Dove eravamo rimasti

Dove eravamo rimasti

di

Apre Locarno, con proiezione in pompa magna in piazza, il nuovo film di Jonathan Demme, Ricki and the Flash (Dove eravamo rimasti), un ritratto dell’America profonda, che ruota attorno a una grande Meryl Streep che incarna una mamma che suona l’hard rock. Buona confezione, grandi interpreti ma nulla di più.

Meryl Streep suona il rock

Meryl Streep interpreta una donna che insegue il sogno di diventare una rockstar; più tardi torna a casa con l’intenzione di rimediare ai propri errori… [sinossi]

Ricki Rendazzo ha una doppia vita. Di giorno cassiera nel reparto frutta e verdura di un supermarket, di sera si esibisce in un locale come leader, cantante e chitarrista, di una cover band. La sua stessa vita è segnata da una frattura. Prima di assumere un nome d’arte si chiamava Linda Brummell e conduceva una vita alto-borghese in una bellissima villa con piscina, con un facoltoso marito da cui poi si è separata. Il richiamo a quella vita, il senso di appartenenza alla famiglia, i rimpianti e rimorsi nei confronti della figlia sono tanti. Ma tra Linda Brummell e Ricki Rendazzo sceglierà di rimanere la seconda.
Una voce roca, un viso segnato dalla vita, una lunga treccia come una vecchia rockstar che vuole mantenere forzatamente un look da giovane, una donna dalle idee conservatrici, che ricorda con rimpianto il 2008 e l’elezione di Obama, per quanto ribelle, e che esorta il pubblico a inneggiare all’America, il paese più bello del mondo. Incarna con le sue canzoni e la sua vita lo spirito stesso degli USA. Lavora in una mall, un grande centro commerciale dove si svolge la vita sociale degli americani, dove tutto è merce, e conosce a memoria i codici dei prodotti, frutta e verdura, al cui reparto è addetta. Ha buttato via una vita più facile e agiata per la propria indipendenza. E il suo repertorio musicale, che spazia da Lady Gaga a Bruce Springsteen è la colonna sonora dell’America. Che passa anche per canzoni di un passato di contestazione in epoca Vietnam. Due di queste sono peraltro anche nel soundtrack di Full Metal Jacket, Wooly Bully e Paint It Black. La seconda, che nel film di Kubrick era sui titoli di coda, non è cantata da Ricki ma è extradiegetica: Demme sa condurre un gioco di rimandi tra diegetico ed extradiegetico. E le scene dei concerti rappresentano, soprattutto l’ultima, autentici momenti di catarsi, di liberazione degli istinti, lasciandosi indietro regole e convenzioni sociali. Dove eravamo rimasti (Ricki and the Flash) palpita di queste canzoni e ha lo spirito, pur non avendone la struttura, del musical, del film canzone.

L’America ritratta da Demme in Dove eravamo rimasti – film d’apertura della 68esima edizione del Festival di Locarno – è pervasa di bonarie tensioni sociali, l’omofobia e i diritti dei gay, divisa tra i nostalgici di Bush e gli obamiani. Un’America fotografata di caldi colori autunnali, nel tragitto dalla San Fernando Valley, dove vive Ricki, a Indianapolis, dove viveva Linda. Il viaggio è una sorta di ozuiano Viaggio a Tokyo, un viaggio interiore in un passato che rimane vivo, il ricongiungimento domestico, il riscoprire il valore saldo, e la tentazione, dell’entità famigliare.
Punto forte dell’opera è ovviamente la grande Meryl che, tanto per dimostrare che il metodo dell’Actor Studio non passa mai di moda, ha passato mesi di training per imparare a strimpellare come si deve. E i momenti di concerti sono in effetti vere esibizioni, senza nulla di simulato. E la Streep recita accanto a Mamie Gummer, sua figlia nel film come nella vita. Naturalmente grande la prova anche di Kevin Kline, che è l’ex-marito di Ricki. Nulla da eccepire sull’ottima fattura del film. Lontano è comunque il ritratto corrosivo dell’America e dei suoi fantasmi di un Douglas Sirk. Gli agnelli di Jonathan Demme rimangono tenuti sotto silenzio.

Info
La scheda di Dove eravamo rimasti sul sito del Festival di Locarno.
Il trailer di Dove eravamo rimasti su Youtube.
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-002.jpg
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-003.jpg
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-004.jpg
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-005.jpg
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-001.jpg
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-006.jpg
  • ricki-and-the-flash-2015-Jonathan-Demme-007.jpg

Articoli correlati

  • Buone feste!

    Qualcosa di travolgente RecensioneQualcosa di travolgente

    di A otto mesi dalla sua prematura scomparsa è doveroso omaggiare con Qualcosa di travolgente Jonathan Demme, tra i pochi registi in grado di mantenere intatta la propria identità nel passaggio dal panorama indipendente al mainstream hollywoodiano.
  • DVD

    Crazy Mama

    di Opera seconda di Jonathan Demme, Crazy Mama vive della libertà espressiva anni Settanta, in un fuoco di fila di dissacrazioni contro i pilastri della cultura americana. Prodotto da Julie Corman, moglie di Roger, con protagonista Cloris Leachman. In dvd per Pulp e CG.
  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015 – Presentazione

    Dal 5 al 15 agosto si terrà la 68esima edizione del Festival di Locarno, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani.
  • Roma 2013

    Fear of Falling

    di Jonathan Demme torna al cinema di finzione dopo cinque anni con un fiammeggiante adattamento de "Il costruttore Solness" di Ibsen. In concorso a CinemaXXI.
  • Classici

    Viaggio a Tokyo RecensioneViaggio a Tokyo

    di Il capolavoro di Yasujirō Ozu rinascerà a nuova vita sugli schermi italiani grazie all'intervento meritorio della friulana Tucker Film. Un modo per riscoprire una delle opere più monumentali della Settima Arte.
  • Archivio

    Enzo Avitabile Music Life RecensioneEnzo Avitabile Music Life

    di Jonathan Demme approda a Napoli e con uno stile quasi da "guerrilla movie" ci trasporta dentro al multiforme universo musicale di Enzo Avitabile.
  • Archivio

    Rachel sta per sposarsi

    di In Rachel sta per sposarsi Jonathan Demme inanella drammi familiari e rivelazioni per un invito a nozze da non rifiutare.
  • Documentari

    The Agronomist

    di Jonathan Demme firma un documento di rara forza ideologica e visiva, racchiudendo nel racconto della vita di un uomo il senso stesso della storia e dell'esistenza di un intero popolo.
  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015

    Dal 5 al 15 agosto, la 68esima edizione del Locarno Film Festival, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani...
  • Archivio

    Julie & Julia

    di La commedia della Ephron, con ritmo discreto ma incalzante, affronta con estremo garbo l’esperienza di due donne che a distanza di decenni trovano nei fornelli un appiglio per sfuggire alla monotonia, al grigiore e alla precarietà della vita.
  • Archivio

    I'm Carolyn Parker RecensioneI’m Carolyn Parker

    di I'm Carolyn Parker è un film-documentario civile e profondamente umanista, girato in assoluta libertà e con una troupe ridotta al minimo, che dimostra ancora una volta l’enorme ricchezza dell’arte di Jonathan Demme.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento