Quando c’era Marnie

Quando c’era Marnie

di

Dopo essere passato a Rotterdam, esce in sala Quando c’era Marnie, nuovo lavoro dello Studio Ghibli che potrebbe tracciare il futuro, eventuale, della leggendaria ‘bottega’ di anime nel post Miyazaki e Takahata.

Lo strano caso di Marnie

Anna è una ragazzina che, per problemi d’asma, viene mandata da una coppia di parenti in un villaggio sul mare. Nel suo girovagare in questi nuovi territori si imbatte in una villa disabitata e fatiscente. Un giorno ad Anna sembra quasi che le luci della casa si accendano e le pare di intravvedere una ragazza bionda dietro una delle finestre… [sinossi]

Tratto dal romanzo di Joan Gale Robinson, scrittrice e illustratrice inglese specializzata in opere per l’infanzia – che Hayao Miyazaki ha sempre annoverato tra le sue fonti d’ispirazione – e diretto da Hiromasa Yonebayashi, Quando c’era Marnie è il primo film Ghibli a non avere né il suo nome né quello di Isao Takahata tra i credits, anche se è evidente il debito con il sensei e padre fondatore, il quale a sua volta ha concluso la carriera e scambiato la staffetta proprio su un’altra figura che ha segnato la sua poetica, quella dell’ingegnere aeronautico Jiro Horikoshi, su cui è incentrato Si alza il vento.

Un treno porta la bambina protagonista dalla città di Sapporo alla campagna costiera. Il dualismo mondo urbanizzato/mondo rurale, un tema cardine dello Studio, da Heidi a Only Yesterday, compone un viaggio che è qualcosa di più che uno spostamento fisico e che, anzi, diventa un bildungsroman. Abbiamo ancora l’esaltazione bucolica dei fiori, delle coltivazioni, delle messi in una terra in questo caso estrema, di confine, battuta dal vento. E anche l’esaltazione della vita semplice di una volta, rustica, in armonia con i ritmi della natura che modella senza deturparla, di un’operosità campagnola. Apice di questo mondo contadino, come spesso nelle storie dello Studio Ghibli, è il matsuri, la sagra tradizionale del villaggio. Un evento che Anna apparentemente non sembra apprezzare per poi ricredersi con il tanabata, la festa che prevede che si esprima un desiderio scritto su una strisciolina di carta da appendere a un albero. E quello della bambina sarà proprio “Vorrei essere una persona normale”.

Tornano tutta una serie di figure e immagini Ghibli recenti, la collina, la donna che sul prato dipinge il paesaggio, riparandosi dal sole con un ombrello. E il trasferimento in Quando c’era Marnie è proprio dovuto a motivi sanitari, di cura dall’asma. La bambina ne soffre infatti e ha bisogno d’aria pura. Ma la sua malattia è soprattutto psicologica, soffre di insicurezza, sociopatia, solitudine. E corrisponde a Sho, il bambino protagonista di Arrietty, l’altra opera Ghibli diretta da Yonebayashi. Anche Anna, tra l’altro, troverà conforto in una bambina apparentemente fantasmatica, forse immaginaria, che abita una casa di stile antico, diroccata che si anima e si illumina magicamente, e rivive il passato nelle sue stanze, nelle sue camere da Overlook Hotel. Una fata bionda, come la sua omonima hitchcockiana, una creatura notturna. La fantasia e la magia, l’onirismo sono giocati in molto sottile. E Yonebayashi si permette anche di citare Titanic, facendo il verso alla famosa scena dei due protagonisti sulla prua della nave. Un riferimento ironico e auto celebrativo al fatto che La città incantata riuscì nell’impossibile tentativo di superare al box office giapponese il kolossal di James Cameron. Titanic possiamo farlo anche noi, sembrano volerci dire.

Info
Quando c’era Marnie, il trailer.
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-01.jpg
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-02.jpg
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-03.jpg
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-04.jpg
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-05.jpg
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-06.png
  • when-marnie-was-there-omoide-no-marnie-ghibli-2014-07.jpg

Articoli correlati

  • Future 2018

    Pioggia di ricordi RecensionePioggia di ricordi

    di Presentato nell'ambito dell'omaggio a Isao Takahata del Future Film Festival 2018, Pioggia di ricordi è un film dove le poetiche dello Studio Ghibli si esprimono sull'alternanza-contrasto tra passato e presente, quotidianità e ricordi, vita di città e di campagna, natura e cultura.
  • Festival

    Rotterdam 2015Rotterdam 2015

    La quarantaquattresima edizione del Festival di Rotterdam, primo grande appuntamento europeo dell'anno con il Cinema. Un caleidoscopio di visioni provenienti da ogni angolo del globo. Tutte le nostre recensioni.
  • Animazione

    La storia della principessa splendente RecensioneLa storia della principessa splendente

    di Con La storia della principessa splendente, dichiarato omaggio all'arte di Frédéric Back, si conclude la straordinaria avventura artistica di Isao Takahata. Un ultimo struggente capolavoro. Nelle sale per (soli) tre giorni.
  • Venezia 2013

    Si alza il vento

    di Giunto alla fine di un percorso artistico iniziato nel 1963, Miyazaki sceglie di raccontarci direttamente la realtà, se stesso, le origini dei suoi sogni, il Giappone. Nelle sale per quattro giorni dal 13 settembre.
  • Animazione

    Arrietty RecensioneArrietty – Il mondo segreto sotto il pavimento

    di Una famiglia alta poco più di dieci centimetri vive sotto le assi del pavimento "prendendo in prestito" dalle case oggetti di uso comune...
  • Speciali

    Speciale Hayao MiyazakiSpeciale Hayao Miyazaki

    Un lungo speciale dedicato al "Dio degli anime", dai lavori giovanili alla consacrazione dei grandi festival, dal rapporto tra l'uomo e la natura alla passione per gli aerei e il volo: Nausicaä della Valle del vento, Il mio vicino Totoro, Mononoke Hime, Il castello nel cielo, La città incantata, Porco Rosso...
  • Documentario

    Il regno dei sogni e della follia RecensioneIl regno dei sogni e della follia

    di Mami Sunada riesce a muoversi in punta di piedi, a pedinare garbatamente Miyazaki, a fondersi con lo Studio Ghibli. Il regno dei sogni e della follia anticipa la fine e la racconta, e riesce a essere una testimonianza importante per sondare e studiare il microcosmo ghibliano.
  • Animazione

    La-ricompensa-del-gattoLa ricompensa del gatto

    di Arriva nelle sale per due giorni La ricompensa del gatto di Hiroyuki Morita, singolare spin-off de I sospiri del mio cuore ed ennesimo ripescaggio della Lucky Red tra gli inediti dello Studio Ghibli. Un'operina graziosa, spumeggiante, indubbiamente minore.
  • Future 2018

    Pom Poko RecensionePom Poko

    di Con Pom Poko Isao Takahata firma, partendo da un'idea di Hayao Miyazaki, una delle sue opere più ambiziose e senza dubbio quella più scopertamente politica. Un inno ambientalista e che guarda con preoccupazione le derive capitaliste del Giappone contemporaneo.
  • Future 2018

    Mary e il fiore della strega RecensioneMary e il fiore della strega

    di Il primo film dello Studio Ponoc, ambiziosa propaggine dello Studio Ghibli. A un primo sguardo, tutto sembra effettivamente riportare alle opere miyazakiane, in una sorta di flusso ininterrotto di rimandi, citazioni, rimescolamenti. Ma è solo superficie, peraltro assai meno levigata e abbacinante.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento