indeciso se mettere in scena la storia di un amore o quella di una malattia.

Magnifica assenza

Elena ama Antonio di una passione improvvisa e corrisposta, nonostante lui sia il classico bruto: meccanico, razzista, di poche parole e persino dislessico. Quattordici anni dopo i due hanno una prole, lei ha fatto carriera, mentre lui è rimasto uguale a se stesso, scontroso e insopportabile. La malattia di lei cambierà, forse, le carte in tavola. [sinossi]

Continuando a occhieggiare ad Almodóvar, stavolta Ferzan Ozpetek incappa nella certificazione di una impossibilità: quella di mescolare i toni, di saper saltare agevolmente dal dramma alla commedia, di mischiare amore, malattia e romanticismo assoluto e un po’ decadente. Tutte capacità che il cineasta spagnolo mostra di saper maneggiare sempre – anche nei suoi lavori meno riusciti – e i cui oscuri meccanismi sfuggono invece al regista turco-italiano in maniera molto evidente nel suo nuovo film, Allacciate le cinture.
Certo, rispetto all’assoluta vaghezza di Magnifica presenza, film che si fregiava della sua inconsistenza, qui Ozpetek torna a provare a raccontare una storia: quella di Elena, barista con l’aspirazione di aprire un suo locale, che si innamora del rozzo Antonio e lo “ruba” alla sua amica. Ma, quattordici anni dopo, la malattia rimetterà in discussione il rapporto. Però, l’ellissi improvvisa e arbitraria di questi quattordici anni – che arriva quasi a metà pellicola – spezza il film in due tronconi, che non comunicano tra loro. Tra la prima e la seconda parte è come se si muovessero due mood completamente differenti, con tanto di personaggi che vanno e vengono. Nella prima, ad esempio, Carolina Crescentini e Francesco Scianna sono tra i protagonisti; nella seconda spariscono e lasciano il posto a Paola Minaccioni e, in parte, Luisa Ranieri. Il trait d’union dovrebbe essere dato dall’amore tra i due protagonisti, Kasia Smutniak e Francesco Arca; ma la loro storia d’amore, al di là del classico bagno a mare, non ha modo né tempo di esplicarsi a dovere, ingolfata e annacquata dai mille rivoli e personaggi secondari con cui Ozpetek continua a riempire i suoi film: il gay Scicchitano (sostanzialmente un doppio della Crescentini), la mamma della Smutniak, interpretata da Carla Signoris che ha una strana (strana nel senso che non viene mai davvero esplicitata) relazione lesbo con Elena Sofia Ricci, e via dicendo.

Se la coralità aveva un senso in Saturno contro o in Mine vaganti, non si capisce bene da cosa debba essere motivata nell’occasione presente di Allacciate le cinture, dove la frase di lancio – “un grande amore non avrà mai fine” – è ingannevole, visto che di questo amore non si parla se non a tratti. Il motore primo di Ozpetek sembra essere quello invece di regalare ai suoi attori parti un po’ esuberanti e sopra le righe, con tutto l’accessorio di macchiette e siparietti a sé stanti che ne consegue. L’intento probabilmente sarebbe, per l’appunto, quello di fare l’Almodovar all’italiana (e forse non è un caso che il titolo, Allacciate le cinture, rimandi – pur non essendoci neppure un aereo – all’ultimo film di Almodovar, Gli amanti passeggeri, sgangherato quanto si vuole e pieno di macchiette ma continuamente spiazzante e quasi stordente).

Quel che resta allora è lo smisurato narcisismo e l’insistito auto-compiacimento di un autore che probabilmente non ha più voglia di raccontare delle storie, quanto di gongolarsi con il suo cast e che, in questo caso, rispetto a Magnifica presenza, ha solo provato un po’ a nascondere la vacuità dell’assunto. L’unico elemento d’interesse allora diventa proprio il negletto Francesco Arca, scelto per la sua prestanza e per quel suo essere vagamente monolitico, un oggetto del desiderio puramente registico, come un tempo poteva essere Brigitte Bardot. Se infatti gli altri attori in scena devono far finta di essere dei personaggi – e in tal senso prestano le loro facce, imparruccate o meno – Arca presta il suo corpo, lo mette al servizio dello sguardo registico e spettatoriale, in un recupero – questo sì sincero e primario – della elementare pulsione scopica.

Info
La pagina di Allacciate le cinture sul sito della 01 Distribution.
Il trailer di Allacciate le cinture su Youtube.
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-03.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-04.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-05.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-06.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-07.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-08.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-09.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-10.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-11.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-12.jpg
  • allacciate-le-cinture-2014-ferzan-ozpetek-13.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Gli amanti passeggeri

    di Nonostante la continua e irriverente commistione tra noir e sberleffo, in fin dei conti il nuovo film di Almodóvar è un lavoro imborghesito di un regista stanco.
  • Archivio

    Magnifica presenza RecensioneMagnifica presenza

    di Con il suo nuovo film, Özpetek preleva un po' dal De Filippo di Questi fantasmi, un po' dal Pirandello di Sei personaggi in cerca d'autore e molto - troppo - da se stesso.
  • Archivio

    Mine vaganti RecensioneMine vaganti

    di Özpetek abbandona finalmente il microcosmo di Testaccio per trasferire armi e bagagli in Puglia: ne nasce una commedia diseguale con un buon cast.
  • Archivio

    un-giorno-perfettoUn giorno perfetto

    di Emma e Antonio, sposati con due figli, sono separati da circa un anno. Antonio vive da solo nella casa dove abitava con la moglie, mentre Emma è tornata da sua madre, portando con sé i bambini. Poi, una notte qualunque, una volante viene chiamata nel palazzo...
  • Archivio

    300 L'alba di un impero Recensione300 – L’alba di un impero

    di L'epopea guerriera nata dalle tavole disegnate da Frank Miller moltiplica i suoi campi di battaglia e inaspettatamente inneggia a democrazia, libertà ed eterosessualità.
  • In sala

    Rosso Istanbul

    di Tra frasi fatte sul rapporto arte e vita e l'eterno ritorno della casa abitata dai fantasmi del passato, Ozpetek con Rosso Istanbul dichiara apertamente la crisi in cui versa il suo cinema.
  • Venezia 2017

    Una famiglia

    di Melodramma esasperato ed esasperante, Una famiglia di Sebastiano Riso mette in scena il tema dell'utero in affitto lavorando su una regia vacuamente ambiziosa e su una scrittura confusa ed ellittica.
  • In sala

    Napoli velata

    di Ferzan Özpetek si lancia nel sabba misterico partenopeo, affidando a Giovanna Mezzogiorno le chiavi di un thriller psicologico che sconfina nel soprannaturale e ha luogo alle pendici del Vesuvio. Un'occasione sprecata, per i difetti insiti nel cinema del regista italo-turco.
  • In sala

    La dea Fortuna recensioneLa dea Fortuna

    di La dea Fortuna, tredicesimo lungometraggio diretto da Ferzan Ozpetek, contiene al proprio interno tutti i temi portanti della poetica del regista, dalla smitizzazione della famiglia borghese alla riflessione sul concetto di 'tradimento'. Con i temi però affiorano tutti i limiti del cinema di Ozpetek.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento